Saul Arpino ritorna…


Avete visto quella faccia della foto in vetrina… chi è quello, sono forse io?
Potrei dire di sì ed anche di no…. Sono io per le convenzioni del mondo, non sono io perché l’io non può essere fissato ad un’immagine momentanea e mutevole.
Quell’io che vedete è un attore che recita in una commedia, in un certo senso non ha nome né forma precisa, come tutti gli attori che possono interpretare vari ruoli.
Ma il mio vero “io” non si manifesta solo nei ruoli ma nella sceneggiatura, nei costumi, nelle parti comprimarie, nella musica, nella regia, nelle luci, negli spettatori… eccetera…


Volendo però dargli un nome chiamerò quell’io Saul Arpino. Un nome inventato? Forse sì e forse no.. il nome potrebbe esistere od avrebbe potuto esistere… mio nonno –ad esempio- avrebbe potuto chiamarsi così… poi per motivi banali, di sopravvivenza bruta, prese a chiamarsi Paolo D’Arpini… ed io voglio seguire il suo esempio -ma al contrario- cambio nome e divento Saul Arpino, perlomeno su questo blog.


A proposito di blog… sentivo il desiderio di crearmi un piccolo palcoscenico sul quale recitare alcune parti che non mi sono consentite in altri spazi. Da questo luogo, che forse mi riporta indietro nel tempo, un ritorno ai dinosauri del passato remoto oppure verso un avanti sconosciuto, non so, mi prenderò la libertà di raccontare e mostrare agli accorti lettori alcune segrete immagini dell’essere… di quel che io sono o non sono, descrivibile o indescrivibile…..


Vostro affezionato, Saul Arpino.

domenica 23 dicembre 2012

Il Giornaletto di Saul del 24 dicembre 2012 – Buona vita ad Albareto e Monteveglio, antisommossa, ecologia domestica, discriminazione e distacco….



Care, cari,

Immagine di copertina: La campagna "Salviamo il Tacchino" è andata male... Caterina al mercatino dei polli di Spilamberto, tenutosi ieri mattina, ha testimoniato la ressa di almeno 300 albanesi che andavano a procurarsi il tacchino da sacrificare a Natale. Le proteste  per cercare almeno  di ordinare nei giusti canoni  la carneficina non ha avuto successo, anzi i pollivendoli le hanno detto: "Meglio che stia zitta e buona, questi non ci pensano due volte a tirar fuori il coltello, l'altra domenica hanno pugnalato un veterinario che cercava di metter ordine...". Così la nostra si è rifugiata nell'abitacolo del controllo mentre gli albanesi, dalle facce truci, arraffavano tacchini a man bassa.  Nella foto soprastante la ressa per accaparrarsi i volatili alle 7 di mattina nella nebbia..

Il mini intensivo sull’I Ching, tenuto a Modena nei giorni scorsi, si è concluso felicemente. Abbiamo affinato la comprensione del testo e soprattutto la sua non-comprensione. Insomma anche stavolta siamo salvi e possiamo continuare a vivere come se nulla fosse. Dicono che oggi sia la vigilia di natale… beh… veramente non ci credo, comunque è un bel giorno come un altro e perciò vi auguro buona vita!  Ah, Caterina ha voluto descrivere brevemente sia le sensazioni vissute durante l’incontro zodiacale tenuto ad Albareto che durante una precedente passeggiata fatta a Monteveglio. I pensieri sono accompagnati da alcune immagini… Guadarte qui:

Giornaletto – Scrive Riccardo: “Non mi sono fatto più vivo, ma mi sono tenuto al corrente delle vostre iniziative, per cui vi ringrazio. Augurissimi!”

Preparazione antisommossa – Scrive Daniele: “In gran segreto avviata la costruzione di un Centro "Crowd Riot Control", ovvero l'insieme di operazioni volte a mantenere l'ordine e la pace civile. Sorgerà a fianco di una città fantasma di oltre 500 edifici, per un budget di oltre 100 milioni di euro. L'area di Altmark, nel lander Sassonia-Anhalt, ospita già una base militare di Germania e Nato. Ora sorgerà un centro anti rivolte civili.” – Continua: http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2012/12/altmark-2013-inizia-loperazione.html

Tassa spazzatura - Scrive Davide Giacalone: "La tassa sulla spazzatura è una tassa spazzatura. E’ la mascheratura dell’ennesima patrimoniale, un ladrocinio senza corrispettivo di servizi, un prelievo commisurato alle inefficienze comunali, un salasso per non risolvere i problemi e, come se non bastasse, un monumento all’idiozia legislativa e al sopruso incivile. Basti pensare che pagheremo ancora un’addizionale “ex Eca”, che sarebbe un di più che era dovuto agli enti comunali d’assistenza, istituiti nel 1938 e soppressi nel 1978. La Tares (fu Tarsu, fu Tia, fu TaRi), così ribattezzata dalla fantasia malata di chi cambia nome alle cose per lasciare le cose come stanno, è l’incarnazione del satanismo fiscale. Filiazione di uno Stato tanto più esigente quanto più inefficiente"

