Saul Arpino ritorna…


Avete visto quella faccia della foto in vetrina… chi è quello, sono forse io?
Potrei dire di sì ed anche di no…. Sono io per le convenzioni del mondo, non sono io perché l’io non può essere fissato ad un’immagine momentanea e mutevole.
Quell’io che vedete è un attore che recita in una commedia, in un certo senso non ha nome né forma precisa, come tutti gli attori che possono interpretare vari ruoli.
Ma il mio vero “io” non si manifesta solo nei ruoli ma nella sceneggiatura, nei costumi, nelle parti comprimarie, nella musica, nella regia, nelle luci, negli spettatori… eccetera…


Volendo però dargli un nome chiamerò quell’io Saul Arpino. Un nome inventato? Forse sì e forse no.. il nome potrebbe esistere od avrebbe potuto esistere… mio nonno –ad esempio- avrebbe potuto chiamarsi così… poi per motivi banali, di sopravvivenza bruta, prese a chiamarsi Paolo D’Arpini… ed io voglio seguire il suo esempio -ma al contrario- cambio nome e divento Saul Arpino, perlomeno su questo blog.


A proposito di blog… sentivo il desiderio di crearmi un piccolo palcoscenico sul quale recitare alcune parti che non mi sono consentite in altri spazi. Da questo luogo, che forse mi riporta indietro nel tempo, un ritorno ai dinosauri del passato remoto oppure verso un avanti sconosciuto, non so, mi prenderò la libertà di raccontare e mostrare agli accorti lettori alcune segrete immagini dell’essere… di quel che io sono o non sono, descrivibile o indescrivibile…..


Vostro affezionato, Saul Arpino.

venerdì 9 novembre 2012

Il Giornaletto di Saul del 10 novembre 2012 – Voto di protesta o non-voto?, olive libere, complottismo, critica liberale, dieta bioregionale


Qualcosa di vero


Care, cari,

beh, l'estate di San Martino si sente già e come... Ogni anno malgrado tutto ritorna come un ritorno di fiamma di un grande amore che sta però svanendo. Un ricordo di tepore che per qualche giorno riscalda il cuore e ci prepara alla fredda notte invernale.

Voto di protesta o non-voto? - La soglia del 42% per ottenere il premio di maggioranza è stata studiata apposta affinché nessuno possa vincere e quindi l'unica alternativa sarà quella di continuare con il governo monti bis. Insomma sarà ancora governissimo... l'ammucchiata istituzionale dei partiti al potere. In tal modo si ferma anche il Grillo e qualsiasi altra aggregazione d'opposizione al sistema attuale. Tra l'altro la spezzettatura delle opposizioni vanifica ogni protesta, in previsione della soglia del 5% che impedirà a tanti voti di ottenere una rappresentanza parlamentare. Pensate un po'... se -ad esempio- in Sicilia quel 52% di non votanti più l'altro 10% (ed anche più) di voti inutili a partitini vari e di schede bianche e nulle si fosse riversato in un voto compatto di protesta. Adesso la Sicilia sarebbe veramente governata dalla maggioranza della popolazione, ovvero da chi non ha interessi di bottega in questo sistema partitocratico e mafioso... Ricordiamoci di questa lezione ed alle prossime elezioni politiche votiamo compatti contro il sistema, votiamo chi maggiormente si è qualificato per un cambiamento radicale... allora l'Italia si salverà dal cappio e la democrazia avrà ripreso un suo senso. - Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2012/11/09/antipolitica-le-ragioni-del-non-voto-e-le-ragioni-del-voto-di-protesta/

Grecia. Atene Brucia? - Scrive Maurizio Lodi: "Lavorare o non lavorare? Lavorare in Grecia o emigrare all’estero? Questo è il dilemma a cui migliaia di giovani Greci al di sotto dei 25 anni dovranno rispondere prima di iniziare la loro vita professionale nel paese oberato dai debiti. Nello stesso tempo, il disegno di legge prevede che il salario minimo è determinato dal Ministro del Lavoro e non tra i sindacati e le associazioni dei datori di lavoro, come in passato. Il presente regolamento resterà valido fino a che il tasso di disoccupazione non scenderà al 10%. Attualmente, la disoccupazione è al 25% con una tendenza all’aumento"

Roma. Olive libere – Scrive Società Agricola: “Lanciamo un'iniziativa che vorremmo costruire insieme, in tempi rapidi, con privati ed associazioni volenterosi di "scendere in campo" sui temi dell'agricoltura,  della città, dell'abbandono delle risorse produttive più importanti del paese,  della ricerca di lavoro. Sappiamo, grazie alle ricerche condotte da oramai più di un anno dal Coordinamento Romano per l'accesso alla Terra di un grande uliveto, da noi visitato, di proprietà del comune di Roma ... lasciato non curato, in assenza di una progettualità immediata...” - Continua:  http://retedellereti.blogspot.it/2012/11/roma-24-novembre-2012-coraggio-e.html

