Saul Arpino ritorna…


Avete visto quella faccia della foto in vetrina… chi è quello, sono forse io?
Potrei dire di sì ed anche di no…. Sono io per le convenzioni del mondo, non sono io perché l’io non può essere fissato ad un’immagine momentanea e mutevole.
Quell’io che vedete è un attore che recita in una commedia, in un certo senso non ha nome né forma precisa, come tutti gli attori che possono interpretare vari ruoli.
Ma il mio vero “io” non si manifesta solo nei ruoli ma nella sceneggiatura, nei costumi, nelle parti comprimarie, nella musica, nella regia, nelle luci, negli spettatori… eccetera…


Volendo però dargli un nome chiamerò quell’io Saul Arpino. Un nome inventato? Forse sì e forse no.. il nome potrebbe esistere od avrebbe potuto esistere… mio nonno –ad esempio- avrebbe potuto chiamarsi così… poi per motivi banali, di sopravvivenza bruta, prese a chiamarsi Paolo D’Arpini… ed io voglio seguire il suo esempio -ma al contrario- cambio nome e divento Saul Arpino, perlomeno su questo blog.


A proposito di blog… sentivo il desiderio di crearmi un piccolo palcoscenico sul quale recitare alcune parti che non mi sono consentite in altri spazi. Da questo luogo, che forse mi riporta indietro nel tempo, un ritorno ai dinosauri del passato remoto oppure verso un avanti sconosciuto, non so, mi prenderò la libertà di raccontare e mostrare agli accorti lettori alcune segrete immagini dell’essere… di quel che io sono o non sono, descrivibile o indescrivibile…..


Vostro affezionato, Saul Arpino.

lunedì 4 febbraio 2013

Il Giornaletto di Saul del 5 febbraio 2013 – Angeli orecchiuti, Grillo dice, salvare le api, no elettrodotto Fano-Teramo, F35 buoni per la politica, madre natura


Foto di Gustavo Piccinini

Care, cari,

Angeli orecchiuti – Scrive Marinella Correggia: “Qualcuno ha notato quegli angeli dalle lunghe orecchie e dai languidi occhi che anche nella peggior sorte si rendono così utili e non chiedono quasi nulla? Quando le guerre o altre calamità flagellano luoghi poveri (e succede spesso), tanti piccoli asini accompagnano, alleviano, talvolta salvano masse di esseri umani in fuga. In quella pena di morte collettiva che è la guerra, loro ci sono.  Dal nord del Mali, a dorso d’asino hanno trasportato i loro pochi averi tante famiglie dirette verso il Sud o i paesi  confinanti per scappare dalla minaccia delle bande armate islamiste/trafficanti e ora dalle bombe francesi…” –  Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2013/02/04/marinella-correggia-le-guerre-in-afghanistan-libia-mali-e-gli-angeli-silenziosi-dalle-lunghe-orecchie/

Alberi da eliminare – Scrive S.C.: “..giorni fa ho trovato i 5 eucalipti trentennali adiacenti la S.S. che costeggia la mia terra, segnati con una striscia rossa verticale. Insospettito, ho telefonato all'ANAS locale ed il responsabile mi ha detto che, su ordinanza Ministeriale ed autorizzazione della Forestale, di seguito a sentenza della Cassazione del 1993, finalizzata a prevenire gli incidenti stradali con feriti causati a urti violenti contro alberi, intendono tagliare tutti quelli fino a 6 metri di distanza dal ciglio delle strade…”

14 febbraio in piazza – Scrive Doriana Goracci: “Il 14 febbraio, in tutte le piazze d’Italia e del mondo, donne, uomini, ragazzini e ragazzine, scenderanno in pazza per manifestare attraverso la condivisione, la gioia e il ballo. ONE BILLION RISING non appartiene ad alcuna organizzazione politica o partitica. È un evento autogestito a cui finora hanno aderito attivisti, artisti, ministri, leader di movimenti sociali, membri del parlamento e migliaia di associazioni e organizzazioni di tutto il mondo. Per le adesioni in Italia: info. dorianagoracci@hotmail.it

Cinesi ambulanti – Scrive Fabrizio Belloni: “Quando ero giovane, due o tre secoli fa, abitavo -grazie a dio- a Milano. E non ero tanto distante da via Paolo Sarpi,  zona Parco Sempione. Era la via dei Cinesi, quelli arrivati durante il Ventennio. Non molti, silenziosi, operosi. C'era un solo ristorante cinese, a Milano. Ed all'angolo delle vie adiacenti al quartiere cinese si vedevano spesso ambulanti con tre cravatte sul braccio, in vendita, con improbabili disegni orientali e con sgargianti colori. "Compla, compla, pula seta cinese, mille lile", sorridevano i figli della Muraglia…” – Continua: http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2013/02/immigrati-cinesi-ambulanti-e-politici.html

