Saul Arpino ritorna…


Avete visto quella faccia della foto in vetrina… chi è quello, sono forse io?
Potrei dire di sì ed anche di no…. Sono io per le convenzioni del mondo, non sono io perché l’io non può essere fissato ad un’immagine momentanea e mutevole.
Quell’io che vedete è un attore che recita in una commedia, in un certo senso non ha nome né forma precisa, come tutti gli attori che possono interpretare vari ruoli.
Ma il mio vero “io” non si manifesta solo nei ruoli ma nella sceneggiatura, nei costumi, nelle parti comprimarie, nella musica, nella regia, nelle luci, negli spettatori… eccetera…


Volendo però dargli un nome chiamerò quell’io Saul Arpino. Un nome inventato? Forse sì e forse no.. il nome potrebbe esistere od avrebbe potuto esistere… mio nonno –ad esempio- avrebbe potuto chiamarsi così… poi per motivi banali, di sopravvivenza bruta, prese a chiamarsi Paolo D’Arpini… ed io voglio seguire il suo esempio -ma al contrario- cambio nome e divento Saul Arpino, perlomeno su questo blog.


A proposito di blog… sentivo il desiderio di crearmi un piccolo palcoscenico sul quale recitare alcune parti che non mi sono consentite in altri spazi. Da questo luogo, che forse mi riporta indietro nel tempo, un ritorno ai dinosauri del passato remoto oppure verso un avanti sconosciuto, non so, mi prenderò la libertà di raccontare e mostrare agli accorti lettori alcune segrete immagini dell’essere… di quel che io sono o non sono, descrivibile o indescrivibile…..


Vostro affezionato, Saul Arpino.

mercoledì 2 gennaio 2013

Il Giornaletto di Saul del 3 gennaio 2013 – Segare l’albero, Faenza per l’infanzia, wikipedia falsa, vangeli e storia, Europa, sostenibilità insostenibile….




Care, cari,

oggi è giovedì e ci saranno i consueti canti della sera a casa di Caterina. Alle 19.30 cena condivisa con il cibo vegetariano da ognuno portato, alle 20.30 iniziano i canti.

Lettera da Arunachala – Scrive Upahar: “Coglio l'occasione per augurare a voi Happy New Year, beloved friends.... dalla vasta bellezza di Arunachala, senza cima o fondo... certamente verremo alla Festa dei Precursori (alla fine di aprile 2013), se dio vuole ! Un grande abbraccio, ci sentiamo, a presto”

Segare l’albero, sul quale siamo seduti  – Scrive Andrea Bizzocchi: “Eravamo seduti al Mirador, da dove la vista si perdeva nell’infinito tutt’attorno a noi. Io stavo facendo ad Arnulfo alcune  domande ma lui pareva assente, quando d’improvviso mi guardò fisso negli occhi con un’intensità alla quale non sono  abituato e che devo ammettere mi provocò imbarazzo: “Come si può tagliare in cinque minuti un albero che ha impiegato  cento o duecento anni per crescere? La gente non capisce che c’è qualcosa di profondamente innaturale in tutto questo?” – Continua:   http://retedellereti.blogspot.it/2013/01/progresso-no-stiamo-segando-lalbero-sul.html

Amici delle nuvole – Scrive Adele Caprio: “Cari amici delle Nuvole,  come annunciato dagli antichi saggi di tutte le epoche siamo ufficialmente entrati in un nuovo ciclo di vita del pianeta. Anche Anne Givaudan nel suo ultimo messaggio dice che il cambiamento non ha poi  avuto le catastrofiche implicazioni che erano state profetizzate se l'umanità non avesse raggiunto una  massa critica sufficiente ad un passaggio quasi indolore... ora quello che ci viene richiesto è di rimboccarci  le maniche ed iniziare a costruire fattivamente la Nuova Era

