Saul Arpino ritorna…


Avete visto quella faccia della foto in vetrina… chi è quello, sono forse io?
Potrei dire di sì ed anche di no…. Sono io per le convenzioni del mondo, non sono io perché l’io non può essere fissato ad un’immagine momentanea e mutevole.
Quell’io che vedete è un attore che recita in una commedia, in un certo senso non ha nome né forma precisa, come tutti gli attori che possono interpretare vari ruoli.
Ma il mio vero “io” non si manifesta solo nei ruoli ma nella sceneggiatura, nei costumi, nelle parti comprimarie, nella musica, nella regia, nelle luci, negli spettatori… eccetera…


Volendo però dargli un nome chiamerò quell’io Saul Arpino. Un nome inventato? Forse sì e forse no.. il nome potrebbe esistere od avrebbe potuto esistere… mio nonno –ad esempio- avrebbe potuto chiamarsi così… poi per motivi banali, di sopravvivenza bruta, prese a chiamarsi Paolo D’Arpini… ed io voglio seguire il suo esempio -ma al contrario- cambio nome e divento Saul Arpino, perlomeno su questo blog.


A proposito di blog… sentivo il desiderio di crearmi un piccolo palcoscenico sul quale recitare alcune parti che non mi sono consentite in altri spazi. Da questo luogo, che forse mi riporta indietro nel tempo, un ritorno ai dinosauri del passato remoto oppure verso un avanti sconosciuto, non so, mi prenderò la libertà di raccontare e mostrare agli accorti lettori alcune segrete immagini dell’essere… di quel che io sono o non sono, descrivibile o indescrivibile…..


Vostro affezionato, Saul Arpino.

domenica 16 dicembre 2012

Il Giornaletto di Saul del 17 dicembre 2012 – Alberi da piantare, Pier Luigi al palo, illusione religiosa, animali extra, dagli al Grillo, Franca Chichi…




Care, cari,

Natale 2012. Appello per gli alberi - Non tagliamo abeti per finte ricorrenze natalizie ed invece rechiamoci in campagna armati di ghiande, come fece l'uomo che piantava gli alberi di Jean Jono, e come atto simbolico, ma denso di concretezza, espressione della volontà di riscatto e vita, ripiantiamo le ghiande germoglianti delle tante specie autoctone di Querce! Un bastone a punta, un buco nella terra densa di pioggia, promessa di vita, e la ghianda con il suo germoglio affidata alla terra, nel suo ventre, e ricoperta di protettiva terra, perché avvenga il miracolo millenario della Rinascita. Così i cittadini riaffermano il possesso millenario comunitario di una terra intera, culla di civiltà e salubre generoso habitat d’uomini dagli albori della preistoria.  Il “natale” corrisponde  in verità alla ripresa della crescita luminosa che subentra con il solstizio invernale, celebrato in tutto il mondo antico come simbolo di rinascita della vita,  perciò è più che giusto che in occasione delle festività natalizie compiamo un rito di ritorno alla vita, andando in giro a piantar querce. In tal modo onoreremo la vita che ritorna, e potremo approfittarne  per abbracciare i grandi alberi e la natura che è  matrice universale. In questo momento di obbrobrio consumista  che accelera la distruzione del pianeta, attraverso il taglio indiscriminato di alberi, anche con la scusa religiosa  addobbando un albero tagliato di fresco con palle di plastica e luminarie finte,  più che un “natale” potremmo definirlo un “mortale”  esempio di ipocrisia e strumentalizzazione della vera tradizione ecologista e spirituale.  – Continua:  http://www.circolovegetarianocalcata.it/2012/12/16/appello-ecologista-per-il-natale-2012-%E2%80%93-no-alla-strage-di-alberi-andiamo-invece-in-giro-a-piantarli/ 

Commento  di Maurizio delle  Pasque Veronesi: “Per favore, siccome non condivido nulla né del cosiddetto ecologismo, né dell'ambientalismo neopagano e, per di più, mi piacciono molto le fiorentine, nel senso (anche) di bistecche, Le sarei grato se cessasse d'inviarmi sue comunicazioni. AugurandoLe un Santo Natale in Domino nostro Jesu Christo”

Commento di Mirella: “Farò sicuramente, almeno simbolicamente, quello che consigli quando sarò, per la fine dell'anno, in un luogo dove, cent'anni fa, venne alla luce mia madre, ed ancor prima sua madre e la madre della madre...”

