Saul Arpino ritorna…


Avete visto quella faccia della foto in vetrina… chi è quello, sono forse io?
Potrei dire di sì ed anche di no…. Sono io per le convenzioni del mondo, non sono io perché l’io non può essere fissato ad un’immagine momentanea e mutevole.
Quell’io che vedete è un attore che recita in una commedia, in un certo senso non ha nome né forma precisa, come tutti gli attori che possono interpretare vari ruoli.
Ma il mio vero “io” non si manifesta solo nei ruoli ma nella sceneggiatura, nei costumi, nelle parti comprimarie, nella musica, nella regia, nelle luci, negli spettatori… eccetera…


Volendo però dargli un nome chiamerò quell’io Saul Arpino. Un nome inventato? Forse sì e forse no.. il nome potrebbe esistere od avrebbe potuto esistere… mio nonno –ad esempio- avrebbe potuto chiamarsi così… poi per motivi banali, di sopravvivenza bruta, prese a chiamarsi Paolo D’Arpini… ed io voglio seguire il suo esempio -ma al contrario- cambio nome e divento Saul Arpino, perlomeno su questo blog.


A proposito di blog… sentivo il desiderio di crearmi un piccolo palcoscenico sul quale recitare alcune parti che non mi sono consentite in altri spazi. Da questo luogo, che forse mi riporta indietro nel tempo, un ritorno ai dinosauri del passato remoto oppure verso un avanti sconosciuto, non so, mi prenderò la libertà di raccontare e mostrare agli accorti lettori alcune segrete immagini dell’essere… di quel che io sono o non sono, descrivibile o indescrivibile…..


Vostro affezionato, Saul Arpino.

domenica 20 gennaio 2013

Il Giornaletto di Saul del 21 gennaio 2013 – Vita e coscienza, Aprilia bioregionale, confronto politico, redditometro, errori montiani, cause del cancro….



Care, cari,

Vita e coscienza - La vita  nasce dall’inorganico ma se non fosse già presente nella materia in forma germinale come potrebbe sorgere e trasformarsi in intelligenza e coscienza? Da ciò se ne deduce che la coscienza e l’intelligenza sono come una “fragranza” della materia e quindi non vi è reale separazione. La differenza è solo nella fase.   La vita è un’espressione manifestativa della materia.  Partendo da questa considerazione generale osserviamo che la spinta evolutiva di questa intelligenza/vita si evolve attraverso stati diversi di consapevolezza. Nelle forme pensiero esistono gradi  descrittivi della maturità assunta da questa intelligenza. – Continua: 

Bioregionalismo ad Aprilia – Scrive Riccardo Oliva: “Ad Aprilia, nel giorno che segna l’anniversario della scomparsa fisica di Nazareno Strampelli  e seguendo i principi propositivi da lui enunciati, vorremmo tentare di attuare delle sinergie produttive in chiave bioregionalista, cioè intimamente legate e interdipendenti ad un Tutto in cui si ricollochi quindi anche la nostra dimensione umana in un rapporto simpatetico con tutti gli elementi animali, vegetali e minerali che costituiscono l’essenza profonda di un determinato e specifico territorio…” – Continua:  http://retedellereti.blogspot.it/2013/01/23-gennaio-2013-aprilia-nel-solco-di.html  

Sessualità laica –   A commento dell’articolo http://paolodarpini.blogspot.it/2013/01/per-una-spiritualita-ed-una-sessualita.html -  scrive Matteo Lodi: “Ogni età e stadio evolutivo ha la sua sessualitààà... 15-20-25-30   poi  35-40-45-50   anni  (l'ho provato bene) hanno esigenze e pulsioni diverse,... da quando sono vegano poi il sesso è più liberooo e non compulsivo, autoregolato, e non diretto alla genitalità facile... la cultura poi ci inquina di immagini e stimoli... la via tantrica senza mentalismo ed eccessi, stando nella naturalezza ci eleva con semplicità e calma... credo che verso i 55-60-65-70-75 -80 anni sia bello raffreddare il fuoco e dirigere il sesso verso l'Anima e lo Spirito che non muoreeeee.... aughhh”

Sfruttamento finale – Scrive Joe Fallisi: “Negli allevamenti e nei macelli moderni gli animali non umani, a miliardi e ogni giorno, sperimentano una condizione radicalissima di "proletari" (il termine, caso mai, è inadeguato solo per il fatto che questi esseri senzienti, nati per lo sfruttamento senza riserve – del loro corpo stesso – e la morte, non posseggono neppure la prole).  Talché, la loro condizione infame e tutto ciò che sono costretti a subire, unito agli altri ingranaggi insensati, ma perfettamente logici e "normali", della macchina che li produce e li divora, risultano in effetti paradigma di base, modello assoluto dell'oppressione sociale, intraspecifica” - Continua: 

Tenebre ebree – Scrive Vincenzo Mannello: “In Darkness, viaggio nelle fogne degli ebrei... ovviamente inseguiti dai nazisti. Nel 1943, a Varsavia. Questo il titolo e la sintesi dell'ultimo film strappalacrime. La regista, Agnieszka Holland, si appresta così a divenire un nuovo astro nascente del cinema "di denuncia". A quasi  70 anni da Norimberga e da altri  processi, condanne e pure rapimenti con impiccagione (Eichmann), senza contare le  migliaia di innocenti (o più o meno colpevoli) fatti scomparire in Italia ed Europa alla fine della guerra, pure considerando che oggi, nel democraticissimo Occidente, chiunque osi discutere di olocausto in termini critici finisce in galera,  dove si trova la novità da celebrare? Mi sorge il fondato sospetto che questo martellare mediatico, anche nel mondo del cinema, sia frutto di una precisa regia. Neppure occulta.

