Saul Arpino ritorna…


Avete visto quella faccia della foto in vetrina… chi è quello, sono forse io?
Potrei dire di sì ed anche di no…. Sono io per le convenzioni del mondo, non sono io perché l’io non può essere fissato ad un’immagine momentanea e mutevole.
Quell’io che vedete è un attore che recita in una commedia, in un certo senso non ha nome né forma precisa, come tutti gli attori che possono interpretare vari ruoli.
Ma il mio vero “io” non si manifesta solo nei ruoli ma nella sceneggiatura, nei costumi, nelle parti comprimarie, nella musica, nella regia, nelle luci, negli spettatori… eccetera…


Volendo però dargli un nome chiamerò quell’io Saul Arpino. Un nome inventato? Forse sì e forse no.. il nome potrebbe esistere od avrebbe potuto esistere… mio nonno –ad esempio- avrebbe potuto chiamarsi così… poi per motivi banali, di sopravvivenza bruta, prese a chiamarsi Paolo D’Arpini… ed io voglio seguire il suo esempio -ma al contrario- cambio nome e divento Saul Arpino, perlomeno su questo blog.


A proposito di blog… sentivo il desiderio di crearmi un piccolo palcoscenico sul quale recitare alcune parti che non mi sono consentite in altri spazi. Da questo luogo, che forse mi riporta indietro nel tempo, un ritorno ai dinosauri del passato remoto oppure verso un avanti sconosciuto, non so, mi prenderò la libertà di raccontare e mostrare agli accorti lettori alcune segrete immagini dell’essere… di quel che io sono o non sono, descrivibile o indescrivibile…..


Vostro affezionato, Saul Arpino.

martedì 18 dicembre 2012

Il Giornaletto di Saul del 19 dicembre 2012 – Ab-bocconi, impasto conviviale, imbarco di Andras, Ogm, alberi con anima, maya ed atzechi, yuga e manvatara




Care, cari,

Ahò, ognuno ha il berlusca che si merita.... Prima passa il campanello al bancario per farlo governare a nome suo, pur avendo ancora una maggioranza parlamentare in piedi, poi appoggia e fa approvare tutte le porcate e le nuove gabelle che il bancario s'inventa per soddisfare le banche ed i poteri forti, a cominciare dall'IMU che è la tassa più disastrosa, capace di fermare ogni mercato, e capace di gettare sul lastrico tutte le aziende, a partire da quelle agricole che producono il nostro cibo. I soldi incassati dell'IMU, sempre in accordo tra  berlusca e bancario, passano a sollevare le sorti del  Monte dei Paschi ed a implementare il fondo salvastati UE, nonché a comprare armi ed aerei ed a soddisfare altre esigenze "atlantiche". Nel frattempo gli italiani languono e si vedono costretti a lavorare sino a settant'anni, i fortunati che lavorano, chi non lavora invece può dedicarsi ai servizi clientelari e di piccola mafia. Mentre procede, sempre in accordo tra berlusca e bancario la svendita dei beni pubblici ed i sequestri pignorativi dei poveri debitori che non ce la fanno più a pagare le imposte. Dopo aver provocato tutto questo sconquasso, in perfetto accordo con il centro-sinistri, ecco che il berlusca riappare sulla scena politica e tira fuori dal cappello la trovata elettorale: votate per me  ed abbasserò le tasse, cominciando dal'IMU..... Incredibilmente la gente abbocca, la stupidità umana non ha fondo. Per strada ed al bar si sente dire: "Beh, se toglie l'IMU allora voterò per lui!" Ecco le gravi pecche della democrazia parlamentare, al potere ci stanno solo i potentati ed a schiacciare i campanelli nelle camere ci vanno solo i nominati dai potentati (porcellum)... Come dire che le camere le quali dovrebbero controllare i potentati sono piene di gente nominate dai potentati stessi. Il controllato controlla il controllore. Democrazia? Di cambiare veramente il sistema, a cominciare dal recupero della sovranità monetaria (ovvero togliere alle banche il diritto di signoraggio nell'emissione monetaria), nessuno ne parla – Continua con  lettera di Arrigo Colombo:   http://www.circolovegetarianocalcata.it/2012/12/18/ab-bocconi-al-potere-chi-ha-paura-di-berlusconi-silvio-e-la-storia-dei-sette-piccoli-indiani/ 


