Saul Arpino ritorna…


Avete visto quella faccia della foto in vetrina… chi è quello, sono forse io?
Potrei dire di sì ed anche di no…. Sono io per le convenzioni del mondo, non sono io perché l’io non può essere fissato ad un’immagine momentanea e mutevole.
Quell’io che vedete è un attore che recita in una commedia, in un certo senso non ha nome né forma precisa, come tutti gli attori che possono interpretare vari ruoli.
Ma il mio vero “io” non si manifesta solo nei ruoli ma nella sceneggiatura, nei costumi, nelle parti comprimarie, nella musica, nella regia, nelle luci, negli spettatori… eccetera…


Volendo però dargli un nome chiamerò quell’io Saul Arpino. Un nome inventato? Forse sì e forse no.. il nome potrebbe esistere od avrebbe potuto esistere… mio nonno –ad esempio- avrebbe potuto chiamarsi così… poi per motivi banali, di sopravvivenza bruta, prese a chiamarsi Paolo D’Arpini… ed io voglio seguire il suo esempio -ma al contrario- cambio nome e divento Saul Arpino, perlomeno su questo blog.


A proposito di blog… sentivo il desiderio di crearmi un piccolo palcoscenico sul quale recitare alcune parti che non mi sono consentite in altri spazi. Da questo luogo, che forse mi riporta indietro nel tempo, un ritorno ai dinosauri del passato remoto oppure verso un avanti sconosciuto, non so, mi prenderò la libertà di raccontare e mostrare agli accorti lettori alcune segrete immagini dell’essere… di quel che io sono o non sono, descrivibile o indescrivibile…..


Vostro affezionato, Saul Arpino.

lunedì 17 ottobre 2016

Il Giornaletto di Saul del 18 ottobre 2016 – Verità sconosciuta, democrazia autonoma, investimenti “sicuri”, semantica del bioregionalismo, Aleppo e Mosul, dal matto al bagatto...


Risultati immagini per verità sconosciuta

Care, cari, ma noi da che parte stiamo? - “A proposito di quanto sta accadendo a livello mondiale per quanto riguarda la politica, leggo questo pensiero poetico del Giornaletto di Saul Arpino che trovo illuminante: "Quando mi trovo davanti ad una realtà conclamata mi sorge sempre il dubbio che la verità sia un'altra" (Charles Darwin). E allora ecco che penso alle tante notizie che arrivano da più parti. Penso ai 140 soldati italiani "spediti al fronte" ridicolo, perché farebbero il solletico alla Russia... penso al fronte del SI nel nostro referendum (pardon... nel referendum voluto da un pugno di persone della casta). Penso alle tante bugie che vengono svelate sulle dichiarazioni di chi dovrebbe governare. Poi penso ad un colosso come gli USA e ai burattini che vengono manovrati dalle eminenze grigie per essere sbattuti in prima pagina mondiale, penso agli argomenti che vengono dibattuti in mondovisione, dove ci si espone al pubblico ludibrio per i tanti pruriti diretti o indotti. Ecco che la verità non si sa più dove sta. Ma noi, da che parte stiamo?” (Franca Oberti)

Democrazia autonoma renziana – Scrive Vincenzo Zamboni: “...dopo una adeguata campagna massmediatica orwelliangoebblesiana sui costi della politica, sulla riduzione dei parlamentari, sul rinnovamento (curioso, anche il progetto golpista P2 impiegava questa parola: rinnovamento democratico....), tutto condito di fiumi di nauseante retorica falsa e bugiarda si sforna un progetto di presunto nuovo titolo V che prevede di non farvi più votare i senatori, di vendere i beni pubblici proprietà delle amministrazioni locali (cosa non si fa pur di far cassa...), di poter dichiarare guerra con un solo voto della Camera dei deputati, e che nomina ben 12 volte l'Unione Europea, specificando che la legislazione italiana si dovrà conformare alle indicazioni dell'Unione mai eletta da nessuno (si spera ricordiate tutti il macabro particolare che l'europarlamento è finto, poiché non ha potere legislativo, avocato dalle commissioni di nominati, cioè mai eletti da nessuno, che uniscono dunque i poteri esecutivo e legislativo in una sorta di junta golpista militare, salvo il dettaglio che invece dei carri armati ci sono i banchieri)... (Vincenzo Zamboni) – Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2016/10/17/democrazia-autonoma-renziana-dalla-citta%E2%80%99-alla-vomitodeforma/

