Saul Arpino ritorna…


Avete visto quella faccia della foto in vetrina… chi è quello, sono forse io?
Potrei dire di sì ed anche di no…. Sono io per le convenzioni del mondo, non sono io perché l’io non può essere fissato ad un’immagine momentanea e mutevole.
Quell’io che vedete è un attore che recita in una commedia, in un certo senso non ha nome né forma precisa, come tutti gli attori che possono interpretare vari ruoli.
Ma il mio vero “io” non si manifesta solo nei ruoli ma nella sceneggiatura, nei costumi, nelle parti comprimarie, nella musica, nella regia, nelle luci, negli spettatori… eccetera…


Volendo però dargli un nome chiamerò quell’io Saul Arpino. Un nome inventato? Forse sì e forse no.. il nome potrebbe esistere od avrebbe potuto esistere… mio nonno –ad esempio- avrebbe potuto chiamarsi così… poi per motivi banali, di sopravvivenza bruta, prese a chiamarsi Paolo D’Arpini… ed io voglio seguire il suo esempio -ma al contrario- cambio nome e divento Saul Arpino, perlomeno su questo blog.


A proposito di blog… sentivo il desiderio di crearmi un piccolo palcoscenico sul quale recitare alcune parti che non mi sono consentite in altri spazi. Da questo luogo, che forse mi riporta indietro nel tempo, un ritorno ai dinosauri del passato remoto oppure verso un avanti sconosciuto, non so, mi prenderò la libertà di raccontare e mostrare agli accorti lettori alcune segrete immagini dell’essere… di quel che io sono o non sono, descrivibile o indescrivibile…..


Vostro affezionato, Saul Arpino.

giovedì 1 settembre 2016

Il Giornaletto di Saul del 2 settembre 2016 – Dioniso il Dio della Natura, monopolio dell'aldilà, taoismo ed energie Yin e Yang, nudisti a Potenza Picena, RAI (Requiem Aeternam Ignavi), ecumenismo finanziario...


Risultati immagini per edera e dioniso

Care, cari, i cinghiali si strusciano e si fanno i denti su grosse piante di quercia che usano come riferimenti/crocevia. Spesso vi è una grossa edera cresciuta e ferendola ne esce la resina. Così facendo si sporcano di questo profumo dolciastro ed invadente. L'edera era considerata la pianta sacra a Dioniso ed alla Dea Diana. Usando la resina si riesce a coprire l'odore del corpo per andare a caccia... (Felix D'Arpini)

Torna il tempo della sacralità della natura – Scrive Marcus Prometeus: “E' tempo che i laici reagiscano alla retorica religiosa ma NON estraniandosi dalla propria comunità, bensì rivendicando orgogliosamente le proprie radici nella tolleranza e nella libertà di pensiero dei tempi “pagani”. Se consideriamo che il paganesimo non è stato una religione, bensì un atteggiamento tollerante verso tutti i modi di pensare e tutte le tradizioni, non avremo difficoltà a mantenere intatta la nostra laicità pur recuperando pienamente il folclore gioioso delle nostre radici più profonde...” - Continua: http://retedellereti.blogspot.it/2016/09/il-culto-di-dioniso-al-tempo-della.html

Integrazione: «L'edera fiorisce in autunno quando per la vite è tempo di vendemmia, e produce frutti in primavera. Tra la sua fioritura e l'epoca dei frutti sta il tempo dell'epifania dionisiaca nei mesi invernali. Così, in certo qual modo l'edera rende omaggio al dio delle inebrianti feste invernali, dopo che i suoi germogli si sono librati in alto, come se recassero una nuova primavera. Ma anche senza tale trasformazione essa è un ornamento dell'inverno. Mentre la vite dionisiaca necessita il più possibile della luce e del calore solare, l'edera dionisiaca ha un bisogno sorprendentemente limitato di luce e di calore, e fa germogliare la sua freschissima verzura anche all'ombra e al freddo. Nel bel mezzo dell'inverno, quando si celebrano strepitanti feste dionisiache, si stende baldanzosa con le sue foglie frastagliate sul terreno dei boschi o si arrampica sui tronchi quasi volesse, al pari delle Menadi, salutare il dio e circondarlo nella danza. La si è paragonata al serpente, e la natura fredda attribuita a entrambi si ritiene sia il motivo per cui essi appartengono a Dioniso. Effettivamente il movimento con cui l'edera striscia sul terreno o si avvolge agli alberi può ricordare i serpenti che le selvagge accompagnatrici di Dioniso intrecciano nei capelli o tengono fra le mani.»