Alitalia cancella – Scrive Vincenzo Mannello: “Cancellato il logo Alitalia sull'aereo ancora fuori pista a Fiumicino. Tra le amenità quotidiane vissute in Italia credo questa sia da Oscar per i migliori effetti speciali. Un aereo incidentato, interrato alla fine della pista viene filmato e fotografato dai media. Ha il logo, oltre che la sigla di volo AZ, dell' Alitalia. La mattina si può osservare un relitto bianco senza contrassegno alcuno. Incredibile! Circondato da polizia, vigili del fuoco, commissari di inchieste varie l'aereo ha cambiato colore! Presumendo che sia un "corpo del reato" come ha fatto Alitalia ad operare? Sicuramente sarà stato un trucco cinematografico”

Vergogna USA - Scrive All 4 animals: "USA: lupi sterminati  con armi  da fuoco e tagliole. La guerra ai lupi continua implacabile in alcuni degli Stati americani - Wyoming in particolare. Secondo le ultime notizie pubblicate dall’associazione protezionista Defenders of Wildlife, le vittime sarebbero ormai a quota mille"

Grillo dice in piazza – Scrive Gianluca: “Per chi dice che Grillo non parla più di Signoraggio, scie chimiche e altro …..le cose si sano e si sa benissimo che vanno affrontate, ma prima dobbiamo entrare e prenderci il parlamento altrimenti con questi collusi non si riuscirà a fare nulla. Il 4 febbraio a Reggio Emilia un ragazzo gli ha detto di spiegare il SIGNORAGGIO , la risposta di Grillo: dobbiamo riprenderci la sovranità popolare, economica, sovranità totale… non posso spiegare al popolo tutto il discorso della proprietà della moneta, e prendere un ora intera per spiegargli tutto, il discorso moltissimi non lo comprenderanno e il popolo vuole sapere subito cosa si può fare, per arrivare a fine mese. SU questo discorso del SIGNORAGGIO in passato ho fatto spettacoli che duravano più di un ora, è ovvio che una volta dentro va rifatto tutto e dobbiamo riprenderci le nostre SOVRANITA’. MA ORA CI SERVE IN CONSENSO DI TUTTI per poter essere dentro e lottare per questo…” – Continua: http://retedellereti.blogspot.it/2013/02/quel-che-beppe-grillo-dice-in-piazza-su.html

Svezia violenta – Scrive Identità: “La popolazione della Svezia è cresciuta da 9 a 9.5 milioni negli anni 2004-2012, soprattutto a causa dell’immigrazione da “paesi come Afghanistan, Iraq e Somalia. La Svezia detiene ora un triste record, quello di paese europeo dove avvengono più stupri, ed è, nel mondo,  seconda solo al Sudafrica antirazzista. Il numero scioccante è che ci sono oltre  53 stupri per ogni 100.000 abitanti, quasi quattro volte superiore al già scioccante dato italiano generato dall’immigrazione che si “ferma” a 15 stupri ogni 100.000 abitanti. Le statistiche suggeriscono che 1 donna svedese su 4  sarà violentata.”

Commento storico – Scrive Giorgio Vitali: “LA STORIA è UN COACERVO DI EVENTI, DI INTERCONNESSIONI, DI RAPPORTI E DI VIOLENZE DAI QUALI EMERGE UNA LINEA MOLTO ONDULATA ED INCRESPATA. QUESTO è QUANTO OCCORRE SAPERE QUANDO SI FA UNA QUALSIASI SCELTA POLITICA E GEOPOLITICA. ANZI! ESISTE ANCHE IL CALCIO DI RITORNO, IL FEED-BACK, L'ETEROGENESI DEI FINI.”

Salviamo le Marche dall’elettrodotto – Scrive Barbara Archeri: “Il Comitato per la tutela Ambientale dell’Alta Fiastrella partecipa all’iniziativa in coordinamento con altri Comitati della regione Marche,  per quanto riguarda il progetto di Terna spa che prevede un nuovo elettrodotto da Fano a Teramo che andrebbe ad attraversare tutta la media collina marchigiana. I Comitati chiedono che, nel progetto, vengano rispettati i diritti dei cittadini: diritto alla Salute, diritto alla proprietà, diritto d’impresa ma innanzi tutto la ditta  proponente ci deve dimostrare, con la dovuta documentazione, se veramente questo nuovo elettrodotto serve alla regione Marche.. – Continua:

Cambio policy in ecologia peacelink – Scrive Alessandro Marescotti: “Devo comunicarvi che prossimamente verrà cambiata la policy di ecologia. Verterà solo su alcune campagne ed emergenze ambientali e coordinerà i siti inquinati….”

