Saul Arpino ritorna…


Avete visto quella faccia della foto in vetrina… chi è quello, sono forse io?
Potrei dire di sì ed anche di no…. Sono io per le convenzioni del mondo, non sono io perché l’io non può essere fissato ad un’immagine momentanea e mutevole.
Quell’io che vedete è un attore che recita in una commedia, in un certo senso non ha nome né forma precisa, come tutti gli attori che possono interpretare vari ruoli.
Ma il mio vero “io” non si manifesta solo nei ruoli ma nella sceneggiatura, nei costumi, nelle parti comprimarie, nella musica, nella regia, nelle luci, negli spettatori… eccetera…


Volendo però dargli un nome chiamerò quell’io Saul Arpino. Un nome inventato? Forse sì e forse no.. il nome potrebbe esistere od avrebbe potuto esistere… mio nonno –ad esempio- avrebbe potuto chiamarsi così… poi per motivi banali, di sopravvivenza bruta, prese a chiamarsi Paolo D’Arpini… ed io voglio seguire il suo esempio -ma al contrario- cambio nome e divento Saul Arpino, perlomeno su questo blog.


A proposito di blog… sentivo il desiderio di crearmi un piccolo palcoscenico sul quale recitare alcune parti che non mi sono consentite in altri spazi. Da questo luogo, che forse mi riporta indietro nel tempo, un ritorno ai dinosauri del passato remoto oppure verso un avanti sconosciuto, non so, mi prenderò la libertà di raccontare e mostrare agli accorti lettori alcune segrete immagini dell’essere… di quel che io sono o non sono, descrivibile o indescrivibile…..


Vostro affezionato, Saul Arpino.

domenica 6 gennaio 2013

Il Giornaletto di Saul del 6 gennaio 2013 – Epifania e le belle d’inverno, presenza bioregionale, Gesù nella storia, sommosse in vista, alta finanza…


Gruppetto di befane davanti al caminetto di Treia

Care, cari,

Riciclaggio della memoria – Riciclo una vecchia storia epifanica su Holle e le sorelle vissuta a Calcata diversi anni fa:  Epifania e memoria fantasy. Ecco le Belle che mi piacerebbe incontrare la dodicesima notte…. Invece di immaginare una vecchiaccia che scende dal camino a portare carbonella e fuliggine, pensai ad una “sfilata delle befane”, tutte  belle e sane! Così per diversi anni a Calcata abbiamo festeggiato con queste  tradizioni. Da quando venni ad abitare in questa valle che mi venne l’ispirazione di ripristinare la festa pagana chiamata “Befana”. La feci rivivere come una processione di donne in costume, tutte bellissime, sia pur mascherate e vestite di stracci per non farsi riconoscere dal volgo ignorante. Queste belle donne scendevano dal piano del paese nuovo sino al vallone del paese vecchio, dove…- Continua: 

Intoppi elettrici – Scrive P. B.: “Stamattina controllo al campo fotovoltaico da venti kilowatt, tutte le previsioni negative sullo stato della rete si stanno avverando, l'inverter siemens trifase segnala continui errori di frequenza in rete sia in sopra che in sotto frequenza. la rete sotto all'attacco delle rinnovabili che spingono energia all'indietro quando tutto è progettato per andare all'avanti, dalla centrale di generazione agli utenti, rischia il collasso. Il gestore della rete è purtroppo la multi-inutility Hera che ha potuto acquistare rete e clienti come al mercato delle vacche grazie al permesso del comune. Hera è un elefante zoppo, un colosso dai piedi di argilla, si limita alla gestione ordinaria della rete e non fa investimenti, come del resto pure Enel che in alcune zone del nostro appennino garantisce l'allacciamento degli impianti fotovoltaici in 48 ore perché non c'è portata nelle linee e non hanno in previsione investimenti per potenziarle.”

Cogito ergo sum – Scrive Fabrizio Belloni: “Cose incomprensibili ma descrivibili. Certe cose non le capisco. E quando non capisco, divento nervoso. Brutto segno. Saluti epifanici a tutti da un sovversivo durante la settimana, eversivo la domenica… E veniamo alla “madre di tutta le incomprensioni”. Nessuno ha il coraggio di dire che siamo servi a casa nostra. Anche la Grande Germania ed il Giappone hanno perso la Guerra (forse: se ne potrebbe parlare a lungo. Mi piacerebbe essere qui tra un secolo: mi toglierei molte soddisfazioni), ma non sono così “occupati”. Lo ribadisco ogni volta che posso. Se vogliamo rinascere dobbiamo cacciare dall’Italia e dall’Europa la Goldman Sachs e le altre finanziarie di “quelli là”. Ed anche gli yankee, loro braccio armato. Badate alla sequenza logica. La nostra sovranità è sottomessa al volere del Governo SUA. Il Governo Sua è condizionato dalla Federal Reserve. La Federal Reserve è posseduta da dieci banche private. Di dieci, nove sono ebree.” – Continua: http://paolodarpini.blogspot.it/2013/01/su-chi-possiede-gli-usa-ed-il-mondo.html