Il monopolio dell'aldilà... - Scriveva Rutilio Sermonti: “L’uomo ha paura della morte. Ne ha paura perché non può avere nozioni che di morte altrui, e perché i cadaveri assumono aspetto e odore repellente. Non si sa quale genio maligno abbia intuito che la paura della morte potesse rappresentare il più colossale affare della storia. Bastava “annunziare” che la morte era un fatto provvisorio e che era seguita dalla vita eterna. Precisando però che tale vita eterna sarebbe stata di godimenti ineffabili o di sofferenze atroci a seconda della soddisfazione dei “ministri di Dio”. Per i detti ministri fu un’autentica pacchia. E vi fu gente che abboccò e molta di più che, in nome della religione, commise le più efferate violenze e le più ignobili frodi...” - Continua: https://circolovegetarianotreia.wordpress.com/2016/09/01/religioni-ed-i-professionisti-dellaldila/

Questo è il tempo – Scrive Ferdinando Renzetti: “Un proverbio cinese dice che quando soffia il vento del cambiamento qualcuno costruisce muri per difendersi altri costruiscono mulini a vento. Non parliamo di cambiamenti epocali o improvvisa risoluzione di tutti i problemi economici e sociopolitici ma di uno sguardo diverso con cui osservare quello che ci sta intorno...”

Il Tao e le energie Yin e Yang – Scrive Laura De Rosa: “La visione del mondo taoista è di natura olistica, a differenza di quella occidentale che si basa sulla contrapposizione di forze opposte. Queste forze, definite Yin e Yang, sono in realtà due facce della stessa medaglia, come si evince dal simbolo del Tao. Gli opposti sono manifestazioni del Tao e hanno la medesima importanza, pur essendo diversi. La “divinità” del Taoismo è quindi una specie di Principio ordinatore del mondo, concetto assai lontano dall’immagine di carattere personale tipica delle religioni occidentali. Non c’è bianco senza nero, non c’è luce senza buio, non c’è femminile senza maschile...” - Continua: http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2016/09/tao-vivere-la-vita-secondo-natura.html

Commento di Alan Watts: “Tutto il nostro ragionamento si basa sulla legge di causa ed effetto, che opera come una successione. Qualcosa accade ora, perché qualcos’altro è accaduto allora. Ma i cinesi non ragionano tanto secondo questa linea orizzontale, che va dal passato al futuro, attraverso il presente: ragionano verticalmente, da ciò che è in un posto ora a ciò che è in un altro posto ora...” continua in calce al link soprastante

La parola alla difesa. Non tutti i cattivi sono islamici – Scrive O.B.: “L'Islam è vittima più che portatore di problemi. Ed il maggiore problema dell'Europa in verità è la "giudeizzazione" sionista. Non fatevi fregare  dagli adoratori del “mondo”, della materialità, dei soldi… tutte cose che con la loro sepoltura rimangono come letame nelle mani di un demente che crede di mangiare miele. Il loro scopo principale è rendere la gente cieca rispetto alla loro vera natura, facendogli credere che questo mondo sia una buona cosa per cui combattere… e la gente di fatto rimane schiava degli propri vizi e dell'illusione della propria libertà attraverso il lavoro in fabbrica, la spesa al supermarket, il calcio e il voto democratico...” - Continua: http://paolodarpini.blogspot.it/2016/09/la-parola-alla-difesa-il-vero-problema.html