Rispostina/commento di Caterina: “Peccato! Come diceva quello.... non capisco, ma mi adeguo... hai ricevuto lamentele per le mail che ti mando?  Secondo me fare un po' di "filosofia dell'ecologia" non guasta, anche perché le emergenze ambientali sono si interessanti, ma non tanto per chi non è toccato direttamente, forse, ed "ecologia" secondo me è anche la descrizione di un vivere ecologico, proprio per non arrivarci a quelle emergenze ambientali che derivano dal fatto di non essere consapevoli che ogni nostro comportamento ha delle conseguenze, più o meno pesanti oppure in sintonia con l'ambiente.  Forse vi conviene fare in modo che le mail non vengano più inviate direttamente a tutti quelli che sono iscritti alla lista, ma previa verifica ed approvazione di un comitato.... Comunque grazie per il lavoro che fate”

Salvare le api per salvare l’uomo – Scrive Accademia Kronos: “La battaglia degli apicoltori per salvare le api dai pesticidi e il miele dalla contaminazione Ogm (Organismi geneticamente modificati) riparte dal Parlamento europeo di Bruxelles. A discuterne la commissione petizioni, che ha annunciato un nuovo studio sul dossier entro marzo.  Oltre 300 mila firme raccolte dall'Unione degli apicoltori francesi (Unaf), fra cui quelle di Unaapi e Conaapi in Italia, per vietare l'uso del mais MON 810, bloccare le autorizzazioni di altre colture Ogm e portare a termine una valutazione rigorosa dell'impatto delle piante transgeniche sugli alveari.” – Continua:

Roma. Il tempo della cooperazione – Scrive Raffaella  Rosa: “Cari Amici, ho il piacere di segnalarvi il convegno IL TEMPO DELLA COOPERAZIONE che si svolgerà sabato 9 febbraio presso la Residenza Universitaria in via Cesare De Lollis 20  a Roma (dalle ore 10 alle ore 19.30). Info. 327.0497859”

F35 molto desiderati – Scrive Fabio Lotti: “Un cacciabombardiere F-35 costa più di 500 milioni di euro. Fatti i conti 90 F-35 ci costeranno più di 46 miliardi di euro. Sono i costi spaventosi denunciati l’altra sera a Presa Diretta da Winslow Weeler, uno dei principali esperti americani di armamenti. Ma Bersani, Monti e Berlusconi li vogliono comprare lo stesso. Ognuno lo dice a modo suo. Berlusconi dice che è contrario ma che deve rispettare gli impegni internazionali. Peccato che non ci sia alcun impegno e nessun obbligo. Monti accusa Bersani e Berlusconi di averli voluti, rivendica di averli tagliati ma conferma l’acquisto. Bersani fa un giro di valzer: non sono una priorità, forse li taglieremo, vedremo quando saremo al governo, ne discuteremo con i generali,.. e infine dice chiaramente che non possiamo farne a meno…”

monti e partiti distruttori ambientali – Scrive Comitato Rifiuti/Energia.: “Dopo aver salvato l’ILVA condannando i cittadini di Taranto, dopo aver prorogato la gestione commissariale dei rifiuti, dopo aver aggravato ulteriormente la tassa  sui rifiuti sostituendo TARSU e TIA con la TARES, il governo Monti, a Camere ormai sciolte,  si sta avviando all’approvazione dello "Schema di decreto del Presidente della Repubblica concernente il regolamento recante disciplina dell'utilizzo di combustibili solidi secondari (CSS), in parziale sostituzione di combustibili fossili tradizionali, in cementifici soggetti al regime dell'autorizzazione integrata ambientale". Ottenuto il parere favorevole da tutti i partiti nella 13 commissione "Territorio, ambiente, beni ambientali" del Senato, il provvedimento sarà discusso l’11 febbraio.”

La natura è nostra madre – Scrive Taehye Sunim: “L’unico modo effettivo per cambiare i condizionamenti è insegnare nelle scuole ai bimbi che la Natura è un'entità viva e noi ne siamo parte, noi siamo la natura, e trattare male gli altri, sporcare un ambiente e come trattare male se stessi, sporcare casa nostra. solo quando questo sara' fatto, si potrà, realisticamente, iniziare a metter le radici di un altra pianta…” – Continua: http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2013/02/la-natura-e-nostra-madre-ed-e-viva.html

Così, con questa bella immagine vi saluto, Paolo/Saul

………………..

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

“Chi si risveglia dall’inconsapevolezza
fa luce nel mondo
come la luna
quando sbuca dalle nuvole.
Chi trasforma vecchie abitudini
in gesti freschi e salutari
fa luce nel mondo
come la luna libera dalle nuvole.
Una volta presi nella rete
rari sono gli uccelli che sfuggono.
In questo mondo di illusione
rari coloro che vedono una via alla libertà”

(Buddha)

Nessun commento:

Posta un commento