Saul Arpino ritorna…


Avete visto quella faccia della foto in vetrina… chi è quello, sono forse io?
Potrei dire di sì ed anche di no…. Sono io per le convenzioni del mondo, non sono io perché l’io non può essere fissato ad un’immagine momentanea e mutevole.
Quell’io che vedete è un attore che recita in una commedia, in un certo senso non ha nome né forma precisa, come tutti gli attori che possono interpretare vari ruoli.
Ma il mio vero “io” non si manifesta solo nei ruoli ma nella sceneggiatura, nei costumi, nelle parti comprimarie, nella musica, nella regia, nelle luci, negli spettatori… eccetera…


Volendo però dargli un nome chiamerò quell’io Saul Arpino. Un nome inventato? Forse sì e forse no.. il nome potrebbe esistere od avrebbe potuto esistere… mio nonno –ad esempio- avrebbe potuto chiamarsi così… poi per motivi banali, di sopravvivenza bruta, prese a chiamarsi Paolo D’Arpini… ed io voglio seguire il suo esempio -ma al contrario- cambio nome e divento Saul Arpino, perlomeno su questo blog.


A proposito di blog… sentivo il desiderio di crearmi un piccolo palcoscenico sul quale recitare alcune parti che non mi sono consentite in altri spazi. Da questo luogo, che forse mi riporta indietro nel tempo, un ritorno ai dinosauri del passato remoto oppure verso un avanti sconosciuto, non so, mi prenderò la libertà di raccontare e mostrare agli accorti lettori alcune segrete immagini dell’essere… di quel che io sono o non sono, descrivibile o indescrivibile…..


Vostro affezionato, Saul Arpino.

domenica 30 dicembre 2012

Il Giornaletto di Saul del 31 dicembre 2012 – Giostra politica, la fine può attendere, Marra-meo, prof-ichino, pensiero che crea, Agenda Grillo, I Ching


Foto di Gustavo Piccinini

Care, cari,

ultimo giorno del 2012, ultima concezione temporale. Domani cambia un numero.  Intanto godiamoci il presente e la bella immagine di copertina offerta da Gustavo Piccinini.

Giostra politica. Previsioni di fine anno - Scrive Fabrizio Belloni: "Berlusconi cresce. Però adagio. Sa benissimo che non sarà al governo nella prossima -brevissima- legislatura. Promette alla Lega il vice primo ministro, forse la Lombardia, ma sa che non è in grado di mantenere alcunché. Sono sceneggiate che utilizza per arrivare al 20/25%, che sarebbe un risultato per lui buono. Buono perché contribuirebbe al suo scopo: rendere difficile, quasi impossibile una governabilità duratura. Per presentarsi poi con un “Avete visto? Ve lo avevo detto! Io sarò il salvatore dell’Italia! Nuove elezioni, nuove elezioni!” - Continua sullo stesso tono sarcastico veritiero:

Siria – Scrive G.V.: “OVVIAMENTE NOI SIAMO FAVOREVOLI AD UN SUCCESSO DELLE TRUPPE DI DAMASCO (1.200.000 UOMINI) E TUTTAVIA CI RENDIAMO CONTO CHE UN ACCORDO USA-RUSSIA SU UNA BASE DI ACQUISIZIONI DA PARTE DEI COSIDDETTI RIBELLI è UN SCONFITTA (comunque!) DELLA RUSSIA. NON COMPRENDIAMO COME RUSSIA-CINA SIANO STATE PRESE DI SORPRESA DA UNA SITUAZIONE CHE CONOSCEVANO A MENADITO DA ANNI. Senza tener conto che TUTTA L'AFRICA, con l’assemblea panafricana, è CONTRO l’IMPERIALISMO statunitense e inglese supportato da Israele”

La fine del mondo può attendere – Scrive Anthony Ceresa: “Stanno cercando di impaurire l’umanità con dicerie fuori senso: la fine del mondo, le scorte della terra sono prossime all’esaurimento, il cibo scarseggia, l’acqua evapora più di prima, epidemie, il buco nero, i cataclismi, i Maia un pugno di maledetti stregoni che grigliavano le lucertole vive per i loro riti, i Marziani, le Comete portatrici di segnali dallo spazio, gli UFO, gli Asteroidi giganti che colpiranno la terra, ecc. Vi siete cagati sotto o non ancora. Tranquillizzatevi. Il mondo ha migliaia di migliaia di anni e vivrà ancora per altrettanti a meno di qualche pazzia dell’uomo con una guerra Nucleare, che ci porterebbe all’auto distruzione…..” – Continua:   http://retedellereti.blogspot.it/2012/12/la-fine-del-mondo-puo-attendere-un-poco.html