Faenza per l’infanzia – Scrive Linda Maggiori: “Carissime/i, per iniziare questo nuovo anno con speranza e voglia di lottare, siete tutti invitati, (grandi e piccini) il 12 gennaio a Faenza, Museo delle Scienze Malmerendi, via Medaglie d'oro 51:  ore 16.30 Spettacolo burattini- ore 17 Convegno Difesa Latte Materno da Contaminanti ambientali (con testimonianze a da tutta Italia: Taranto, Roma, Venafro, Milano, Parma...) - ore 19.30 buffet biologico preparato dalle mamme del Gaaf – ore 20.30 proiezione del film documentario "Sporchi da morire".  Ingresso libero e gratuito… Continua: http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2013/01/12-gennaio-2013-faenza-per-linfanzia-e.html

Unione sospetta - Scrive paparatzy (su twitter): "Con gioia mi unisco a voi!"

Buone nuove politiche - Scrive Affari Italiani: "Il 2013 inizia nel migliore dei modi per Bersani. Il primo sondaggio del nuovo anno, realizzato da Nicola Piepoli a Capodanno  vede il Pd stabilmente in testa. Totale del Centrosinistra 42%. Il Popolo della Libertà è stabile al 17% (ecco quanto vale il nuovo partito di La Russa, Meloni e Crosetto). Balzo di Storace, Lega ferma. Deludente risultato per il raggruppamento che fa capo a mario monti"

Wikipedia falsa e bugiarda 2 – Scrive Stefano Filippi: “L'enciclopedia online cancella la citazione dei collegamenti del premier al Gruppo Bilderberg e Trilaterale ed elimina i riferimenti ai risultati economici negativi del governo dei tecnici. È una storia che riguarda il premier dimissionario e Wikipedia, l'enciclopedia online più cliccata del pianeta. Si dà il caso che qualche enciclopedista abbia voluto aggiungere alcuni dettagli (non proprio trascurabili ma forse imbarazzanti) alla autorevole biografia del Bocconiano. Per esempio, che Monti è stato presidente europeo della tenebrosa quanto prestigiosa Trilaterale. Oppure che aveva fatto parte dello «steering committee» del Gruppo Bilderberg. O ancora che è il numero 1 (ancorché onorario) di un altro ristretto «think tank», il club Bruegel di Bruxelles….” – Continua:

Commento di Antonio Miclavez: “Con Wiki censura questa è la mia esperienza: avevo aggiunto alla pagina di "inflazione" la parola "euflazione", che si trovava nel libro Euroschiavi di cui sono coautore con Marco della Luna. È un neologismo importante, perchè giustifica l'immissione di denaro in circolazione senza dover ad ogni costo creare inflazione. In effetti, se c'è rarefazione monetaria e metto denaro in circolazione non creo la pericolosa inflazione bensì la benefica Euflazione, ma questo le banche non lo vogliono sentire e continuano a tagliare i finanziamenti "per non creare inflazione". È una scusa che vá messa alla luce come tale. Venne tolta la parola Euflazione, la rimisi e venne ritolta. Scrissi allora il libro "Euflazione", e dopo un anno rimisi il neologismo su wiki, con le referenze Isbn del libro. Venne tolto..….” – Continua nel link soprastante.

Il ponte delle Oche - Scrive Teodoro Margarita: "Ad Asso c'è un ponte antico, con la sua bella arcata in pietra, un ponte secolare di quelli che ne hanno viste e sopportate tante... Il nuovo post "L'oca bianca, guardiana del ponte". Si dice che Lord Byron ci abbia attraversato il Lambro, nel suo Ottocento. Lo chiamano il "pont di gubitt", il ponte dei gobbetti per via di alcune persone che vi abitavano nelle vicinanze aventi quella caratteristica fisica, una gobba, appunto. E' un ponte situato all'ingresso vero del paese, prima v'e ne sono altri due, uno solamente dei quali, quello detto della "Fola" antico anch'esso, un altro è decisamente più recente" - Continua:

Bella notizia – Scrive Dagospia: “2013: MONTEPREZZEMOLO, BACIATO DAL SOLE PROLETARIO DELLE MALDIVE, ANNUNCIA CHE NON SALIRÀ SULLA CARROZZA DI RIGOR MONTIS. DOPO TRE ANNI DI PROCLAMI IL "CARINO" DEI PARIOLI PROMETTE: FARÒ L'IMPRENDITORE E IL MANAGER”

Vangeli. Fantasia e realtà storica  – Scrive Emilio Salsi: “Era in atto una grave carestia e il popolo affamato e “vessato dai tributi dovuti a Cesare” - incitato dai profeti zeloti con veementi prediche per il ripristino della Legge di Yahwè - si ribellò alla guarnigione romana pagana che stanziava nella Città Santa, massacrandola "... e sfasciarono tutto ciò che restava degli ordinamenti civili" (Bellum VII cap. 8). Questo richiamo fatto dallo storico è riferito in un lontano ricordo delle gesta eversive dello zelota Giovanni, tali da giungere a sopprimere gli "ordinamenti civili" costituiti dal governo romano e dai sacerdoti opportunisti del Sinedrio collusi con il potere imperiale.  Un discendente per parte di madre della stirpe reale asmonea, l’influente Rabbino di Gàmala, Giovanni detto il Nazireo, figlio primogenito del Dottore della Legge, Giuda il Galileo, definito dallo storico "di grande potere", alcuni giorni prima della Festa delle Capanne del 35 d.C. (fine estate), si mise a capo della rivolta riuscendo a farsi riconoscere Re dei Giudei e insieme Sommo Sacerdote del Tempio, restaurando la prassi degli antenati monarchi Asmonei che rivestirono entrambi i sacri uffizi.” – Continua: http://paolodarpini.blogspot.it/2013/01/vangeli-e-storia-come-jeshua-divenne.html

Pace e bene a Viterbo - Scrive Beppe Sini: "Si è svolto il primo gennaio 2013 a Viterbo presso il "Centro di ricerca per la pace e i diritti umani" un incontro di riflessione sul tema: "La politica della nonviolenza". Come base di riflessione sono stati utilizzati alcuni brevi testi di Giacomo Leopardi, di Virginia Woolf, di Primo Levi e di Vandana Shiva. L'incontro è stato anche occasione per un'analisi della situazione politica locale, italiana ed internazionale dal punto di vista della nonviolenza, e per un ragionamento sui compiti attuali delle persone della nonviolenza e per la programmazione di prossime iniziative"

Roma.  Mercato NONmercato   Scrive Asud: "Torna il 5 e 6 gennaio a SCuP, due giorni di mercato artigiano, del riuso, del riciclo e di produttori biologici e alimentari a km zero. Ma anche uno spazio del baratto, del dono, attivita' per bambine e bambini e laboratori per organizzare un Gruppo di acquisto solidale, per fare il pane in casa e imparare la decrescita, dei consumi e del pensiero.  In Via Nola, 5 a Roma in zona San Giovanni. Info. redazione@asud.net"

L’insostenibilità della sostenibilità – Scrive Giorgio Nebbia: “Gli anni sessanta del Novecento sono stati anni di grandi rivoluzioni: i paesi liberatisi dal colonialismo si sono messi in testa di rivendicare prezzi più equi per le loro risorse naturali --- rame, gomma, cobalto, fibre tessili, uranio, petrolio --- che fino allora erano stati sfruttati dai loro colonizzatori; in tanti nel mondo avevano imparato a osservare la Terra, fotografata dai satelliti artificiali, e quella sfera nello spazio era apparsa come l'unica casa per gli esseri umani, grande ma limitata nei suoi continenti e nelle sue ricchezze; alcuni economisti avevano ironizzato sul significato del PIL mostrando che questo indicatore ufficiale della ricchezza e del benessere non è capace di tenere conto dei costi e dei dolori provocati da sempre più frequenti inquinamenti o alluvioni; alcuni sociologi avevano mostrato tutti i limiti della società dei consumi; alcuni biologi aveva denunciato che la popolazione terrestre stava crescendo troppo rapidamente rispetto alla disponibilità di cibo, di spazio, di acqua. La terribile parola, "limite", aveva fatto la sua comparsa nel vocabolario, con grande spavento per gli economisti ufficiali, per capitalisti, imprenditori e uomini politici….”  - Continua:  http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2013/01/linsostenibile-pesantezza-dello.html

