Saul Arpino ritorna…


Avete visto quella faccia della foto in vetrina… chi è quello, sono forse io?
Potrei dire di sì ed anche di no…. Sono io per le convenzioni del mondo, non sono io perché l’io non può essere fissato ad un’immagine momentanea e mutevole.
Quell’io che vedete è un attore che recita in una commedia, in un certo senso non ha nome né forma precisa, come tutti gli attori che possono interpretare vari ruoli.
Ma il mio vero “io” non si manifesta solo nei ruoli ma nella sceneggiatura, nei costumi, nelle parti comprimarie, nella musica, nella regia, nelle luci, negli spettatori… eccetera…


Volendo però dargli un nome chiamerò quell’io Saul Arpino. Un nome inventato? Forse sì e forse no.. il nome potrebbe esistere od avrebbe potuto esistere… mio nonno –ad esempio- avrebbe potuto chiamarsi così… poi per motivi banali, di sopravvivenza bruta, prese a chiamarsi Paolo D’Arpini… ed io voglio seguire il suo esempio -ma al contrario- cambio nome e divento Saul Arpino, perlomeno su questo blog.


A proposito di blog… sentivo il desiderio di crearmi un piccolo palcoscenico sul quale recitare alcune parti che non mi sono consentite in altri spazi. Da questo luogo, che forse mi riporta indietro nel tempo, un ritorno ai dinosauri del passato remoto oppure verso un avanti sconosciuto, non so, mi prenderò la libertà di raccontare e mostrare agli accorti lettori alcune segrete immagini dell’essere… di quel che io sono o non sono, descrivibile o indescrivibile…..


Vostro affezionato, Saul Arpino.

domenica 12 maggio 2013

Il Giornaletto di Saul del 13 maggio 2013 – Viterbo e Alfio Pannega, dieta naturale ed erbe, danni da effetto serra, povero Grillo, Palma Cosentino Crozza, malattie e karma…..




Care, cari,

Viterbo. In difesa di Alfio Pannega – Scrive Peppe Sini: “Nel depliant propagandistico di una delle liste della coalizione berlusconiana e fascista per le elezioni comunali di Viterbo si commette una scandalosa infamia nei confronti del nostro compagno Alfio Pannega, deceduto nel 2010, che per tutta la vita è stato un combattente antifascista ed anticapitalista, un meraviglioso poeta, un uomo di generosità incomparabile, una delle figure più luminose di Viterbo. Quegli sciagurati signori della coalizione berlusconiana e fascista arrivano all'abominevole assurdità di farsi propaganda elettorale calpestando la memoria di un defunto….” – Continua: http://retedellereti.blogspot.it/2013/05/in-difesa-di-alfio-pannega-combattente.html

Firenze. Zanzara Tigre – Scrive W La Terra: “Giovedì 16 maggio, ore 16. Tavola rotonda: "Zanzara tigre: come e perché difendersi in modo corretto". Museo di Storia Naturale, Sala Strozzi, Via La Pira 4 – Firenze. Info. wlaterra@gmail.com

Germania. Danni da effetto serra – Scrive A.K.: “Clima, accordo sulla riduzione delle emissioni di gas serra entro il 2015. Ma per gli scienziati è ormai troppo tardi. Nel 2020 supereremo i fatidici 2° in più di temperatura terrestre. E' l'appello lanciato da Berlino dalla cancelliera tedesca Angela Merkel alla comunità internazionale riunita in occasione del Terzo Dialogo Mondiale sul Clima (presenti 35 Paesi) "Continuare non è un'opzione!  -Ha esclamato la Merkel- Dobbiamo evitare di raggiungere i 2° di aumento della temperatura terrestre. Ecco perché  l'accordo deve essere siglato entro il 2015". Per gli scienziati tutti gli sforzi che vogliamo intraprendere oggi per evitare l'aumento di 2° gradi di temperatura terrestre, sono inutili. Anche se smettessimo improvvisamente di produrre gas serra in atmosfera, il trend è ormai inarrestabile” – Continua: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2013/05/fulmine-tremendo-ferisce-50-persone-ed.html

Livorno. Chiropatia – Scrive Iuri: “Vi informiamo che, venerdì 31 maggio alle ore 21, presso la sala conferenze della circoscrizione 4 in via Menasci n° 2 a  Livorno, il dott.Espedito De Leonardis terrà una conferenza dal titolo “La Poesia del Corpo”. Il dott. Espedito De Leonardis, medico chiropratico, collabora fin dai primi anni della sua attività con il mondo dello sport. Info.  iuri.paganucci@inwind.it

