Saul Arpino ritorna…


Avete visto quella faccia della foto in vetrina… chi è quello, sono forse io?
Potrei dire di sì ed anche di no…. Sono io per le convenzioni del mondo, non sono io perché l’io non può essere fissato ad un’immagine momentanea e mutevole.
Quell’io che vedete è un attore che recita in una commedia, in un certo senso non ha nome né forma precisa, come tutti gli attori che possono interpretare vari ruoli.
Ma il mio vero “io” non si manifesta solo nei ruoli ma nella sceneggiatura, nei costumi, nelle parti comprimarie, nella musica, nella regia, nelle luci, negli spettatori… eccetera…


Volendo però dargli un nome chiamerò quell’io Saul Arpino. Un nome inventato? Forse sì e forse no.. il nome potrebbe esistere od avrebbe potuto esistere… mio nonno –ad esempio- avrebbe potuto chiamarsi così… poi per motivi banali, di sopravvivenza bruta, prese a chiamarsi Paolo D’Arpini… ed io voglio seguire il suo esempio -ma al contrario- cambio nome e divento Saul Arpino, perlomeno su questo blog.


A proposito di blog… sentivo il desiderio di crearmi un piccolo palcoscenico sul quale recitare alcune parti che non mi sono consentite in altri spazi. Da questo luogo, che forse mi riporta indietro nel tempo, un ritorno ai dinosauri del passato remoto oppure verso un avanti sconosciuto, non so, mi prenderò la libertà di raccontare e mostrare agli accorti lettori alcune segrete immagini dell’essere… di quel che io sono o non sono, descrivibile o indescrivibile…..


Vostro affezionato, Saul Arpino.

mercoledì 12 dicembre 2012

Il Giornaletto di Saul del 12 dicembre 2012 – Franca Chichi, pro Chavez, preghiamo e meditiamo, Tuscia gelida, crimini USA, riequilibrio ecosistemico…


Calcata  spruzzata di neve


Care, cari,

siamo giunti a Spilamberto... e qui mi fermerò per un paio di mesi. Poi magari vi racconto qualcosa del viaggio... Vedremo! Intanto leggete questa lettera di Franca Chichi appena giunta dall’India: “E già... le prove non finiscono mai...la connessione è andata in tilt e i messaggi mi sono ritornati indietro per la maggior parte, visto che non posso controllarli tutti, per il momento spedisco singolarmente (così non ci sono problemi) alle persone cui mi fa piacere che questo messaggio arrivi, poi vedremo per gli altri..." - Continua:  http://www.circolovegetarianocalcata.it/2012/12/11/franca-chichi-in-preparazione-del-21-122012-scrive-dallindia-tutto-cio-che-vive-sia-nellamore/

I bulbi di Calcata - Scrive Elke: "Già ti vedo al lavoro! Lo sai che ancora crescono i bulbi che mi hai regalato in autunno? Non fanno fiori, ma solo il verde, incredibile! Mi saluta qualcosa di te e di Calcata ogni anno! Buon cappuccino doppio oggi!"

Solidarietà a Chavez – Scrive Gianni Donaudi: “Esprimo tutta la mia solidarietà a Ugo Chavez pur  non essendo un fanatico del Nuovo Venezuela, ma valutandolo per ciò che è. E cioè che  il  nuovo governo ha tolto dalla terra di Simon Bolivar i decennali intrighi e interessi nordamericani. Spero per il futuro in un solido asse che congiunga Cuba, il Venezuela di Chavez, la Bolivia di Morales e l'Argentina di Kristina onde creare una barriera che la faccia finita col "cortile di casa" di monroeiana memoria. E che certi c.d. "anarco-capitalisti", etc (sopratutto di lingua anglo$a$$one) la smettino di rompere i coglioni col "Chavez-repressore", il "Morales-spacciatore" la Kristina "fascio-peronista", etc. O che tirino fuori in continuazione quella pallona-gonfiata di Yoane Sanchez”

Prepariamoci al peggio – Scrive Marina Costa: “Nel 1996 Anne  e Daniel Merois Givaudan avevano scritto un libro, Dalla sottomissione alla libertà, in cui tra le altre incredibili cose denunciavano le varie istituzioni o persone che facevano parte della “cospirazione”, tra le quali anche il Club di Budapest. Loro dicevano in sostanza  che in ogni posto chiave erano infiltrate persone che dovevano orientare le cose come voleva il Governo Ombra... Fausto Carotenuto,  scrive il messaggio che segue..” - Continua: http://retedellereti.blogspot.it/2012/12/prepariamoci-al-peggio-pregando-e.html