Scie chimiche ed oggetti non identificati volanti - Scrive Lettore anonimo (per ovvie ragioni): "Stamattina alle 7 ero sull'autostrada e ho filmato un aereo che rilasciava scie chimiche. Fin qui la "normalità'". Ma proprio vicino ad un scia è apparso un oggetto luminoso che ho ripreso bene. Sono riuscito solo in parte a filmare quell'oggetto luminoso, ma vi assicuro che dal vivo è stato davvero sorprendente osservare la repentinità e la velocità con la quale si è allontanato; sembrava quasi avesse capito di essere filmato. Strane cose accadono su questo pianetino."

Beppe e Obama - Commento all'articolo - http://paolodarpini.blogspot.it/2012/11/beppe-grillo-barack-obama-la-guerra.html - scrive Luigi Crocco: "Credo che l'elogio di Grillo rispecchia lo spirito del rieletto Presidente Barack Obama e di gran parte degli elettori 63 %dal tempo di Kennedy e Nixon dal 63 a combattere il potere delle grandi lobby( Compagnie petrolifere , commerci , deviazione e distrazione di finanziamenti illeciti, fisco, banche ecc) . Come ieri gli italiani in Sicilia a combattere per la prima volta dal 1948 la grande coalizione del potere dei partiti e partitini e di tutti i leder nostrani sulle varie corruzioni al senato al parlamento e nelle varie amministrazioni locali sulla cosa pubblica (ieri L'AGEC a Verona) tanto da essere classificati assieme al Togo e al Uganda al 69 posto sulla classifica mondiale quasi al 70% dopo i primi 3 paesi virtuosi Danimarca, Olanda, Svezia ecc. dove la corruzione oscilla dal 3 al 4%. Sarà per la diversa cultura l'aria il clima la razza la politica e le leggi sulla piccola estensione, ma in proporzione anche gli altri prima, sono meglio di noi"

Tibet - A commento dell'articolo http://www.circolovegetarianocalcata.it/2012/11/08/cina-appello-al-governo-cinese-per-una-autonomia-amministrativa-per-la-regione-del-tibet/ scrive Gianni Donaudi: "..ma NON dimentichiamo che la tendenza dei Bonzi è il FEUDALESIMO CLERICALE. Inoltre la questione del Tibet NON deve diventare un casus-Belli, x una futura guerra apocalittica S.U.A.///CINA. E questo i neo & post-ecce BOMBI ed EX MAOISTI INCALLITI (fino al ridicolo) dovrebbero ricordarselo e NON lasciarsi trascinare dai ma$$-Media occidentali$ti"

Complottismo poetico – Scrive poeticamente Ralf: “Debunkers CI ACCUSANO DI COMPLOTTISMO? Chi è un complottista? E’ chi, per tendenza, intravede complotti e cospirazione, indipendentemente dalle documentazioni o fondamenti confermabili nella realtà. Atteggiamento risibile, che spesso si manifesta nella forma di fissazione o mania. Per questo il complottista s’attaglia al profilo del paranoico e cioè di chi ha perduto il criterio interpretativo 'corretto' e quindi 'collettivo', e in ultima istanza: “comune” della realtà. Perché “Sano” è chi è UGUALE” - Continua:

Sagra degli ingenui - Scrive Enrico Galoppini: "Tutti gli aspiranti “politici”, invariabilmente, si presentano come ‘campioni d’onestà’ (e mai di competenza, per non parlare delle imprescindibili qualificazioni d’ordine spirituale), ma bisogna ammettere che tra i partecipanti ai ‘ludi elettorali’ vi è chi, assieme all’immancabile “primato morale”, dà prova di un’ingenuità davvero disarmante. È il caso dei candidati dei partitini della cosiddetta “destra” (o "sinistra"). Di quella che non ha il coraggio di aggiungere “centro-” come han fatto il PDL e il “PD meno L” (come li sbeffeggia Beppe Grillo) definendosi “centro-destra” e “centro-sinistra”

