Saul Arpino ritorna…


Avete visto quella faccia della foto in vetrina… chi è quello, sono forse io?
Potrei dire di sì ed anche di no…. Sono io per le convenzioni del mondo, non sono io perché l’io non può essere fissato ad un’immagine momentanea e mutevole.
Quell’io che vedete è un attore che recita in una commedia, in un certo senso non ha nome né forma precisa, come tutti gli attori che possono interpretare vari ruoli.
Ma il mio vero “io” non si manifesta solo nei ruoli ma nella sceneggiatura, nei costumi, nelle parti comprimarie, nella musica, nella regia, nelle luci, negli spettatori… eccetera…


Volendo però dargli un nome chiamerò quell’io Saul Arpino. Un nome inventato? Forse sì e forse no.. il nome potrebbe esistere od avrebbe potuto esistere… mio nonno –ad esempio- avrebbe potuto chiamarsi così… poi per motivi banali, di sopravvivenza bruta, prese a chiamarsi Paolo D’Arpini… ed io voglio seguire il suo esempio -ma al contrario- cambio nome e divento Saul Arpino, perlomeno su questo blog.


A proposito di blog… sentivo il desiderio di crearmi un piccolo palcoscenico sul quale recitare alcune parti che non mi sono consentite in altri spazi. Da questo luogo, che forse mi riporta indietro nel tempo, un ritorno ai dinosauri del passato remoto oppure verso un avanti sconosciuto, non so, mi prenderò la libertà di raccontare e mostrare agli accorti lettori alcune segrete immagini dell’essere… di quel che io sono o non sono, descrivibile o indescrivibile…..


Vostro affezionato, Saul Arpino.

sabato 22 dicembre 2012

Il Giornaletto di Saul del 23 dicembre 2012 – Mario la serpe, benigni costituito, beni comuni, 12 vergini per Odino, povertà che da ricchezza (d’animo)…


Inizio operazione di Fulgor Silvi

Care, cari,

Il Partito Democratico ha paura di Monti – Scrive Arrigo Colombo: “A dire il vero non si era mai visto un teatrino del genere: il Segretario di un partito che dice ad un altro uomo politico, in questo caso al premier Monti, non candidarti perché ci dai fastidio, perché c’impedisci di vincere, o di vincere bene; tu stai tranquillo, poi si vedrà insieme; o addirittura un D’Alema gli dice che candidarsi sarebbe per lui moralmente scorretto. Non si dicono queste cose perché i partiti, che sono un’organizzazione della politica popolare, sono concorrenti tra loro: o si alleano o lottano..” – Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2012/12/22/monti-mario-la-serpe-in-seno-del-pd/ 

Benigni e la costituzione – Scrive Claudio: “Se fino ad ora solo un tale che forse pochi conoscono, neanche italiano di nascita, Shel Shapiro, si è fatto vivo sul tema della Costituzione, addirittura prima di un mostro sacro come Benigni, dovremmo incominciare a pensare che, forse, come cittadini, qualcosa in piu' potremmo e dovremmo osare su questo argomento. Io sono BioIngegnere, ma da qualche anno mi occupo di tematiche Costituzionali, in particolare di quelle collegate con il sistema Fiscale e l'Articolo 53 della Costituzione. Quindi, se posso farlo io, può farlo chiunque”

Beni Comuni – Scrive Ugo Mattei: “Le parole manifestano, a volte, un affascinante potere performativo. Accade anche ai concetti. Talvolta, sono infatti capaci di sovvertire un senso apparentemente immutabile, stabilito, istituzionalizzato, mutando così i processi storici; altre volte rientrano nel cassetto delle occasioni perdute. Nell'occidente secolarizzato dalla modernità, i concetti potenzialmente sovversivi sono legati al mondo dell'economia, la attraversano e la collegano con la politica, il diritto e la filosofia, costruendo così un senso comune istituzionale. Due esempi per intenderci, tratti dalla storia recente: privatizzazione e sostenibilità. Nel primo il concetto sovverte. Nel secondo poco a poco si spegne. Quale sorte toccherà ai «beni comuni»?” – Continua: http://paolodarpini.blogspot.it/2012/12/beni-comuni-e-politica-ragionata-una.html

Autori a Firenze – Scrive Lorenzo Spurio: “12 Gennaio 2013 a Firenze presso la Cabina Teatrale di Saverio Tommasi sita in Via Romagnosi 14 (zona Rifredi).Ore 17:00. Presentazione di "Flyte e Tallis. Ritorno a Brideshead ed Espiazione: una analisi ravvicinata di due grandi romanzi della letteratura inglese" di LORENZO SPURIO. Relatori: Iuri Lombardi (poeta e scrittore) e Sandra Carresi (poetessa e scrittrice) Interventi: Rita Barbieri (docente di lingua cinese) e Massimo Acciai (poeta, scrittore e direttore rivista "Segreti di Pulcinella"). Ore 18:00 Presentazione di "Un fiorentino a Sappada" di MASSIMO ACCIAI.  Relatori: Lorenzo Spurio (scrittore, critico-recens.) e Iuri Lombardi (poeta e scrittore) Interventi: Paolo Ragni (poeta e scrittore) Letture: Salvatore Gurrado (poeta). Info. lorenzoospurio@gmail.com