Pio assassino? - Scrive Loredana Pitino: "A distanza di più di 50 anni si fa luce su un'intervista concessa dal Dott. Vincenzo Tangaro, farmacista nella cittadina nella quale abitò Padre Pio, il quale affermava di aver venduto dosi sospette di acido fenico al santo di Petralcina, o a chi per lui. Come è noto l'acido fenico può provocare delle ustioni, e furono in molti a pensare che il "miracolo delle stigmate" non fosse altro che un abile progetto studiato a tavolino..”

Commento di G.V.: "...io sono favorevole all'interpretazione psicosomatica delle stimmate. A coloro che dimostrano scetticismo sull'argomento, consiglio la lettura di un'infinità di testi sulla psicosomatica e le sue molteplici manifestazioni. C'è anche la miracolistica di mezzo. Detto ciò aggiungo che non posso pensare ad un Padre Pio, scorbutico com'era, intento a versarsi gocce di acido fenico nel cavo delle mani per procurarsi delle ustioni"

Ripensare l’Europa – Scrive Giorgio Vitali: “Il processo di creazione dell'unità europea non è in sé malvagio. Tutt'altro!  Esso fu pensato dai padri dell'Europa post-bellica, i quali avevano capito una cosa importante: basta con le guerre intestine europee. Infatti, nell'ottica novecentesca, cioè di una società nella quale si cominciava a vedere le cose in termini di unità continentale, continuare a tenere spezzettata l'Europa era un sicuro suicidio. In sostanza, si prendeva atto, dopo infinite stragi, che il processo di accorpamento era inevitabile (era già stato all'Origine degli USA, o se vogliamo, della Germania bismarkiana e dell'Italia cavouriana.)..” – Continua: http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2013/01/la-crisi-delleuropa-finanziaria-o.html

Anche oggi vi saluto, ciao, Paolo/Saul

……………….

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

Nella notte di luna piena, la cerva più vecchia della foresta lascerà le altre presso il cedro più alto e, prima di partire, loro la guarderanno in fondo agli occhi. Da sola si arrampicherà fin sul grigio crinale, dove, in lontananza, due montagne sembrano incontrarsi come fiumi che scendono e uno stretto valico si staglia contro il cielo dove sorge il sole. Il vento di nord-ovest incresperà i laghi spingendo via, in un solo aspro soffio, l’estate dalle montagne, facendo stormire le foglie, sui loro gambi, come tante lingue che, insieme, sciolgono i loro avvertimenti.  Quando, finalmente, appariranno le oche, attraverseranno la luna come note su un pentagramma e la cerva sentirà ciò come un segnale: per cominciare a raschiare con un zoccolo, poi con l’altro. In quel momento, tutti gli esseri non umani cominceranno a raschiare, a masticare, a rodere, a beccare, a graffiare; nel fango, sulla corteccia, sulla pietra; sull’asfalto, sui pali del telefono; le stesse parole che le foglie possono solo sospingere attraverso il vento. E il chiarore della luna riempirà queste incisioni, un solo ritornello, scolpito nella terra e lasciato ovunque per noi…
- NON SIETE SOLI QUI – NON SIETE SOLI QUI – NON SIETE SOLI QUI -

Nessun commento:

Posta un commento