Navi russe navigano - Scrive Giuseppe: "La marina militare russa, in una formazione che include navi delle flotte dei mari del Nord, del Baltico e del Mar Nero, inizierà una missione militare sulle coste siriane. Al momento verso il bacino orientale del Mediterraneo, dove è già operativa la flotta del Mar Nero, si stanno dirigendo divisioni di navi della flotta del mar Baltico e del Mar del Nord. Entro la fine di dicembre saranno spiegate insieme per intervenire in caso di necessità sulle coste siriane, spiega il rappresentante dello Stato Maggiore a Interfaks citato da ruvr"

Mangiar carne, invecchiare male – Scrive Franco Libero Manco: “La nostra alimentazione dovrebbe essere fatta per l'80% circa di alimenti alcalinizzanti e del 20% circa di alimenti acidificanti. Altamente acidificanti sono i cibi di derivazione animale e tutti i cibi industriali, poco acidificanti e molto alcalinizzanti sono invece i cibi vegetali. Tutte le allergie dipendono dall’acidosi mentre i flavonoidi dei vegetali neutralizzano gli acidi. L’acidità riduce la capacità dell’organismo di produrre enzimi” – Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2012/12/23/franco-libero-manco-mangiar-carne-invecchiare-male/ 

Smontiamolo - Scrive Dagospia: "SMONTIAMOCI! - CONTINUA LA FARSA DELLA SFINGE - L’EX PREMIER AI SUOI EX MINISTRI, IN ADORANTE ATTESA DI SAPERE SE SI CANDIDERA’: ‘’STO RIFLETTENDO. NON È NÉ UN SÌ, NÉ UN NO’ (MA CHI È CHE SCRIVE I TESTI DEL SACRESTANO DI SANT’EGIDIO?)…"

Ecologia casalinga – Anticalcare semplice: “Sarà capitato a tutti di fare i conti con il calcare, spesso come contorno di rubinetti o lavelli di metallo. Ma il calcare non limita la sua presenza, perché piuttosto altruista, quindi tra le sue prede possiamo annoverare molti elettrodomestici come lavatrici, lavastoviglie e anche caffettiere. E ancora piastrelle, vasche e box doccia. La responsabilità è del carbonato di calcio, presente in grandi quantità nell’acqua corrente ma facilmente eliminabile con utili rimedi naturali. L’eccessiva presenza del carbonato di calcio, o calcare, definisce il tipo di durezza dell’acqua. Infatti un’alta concentrazione può compromettere la funzionalità degli elettrodomestici più importanti, e creare incrostazioni resistenti nel tempo.” – Continua: http://retedellereti.blogspot.it/2012/12/ecologia-casalinga-acqua-dura-e.html

Sardegna. Arriva il Qatar (invitato da monti): “La Giunta di Cappellacci vuole stravolgere il piano paesaggistico che tutela le Coste della Sardegna. Ci stanno provando in tutti i modi, anche con provvedimenti per favorire le speculazioni immobiliari connesse con il golf e con un piano per l’edilizia pensato soprattutto per i grandi costruttori. Ora è arrivato il grande annuncio: la Qatar Holding, braccio economico della famiglia reale del Qatar, ha stretto accordi con il Presidente della Regione e alcuni sindaci per una serie di interventi immobiliari da centinaia di migliaia di metri cubi, per ora in Gallura e in futuro in altri luoghi dell’Isola....”

Discriminazione e distacco – Scrive Giuseppe Turrisi: “….la necessità di “ridurre e dare delle spiegazioni” sta proprio nel distacco che ha lo spirito intelligente  nel momento del concepimento, una parte del tutto si contestualizza in un modulo storico. La singola parte ancestralmente sa di appartenere al tutto e quindi nelle condizioni ristrette dello spazio tempo tende in continuazione (ascesi) a ricongiungersi con lo spirito intelligente infinito di cui fa parte  e cui inevitabilmente tende. La razionalità è un piccolo strumento che la natura umana possiede per non incorrere nella follia della complessità da cui ha origine e a cui tende.” – Continua con mia rispostina:  http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2012/12/verso-il-se-con-discriminazione-e.html