Gaudemus igitur – Scrive Paolo Tinti: “GAUDEAMUS IGITUR! Almeno per ora, perché questi sempre ritornano... ma era questo che volevamo da tempo! Che la storia di questo grigio burocrate, un anonimo, culo di pietra da ufficio, un travet degli usurai, alla guida di un Paese finisse. E non possiamo che rallegrarci,dopo mesi che si voleva cacciarlo. A lui molto dispiace, ci aveva preso gusto, essendo un gran vanitoso costretto all'anonimato per settant'anni.... sbalzato dall'ufficetto alla guida di una nazione, sotto i riflettori.. adulato dai pennivendoli, a tu per tu con i capi mondiali... eh beh, insomma un bel passo avanti...! Dopo il palco reale della Scala, aveva commentato: "il Re Sole si allontana da me..." Capito il tipo...? Per questo credo che non si ritirerà nell'ombra.... è molto facile che ce lo ritroveremo ancora tra i piedi, ma per ora brindiamo. La stampaglia in lacrime, oltre le truppe cammellate entrano in scena anche quelle porporate "Bagnasco: non si può mandare in malora i sacrifici di un anno". Senti chi parla di sacrifici.... Anche il crucco caporale Schutz, tra una birra e l'altra, minaccia sfracelli. La battaglia però non è finita, perché l'agenda Monti continua. Il prossimo governo di Bersani sarà ancora più tragico e comico nel gestirne l'eredità, e dovremo farlo durare anche meno... avrà la credibilità di un  tartarino qualunque. Prima ci disfiamo di questa classe politica incapace e senza coraggio e prima ci disfaremo dell'euro...”

Tuscia gelida – Scrive Giovanni Faperdue: “Care amiche, cari amici, oggi ci occupiamo dei nostri amministratori. Loro non si occupano di noi ... ma noi ci occupiamo di loro. Ringrazio tutti quelli tra Voi che mi scrivono per segnalare o anche per suggerire. - Ieri una abbondante grandinata ha imbiancato la Tuscia. A sera la temperatura rigida ha trasformato il manto bianco in una lastra di ghiaccio. A Vitorchiano le strade erano impercorribili e lo stato di ghiaccio ha creato tanti problemi alla cittadinanza. Stamattina..” - Continua: http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2012/12/tuscia-gelida-grandine-e-neve-ma-il-sal.html

Bologna canterina – Scrive Salvatore Panu: “Venerdì 14 dicembre 2012, ore 21, Biblioteca Lame, Via Marco Polo 21/13- Bologna, presentazione del libro "GLI ANNI CHE CANTANO" Il Canzoniere delle Lame. Info. torepanu@tiscali.it

Montesilvano. Compleanno di OliS - Scrive Michele Meomartino: "Care amiche, cari amici, Domenica , 16 Dicembre, OliS compie 4 anni. Tanto ci sarebbe da raccontare e da riflettere... Intanto rinnoviamo il nostro impegno nella continua ricerca di senso, creando ponti di dialogo con attenzione e rispetto affinché dal confronto pacato e sincero si generi una maggiore consapevolezza e si dilatino nuovi spazi di libertà. Domenica alla fine della consueta programmazione (ore 21.00 circa) ci sarà un piccolo brindisi e per l'occasione ci scambieremo gli auguri in vista delle feste imminenti. Info. michelemeomartino@tiscali.it"

Crimini USA in Sicilia – Scrive Vincenzo Mannello: “Indaga la Procura Militare di Napoli sui crimini commessi dagli Alleati in Sicilia dal 10 luglio al 14 agosto 1943. Un pochino in ritardo, vero? Ma,si sa,meglio tardi che mai. Su denuncia di parte (si badi al dettaglio) il Procuratore Militare, dott. Molinari,ha aperto l'inchiesta sulla strage di civili e militari avvenuta a Vittoria nei giorni successivi allo sbarco del 10 luglio 1943 a Gela. E,considerando che una verità tira spesso un'altra e che questi crimini non si prescrivono (neppure per i vincitori),si  indagherà forse pure sull'eccidio dei 15 carabinieri avvenuto a Passo di Piazza e sullo "scudo umano" ,fatto di prigionieri italiani , usato per costringere quanti resistevano allo sbarco ad arrendersi agli alleati. Poi,se vogliamo informalmente dare una indicazione su dove e cosa indagare,suggeriamo di ristudiare gli avvenimenti del Cortile Barbarino ad Avola, della saponeria Garilli a Canicattì,di Piano Stella,di Biscari ed altri luoghi."