Commento di U.T.: “ ...ma che ne sapete voi dell'Islam che non ve lo passino i mass media. Per me l'Islam, salvo i quattro fanatici e traditori dell'Islam, che fanno la guerra per le multinazionali, è superiore al cristianesimo cattolico, una religione che assimilò la barbarie degli invasori nordici, divenne banale, cercò di coprire le sue lacune con i dogmi e perse ogni traccia dell'antica cultura greca...” - Continua in calce al link soprastante

Mia rispostina: “Ritengo utile dare spazio a vari punti di vista per cercare di farsi un'idea globale di quel che sta avvenendo nella nostra società umana. Personalmente non sono seguace di alcuna religione per cui l'idea di favorire il giudaismo, il cristianesimo o l'islam mi è completamente estranea. Non posso per altro ignorare l'aspetto specifico dell'influenza islamica che sta aumentando qui in Italia...” - Continua in calce al link soprastante

Commento di Alfredo Fausto: “Articolo molto interessante che sottolinea i "basic istinct" delle masse . Mi rivengono in mente le parole di Siddhartha Gautama " Io come un elefante colpito in battaglia da una freccia posso sopportare, il dolore il volgo, invece è senza alcuna virtù"

Cataclismi naturali e volontari bioregionali – Scrive Massimiliano Capalbo: “Non è immaginabile credere che la ricostruzione e la messa in sicurezza, ma anche l’organizzazione e la gestione del territorio, possano essere affidate alle cosiddette “istituzioni”... (...).. Spetta ai cittadini che vivono il territorio acquisire la consapevolezza di dove si trovano e di quali pericoli possono incombere sulla propria comunità e pianificare le azioni volte a mettere in sicurezza, ma anche a valorizzare, le risorse presenti nella propria comunità. Partendo dalla propria casa. Si chiama bioregionalismo...” - Continua:

Napoli. Terra dei Fuochi – Scrive Alessandro Mezzano: “Alla questura di Napoli con preghiera di trasmissione all’ufficio competente della procura della Repubblica. Sul quotidiano Il Mattino di Napoli del 31 Agosto un video dimostra che nelle terre dei fuochi alcuni contadini coltivano quei terreni fortemente inquinati producendo derrate alimentari altamente tossiche... - Info. alessandro.mezzano@alice.it”

Aleppo. Altro che Sarajevo – Scrive V.B.: “Srebrenica e l'assedio di Sarajevo sono stati due delle più gettonate montature della storia per poter condannare i cattivi Serbi-Jugoslavi e santificare i fanatici jihadisti che volevano creare uno stato musulmano fondamentalista nel cuore dell'Europa.. Si leggano ad es. i documentatissimi dossier sull'argomento della "Città del Sole" ed il libro del giornalista tedesco Elsasser "Menzogne di Guerra". Intanto cresceva la jihad terrorista internazionale che oggi ha nella Bosnia e nel Kossovo due delle principali zone di arruolamento. Paragonare oggi i terroristi dell'ISIS a Milosevic e alla Jugoslavia è una vera carognata...”

Porto Potenza Picena. Il porto più bacchettone d'Italia – Prosegue anche quest’anno la campagna “moralizzatrice” del comune di Porto Potenza Picena, che vuole sradicare la piaga del nudismo dalle sue spiagge, a suon di multe. Nei giorni scorsi sono state comminate ammende, di ben 166 euro ciascuna, ad alcuni naturisti. Non per aver commesso “atti impuri” in un luogo pubblico ma semplicemente perché prendevano l’ultimo sole estivo in costume adamitico, e se Adamo aveva avuto il consenso dal Padreterno di restare come Lui l’aveva fatto non si capisce perché non possano farlo innocenti bagnanti sulle spiagge maceratesi. A Potenza Picena il sindaco crede di essere “religioso” ma forse è un eretico che non crede nella Bibbia. Magari preferirebbe che i bagnanti indossassero burka e palandrane...? - Continua: https://circolovegetarianotreia.wordpress.com/2016/09/01/porto-potenza-picena-prosegue-anche-nel-2016-la-campagna-moralizzatrice-contro-i-naturisti/