Debito Pubblico - Scrive M.P.: "A Settembre nuovo massimo storico del debito pubblico, a 1.995 miliardi.  L'incremento del debito da inizio 2012 è di oltre 90 miliardi.  Per l'intero 2011 l'incremento era stato 54 mld.  Il debito pubblico procapite, al 31 dicembre 2011, è di 32.787 euro.  Dal 2000 il debito pubblico è aumentato di circa 695 miliardi di euro, cioè del 53,43%, il doppio circa rispetto all'inflazione che è stata nel periodo del 25,80%.  La stima corrente (consensus forecast) è che il debito/PIL a 2012 chiuderà sopra 128,5% su PIL. Nonostante le dichiarazioni di tutti i componenti del Governo e dei media sui risultati ottenuti, l'evidenza dei numeri dice il contrario.  Quando perciò viene detto che l'Italia deve proseguire su questa via si deve sapere che questa via ha soltanto peggiorato i conti pubblici, proprio il lato che intendeva migliorare"

Impasto conviviale a Camerino – Scrive CIR: “Carissimi Amici, è bellissimo invitarvi Domenica 30 Dicembre 2012 alla nuova casa di Stefano, Simona, Romeo e Dario, per un impasto conviviale! Abbiamo infatti intenzione di preparare per la cena la pasta fresca fatta in casa unendo le nostre energie ; portate se volete le vostre farine di grano e gli ingredienti che preferite per fare un bel sugo. Per il pranzo, come al solito, ognuno porta qualcosa da condividere. Non dimenticate i dolci! Chi vuole fermarsi a dormire è il benvenuto; sacco a pelo e materassino…..” – Continua:  http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2012/12/camerino-30-dicembre-2012-impasto.html

lmbarco di Andras – Scrive Andras: “Ciao Paolo, da un tempo non ci sentiamo!  Ma non perché non leggo ben volentieri i Tuoi articoli saggi, ma perché mi  sono imbarcato in una lucida follia. Ho fondato una società di nome "EVOLVO"  
www.evolvo.org e con questo sto aiutando le scuole professionali e le piccole medie imprese, spendere i soldi già stanziati fine 2013, che sembra ,nessuno vuole.  Il programma si chiama Life Long Learning - Leonardo mobilità, che finanzia  con fondi persi, (se aiuto loro copre 100% tutte le spese viaggio, vitto alloggio  assicurazione programmi culturali ecc). Abbiamo fatto in questo anno viaggiare  più di 500 ragazzi. Non c'è nessun trucco, per me è una missione, poiché dall'euro  non ci sarà mai Europa, solo se ci conosciamo meglio.Se Ti interesse l'argomento Ti faccio mandare dalla mia co ordinatrice inter nazionale, dalla Dottoressa Banzi  ogni informazione, che permette a qualsiasi scuola professionale (statale, comunale, privato) ottenere questi finanziamenti e gestire in un modo oculato. Tutto in un modo totalmente GRATUITO! Parola del Barbaro Ungherese, Un grosso abbraccio”

Fermare gli OGM invasivi - A commento ed integrazione dell’articolo http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2012/12/agro-romano-infestato-da-coltivazioni.html  scrive Giuseppe Altieri: “…e il testo della mia mail da leggere attentamente, inviata a suo tempo a tutti i rappresentanti del Biologico e degli albi professionali, dei Medici ISDE ecc ... ma non si muove ancora nessuno...: (il punto 1 del documento seguente riguarda come fermare gli  OGM.  A seguito della recente sentenza della Corte di Giustizia UE, che definisce il contesto giuridico nel quale si può operare per il divieto di importazione e coltivazione di OGM, venendo a decadere il decreto Zaia, per il divieto delle coltivazioni OGM, basato sulla semplice mancanza di norme di "coesistenza" di coltivazione…..” – Continua: http://retedellereti.blogspot.it/2012/12/ogm-lotta-dura-senza-paura.html