Roma.  Assemblea paesistica – Scrive Salviamo il Paesaggio: “Amici, intanto buon anno a tutti e speriamo che sia un anno di vittorie per le nostre battaglie comuni. Ci prepariamo alla nuova assemblea pubblica del Coordinamento Roma e provincia del Forum Salviamo il Paesaggio che si terrà il 18 gennaio dalle 16,30 presso l'Acquario romano di Piazza Manfredo Fanti: abbiamo un intenso ordine del giorno da discutere insieme. La riunione preparatoria è fissata per l'11 pomeriggio dalle 15 al Cinema America Occupato con gli amici di Ri_pubblica. Partecipate: sono molte le cose da fare e le scadenze che ci attendono. Info. salviamoilpaesaggio.roma.prov@gmail.com

Barletta. Daini in abbattimento - Scrive Neesema: "La Provincia di Barletta-Andria-Trani non è  riuscita a dare in adozione nemmeno uno dei daini  ospitati nell’azienda agricola Papparicotta,  sulla strada che collega Andria a Canosa. E ora sceglie di abbatterli"

Sull’attuazione e sulla presenza nel percorso bioregionale – Scrive D.V.: “Caro Paolo, esemplifico perché tu possa comprendere meglio il mio punto di vista, quindi la posizione. Dopo essere stato con voi l'ultimo dell'anno, sono passato dalla mia amica Silvana, anche lei facente parte del Gruppo CAMPO DI GRANO (ve ne ho parlato, ricordi?) e la cui esperienza di vita tu non esiteresti a definire "bioregionale". A Silvana ho chiaramente parlato di voi, del nostro incontro e del bioregionalismo e ieri sera è passata di qua a ritirare del materiale che le avevo preparato in merito stampato su internet (la definizione che del Bioregionlismo da Wikipedia, il manifesto della rete e le tue note autobiografiche) e tutto ciò in vista della riunione di marzo del suddetto Gruppo nella prospettiva, da me vagheggiata e caldeggiata, che tu potessi partecipare e illustrare a tutti cos'è il Bioregionalismo (ve ne avrei parlato quando sareste venuti da me). A che pro?..” – Continua con mia risposta:

Roma vegetariana – Scrive AVA: “Giovedì 10 gennaio 2013 presso la sede AVA in piazza Asti 5/a, alle ore 17,30, conferenza della Dr.ssa Michela Troiani, Biologa Nutrizionista, sul tema: DANNI DA ZUCCHERI E ALIMENTI INDUSTRIALI. Come difendersi da zuccheri raffinati e alimenti industriali responsabili di moltissime patologie moderne. Info. vegetarianiroma@fastwenet.it

Giornaletto – Scrive C.C.: “Paolo – ora, convertito sulla via di Damasco-  a parte il tono semi serio, è proprio uno “tosto”, anche se fa finta di essere mollo …ma, come dicono i cinesi, i giunchi si piegano al vento ma non si spezzano … e poi, anche grazie alla sua intelligenza ed alle sue esperienze, la sa molto lunga (nel senso buono, ovviamente)

Montespertoli (Fi). Sviluppo sostenibile  - Scrive Gruppo guida Transition Town: “ A Montespertoli (Fi) "Idee e proposte per un futuro sostenibile. Sabato 12 gennaio 2013 - ore 9.00\18.00 Programma: http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2013/01/12-gennaio-2013-montespertoli-fi-futuro.html

Previsioni fosche - Scrive Mauro Meneghini: "Povertà e ribellioni in arrivo per l’Europa. Il capo della Croce Rossa internazionale avverte di possibili sommosse popolari tipo “Primavera araba”. Il comitato internazionale della Croce Rossa (IKRK) riunitosi martedì ha dichiarato che i collaboratori ed esperti di zone di conflitto e di guerra dell’organizzazione nei prossimi tempi dovranno concentrarsi sull’Europa"

Il Gesù di Nazareth  nella  storia -  Scrive Emilio Salsi nel suo libro La risposta della storia al Gesù di Nazaret di Joseph Ratzinger: “Il concilio di Nicea del 325 d.C. fu voluto, come Pontefice Massimo, dall'Imperatore Costantino per tenere unito l'Impero Romano aggregando le variegate componenti etniche e religiose in un'unica civiltà, identificata in un'unica fede e cultura, valore da difendere, e poter far fronte alla pressione dei barbari che, dai confini, minacciavano la grandezza di Roma. Il Cristianesimo derivò dalla fusione, in un'unica dottrina, di concetti teologici provenienti da filosofie diverse, preesistenti, fra cui i mitologici semidei "Salvatori" pagani e fu "incarnato" in un uomo, vero, il "Salvatore" universale, unico.…..” – Continua:  http://www.circolovegetarianocalcata.it/2013/01/05/emilio-salsi-ecco-la-risposta-della-storia-al-gesu-di-nazaret-di-joseph-ratzinger/ 