Messina. Solidarietà a Nadia Furnari – Scrive un gruppo di associazioni: “Esprimiamo tutto il nostro sostegno a Nadia Furnari, fondatrice e anima dell'Associazione Antimafie Rita Atria e da tantissimi anni punto di riferimento dell'intera associazione e di tantissime altre persone impegnate nell'antimafia sociale. Il 13 dicembre prossimo Nadia dovrà comparire in Corte d'Appello di Messina per la chiamata in giudizio promossa dall'ex Prefetto di Messina, Stefano Scammacca, contro l'Avvocato Repici che, in due lettere rivolte al Presidente del Consiglio dei Ministri nel 2007, denunciava fatti e circostanze che coinvolgevano lo stesso ex prefetto...” - Continua: http://paolodarpini.blogspot.it/2012/12/messina-espressioni-di-solidarieta.html

Milano acculturata - Scrive Franco Farina: "Domenica 16 Dicembre 2012 al pomeriggio dalle 14.00 alle 20.00 a Milano, in Via Torino 49 al Centro di Miglioramento della vita. Mostra dei miei dipinti, musica eseguita degli artisti: Marco Cristofaro Chitarra Giorgio Natale Flauto, Silvia Salvadori Pianoforte. Segue Buffet e Conferenza tenuta da Pier Paderni su soggetti a sorpresa che spero Ti piaceranno. Ritratti musicali eseguiti da Pier Paderni. E' un occasione unica in cui il Pianista e compositore Pier Paderni eseguirà delle improvvisazioni creando il tuo ritratto musicale. Info. artefarina@alice.it"

Legge di Stabilità, riappare il condono edilizio… Scrive Legambiente: «Ridicolo quanto preoccupante: è il 17esimo tentativo in 3 anni» Ormai è un vizio o forse un riflesso elettorale condizionato: appena si parla di un provvedimento "omnibus", qualcuno, sempre del centro-destra, cerca di infilarci un regalo per gli abusivi, stavolta a presentarlo è stato addirittura l'ex ministro Carlo Giovanardi, che tenta di riaprire i termini per la presentazione delle domande di sanatoria degli abusi edilizi, con l'estensione della possibilità di condono anche alle violazioni dei beni ambientali e paesaggistici.."

Riequilibrio ecosistemico – Scrive Benito Castorina: “Non abbiamo bisogno di soddisfare i nostri bisogni sottraendo senza giudizio le riserve di gas e petrolio alla madre terra, di pretendere di rivitalizzarla con i concimi chimici, di violentarla con le intrusioni più sconsiderate, perché i nostri bisogni possono essere soddisfatti utilizzando le materie prime vegetali e le risorse animali (il riferimento non è all’alimentazione o allo sfruttamento fisico degli animali, ma al metodo di relazione e scambi nutrizionali e al recupero di enzimi e batteri specifici utilizzabili per ottenere il nostro comfort)...” - Continua: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2012/12/bioregionalismo-e-riequilibrio.html

Così anche oggi siamo pronti al saluto quotidiano, Paolo/Saul

….....................

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

"Considerando il bene e il male come avversari irriducibili, l’essere umano è perennemente combattuto fra i due, e non sa come ritrovare quell'unità che fa di lui un essere forte e padrone di tutte le situazioni. Direte: «Ma non possiamo farci niente! La realtà è questa: siamo come presi tra le forze del bene e quelle del male…» Finché sarete sulla terra avrete questo problema da risolvere e, per poterlo risolvere, eccovi un metodo fra tanti altri: imparate a rispondere alle entità tenebrose che vogliono irretirvi. Ma non rispondete mai a quelle entità con la violenza, poiché questo non farebbe che rafforzarle. Quando le sentite avvicinarsi sotto forma di tentazioni, di cattivi pensieri e cattivi sentimenti, non insorgete contro di esse! Dite invece a quelle
entità che siete incantati della loro venuta e, per accoglierle, portate la luce, accendete tutte le vostre lampade interiori: quei visitatori si daranno immediatamente alla fuga perché sono brutti e mal vestiti, e non vogliono essere visti! Sì, solo la luce in voi può essere una risposta agli spiriti del male. Voi non li affrontate: portate semplicemente la luce. Ed è grazie alla luce che ogni giorno avanzerete sempre più sul cammino dell’unità interiore."

(Omraam Mikhaël Aïvanhov)

1 commento:

  1. Ma quale solidarietà a Chavez! La "smettino"? E studiarsi i congiuntivi mai? Comunque, congiuntivo o no, basta con lo statalismo. Che venga da Chavez o da Monti o da Ratzinger o dal Berlusca: sempre statalismo è, vale a dire: sempre statocrazia è! E ciò è un male per tutti.

    RispondiElimina