Gatta malata – Scrive Caterina: “ Una settimana di iniezioni, poi ha smesso di rantolare e di starnutire, ho smesso le iniezioni, ma dopo un altro paio di giorni ha cominciato a barcollare col posteriore e a sbattere contro gli ostacoli come se non ci vedesse più. pupille sempre sgranate, mangiava ancora. Mercoledì sera pareva quasi morta, la prendo in braccio e non reagisce neanche se le metto un dito davanti all'occhio, la metto in terra fra due panni, dopo un'ora è ancora lì, respira pianissimo e non si muove. Al mattino è in piedi e gira, sempre barcollando e da allora fa così, se la metto sdraiata e coperta sta buona magari per un paio d'ore, poi comincia a vagare come un'anima in pena, spesso si va a rintanare in posti stretti, quasi incastrata che non so neanche come riesca ad infilarcisi, raramente mangia o beve qualcosa, a momenti sembra anche reagire un po', va verso gli stimoli sonori e sbatte le palpebre se mi avvicino con la mano. Non emette nessun suono. A volte si avvicina esageratamente all'altra gatta, magari mentre questa mangia o alla cagna, che non la vuole e le altre due la scacciano anche violentemente ma lei non sembra rispettare più la posizione sociale che le competeva. Ovviamente è sempre più magra e disidratata.
Solo per dovere di cronaca. Sono due giorni che mi aspetto di trovarla morta, ma non la vedo più peggiorare, resta stabile, anzi in certi momenti pare stia un po' meglio. Non le sto dando niente.”

Uomo natura animali – A commento dell’articolo http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2012/12/relazione-ecologica-fra-uomo-natura.html?showComment=1356281710296#c2174742145683103850 - scrive Rosario Borelli: “Caro Paolo, l'argomento è di massima rilevanza e l'approccio pacato contrasta con i toni da ultima spiaggia che animano tuttora l'area animalista, dove mi risulta che tutti i tentativi di pervenire a un dibattito chiarificatore siano falliti, radicalizzando le posizioni. Per questo apprezzo molto il tuo contributo e mi auguro che possa essere l'avvio di un approccio utile a evidenziare gli errori e i fanatismi che impediscono una crescita di questo movimento. Prendo spunto dagli aspetti che mi paiono piu' interessanti, come l'approccio ecologico e, perchè no, bioregionale. Da un punto di vista ecologico la critica alla mercificazione dell'animale, che tu giustamente evidenzi viene praticata su due livelli, allevamenti e pet, va rivolta allo stravolgimento degli equilibri esistenti in natura. Da un punto di vista bio regionale non ho molto approfondito, ma mi pare riferirsi al rapporto che differenti gruppi sociali in differenti epoche e differenti aree geografiche hanno avuto ed hanno con la specie animale, da cui attingono con parsimonia per i reciproci bisogni. Nutro una certa diffidenza verso l'approccio etico, perchè mi pare travisato e possibile concausa del fanatismo che identifica l'animalismo con una obiezione di coscienza. Obiezione di coscienza che non è certo un fatto deprecabile, talchè mi riconosco anch'io in certe mie scelte alimentari, ma alla quale non attribuisco valore fondante e universale quanto alle dinamiche materiali del sistema. Spero che avremo modo di approfondire e sviluppare questi temi” 

Auguri al risparmio – Scrive Fabrizio Belloni: “Tabaguteifaleceliaounvnovo! A causa della crisi economica quest'anno li ho presi all'IKEA. Poi, quando avrete tempo ve li montate da soli. Buon 2013”

Geopolitica – Scrive Giorgio Vitali: “La GEOPOLITICA  è, inutile ripeterlo, LA BUSSOLA DEL VERO UOMO POLITICO. (Nel senso che le tendenze naturali DEVONO essere assecondate!)  Una delle tendenze naturali è il distacco della PADANIA dal resto d'Italia. Non si tratta di un moto dovuto ad egoismo di
ricchi, ma di un movimento di tipo tellurico che spinge i popoli verso lidi più congrui. NON è UN CASO CHE  la Nazione Italia sia stata costruita contro la Padania, e nel solo interesse delle Nazioni egemoni dell'epoca, Inghilterra e Francia, che puntavano..” – Continua:  http://paolodarpini.blogspot.it/2012/12/geopolitica-ovvero-la-bussola-del-vero.html

E qui vi lascio, Paolo/Saul

………………………..

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

A mia moglie

Spossato dalla bellezza, che ho pescato ogni giorno
Con pupille e orecchie avidamente spalancate
Quando morirò, non piangere. Mi addormenterò sazio di vita
Che è grande, difficile, e burrascosa.
La divinità, che nel fuoco mi percorreva le membra
Volerà in alto o si dissiperà;
Il cuore che batteva così vivo - si irrigidirà
E la voce diverrà una lettera morta.
Allora penserai, che troppo sparsi
Resteranno di me frammenti di parole
Ma sappi che più d'una volta le ore di rapimento
La parola mi soffocarono nel petto troppo stretto
Il mondo era troppo bello, perché solo a te
Donassi i miei versi. O amatissima
Ho guardato nello spazio smisurato
Mi hanno preso sentimenti smisurati
Ma quando qui le persone, lì le stelle nel cielo
Il cuore mi svolsero con un eterno arcolaio
Tu sei rimasta fedele come l'acqua, immutabile
L'unica al mondo che mi abbia amato.

(Jaroslaw Iwaszkiewicz)

Nessun commento:

Posta un commento