Viterbo. Città dei papi – Scrive Giovanni Faperdue: “La città nel XIII secolo era ormai un Comune fiero e forte che aveva consolidato il suo potere con una serie di scelte oculate che l’avevano portata a raggiungere questo traguardo di ospitare i papi, che era quanto di più ambizioso potesse essere realizzato in quei tempi. Nella mia narrazione ho preso in esame anche l’organizzazione della curia che vantava i suoi uffici economici (oggi diremmo ministeri) che erano: La Cucina, la Panetteria, la Bottiglieria e la Marescalchia. Tutte le persone che erano al servizio dei papi e dei cardinali (familie), avevano diritto al vitto, all’alloggio e anche ad un compenso settimanale che veniva corrisposto in natura sotto forma di razioni…” - Continua: http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2013/05/giovanni-faperdue-quando-viterbo.html

Vignola. Mercatino agricolo – Scrive Monica: “Il 15 maggio 2013 dalle 18 alle 20.30 al Mercatino Biologico  del Mercoledì  nell'azienda La Bifolca di Maria Miani (vedi mappa: gasvignola.blogspot.it )  avremo tutto quello che offre la stagione e anche di più: ci sarà Piero con i suoi prodotti, Ivaldo il nostro Contadino per Eccellenza con le verdure, il GAL con le verdure di ReteBio (per ora) e tanti altri a sorpresa”

Danni agricoli – Scrive S.C.: “"..mi è capitato di trovare rami di ulivi e di carrubo tagliati in un mio appezzamento di terra. Solo dopo ho saputo che erano stati operai di una ditta che aveva avuto dalla Telecom l' incarico in sub-appalto di ripristinare linee telefoniche che erano state verosimilmente danneggiate da ladri di cavi e che li avevano tagliati per favorire il passaggio dei nuovi cavi.  Come posso regolarmi per conteggiare i danni subiti ed i risarcimenti da chiedere?"

Dieta naturale ed erbe selvatiche - Nella dieta naturale è altamente raccomandato l’uso di crudità e traendo le foglie dalla sfoltitura non comporta uccisione quindi la pianta non verrà danneggiata. Ad esempio raccogliendo le cimette di ortica, questo fa sì che dalla troncatura vengono emessi due nuovi getti, quindi l’ortica ci “guadagna”.. Le erbe commestibili sono la stragrande maggioranza di quelle esistenti, durante le passeggiate che facciamo di solito, riconosciamo un centinaio di specie vegetali e solo due o tre sono da me indicate come “velenose” (forse meglio definirle tossiche o psicotrope): due tipi di cicuta e l’arbusto del sambuco nano puzzolente. Basti pensare che Plinio menzionava oltre mille vegetali commestibili fra quelli in uso nella cucina romana mentre oggi noi dal fruttivendolo ne troviamo al massimo una trentina e perlopiù originari dalle americhe (patate, pomodori, melanzane, etc.)… - Continua:

Ricchi e poveri – Scrive Marco Bracci: “Come fanno i ricchi a diventare sempre più ricchi e i poveri sempre più poveri ? Semplice, i grandi ricchi (cioè i prestanome del ..... ) hanno incastrato i Governi di tutto il mondo, costringendoli ad indebitarsi sempre più e con un sistema che non permetterà mai loro di riprendersi. Di conseguenza i Governi sono costretti ad aumentare tasse e balzelli per raggranellare i soldi per pagare i loro creditori, e i balzelli si scaricano principalmente sui “poveri”, sia direttamente che attraverso la riduzione/perdita del lavoro e quindi del denaro per vivere. Tutto questo fu già previsto e scritto nel libro di Giovanni, l’Apocalisse, 2000 anni fa.”