Emergenza democratica e critica liberale – Scrive Enzo Marzo: “E' superfluo descrivere la condizione tragica del sistema politico e della vita pubblica italiana. E' davanti agli occhi di tutti. Auspichiamo che prima delle elezioni i partiti si impegnino sia al ripristino di una campagna elettorale democratica senza sottrarsi a confronti autentici sia all'assunzione della piena responsabilità politica della composizione delle liste. Chiediamo un impegno programmatico di emergenza democratica, consapevole del livello del degrado raggiunto, da realizzare con precedenza assoluta nei primi cento giorni di governo, in mancanza del quale nessuna forza politica può pretendere di ricevere il voto dei cittadini che continuano a riconoscersi nei principi della democrazia.... “ - Continua: http://paolodarpini.blogspot.it/2012/11/critica-liberale-e-lemergenza.html

Vaticano intrigante - Scrive Roma Nuovo Secolo: “Proposti tre incontri, che si terranno tutti nell'Aula Magna della Facoltà Valdese di Teologia e avranno come protagonisti: Massimo Teodori, Gennaro Acquaviva e Marco Politi. Il titolo che li accomuna tutti è "La politica senza religione"; e gli argomenti trattati, nell'ordine, riguarderanno la finanza vaticana, la politica della Cei e l'ora di religione. Lunedì 19 novembre ore 16,30. Finanza "nera"- Le opacità del Vaticano. Relatore Massimo Teodori. L’incontro si terrà, come detto, presso l'Aula Magna della Facoltà Valdese di Teologia. Roma, via Pietro Cossa 40 (piazza Cavour). Info. m.teodori@mclink.it"

Sulla scia elettorale - Scrive Francesco Semprini: "Non solo Casa Bianca. La notte dell’Election day ha portato agli Usa anche la legalizzazione della marijuana nello stato di Washington e in Colorado e il via libera alle nozze gay nel Maine e nel Maryland. Il voto è stato infatti l’occasione per procedere a una valanga di consultazioni popolari su temi cruciali, specie in materia di valori. Sono stati 176 i referendum per cui si è votato in 38 Stati americani, secondo quanto riferito dagli esperti dell’Università della California"

Dieta bioregionale e vita naturale - Ogni volta che  qualcuno partecipa  ad una passeggiata  da noi organizzata alla ricerca di erbe selvatiche commestibili, in funzione dell'adozione di una dieta vegetariana bioregionale. Molti di questi confessano, parlando con me lungo il percorso, di essere mangiatori di carne, pur sentendosi ecologisti, adducendo le più svariate motivazioni, dall’abitudine al piacere del gusto, sino alla scusante che “uccidere un animale od una pianta è la stessa cosa, poiché anche le piante sono vive..”. Questo è un discorso ricorrente che viene fatto dai carnivori per giustificarsi nel voler continuare a mangiar carne… Ed ancora una volta rispondendo ad una lettera su questo tono non ho potuto far a meno di insistere sul fatto che non serve “uccidere” la pianta. Infatti se pratichiamo solo la sfogliatura e non il taglio, come d’altronde fanno tutti gli erbivori che brucano, la pianta può continuare il suo ciclo vitale e produrre fiori e frutti e semi.... - Continua:  http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2012/11/dieta-vegetariana-bioregioanale.html

Commento di Francesca: “Lo so paolo... tutte le tue dichiarazione sono giuste e vere... Con mio grande rammarico non riesco totalmente e non mangiare carne anche se il mio utilizzo è calato dell'80% in questi ultimi 3 anni, a mia discolpa posso sollo dire che mi sto impegnando molto! ciao ciao a presto ..”

Mia rispostina: “Cara Francesca, l'importante è perseguire lo scopo con costanza e determinazione, non si nasce in un giorno, la gestazione è necessaria per far proprie le informazioni genetiche ricevute dai nostri genitori e sintetizzarle al meglio. Un abbraccio affettuoso”

E vai col tango, pure oggi finalmente possiamo chiudere! Ciao, Saul/Paolo

...............

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

Le parole sincere non sono mai belle, le belle parole non sono mai sincere. Il virtuoso non ama discutere, chi ama discutere non è virtuoso. Chi sa non fa mostra della sua erudizione, chi fa mostra della sua erudizione non sa. Il santo non accumula; più fa per gli altri e più egli possiede; più dà agli altri e più profitto ne ricava. La Legge Celeste (Tao) benefica ma non nuoce ad alcuno; la via del santo è operare e non contendere. Io posseggo tre gemme che gelosamente tengo in serbo; la prima è la compassione, la seconda è la semplicità, la terza la modestia. Perché sono compassionevole, perciò sono forte; perché sono semplice, perciò sono liberale; perché sono modesto, perciò, perciò sono un vaso di perfezione. Oggi invece la gente dimentica la compassione, ma vuole essere forte; dimentica la semplicità, ma vuole essere liberale; dimentica la modestia, ma vuole primeggiare sugli altri. Perciò muore” (Lao Tze) 

Nessun commento:

Posta un commento