Saul Arpino ritorna…


Avete visto quella faccia della foto in vetrina… chi è quello, sono forse io?
Potrei dire di sì ed anche di no…. Sono io per le convenzioni del mondo, non sono io perché l’io non può essere fissato ad un’immagine momentanea e mutevole.
Quell’io che vedete è un attore che recita in una commedia, in un certo senso non ha nome né forma precisa, come tutti gli attori che possono interpretare vari ruoli.
Ma il mio vero “io” non si manifesta solo nei ruoli ma nella sceneggiatura, nei costumi, nelle parti comprimarie, nella musica, nella regia, nelle luci, negli spettatori… eccetera…


Volendo però dargli un nome chiamerò quell’io Saul Arpino. Un nome inventato? Forse sì e forse no.. il nome potrebbe esistere od avrebbe potuto esistere… mio nonno –ad esempio- avrebbe potuto chiamarsi così… poi per motivi banali, di sopravvivenza bruta, prese a chiamarsi Paolo D’Arpini… ed io voglio seguire il suo esempio -ma al contrario- cambio nome e divento Saul Arpino, perlomeno su questo blog.


A proposito di blog… sentivo il desiderio di crearmi un piccolo palcoscenico sul quale recitare alcune parti che non mi sono consentite in altri spazi. Da questo luogo, che forse mi riporta indietro nel tempo, un ritorno ai dinosauri del passato remoto oppure verso un avanti sconosciuto, non so, mi prenderò la libertà di raccontare e mostrare agli accorti lettori alcune segrete immagini dell’essere… di quel che io sono o non sono, descrivibile o indescrivibile…..


Vostro affezionato, Saul Arpino.

lunedì 19 novembre 2012

Il Giornaletto di Saul del 20 novembre 2012 – Vivere in comunità, bhù settete USA, forno in terra cruda, lacrimogeno romano, spiritualità laica...




Care, cari,

Ciano di Zocca (Modena). Appello per vivere in comunità – Scrive Alessandra Taiano: “Mi interesso di biodinamica da qualche tempo e pensavo di poter condividere la nascita di un’azienda biodinamica con qualche “socio”: in realtà, sarebbe molto più di un’azienda e più che un socio ci vorrebbe un gruppo ma, per spiegare meglio e condividere più opinioni, dovrei sapere di parlare con le persone giuste. La biodinamica non è solo agricoltura ma un modus vivendi, almeno per me, come gli insegnamenti di Steiner che ormai fanno parte della mia stessa vita e si riflettono nel quotidiano cominciando dall’educazione dei figli, dall’alimentazione, dall’interagire con le energie sottili che ci circondano...” - Continua:

Perugia. Incontro con Monia Benini - Scrive Alessandro Trinca: “Presentazione del libro La Guerra dell’Europa” di Monia Benini, Presidente del "Movimento Politico di Liberazione PER IL BENE COMUNE". Domenica 25 novembre 2012, Perugia, Sala della Vaccara, info. 349-8484933"

Politica israeliana irrequieta, per non dire “aggressiva” – Scrive Ismail Salami: “Rapporti indicano che Israele starebbe ponendo le basi per una vera e propria guerra a Gaza. Secondo i media israeliani, 16.000 riservisti sono stati informati di una vera e propria guerra nella Striscia di Gaza, mentre il ministro della difesa israeliano Ehud Barak ha ordinato di richiamare altri 75.000 riservisti. Vi sono anche rapporti che indicano che le unità di paracadutisti israeliani e la brigata d'élite Givati si radunano presso la Striscia di Gaza. Lo spettacolo universale della solidarietà nel mondo musulmano con il popolo di Gaza è un buon segno che all'entità sionista non sarà consentito intraprendere un qualsiasi cruento e diabolico avventurismo. Ogni morte a Gaza non è solo la perdita di una vita umana, ma la graduale scomparsa della coscienza collettiva, che è così dolorosamente silenziosa verso le sofferenze di una nazione oppressa e la tirannia indicibile di un regime colonizzatore omicida. Vi è un notevole grado di verità nell'adagio secondo cui il silenzio di fronte alla tirannia è complicità con la tirannia stessa. ..” Continua con commenti vari:   http://www.circolovegetarianocalcata.it/2012/11/19/notizie-vere-da-gaza-e-dintorni-politica-israeliana-irrequieta-per-non-dire-%E2%80%9Caggressiva%E2%80%9D/