Cambiare si deve – Scrive Anthony Ceresa: “E’ ora che il Paese si svegli dalle condizioni di catalessi, per una scelta di cambiamento alquanto urgente, nel considerare importanti soluzioni riparatrici per ridare anima alla Nazione spogliata da ogni diritto alla vita, eliminando la corruzione diffusa fra i Partiti Politici, sostituendoli con: 1) Una Repubblica Presidenziale, riducendo i Membri del Parlamento, eliminando il Senato, le Province, i Governi Regionali con le migliaia di Consiglieri affaristi e i tanti sprechi del sudore dei lavoratori a vantaggio dei buoni a nulla che pesano sul Paese, riformulando la Costituzione?? Oppure,  2) Una Repubblica Presidenziale Referendaria Socialista, con la Legislatura della durata di quattro anni rinnovabili dopo una interruzione, dove i cittadini hanno il diritto della parola, denunciare i soprusi, posta al vaglio di due/trecento Saggi dislocati territorialmente, tre o quattro per milione di abitanti, senza Parlamento, né Senato, senza Governi Regionali o Comunali, semplici esecutori di servizi verso la Comunità, con tutte le Leggi e Decreti sottoposti all’approvazione per Referendum Nazionale, in un sistema Centralizzato Elettronicamente Controllato…” – Continua:

Palma querela Crozza - Scrive Rete Grillo: "La prima cosa che Nitto Palma ha fatto dopo la nomina a presidente della commissione Giustizia del Senato è stata quella di andare a trovare in carcere Cosentino, è come se il premio Nobel per la pace, appena premiato, andasse a trovare il signor Kalashnikov". Per questa battuta Crozza è stato querelato da Palma non perchè non abbia incontrato Cosentino, ma perché l'ha fatto prima di essere nominato Presidente della Commissione Giustizia al Senato.”

Grillo cometa -  http://paolodarpini.blogspot.it/2013/05/costellazione-del-grillo-le-cinque.html - A  replica dell’articolo  scrive  Albert G. Zannoni:  “Credo  nella religione ebraica ma, ancora di più, nell'Essere che ha creato l'Universo e che si chiama Dio, il Dio fatto uomo nella figura di Gesù Nazzareno, che ha dato vita al Cristianesimo e che ha avuto il coraggio di consentire all'uomo d'avere il libero arbitrio, a differenza di Maometto che si è inventato Allah, per ragione di comodo e dominio, negando quella facoltà ai suoi fedeli, certo che se iniziano a pensare ripudiano l'islam come la più falsa delle religioni. Ma a dispetto di ciò che ho scritto, ho in uggia i preti dalla tonaca nera, o bianca e nera, fidandomi molto di più dei portatori di saio color foglie di castagno vecchie, quando sono sinceri e veramente poveri…” Continua in calce al link  menzionato

Karma e malattia - Commento  a  http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2013/05/karma-e-cure-invasive-ogni-malattia-e.html  di Noemi Longo: "Le cure invasive nei casi di malattie degenerative non sono a mio avviso tanto dettate da quello che Paolo dice essere un'esigenza espiativa evolutiva karmica, almeno non meramente individuale. Piuttosto di un karma che interessa l'intera società umana, visto che le cause maggiori sono dovute alle scelte politiche, industriali e di sviluppo compiute dai rispettivi governi. La necessità espiativa-evolutiva di scontare un karma individuale potrebbe supporsi e verificarsi in una società in cui vi sia la reale possibilità di scegliere come vivere, cosa respirare, cosa mangiare e come curarsi e non come unica alternativa al lasciarsi morire…” – Continua in calce al link

Mia rispostina: "..il karma collettivo non è disgiunto dal karma individuale, spesso c'è bisogno di un karma collettivo per poter attuare diversi karma individuali en masse. Il valore dato al libero arbitrio è arbitrario cioè una semplice supposizione consolatoria"

Il karma è karma… e ciao a tutti! Saul/Paolo

……………….

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

A Thanksgiving Prayer 

Thanks for the wild turkey and the passenger pigeons, destined to be shit out through wholesome American guts.
Thanks for a continent to despoil and poison.
Thanks for Indians to provide a modicum of challenge and danger.
Thanks for vast herds of bison to kill and skin leaving the carcasses to rot.
Thanks for bounties on wolves and coyotes.
Thanks for the American dream,
To vulgarize and to falsify until the bare lies shine through.
Thanks for the KKK.
For nigger-killin' lawmen, feelin' their notches.
For decent church-goin' women, with their mean, pinched, bitter, evil faces.
Thanks for "Kill a Queer for Christ" stickers.
Thanks for laboratory AIDS.
Thanks for Prohibition and the war against drugs.
Thanks for a country where nobody's allowed to mind the own business.
Thanks for a nation of finks.
Yes, thanks for all the memories-- all right let's see your arms!
You always were a headache and you always were a bore.
Thanks for the last and greatest betrayal of the last and greatest of human dreams.

William Burroughs

Nessun commento:

Posta un commento