Salva ILVA ed ammazza cristiani – Scrive Alessandro Marescotti: “Oggi i deputati potrebbero violare la costituzione convertendo il legge il decreto 207/2012 che ha lo scopo di dissequestrare gli impianti dell'Ilva sequestrati dalla magistratura di Taranto. E' una GRAVE limitazione delle prerogative della magistratura…”

Alberi con anima – Scrive Rita De Angelis: “Per Parlare di Terra Nuova, bioregionalismo ed ecologia, cosa  c’è di più appropriato ed interessante se non parlare degli alberi. Sì gli alberi, il polmone verde del nostro pianeta Terra, che noi con la nostra sete di costruzioni e cemento all’interno delle città stiamo distruggendo inesorabilmente. Ormai da numerosi anni il cemento ha occupato la maggior parte dei nostri giardini e spazi verdi. Il verde a detta dei grandi investitori non produce ricchezza, mentre il costruire aree urbane e palazzi hanno da sempre generato guadagno. In tempi di crisi economica, l’uomo si sta rendendo conto che tutto questo ormai non è così vero. Infatti, per far fronte alla crisi anche alimentare che investe l’Italia e non solo, si è tornati indietro di circa…” – Continua: http://www.aamterranuova.it/Blog/Riconoscersi-in-cio-che-e/Anche-gli-alberi-hanno-un-anima

Carnivorismo e specismo – Interviene Riccardo: “Ciao Paolo, oggi  voglio riflettere  sul nostro meraviglioso pianeta ed i suoi abitanti ma quelli chiamati "animali". Questa volta inizio però con una citazione che mi sta a cuore:  «Un giorno i nostri figli ci chiederanno: “Tu dov’eri durante l’Olocausto degli animali? Che cosa hai fatto per fermare questi crimini orribili?”. A quel punto non potremo usare la stessa giustificazione dicendo che non lo sapevamo»…” – Continua in calce:  http://www.circolovegetarianocalcata.it/2012/12/17/macellai-e-pescatori-pentitevi-e-diventate-vegetariani/

Israele e pesticidi – Scrive Giuseppe Altieri: “Spero che abbiate capito che Israele si vuol trasferire in Italia... ben ha fatto Benigni a dire che gli olocausti degli ebrei vanno censurati  al massimo livello ...aggiungendo però che nessuno dovrebbe tentare di sterminare il popolo italiano... cosa che sta accadendo da 60 anni con  Pesticidi, Chimica Petrolio ... e OGM per il godimento delle multinazionali nuclearpetrolagrochimicofarmaceuticogm”

Essoterismo e politica – Scrive Subramanyam: “Caro Paolo/Saul, anch’io avevo notato una certa “superficialità” in alcuni interventi su Grillo comparsi sul Giornaletto di Saul. Scandalizzarsi perché un movimento nasce e cresce supportato dal carisma di una persona significa aver ormai chiuso gli occhi alla realtà umana che è irrimediabilmente gerarchica. Tentare di portare sul piano contingente il principio metafisico dell’identità essenziale di tutti gli esseri significa cadere in quella che gli antichi indiani chiamavano “anadhikari vedanta”, “la metafisica degli stolti”. Che la democrazia sia un’impossibilità bella e buona o una forma di violenza dietro la quale si cela in ogni caso il governo di pochi l’avevano già capito alcuni ateniesi un po’ più intelligenti degli altri; nel IV sec. a.C., infatti, comparve lo scritto Athenaion Politeia” – Continua: http://saul-arpino.blogspot.it/2012/12/lettera-politica-al-giornaletto-di-saul.html