Mio commentino: “"Le vittime israeliane accertate, in seguito ad un crollo, sono tre. I morti palestinesi, sinora uccisi dalla ritorsione sionista, sono almeno un centinaio ed un migliaio di feriti. Inoltre sui giornali prezzolati atlantisti si insinua che la colpa è tutta dell'Iran, che ha venduto i razzi ad Hamas. Ma delle sofisticate e micidiali armi vendute (o regalate come contributo o tributo) da tutti i paesi del mondo "occidentale" ad israele, e della causa prima di questa ultima rivolta palestinese, ovvero l'uccisione mirata del capo di Hamas, al Jabari, senza alcuna ragione se non quella di causare una risposta inevitabile, nessuno ne parla”

Ebrei di qualcuno – Scriveva Primo Levi nel 1969: “Ognuno è ebreo di qualcuno. Oggi i palestinesi sono gli ebrei di Israele”

USA. Non basta più un “bhù” per incutere paura al mondo - L'America è veramente così potente? A giudicare dalle ultime malefatte tipo l'invasione dell'Iraq, dell'Afganistan e della Libia parrebbe di sì. Ma le conquiste vanno mantenute e consolidate per essere efficaci altrimenti si sgretolano nel giro di pochi anni. Ed è quel che sta avvenendo. Lo vediamo in Iraq che sempre più si discosta dalla politica indicata dall'America, osserviamo il lento sgretolamento della conquista afgana con ripercussioni di perdita di credibilità anche in Pakistan. E per quanto riguarda la Libia abbiamo sotto gli occhi, con lo scandalo della CIA  e delle rivolte anti-americane,  l'instabilità nella quale versa quest'ultima "conquista". A parte che ognuna di queste battaglie geopolitiche è sempre stata compiuta nel nome della Nato e quindi non sono solo le forze americane ad essere coinvolte occorre considerare la capacità di opposizione nel tempo delle nazioni occupate e come pian piano le vittorie americane si stiano trasformando in "vittorie di Pirro" - Continua con vari interventi:  http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2012/11/forza-usa-non-basta-piu-un-bhu-per.html

Armi ai ribelli siriani - Scrive Marinella Correggia: “Ieri all'incontro dei ministri esteri UE presentata una mozione francese per togliere embargo armi difensive alla coalizione siriana e no fly zone sulle "zone liberate"? Ancora non si hanno notizie sicure su questo fatto comunque quando il ministro Fabius ha rilasciato una dichiarazione sull'abolizione dell'embargo UE sulle armi difensive lo ha fatto a margine di un incontro con ministri o rappresentati dei ministeri degli esteri di Francia, Polonia, Italia, Germania e Spagna, avvenuto a Parigi il 15 novembre u.s." - Continua con testo di lettera da inviare ai nostri governanti per opporsi al misfatto:  http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2012/11/siria-e-puzzonate-la-francia-chiede-di.html

Napoli. Contro la guerra – Scrivono Attivisti Napoletani : “In Siria, facendo leva su iniziali mobilitazioni di dissenso contro il governo, si è scatenata da subito una iniziativa di intromissione e di manomissione di quelle stesse proteste da parte delle principali potenze imperialiste mondiali e dei più totalitari regimi della regione. Un’attività che si è concretizzata con il finanziamento, l’armamento ed il supporto militare di presunti rivoltosi, per la maggior parte mercenari ed a militanti islamici provenienti da altri paesi. Per tale via le ragioni della protesta sono state stravolte e riassorbite in un uno scontro geopolitico la cui posta è innanzitutto la colonizzazione della Siria da parte dei suoi vecchi dominanti francesi in primis ed occidentali in genere e tramite questo primo passaggio preparare l’ulteriore aggressione all’Iran.” - Continua: http://paolodarpini.blogspot.it/2012/11/per-una-opposizione-alla-politica-di.html

Aumento del livello – Scrive Econew: “Inesorabile, sale il livello del mare: circa 1 metro in questo secolo (1 cm/anno), è il riscaldamento globale. Finalmente qualcuno comincia a studiare, scientificamente, il problema (la rivista scientifica Global and Planetary Change e l’Università di Trento): che fine faranno porti, città, industrie ed agricolture litoranee (Amsterdam, Londra, Venezia, Napoli, Il Cairo, New York, Rio De Janeiro, ecc.)? E’ prossimo lo sconvolgimento di ambienti e paesaggi costieri”

Pensieri americani – Scrive Alfred W. McCoy, professore di Storia, Università del Wisconsin: “Siamo nel 2025, una tripla rete di sorveglianza e di droni armati riempie i cieli fino all’esoatmosfera. Meraviglia dei tempi, può scagliare le proprie armi in qualsiasi punto del pianeta con velocità sorprendente, mettendo fuori uso il sistema satellitare di comunicazioni del nemico, in grado di pedinare qualsiasi essere umano in base ad un’identificazione biometrica realizzabile da grandiose distanze. Oltre all’avanzatissima capacità di guerra cibernetica, troviamo un sistema militare di informazioni più sofisticato che mai ed una politica che garantisce il dominio globale USA per l’intero XXI° secolo. Questo il futuro come l’immagina il Pentagono...” - Continua: http://paolodarpini.blogspot.it/2012/11/scenari-di-guerra-globale-e-permanente.html