Nessuna fine del mondo – Scrive Tullia Turazzi:  “Ovviamente come gia sapevamo, nessuna fine del mondo, ma solo fine ed inizio di un' altra Era, i famosi mille anni di pace che dovrebbero intercorrere nel bel mezzo del Kali Yuga, che non e' finito come si dice, questo Satya Yuga o Eta' dell' Oro, e' solo un intervallo, che noi dovremo concretizzare e manifestare non solo nel nostro cuore e nelle nostre meditazioni, ma nel tempo, esteriormente, non apettatevi cambiamenti miracolosi istantanei e gratuti, se no resterete delusi..ma continuiamo a lavorare su noi stessi e per co-creare un mondo piu' giusto, piu' pacifico e amorevole, cominciamo dalle piccole cose quotidiane, restiamo aperti alla nuova energia, cercando di rimanere centrati ed equaninimi di fronte agli alti e bassi della vita...questo il mio pensiero e augurio di un buon inizio, per tutti voi....con amore   shanti Om Sai Ram..”

12 vergini per Odino – Scrive Fabrizo Belloni: “"Il 21 Dicembre è  iniziata la Stagione Fredda. E’ sempre stato un giorno sacro per i saggi Antichi, soprattutto Romani. Festeggiavano i Saturnali, i Romani, anche scambiandosi doni. Guarda un po’ le tradizioni come sopravvivono. Per i Popoli Nordici il Solstizio d’Inverno era ugualmente sacro. La notte si passava attorno ad un falò, od ad un Albero sacro. A riguardo da dove arriva l’Albero di Natale, prima che i semiti venissero a rompere le scatole con fasulle fiabe….." – Continua:  http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2012/12/ufo-saturnali-bufale-maya-e-12-vergini.html

Giornaletto - Scrive Luigi Caroli: "Caro Paolo, ti ringrazio. Leggo sempre quello che scrivi. FAI UN OTTIMO LAVORO DIVULGATIVO E QUINDI UTILE ALLA COMUNITA'. Il brutto degli italiani è che diventano - a dispetto dei milioni di messaggi che giornalmente si scambiano - sempre più ignoranti.."

Papua.  No all’estrazione mineraria in alto mare - L'Associazione per i popoli Minacciati (APM) saluta con sollievo la  decisione delle autorità della Papua-Nuova Guinea di sospendere il primo  progetto minerario in alto mare. In seguito al mancato sostegno  finanziario da parte del governo della Papua-Nuova Guinea, l'impresa  canadese Nautilus Minerals ha interrotto le preparazioni per l'avvio  dell'estrazione di minerali nell'arcipelago di Bismarck. L'estrazione  avrebbe dovuto partire nel 2013 a 30 km dalle coste dell'isola di New  Ireland e a una profondità di 1.600 m…” – Continua:  http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2012/12/papua-no-allestrazione-mineraria-in.html

San Benedetto del Tronto. Niente botti a Capodanno- Scrive Sara Di Giuseppe: "Il sindaco Gaspari contro i “botti” di fine anno. Clap clap, applaude la tastiera e quasi s’emoziona, non adusa a confezionar elogi (mica è una tastiera di giornalista). Ma stavolta sindacogaspari ha fatto il botto, in positivo, e va riconosciuto: ordinanza di divieto per i botti di fine anno. Un passo atteso negli anni scorsi, ma meglio arrivar tardi dove altri sono arrivati prima e senza sforzi, che per niente"

La povertà ci fa riscoprire l’umanità – Scrive Lucilla Pavoni: “......è un'aria veramente strana quella che si respira in giro, difficile da definire, nuova per molti di noi, ma soprattutto per i giovani nati in un epoca che non sta più mantenendo le  promesse fatte. Scopriamo all'improvviso d'essere diventati poveri, ma chi povero lo è stato veramente in tempi passati non mi sembra spaventato più di tanto. E' come se finalmente fosse finita una gara in cui bisognava dimostrare d'avere sempre più degli altri. La mia generazione in fondo è stata fortunata perché della vita ha conosciuto la miseria e l'abbondanza e qualche volta si è anche ritrovata a rimpiangere la prima, dove la mancanza di denaro aveva creato un tessuto sociale fatto di mutuo soccorso e di valori e di sapienza inimitabile.” – Continua: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2012/12/riciclaggio-ed-ecologia-sociale-la.html

Pure oggi a tocchi e bocconi abbiamo chiuso. Ciao, Paolo/Saul

………………..

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

Madre, mi dicono infedele
Poiché ti amo in tutte le tue forme.
Come potrebbe essere altrimenti?
Ti vedo e ti riconosco, sorniona,
dietro ogni sorriso tentatore.
Eppure tu non sei quelle forme,
tu sei quella che sta dietro le forme,
ed io  ti amo..  e ti adoro

(Saul Arpino)

Nessun commento:

Posta un commento