Perché aspettare il 21.12.12? Il cambiamento è già iniziato – Scrive Franca Chichi: “Tutto sta già accadendo da tempo a livello geomagnetico terrestre e individuale a vari livelli, basta guardarsi intorno , guardare come scorre la propria vita e guardarsi dentro... siamo gli stessi di sempre? Tutto intorno a noi... le persone... le cose... gli avvenimenti... sono quelli di sempre? Ciò che è importante per me è essere in pace con la mia coscienza e interagire con il mondo al meglio che posso, cercando di comprendere e fare sempre un po' di più. E' vero, facciamo tutti parte dell'Unicum Divino della Creazione, Tutti collegati... ma per moltissimi, in questo sfruttato ma ancora bellissimo pianeta le parole contano poco,  conta la fatica quotidiana DI VIVERE, che portano avanti con infinita dignità e ringraziando ogni giorno per quel che hanno...” – Continua:  http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2012/12/perche-aspettare-il-211212-il.html

Spremitura dei polli, per legge! – Scrive Daniela Ferro: “Tra le novità di maggiore rilievo per imprenditori, commercianti e professionisti derivanti dall’approvazione del decreto Sviluppo bis c’è l’obbligo di accettare il pagamento con bancomat da parte dei clienti. Obbligo che riguarda qualsiasi acquisto di qualunque entità e che scatterà dal 1° gennaio 2014. Cade quindi il tetto dei 50 euro inizialmente ipotizzato, dovranno essere accettati i pagamenti con bancomat anche di piccoli importi. L’obiettivo della misura è quello di favorire i pagamenti tracciabili, come quelli elettronici, nell’ottica di combattere l’evasione fiscale.” – Continua: http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2012/12/decreto-sviluppo-bis-alcune-novita.html

Roma economica – Scrive Agricoltura Coraggio: “Scriviamo per promuovere la tavola rotonda che si svolgerà lunedì 17 dicembre, alla Città dell'Altra Economia, Testaccio, dalle ore 16.00. L'iniziativa, per volontà del sindacato, vorrebbe porsi in continuità con gli incontri seminariali. Info. agricoltura.coraggio@gmail.com”

Siria – Scrive G.V: L'armamento cinese costringerà per forza di cose gli USA a lasciar stare la questione mediterranea (SIRIA in primis) per garantirsi la copertura sul Pacifico. Ciò significa anche un alleggerimento della copertura ad Israele, il quale è già stato più volte preavvisato a NON fare atti inconsulti. NOI VEDIAMO positivamente la faccenda. Anche perchè, una riduzione del PRESSING USA sull'UE potrebbe comportare il fallimento di governi tipo MONTI o altri asserviti al sistema"

Dagli al Grillo -  A commento dell’articolo http://www.circolovegetarianocalcata.it/2012/12/15/m5s-se-il-casaleggio-olet-cresce-la-fronda-interna-contro-la-gestione-verticistica-del-m5s/  scrive Francesco: “Non ho letto tutto il vostro messaggio: mi è bastata l'introduzione con cui vi unite al gruppone dei "Dagli a Grillo". Io che non sono grillino ma semplicemente comunista ho subito colto la vostra superficialità nel giudicare negativamente l'ultimo Grillo che ha espulso i due Salsi e Favia. Questi ora stanno prestandosi a una campagna contro Grillo e  il movimento/ partito 5 stelle che dire vergognosa è eufemistico. Se il principio che si era  dato quel movimento era  quello di non partecipare ai talk show perchè, come principianti della politica, si sarebbe  risultati  perdenti e, consentitemi , un po vuoti e impreparati,  si faceva   il gioco di chi, il movimento,  lo teme come la peste. E la decisione di non andarci era saggia e intelligente, basta vedere i due reprobi che servizio stanno rendendo a quelli che dovevano essere considerati avversari se non nemici (la  Salsi dalla Kruber, notoriamente PD, che si presta al suo gioco nello smantellare il movimento. Per non farla lunga non mi interessa la vostra rubrica se dimostra di essere così ingenua…”

Mia rispostina: “Caro Francesco, non abbiamo una precisa opinione sul Grillo e sui grillini, se tu avessi letto tutti gli interventi che sono stai fatti sul tema non avresti detto le stesse cose che ora mi dici. Tra l'altro sono alquanto d'accordo con quanto da te espresso, personalmente, ma il nostro Giornaletto è un organo superpartes con varie anime... siccome non abbiamo una precisa posizione ideologica diamo spazio a vari pareri, purché motivati ed espressi con correttezza. Ciao e grazie per aver scritto”

E adesso, pover toso? – Scrive Fabrizio Belloni: “Hanno fregato Pier Luigi Bersani. Le cosiddette primarie gli avevano fatto sorridere la pelata ed il sigaro: “il padrone sono me, soccia!”, (non arriva a capire che è la marionetta di D’Alema, proprio non ci arriva). In più il Silvio da Arcore annuncia che scende (ri-ri-ri…..) in campo. E vai!,  pensa il trinariciuto, abbiamo qualcosa da dire, qualcosa che copra le pudenda, altrimenti la nudità svelerebbe il nulla.  Tant’è vero che annuncia, con un sorriso da orecchio ad orecchio: “non farò campagna elettorale contro Berlusconi”. Excusatio non petita, accusatio manifesta, dicevano i saggi Latini; una scusa non sollecitata è un’auto accusa palese. Poi è successo il patatrac. A Bruxelles lo hanno fregato: fibrillazione da scala Mercalli, tsùnami violento: hanno deciso di candidare Monti nel centro-destra…” – Continua: http://paolodarpini.blogspot.it/2012/12/il-monti-sachs-ha-fregato-pier-luigi-e.html