Siria - Incongruenze: "Il 23 dicembre Israele ha dichiarato che non esiste alcun pericolo di uso di armi chimiche da parte del governo siriano; il giorno seguente e’ arrivata la denuncia non verificata di uso di gas sconosciuti a Homs che avrebbero ucciso sette persone"

L'Agenda Grillo - Scrive Pino Delle Donne: "Un non eletto, che non partecipa alle elezioni con l'obiettivo di farsi rieleggere, lascia, da assoluto impunito, la sua Agenda in eredità al prossimo governo, nel caso non sia  lui presidente del Consiglio. Non scende in campo, ma sale in politica, ascende al Cielo. Non è stato sfiduciato dal Parlamento, ma si è sfiduciato da solo. E' un fenomeno della autoreferenzialità estrema, un energumeno anticostituzionale, un presuntuoso che non ammette lo sfascio economico di cui è diretto responsabile. Non si è mai visto in una democrazia che ci si candidi alla guida di una Nazione con la pretesa di non partecipare alle elezioni e che si imponga il programma ai successori al pari delle Tavole della Legge di Mosè. Il programma di Rigor Montis, nel caso il M5S riesca a partecipare alle elezioni e le vinca  diventerà carta straccia con buona pace dei suoi sostenitori Casini e Fini. Del doman non v'è certezza, ma con altri cinque anni di montismo e della sua agenda c'è l'assoluta sicurezza del fallimento  senza ritorno dell'Italia. L'Agenda Grillo dà molta più fiducia: http://www.beppegrillo.it/movimento/programma/"

Lamentele al Bullicame – Scrive Giovanni Faperdue: “Siamo alle solite proteste e alle solite risposte mancate da parte del Comune di Viterbo. Sono ormai quindici giorni che l’acqua calda alle vasche del Bullicame arriva con il contagocce. Con il risultato che le pozze sono fredde e non balneabili. L’Associazione “Il Bullicame” ha da tempo chiesto la riattivazione della pompa sommersa che alimenta le pozze, anche quando il livello della “callara” non consente un corretto flusso verso le  vasche. Il direttore di miniera Giuseppe Pagano aveva assicurato il suo interessamento, ma purtroppo la verifica dei fatti ha constatato che la pompa ancora non è stata messa in funzione e dorme sonni tranquilli. Tutti i bagnanti che godevano di questi bagni terapeutici, già da diversi giorni sono costretti a rinunciarvi, e le lamentele che ci pervengono sono copiose”

Marra-meo cerca candidati (con lui) – Scrive Alfonso Luigi Marra: “In realtà, fino al 18.12.2012, non avevo bisogno di raccogliere alcuna firma, perché avevo fatto un accordo con la Lega Sud di Gianfranco Vestuto che, avendo una componente parlamentare con tre deputati iscritti, poteva, o presentarsi, o presentare un partito (appunto il PAS-FB&T), con dentro la 'pulce' della Lega Sud, senza le firme. Sennonché non siamo riusciti a tenere segreta la notizia (perché c'è stata l'adesione di numerosi gruppi) e così Monti è intervenuto per abrogare la disposizione in virtù della quale potevamo presentarci senza le firme, che quindi ora dobbiamo raccogliere anche noi e stiamo raccogliendo…” – Continua con commento di Antonio Pantano:

Cambiare o trasformare? Scrive Claudio Marconi: "Se non inizia a dilagare il rifiuto della società capitalista, della logica che impone miseria e sottosviluppo a vaste aree del mondo per investire il denaro in armi sempre più micidiali, non si arriva a cambiare questo sistema. In Italia, la destra ufficiale (e quella ufficiosa) aderisce supinamente alla tesi secondo la quale " bisogna fermare i rossi ": un po' ovunque i neofascisti diventano le "guardie al labaro" del sistema capitalistico, come aderisce supinamente alle tesi capitaliste il neocomunismo (quello alla Vendola, per intenderci) che si schiera con le forze, leggi PD di Bersani, apertamente a favore dei banchieri e dei capitalisti."