Commento di Mina Giuliodori: “La sicurezza dei diritti e delle libertà di ognuno risiede nella stabilità della Costituzione, nella certezza che essa non è alla mercé della maggioranza del momento, e resta la fonte di legittimazione e di limitazione di tutti i poteri". Manifesto dei Valori del Partito Democratico, approvato il 16 febbraio 2008”

Riforme bugia - Scrive Giorgio Mauri: "Alla Costituzionalista Lorenza Carlassare basta poco più di un minuto per distruggere la riforma di Renzi !! Breve video tutto da vedere: https://www.youtube.com/watch?time_continue=16&v=ONnpAHZvZnI - E' esattamente l'assurdità di una sfacciata manovra di casta che soltanto dei malati di mente e con un po' di paura potevano proporre. E' vergognoso che i media tifino per il sì senza specificare questa abnorme e sfacciata idiozia. E' MAFIOSO che i poteri forti, a iniziare dall'alta finanza, dalla Merkel etc. (notate che la stampa americana non sottoscrive la manovra di Renzi), si schierino a favore del sì, ma è incivile che la gente comune non sappia quasi niente e venga abbindolata addirittura con la minaccia della catastrofe qualora vinca il no...."

Investimenti sicuri (per le banche) – Scrive Emanuele Bellano: “*In banca è sempre più facile trovare il promoter finanziario che propone diamanti come investimento sicuro, sono considerati bene rifugio per eccellenza. Non tutte le banche però ci dicono che il prezzo che paghiamo per acquistare il diamante è il doppio del valore di mercato. Quanto sono trasparenti e sicuri questi investimenti?...” - Continua: http://paolodarpini.blogspot.it/2016/10/consigli-bancari-su-investimenti-sicuri.html

Attenti a K.hillary – Scrive Salvatore Santoru: “L'accusa di Craig Roberts: 'L'oligarchia dominante vuole usare la Clinton per dichiarare guerra alla Russia' In un recente articolo sul sito di sinistra radicale statunitense "Counterpunch", tradotto in italiano da "Voci dall'Estero", Craig Roberts ha commentato criticamente la campagna presidenziale statunitense sostenendo che in essa non si parli del reale problema rappresentato da un possibile deterioramento dei rapporti tra gli USA e la Russia. Il giornalista ha sostenuto che ciò può essere possibile in caso di vittoria di hillary clinton, la quale potrebbe venir utilizzata dai gruppi di potere dominanti per rafforzare l'imperialismo statunitense e portare a uno scontro con la Russia...”

Semantica del bioregionalismo – Scrive Edoardo Zarelli: “(...) ...Proprio negli Stati Uniti, dove più evidenti e futuribili sono le contraddizioni del modello di sviluppo occidentale, un nutrito gruppo di ecologisti dai nomi misconosciuti in Europa come Wendel Berry, Gary Snyder, Kirkpatrick Sale, sono iscrivibili nell’ambito del movimento bioregionalista. La parola stessa, bioregione, è da noi quasi sconosciuta, citata da qualche avvertito articolista in ambiti minoritari ed ecologisti, dove comunque non ha trovato spazio adeguato né come concettualizzazione, né – il che è più grave – come prassi...” - Continua: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2015/10/semantica-del-bioregionalismo-e.html

Castelfidardo. Incontriamoci tra le righe – Scrive Maria Lampa: “20 ottobre 2016, ore 21.00, al KLASS HOTEL di Castelfidardo (S.S. 16 km 317. via Adriatica, 22). Giuseppe Donghi ci racconterà quando ha incontrato il disegno, la pittura, fino a fare dell'arte lo scopo della sua vita. Si soffermerà sul valore dell'arte figurativa (pittura, scultura, fotografia) quale espressione comunicativa. Info. info@marialampa.it.

In memoria di Dario Fo – Scrive Roberto: "Ho pianto... si ho pianto la scomparsa di un grande padre laico, forse l'ultimo della sua generazione, lo so, lui vorrebbe vedere le persone ridere come ha sempre fatto nella sua interessantissima vita, ma a me purtroppo capita spesso di piangere in questo periodo e non mi vergogno a dirlo... - Continua con alcune poesie di Luigi Caroli dedicate a Dario Fo: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2016/10/17/dedicato-a-dario-fo/

Salvare il mondo dalla diffusione del male – Scrive Marco Bracci a commento dell'articolo https://circolovegetarianotreia.wordpress.com/2016/10/16/salvare-il-mondo-dalla-diffusione-del-male-assoluto-tale-e-la-missione-globale-e-il-destino-della-nazione-russa/ -: “Bellissimo articolo, che mi richiama un mio vecchio articolo (la storia del potere) riguardante le due correnti gesuitiche dei bianchi e dei neri, ovvero delle colombe (attivi in Russia) e dei falchi (attivi in USA & Co). Distrutti e soggiogati i ghibellini, i vincitori di allora si contendono oggi la supremazia mondiale usando come scudo le fonti energetiche, ma in realtà tenendo ben alto il vessillo dell’ideologia...”