USA. Il collasso che pende – Scrive Michail Gorbaciov: “Metto in guardia gli Stati Uniti da un imminente collasso, come quello subito dall’Unione Sovietica, se Washington persisterà con le sue politiche egemoniche. La disintegrazione dell’Unione Sovietica fu l’espiazione degli errori commessi e la stessa sorte toccherà gli Stati Uniti se questi ultimi non cercheranno di cambiare rotta. L’Unione Sovietica venne sciolta formalmente dal Soviet Supremo, il 26 dicembre 1991, portando alla fine della Guerra fredda. Con il suo scioglimento, le 15 repubbliche che la formavano divennero indipendenti.”

Critica ad USA - Scrive M.B.: "Gli Stati Uniti d’America sono una società infantile e degradata con innate tendenze criminali. Gli americani, miscuglio etnico e antropologico strampalato, vivono immersi  nei miti deviati e ingigantiti  del successo, del predominio, di una missione (ovvero una sopraffazione) da compiere. Una accanto all’altra c’è l’opulenza e l’indigenza. La classe dirigente è una espressione gangsterica determinata dalla truffa delle elezioni democratiche. In questo contesto, nulla di strano che 18 milioni di ebrei, i soli che lì hanno mantenuto tradizioni e peculiarità loro proprie, la fanno da padroni. Non a caso nascono in America i fumetti e poi i film con i Super eroi.  Per la stessa ragione molti, invece, si immedesimano nel “cattivo”, si mettono la sua maschera e compiono una strage.  Insomma un popolo di frustrati, continuamente sotto pressione, dove ogni tanto qualcuno da fuori di testa. Non ci sarebbe neppure da considerarli, se non fosse che è da un secolo che hanno in mano una potenza industriale e tecnologica enorme e un arsenale militare immenso con il quale hanno potuto compiere orrendi crimini in tutto il pianeta, compreso in casa loro dove non hanno mai avuto scrupolo ad ammazzare concittadini per realizzare qualche false flag. Purtroppo accade  che dove loro arrivano portano il vizio, la droga, la coca cola e la corruzione, quindi la loro way of life americana e nel giro di pochi anni si diventa tutti americani”

Liberarsi dall’illusione religiosa – Scrive Rutilio Sermonti: “Il discorso religioso si presenta come il più difficile da affrontare, dati i due significati completamente diversi che alla religione vengono attribuiti. Il primo è la convinzione profonda dell’esistenza di una legge superiore, mirabilmente coerente e che regola tutto l’universo. A tale legge nessuno può sottrarsi per effetto dell’ingegno umano. Esso quindi, per quella limitata possibilità di scelta che appare essergli concessa, altro non può che sforzarsi di pensare e agire conformemente a quella legge, per quanto i maggiori maestri possano apprenderne, osservando la natura che li circonda e di cui loro stessi fanno parte (conosci te stesso)…” – Continua: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2012/12/il-monopolio-dellal-di-la-e-la.html 

Mais OGM a Roma – A commento dell’articolo http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2012/12/agro-romano-infestato-da-coltivazioni.html  scrive Roberto: “Informatevi sull'introduzione dell'amaranto, pianta che contrasta il mais geneticamente modificato infestando e rendendo improduttive quelle coltivazioni. I semi si trovano attraverso la rete”

Animali ed animali – Scrive Lia Guizzardi: “Il Ministro Brambilla è riuscita, col suo "strano senso di amore per gli animali" a far passare 2 leggi assurde: 1) dal 27 dicembre scatterà la "omissione di soccorso" qualora qualcuno investa un animale e non si fermi a soccorrerlo.... Per senso mio personale cmq mi fermerei,  ma far rientrare la mancanza di ciò nel codice penale mi sembra assurdo, anche perché vorrei rovesciare la medaglia... l'animale non conosce le regole umane, attraversa la strada quando vuole e senza guardare se è imminente l'arrivo di un mezzo, non sa utilizzare le striscie ed i semafori pedonali. Se il suo comportamento privo di regole umane causa un incidente che provoca a me un danno fisico o uno materiale.. chi me lo risarcisce? Le regole che disciplinano il comportamento fra 2 soggetti non possono prevedere di regolare solo il comportamento di 1 soggetto!” – Continua con mio commento aggiunto: http://retedellereti.blogspot.it/2012/12/animali-da-compagnia-e-animali-da.html

 Pure oggi possiamo salutarci qui, ciao, Paolo/Saul

…………………

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:
“Accusare gli altri delle proprie disgrazie è conseguenza della nostra ignoranza; accusare se stessi significa cominciare a capire; non accusare né sé, né gli altri, questa è vera saggezza.” (Epitteto)

Nessun commento:

Posta un commento