Si diventa ciò che si pensa -  In modo conscio o inconscio siamo abilissimi creatori di forme pensiero attraverso le quali plasmiamo continuamente immagini di noi stessi così come dell'intero universo. Per questo chi si pensa continuamente come vittima è il miglior creatore di carnefici e aguzzini. Tuttavia non ci possono essere carnefici senza persone che si pensano vittime, così come non ci possono essere infidi pastori senza esseri umani che si pensino come un insicuro gregge, ansioso di essere guidato” – Continua: http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2012/12/ashtavakra-samhita-si-diventa-cio-che.html

Il Vaticano si appoggia a Mario  - Scrive Maurizio Blondet: "Il Vaticano teme di più un Vendola ministro: nozze gay, eutanasia, droga legale. E cerca di condizionare il vincitore sicuro, il PD. In qualche modo, la (solita) scelta del male minore, la politica del tappare le falle morali della società – innescata ultimamente dalla stessa Chiesa col Concilio – nelle ben note battaglie di retroguardia, sempre perdenti, giusto per ritardare l’inevitabile. Ma no, qui c’è un endorsement esplicito, sgangherato, volgare: tutte qualità che fanno riconoscere la mano del segretario di Stato Bertone. Quest’uomo che si crede un Richelieu è senza finezze, ha le mani in pasta dappertutto, appare sempre dietro Napolitano in qualunque occasione pubblica con i suoi occhietti vicini e il largo, beato sorriso stampato in faccia: felice di essere «nel potere». Tuttavia si dice che l’endorsement a Monti sia approvato da Benedetto XVI, e del resto non è stato lui a scegliere Bertone? Si apprende anche che Andrea Riccardi seguace del rabbino Benamozegh e ministro montiano, può chiamare il Papa al cellulare. Questo è uno scandalo. Un doloroso, ma patente scandalo. Non solo dà giustificazione alle voci volgarmente maligne sui favori chiesti ed ottenuto dal governo Monti, anzitutto l’esenzione di fatto dall’IMU...(etc.)"

Pietro Ichino: chi? - Questo "insigne" professore, infilatosi nel ventre della sinistra e sfilatosi dallo stesso, ora si candida quale aiuto-vampiro nelle file montiane. Ha fiutato che con le primarie del PD nessuno lo avrebbe cagato e ha pensato bene di fare il salto della quaglia: nella lista del liquidatore del nostro disgraziato paese.  Corriamo il serio rischio di trovarcelo, dio non voglia, quale futuro ministro. Breve storia di un arrampicatore sociale: ovvero, come ha potuto uno scarrafone, intrufulatosi tra le file operaie che hanno fatto dure lotte sindacali, trasformarsi, una volta giunto nel bel mezzo della piramide sociale, e mostrare la sua vera natura.” – Continua:  http://paolodarpini.blogspot.it/2012/12/pietro-ichino-tal-professor-economista.html

Speriamo che – Scrive Guido Viale: “La conversione ecologica è elemento di immediata connessione tra il tema del lavoro, in tutte le sue manifestazioni - dal super sfruttamento alla disoccupazione, dal problema delle tutele giuridiche, contrattuali ed economiche al lavoro non retribuito - e l’'obiettivo generale della giustizia ambientale e sociale”

I Ching – Scrive Manuela: “Nella mente creiamo l’immagine dell’oggetto che osserviamo stabilendo nel frattempo una separazione tra soggetto e oggetto e ci rendiamo conto di “essere separati”. Da questa distinzione, o proiezione,  deriva la nostra identità personale ed il senso del mondo "empirico". Il mondo appare nella dicotomia di noumeno ("soggetto percepiente") e  fenomeno ("l'oggetto percepito"). Il  noumeno è la capacità auto-identificativa della coscienza di rappresentare se stessa in quanto "io", il conoscitore. Il fenomeno è la proiezione speculare, a cui esso fa riferimento, che viene riconosciuta come oggetto percepito, nel mondo dei nomi e delle forme.   Insieme creano lo spazio-tempo e la "realtà"  in cui siamo immersi…. Sono lieta di annunciare che Paolo D'Arpini verrà il giorno 3/02/2013 per una giornata di studio dal titolo “Conoscenza di sé attraverso gli Archetipi e gli Elementi della tradizione cinese” c/o la Sede dell’Associazione culturale “senzanome” in via Vignolese, 1070 – Modena dalle ore 10 alle ore 14 – Continua:

Siamo pure oggi giunti alla fine.. e  stavolta non solo del Giornaletto! Ciao, Saul/Paolo

……………

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

Non rinchiudermi nella gabbia del tempo.
Sono una bambina che ama.
Amo la vita, il sole, la luna, le stelle, i prati.
Amo tutto ciò che è vivo.
Non dirmi che questo non è vero.
Lasciami vivere la verità
e se proprio vuoi fare qualcosa
vieni con me e condividiamo.
Non rinchiudermi nella gabbia del tempo.
Sono una donna che ama.
Amo i tuoi occhi, il tuo respiro,
Amo la vita che si spiega in ogni tuo gesto.
La tua presenza è un fiume di dolcezza nel mio cuore.
Non dirmi che questo non è vero.
Lasciami vivere ciò che in me è vita.

(Sara Laurencigh)

1 commento:

  1. Paolo la foto è mia, per cortesia cita il mio nome.

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.