Samarth Ramdas ed il dovere compiuto – Scrive Marco Bracci a commento dell'articolo http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2016/08/vita-ed-opere-di-samarth-ramdas-nel.html -: “Tutta la storia di Ramdas si riassume in 3 parole: PREGA E LAVORA. Infatti, se il lavoro che svolgiamo è fatto con concentrazione e in armonia con le leggi divine, è anche preghiera. In sostanza non avremmo bisogno di pregare inginocchiati con le mani giunte o seduti a gambe incrociate o genuflessi verso la Mecca ecc., in momenti dedicati, ma tutta la nostra giornata sarebbe una continua preghiera. E così sarà.”

RAI (Requiem Aeternam Ignavi) – Scrive Adriano Colafrancesco: “...quatta quatta, infilata sorniona nella bolletta della luce elettrica di luglio, si è presentata la prima rata del canone tivvù di 70 euro, approfittando della distrazione da vacanze balneari degli italiani. Una rapina tanto più grave e sfrontata se si ripensa alla serie di menzogne del premier mai eletto che l’hanno preceduta: “Costi quel che costi, io ho intenzione di togliere la Rai ai partiti”. (16.5.2012) - “Io non metterò mai il mio partito nelle condizioni di prendere decisioni sulla Rai” (19.5.2014), “La Rai va tolta ai partiti per ridarla al Paese” (30.7.2014)...” - Continua: http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2016/09/rai-requiem-aeternam-ignavi-dopo-la.html

Islam è guerra (in attesa dell'ecumenismo) – Scrive M.B. a commento dell'articolo http://paolodarpini.blogspot.it/2016/08/islam-siamo-in-guerra-di-magdi.html -: “Faccio presente che la religione cristiana più conosciuta e potente, nonché la più ricca in assoluto, è la cattolica. Perciò anche la religione cattolica ha, come l'Islam, l'obiettivo di accaparrarsi tutte le anime del mondo. La miscelazione di queste due religioni, tramite le immigrazioni, forzate da una parte e agevolate dall'altra, di questi anni, altro non sono che il tentativo di allargare la maggioranza religiosa, una volta integrate opportunamente, con modifiche ad hoc del Corano e della Bibbia e giungere all’agognato (dai potenti) ecumenismo...” - Continua in calce al link segnalato

Ecumenismo religioso o finanziario? Comunque per il controllo delle masse - “In buona sostanza le religioni di matrice semitica (giudaismo, cristianesimo e islam) lavorano per l'accorpamento delle tre fedi monoteiste, che -in fondo- sempre da una traggono origine: il giudaismo. E segretamente rabbini, mullah e cardinali trafficano per fondare la "nuova religione universale", con la ricostruzione del tempio all'"unico dio". Il dio patriarcale e vendicativo ed assetato di potere. La costruzione del nuovo/vecchio tempio a Gerusalemme (fratelli maggiori) trova una ubicazione storica consona. E le diramazioni secondarie saranno Mecca e Roma (fratelli minori)...” - Continua: http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2015/11/il-nuovo-vecchio-tempio-di-gerusalemme.html

E con ciò vi saluto, Ciao, Paolo/Saul

P.S. Ricordo a tutti che la conferenza, che avrei dovuto tenere oggi, alle 17.40, al chiostro di San Francesco di Ascoli Piceno, in seguito al terremoto è stata spostata al 9 settembre, stesso luogo e stesso orario. Info. michelemeomartino@hotmail.com

…............................

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

"La vita umana non conduce a niente, quando non conduce a Tutto". (Louis Pauwels)




Nessun commento:

Posta un commento