Il cervello anarchico. Recensione – Scrive Renata Rusca Zargar: “Sin dalle prime pagine, "Il Cervello Anarchico" di Enzo Soresi, risulta estremamente attrattivo, nonostante sia scritto da un medico chirurgo, specialista in anatomia patologica, e oncologia clinica. Il nostro cervello, infatti, soggetto del testo –che non voglio chiamare saggio- è molto intrigante e, soprattutto, è ciò che guida il corpo e persino l’anima. Anzi, la dicotomia anima-corpo non esiste, noi siamo un corpo con un mondo dentro, che risponde in modo diverso dagli altri agli stimoli....” - Continua: http://retedellereti.blogspot.it/2016/10/il-cervello-anarchico-di-enzo-soresi.html

Tribù di Cupra – Scrive Beatrice Andre: “Questa volta è la buona: questa settimana, il mio documento su la Tribù di Cupra sarà diffuso sulla Rai, Radio 3: http://www.radio3.rai.it/dl/radio3/programmi/PublishingBlock-0bf7de77-5620-45d6-b747-4fcd6edd244a.html - La programmazione sarà ogni giorno fino al 21 ottobre, dalle ore 19 e 30 alle 20.00, a puntate. Info. beatricempandre@gmail.com”

Aleppo e Mosul – Scrive Vincenzo Mannello: “...l’ipocrisia dei media occidentali non conosce limiti. Questa la prima sensazione che ho provato nel vedere le immagini dell’inizio offensiva per “liberare” Mosul dalla occupazione dell’Isis di Al Baghdadi. Ancor più acuita dai commenti degli inviati radiotelevisivi e della carta stampata sulla epicità dell’impresa. L’esercito iracheno, appoggiato dagli alleati delle milizie sciite, dai peshmerga curdi, dagli americani, dagli inglesi, dai francesi e pure dagli italiani (in caso di “bisogno”) ha iniziato il bombardamento delle postazioni del Califfo...” - Continua: http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2016/10/ipocrisia-su-aleppo-e-mosul-e-la-grande.html

Roma. No Renzi Day – Scrive Comitato No War: “NoRenziDay a Roma, piazza San Giovanni, 21-22 ottobre: NO a Renzi, NO alla sua riforma, NO alle sue guerre. Ci saranno due dibattiti, uno sullo stravolgimento renziano della Costituzione e uno sulla dittatura dell'Unione Europea. La sera del 21 un concerto con ben 7 complessi poi il 22 ottobre il corteo alle 14.30, da piazza San Giovanni a piazza Campo de' Fiori...”

Dal Matto al Bagatto... – Scrive Angela Braghin: “Possiamo cominciare a pensare al "fuoco purificatore" .... Dal "Caos sessuale" si può passare all'energia psichica, tramite l'Intelligenza. Ovvero da una mera finalità generativa, il sesso diventa fonte "creativa" ed è per questo che parlo di "fuoco" in questo caso che sprigiona energia nell'uomo e nella donna (e tanto più il sesso è fondamentale per uno scambio energetico) ed ecco il passaggio dalla "morte alla nascita". E' il "passaggio" dal Matto al Bagatto in cui la figura del "Matto" che si "risveglia" Bagatto (o Mago)...” - Continua: http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2016/10/dal-matto-al-bagatto-dal-caos-alla.html

Oggi dovrebbe essere finita la quarantena su FB, per cui il Giornaletto riprende ad essere pubblicato anche lì: https://www.facebook.com/groups/171694546355215/?ref=group_browse_new – Ciao, Paolo/Saul

…............................

Pensieri poetici del dopo Giornaletto:

“Un uomo che reprime sarà inevitabilmente infelice, poiché tutto ciò che ha represso si dibatterà, lotterà dentro di lui per riaffiorare, per riconquistare potenza.” (Osho)

….................

"Ogni conoscenza è vana se non c'è l'azione, e ogni azione è vana se non c'è l'amore" (Kahlil Gibran)




Nessun commento:

Posta un commento