Arabia Saudita. Polizia bigotta ed assassina - Scrive BBC: "Saudi Arabia's religious police stopped schoolgirls from leaving a blazing building because they were not wearing correct Islamic dress, according to Saudi newspapers. In a rare criticism of the kingdom's powerful "mutaween" police, the Saudi media has accused them of hindering attempts to save 15 girls who died in the fire on Monday"

Cenacolo artistico - Scrive Fausto Carotenuto: "Care amiche ed amici, il 13 gennaio si terrà a Castel Giorgio presso la Locanda della Quercia Calante di Castel Giorgio di Orvieto (0763 627199). il nostro primo Cenacolo sull’Arte. E’ una riunione importante, nella quale “conteremo” le nostre forze per il lancio di iniziative successive. Siamo in un momento nel quale oscure forze della materia si stanno impossessando di tutti i settori, con lo strumento della finanza. Dobbiamo reagire... e l’Arte è lo strumento operativo di avanguardia della Coscienza"

Notiziole di alta finanza – Scrive Luigi Caroli: “Detto della finanza nostrana, non è che negli USA abbondino le verginelle. JP MORGAN: maggior banca americana per numero - 90 milioni - di clienti, ha perso 4 miliardi di dollari in quattro settimane. Un grosso dirigente aveva puntato... grosso. A pagare sono stati i piccoli azionisti. FACEBOOK: quotata 100 all'esordio in borsa, dopo 3 mesi era scesa a 45. Gli azionisti creduloni (il cow-park) hanno perso 50 miliardi di dollari ma... si sono consolati cinguettando fra di loro. La FINANZA MONDIALE non guadagna più aiutando i produttori ma prospera sul FASULLO, sul GONFIATO, sul SOGNO. Le nostre pensionate da 600 euro al mese ne giocano 400 alle macchinette. Nei pressi di PIAZZA FIRENZE hanno appena aperto - distanti 150 metri - TRE NUOVE SALE GIOCO. CHI SONO I COLPEVOLI?...” continua a tono ed a modo debito:

Attenzione alla fioritura - Scrive Franco Farina: "Ciò a cui dai attenzione prende forma.. Per esempio dando attenzione ad episodi od esperienze passate esse appaiono nel presente come immagini mentali o emozioni e sensazioni. Se diamo attenzione al futuro ci immaginiamo cose future in qualche forma le creiamo prima nella mente e poi facendo, le possiamo creare anche nell'’ambiente. E’ come se il tuo flusso di attenzione rendesse la cosa che pensi più solida e reale. Non è vero? Penso che puoi notare varie esperienze del genere nella tua vita di tutti i giorni. Bene, diamo attenzione alle cose che ci portano a fiorire e prosperare"

Rapporto uomo-animali ed implicazioni socio-economiche– Scrive Caterina Regazzi: “Anni fa, quando incontravo classi di alunni delle scuole elementari per parlare di animali domestici  ero solita incominciare “classificando” gli animali domestici in animali da reddito ed animali da affezione e sul diverso “uso” che si fa, noi umani, di queste due categorie di animali, dato che sempre di “uso” si tratta. Nei loro riguardi  si può facilmente notare il diverso atteggiamento dell’uomo di oggi:  gli animali d'affezione o  pets spesso sono considerati e  trattati come veri e propri membri della famiglia, quando non sono  sostituti di figli, amici o compagni non avuti o forse non abbastanza amati. Vivono all'interno delle nostre case, sono oggetto di cure, premure ed attenzioni come forse a volte non ce l'hanno nemmeno i nostri anziani, rispettati ed amati nelle culture arcaiche e spesso oggi dimenticati…..” – Continua: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2013/01/bioregionalismo-rapporto-uomo-animali.html

Anche oggi non se ne può più… per fortuna abbiamo chiuso! Ciao, Paolo/Saul

………………….

Pensieri poetici (amorosi) del dopo Giornaletto:

“Amarsi è un bel passatempo. Non un passatempo del fare ma dell’essere. Così ha detto la mia amata, abbracciata a me nel letto del nostro amore.
Caterina. Quando avevo meno anni e più paure riempivo la mia vita di desideri. Ora che gli anni son tanti e le paure poche anche i desideri se ne sono andati. Uno solo resta: quello di te!” (Paolo)

“Paolo. Amare te è abbandonarsi e lasciarsi cullare come in estate quando mi abbandono sul pelo dell’acqua del mare” (Caterina) 

Nessun commento:

Posta un commento