Sole blasfemo - Scrive Prometeus: "I fanatici islamici sono nemici  della Storia e dell’Arte preislamiche, corrispondenti – ad avviso di costoro – all’Età dell’Ignoranza  prima dell’avvento dell’islam. Sicuramente è stato questo a spingere un gruppo di salafiti a distruggere dei graffiti preistorici presenti sulle Montagne dell’Alto Atlante in Marocco.   I reperti risalgono a più di 8.000 anni fa e raffiguravano il dio Sole: uno di questi era conosciuto proprio come la “piastra del Sole”. I salafiti hanno stigmatizzato tutto ciò come “idolatria” e l’hanno distrutto.    Lo ha denunciato Aboubakr Anghir, responsabile della Lega Amazigh (berbera) dei diritti umani"

La leggenda maya - Si avvicina il 21 dicembre 2012... la data fatidica?! Macché macché.. tutto frutto di fantasia. Ora ve lo posso dire, l'oroscopo maya è una congettura di José Argüelles, il quale essendo già deceduto lo scorso anno non potrà più controbattere, ed in ogni caso la fine del mondo  per lui è già avvenuta. Il fatto è che i Maya si erano già belli che estinti da parecchi anni   prima della conquista spagnola e quando Arguelles si dedicò allo studio del loro calendario astrologico i reperti ai quali egli fece riferimento erano tutt'al più riesumazioni avvenute durante la cultura atzeca. Gli Atzechi erano la civiltà presente in Messico quando arrivarono i conquistadores ed il loro sistema zodiacole può essere considerato affidabile e controllabile...   – Continua: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2012/12/la-leggenda-maya-e-la-verita-atzeca.html

Non potevamo trascurare anche il computo temporale indiano, anch’esso calcolante le ere secondo un calendario millenario, come fecero gli stessi Maya. Vediamo quali sono le differenze e le somiglianze. Un Manvantara costituisce il ciclo cosmico e storico completo di un’Umanità – giacché, nell’infinità della Possibilità Universale, sono contemplati innumerevoli Generi umani, ciascuno dei quali possiede, evidentemente, una propria essenza unica ed irripetibile -, e si divide in quattro età successive (Yugas). Essendo un Manvantara della durata di 64800 anni, esso comprende un Satya o Krita-Yuga, («Età dell’Oro» o «Età della Conoscenza») della durata di 25920 anni; un Tretâ-Yuga («Età dell’Argento»), della durata di 19440 anni; un Dvâpara-Yuga («Età del Bronzo»), che dura 12960 anni; ed infine un Kali-Yuga («Età Nera», «Età Oscura» o «Età del Ferro»), di 6480 anni. – Continua:

Nel sole, Caterina ed io e la cagnetta Magò, abbiamo percorso il tragitto che ripercorreremo la notte del 31 dicembre. Abbiamo scoperto varie cosette interessanti, la natura cambia  il suo corso e non avvisa. Ma il posto del focolare è rimasto intatto, ci abbiamo aggiunto sopra qualche rametto secco e ci siamo raccomandati l’un l’altra di portare quella notte  oltre ai fiammiferi anche un accendino di riserva, visto che l’anno scorso di tutta una scatola di prosperi nemmeno uno si era acceso…     Ieri Caterina ha  fotocopiato il testo di Jota se Jota un inno molto dolce che vorremmo cantare giovedi sera qui a Spilamberto, quando ci sarà un’altra sessione di canti. Abbiamo pensato di modificare leggermente il programma, per accontentare Mara e Tina che ce l’hanno chiesto. L’appuntamemto di giovedi 20 dicembre a Casa di Caterina è così stabilito: ore 19.30 per chi vuole mangiare con noi (ognuno porta qualcosa di vegetariano) ed alle 20.30 iniziano i canti  seguiti dalla meditazione e dal prasad. Info. circolo.vegetariano@libero.it 

Così pure oggi possiamo concludere qui. Ciao, Paolo/Saul

…………………..

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

Il mese che preferisco

Il mese dell’anno che preferisco
è il tredicesimo,
quello delle stagioni inesistenti,
quello in cui gli uomini,
incontrandosi, sorridono.
Il mese in cui il sole non tramonta
e gli sguardi si perdono
nell’orizzonte.
E per trenta candidi giorni
anche tu mi ami nel desiderio.

(Silvano Agosti)

Nessun commento:

Posta un commento