Roma. Gli scontri anti-monti e il lacrimogeno con rimbalzo – Scrive Sara Di Giuseppe: “Disciplina esatta la balistica, fantasiosa ed esuberante la ballistica. A Roma nelle stanze dei bottoni c’è chi, pur esperto della prima per mestiere ruolo e funzione, si serve della seconda per coprire verità, colpe e responsabilità, per difendere ciò che non è difendibile. Appartiene alla ballistica la versione del lacrimogeno sparato non dalle finestre del palazzo ministeriale ma da ponte Garibaldi distante 200 metri, e ricaduto sui manifestanti dopo l’urto con l'edificio e il rimbalzo: goffaggine pari alla portata mistificatoria.....” - Continua:

Cristo e la croce – A commento dell'articolo scrive http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2012/11/cristo-non-e-morto-in-croce-e-forse-non.html Corrado Colombo: “Guarda, Paolo, che i documenti storici riguardanti il Cristo sono sono maggiori di quelli di molti altri altri personaggi dell'antichità. E hanno poco a che vedere con la barbara persecuzione dei cosiddetti eretici: Che anzi, secondo il vangelo, avrebbero dovuto essere amati come fratelli”

Mia rispostina: "Non so come mai delle volte mi viene di andare appresso a  queste cose senza capo né coda...”

Pisa. Seminario sulla sicurezza dei cantieri – Scrive Ass.Form: “Informiamo che sono aperte le iscrizioni al Convegno: CRITICITÀ DEI CANTIERI: SALUTE E SICUREZZA D. Lgs. 81/08: Testo Unico per la tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori nei cantieri e gestione del PiMus. Mercoledì 12 dicembre 2012 a PISA - Palazzo Reale - Soprintendenza di Pisa, dalle h. 09.00 alle 13.00. Partecipazione Gratuita. Info. 050.0986740 - info@assform.it”

Vignola. Inaugurato forno di terra cruda – Scrive Monica Bononcini: “La terra è l’ingrediente principale ed è terra a km 0 quella del luogo in cui lo si costruisce, la unisci a della sabbia di fiume, se necessario, anche quella a km super 0 da noi, la paglia km 0 e l'acqua… quella di pozzo a km super 0000. Si comprano i mattoni refrattari, ma volendo se si hanno mattoni vecchi di quelli che erano fatti a mano sarebbe anche meglio, si comprano le tavelle e la calce per il basamento e la canna fumaria. Noi abbiamo usano mattoni di recupero per il basamento. La nostra padrona di casa, Maria Miani, che come noi e più di noi, ha fortemente voluto questa costruzione, ha la terra, terra dell’alveo del fiume, che non ha bisogno di nulla, la sabbia è già nei suoi componenti” - Continua: http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2012/11/ecologia-casereccia-vignola-esperimento.html

Piumazzo. Profumo d'India – Scrive Circolo Almo: “Venerdì 16 novembre - ore 21 a Piumazzo: PROFUMO D’INDIA, PAROLE E IMMAGINI SEGUENDO IL PROFUMO DELL’INDIA di Elena Fiocchi. "Duecento lingue diverse, più di un miliardo di persone.  L'India è il cuore. E' il cuore che li tiene insieme. Non esiste un cuore come quello indiano.. e se anche l'amore non è stato inventato in India, è qui che ha raggiunto la perfezione" (Shantaram). Info. almo.info@gmail.com”

Milano. Anatomia di una rivoluzione - Scrive A Sud: "Mercoledì 21 novembre 2012, h.17.30, c/o Libreria Hoepli di Via Hoepli. Presentazione del libro. Intervengono: GIUSEPPE DE MARZO | Autore, GAD LERNER | Giornalista, MARCO REVELLI | Storico. Info. anatomiadiunarivoluzione@asud.net"

Tarquinia. Organa Nostra - Scrive Sound Garden: "Concerto inaugurale del Festival ORGANA NOSTRA 2012 - . GIOVEDI 22 NOVEMBRE, h 17 - DUOMO DI TARQUINIA "MESSA E CONCERTO IN ONORE DI S. CECILIA" Luca Purchiaroni all'organo Morettini del 1879, musiche francesi e italiane dell'800 (Franck, Dubois, Guilmant, Capocci, Fumagalli, Morandi), ingresso libero"

Spiritualità Laica. Nascita di un nome - Da un po' di tempo sto cercando di raccogliere documenti e testimonianze sulla nascita (sull'uso del termine) del concetto di “Spiritualità Laica”. Purtroppo sono un confusionario e non riesco mai a tenere un esatta cronologia degli eventi vissuti.. soprattutto quelli che -nel momento- non sembrano rivestire particolare importanza. Infatti di spiritualità, in forma laica, me ne occupo dall'estate del 1973 (questa data la ricordo bene in quanto fu particolarmente importante, fu l'anno in cui...” - Continua: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2012/11/memorie-e-testimonianze-raccolte-sulla.html

Ed anche oggi vi saluto affettuosamente, Saul/Paolo

.................


Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

Una mattina mi sveglio all'improvviso e ho negli occhi quest'immagine: il compagno trace (salute, grande Spartaco!) è ritto a prua, il volto bagnato dalla brezza marina. Canta verso il cielo purissimo, e con lui tutto il popolo, mentre le ultime stelline sfocano all'orizzonte che imporpora il sole. I pirati levantini hanno tenuto fede all'impegno, le navi solcano il mare verso le coste siciliane. La storia non è ancora scritta… (http://www.nelvento.net/autonome/la-vittoria-di-spartaco.htm)

La Vittoria di Spartaco

Compagni, già l’alba s’avvicina e il suo chiarore
la terra profila ai nostri occhi e al nostro cuore.

Le vele si gonfiano spingendoci lontano,
felici di bere il dolce vento antelucano.

Senza schiavi né padroni,
non più servi e sfruttatori,
non saremo mai più proni,
salutiamo i dì migliori!

Siamo uniti tutti quanti
nella vita e nella morte,
l mondo nuovo è a noi davanti,
braccio e animo abbiam forte!

Nell’aere scintillano ancora i nostri brandi,
in fuga mettemmo il passato e i dì nefandi.

Oh Crasso, ripensa alla sconfitta nel Piceno,
impavidi sul suolo di Sicilia noi saremo.

Senza schiavi né padroni,
non più servi e sfruttatori,
non saremo mai più proni,
salutiamo i dì migliori!

Siamo uniti tutti quanti
nella vita e nella morte,
l mondo nuovo è a noi davanti,
braccio e animo abbiam forte!

Oh Traci, fratelli Celti e voi cari Germani,
spezzammo da prodi le catene dei Romani.

Romani, contate ora dinnanzi su voi solo,
ne’ ludi, in guerra, nella pace e nel lavoro.

Senza schiavi né padroni,
non più servi e sfruttatori,
non saremo mai più proni,
salutiamo i dì migliori!

Siamo uniti tutti quanti
nella vita e nella morte,
l mondo nuovo è a noi davanti,
braccio e animo abbiam forte!

Lavorerem per noi soltanto e per i nostri figli,
né schiavi, né servi, né padroni, né famigli!

Respira, o popolo dai ceppi liberato,
riprendi in mano la tua vita ed il tuo fato!

Senza schiavi né padroni,
non più servi e sfruttatori,
non saremo mai più proni,
salutiamo i dì migliori!

Siamo uniti tutti quanti
nella vita e nella morte,
l mondo nuovo è a noi davanti,
braccio e animo abbiam forte!

Oh madre natura, cielo e terra ch’è di tutti,
cantiamo insieme navigando in mezzo ai flutti.

Le lagrime, le pene, il soffrir sono lontani.
Nel cuore l’aurora noi portiamo e il domani.

Senza schiavi né padroni,
non più servi e sfruttatori,
non saremo mai più proni,
salutiamo i dì migliori!

Siamo uniti tutti quanti
nella vita e nella morte,
l mondo nuovo è a noi davanti,
braccio e animo abbiam forte!

Natura, oh madre numinosa, nel tuo seno
ristoro e nuove forze sempre troveremo.

Oh fiumi, oh monti, oh valli, oh laghi, oh mare, oh cielo,
la voce avete dell’amico più sincero.

Senza schiavi né padroni,
non più servi e sfruttatori,
non saremo mai più proni,
salutiamo i dì migliori!

Siamo uniti tutti quanti
nella vita e nella morte,
l mondo nuovo è a noi davanti,
braccio e animo abbiam forte!

Eterni risplendono beati gli astri amici,
guidandoci in salvo verso lidi più felici.

Il cielo omniabbracciante a noi dona la luce,
in grembo all’avvenire il mare ci conduce.

Senza schiavi né padroni,
non più servi e sfruttatori,
non saremo mai più proni,
salutiamo i dì migliori!

Siamo uniti tutti quanti
nella vita e nella morte,
l mondo nuovo è a noi davanti,
braccio e animo abbiam forte!

(Joe Fallisi)


Nessun commento:

Posta un commento