Piumazzo. Interloqui con l’anima – Scrive Almo: “Presentazione di INTERLOQUI CON L’ANIMA di Alessio Costa – Circolo Almo di Piumazzo,  25 GENNAIO ore 21. Sunto: L’infelice omosessuale tedesca  Helena combatte con tutta se stessa gli orrori della guerra e delle persecuzioni contro coloro ritenuti “diversi” da uno dei più folli regimi totalitari della storia; compie un’evoluzione interiore di tutto rispetto: da inconsapevole e frivola figlia di un industriale del Reich a partigiana e sovversiva a Varsavia, lotta contro il suo stesso popolo invasore..” – Info. almo.info@gmail.com

Programmi politici a confronto – Scrive Ornè Piredda: “Se vince il PDL non rinegoziano il pareggio di bilancio e il fiscal compact. Se vince il PD non rinegoziano il pareggio di bilancio e il fiscal compact. Se vince Monti non rinegoziano il pareggio di bilancio e il fiscal compact. Se vince il PDL non ripristinano l'art.18. Se vince il PD non ripristinano l'art.18. Se vince Monti non ripristinano l'art.18. Se vince il PDL bombardano il Mali. Se vince il PD bombardano il Mali. Se vince Monti bombardano il Mali….” – Continua: http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2013/01/altri-programmi-politici-confronto-pdl.html

USA. Un mandarino per Obama – Scrive Maurizio Blondet: “Le stragi che avvengono in Usa con armi d’assalto, preferibilmente nelle scuole, sono indotte dall’abuso di antidepressivi scatenanti? Per quante giustificazioni possa avere, questa tesi appare un ultimo alibi morale per negare l’abisso di male a cui l’America s’è consegnata. E fin troppo facile notarlo: il presidente Obama che vieta (finalmente) la vendita libera di armi d’assalto nei negozi, è lo stesso che ogni settimana decreta l’assassinio per mezzo di droni di persone a lui sconosciute in Waziristan o Afghanistan, sulla base di una lista di sospetti giudicati eliminabili (senz’altro giudizio) dalla Cia o da qualche altra agenzia. In suo nome ogni mattina impiegati pubblici davanti a un video fanno esplodere teste e saltare arti di gente a 10 mila chilometri di distanza.. (come nel vecchio recital “Un Mandarino per Teo” ndr). Il tutto con piena soddisfazione del pubblico americano…”

Finalmente, il redditometro – Scrive : “L'Agenzia delle Entrate, con i nostri soldi, paga 500.000 Euro l'anno a Befera, ma questi deve guadagnarseli. E su chi se non su di noi?  La centrale operativa dell'Agenzia delle Entrate è come la Cia, ti becca non appena metti il naso fuori di casa. I contanti non li puoi avere e se usi il bancomat e la carta di credito sono guai. Bisogna tenersi alla larga dalle banche - salvo che per pagare le tasse - e dalle attività commerciali.  Non si sa come facciano – avranno un sistema di pesa dei contribuenti all'entrata e all'uscita dai centri commerciali - ma sanno cosa ciascuno di noi mangia a colazione, a pranzo e a cena. Figuriamoci se non conoscono anche le abitudini intime! E fanno gli accertamenti.  Con il nuovo redditometro l'onere di dimostrare il contrario spetta al malcapitato….” – Continua:

Errori di monti pagati da noi - Scrive Antoniochedice: "Olivier Blanchard, il capo economista del Fondo monetario Internazionale ed il suo collega Daniel Leigh,  in un recente articolo pubblicato sul sito ufficiale della banca, hanno ammesso che i piani di austerità imposti all'Europa (Grecia, Spagna, Italia ecc) sono stati mal calcolati e, ovvio, calcolati per eccesso. La riduzione dei deficit pubblici ha provocato una riduzione della crescita molto superiore a quanto previsto dai modelli matematici del FMI. A pagare le conseguenze di questo errore siamo stati noi.  A pagare per aver commesso l'errore , o omesso di controllarlo, non verrà chiamato nessuno monti o forza politica che lo ha appoggiato"

Cause del cancro  tenute celate dalle industrie farmaceutiche ed alimentari – Scrive Accademia Kronos: “Una notizia che ha dell’incredibile: la causa principale del cancro è stata ufficialmente scoperta decenni fa  da uno scienziato premio Nobel per la medicina, nel 1931. E da allora nulla è stato fatto in base a tale conseguimento, se non continuare a raccogliere in tutto il mondo soldi per la ricerca, attraverso associazioni come, ad esempio l’italiana, AIRC.  Quando la causa primaria del cancro era già conosciuta. Pochissime persone in tutto il mondo lo sanno, perché questo fatto è nascosto dall’industria farmaceutica e alimentare. Nel 1931, lo scienziato tedesco Otto Heinrich Warburg ha ricevuto il Premio Noanimaltesting Nobel per la scoperta sulla causa primaria del cancro. Proprio così. Ha trovato la causa primaria del cancro e ha vinto il Premio Nobel. Otto ha scoperto che il cancro è il risultato di un potere anti-fisiologico e di uno stile di vita anti-fisiologico…..” – Continua:

E con ciò vi lascio… Ciao, Paolo/Saul

……………..

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

«Perché la vita dovrebbe avere un significato? Perché dovrebbe esserci uno scopo per vivere? La vita in se stessa è tutto quello che c'è. È la vostra ricerca di un significato "spirituale" che ha fatto diventare la vita un problema» (Uppaluri Gopala Krishnamurti). 

Nessun commento:

Posta un commento