Saul Arpino ritorna…


Avete visto quella faccia della foto in vetrina… chi è quello, sono forse io?
Potrei dire di sì ed anche di no…. Sono io per le convenzioni del mondo, non sono io perché l’io non può essere fissato ad un’immagine momentanea e mutevole.
Quell’io che vedete è un attore che recita in una commedia, in un certo senso non ha nome né forma precisa, come tutti gli attori che possono interpretare vari ruoli.
Ma il mio vero “io” non si manifesta solo nei ruoli ma nella sceneggiatura, nei costumi, nelle parti comprimarie, nella musica, nella regia, nelle luci, negli spettatori… eccetera…


Volendo però dargli un nome chiamerò quell’io Saul Arpino. Un nome inventato? Forse sì e forse no.. il nome potrebbe esistere od avrebbe potuto esistere… mio nonno –ad esempio- avrebbe potuto chiamarsi così… poi per motivi banali, di sopravvivenza bruta, prese a chiamarsi Paolo D’Arpini… ed io voglio seguire il suo esempio -ma al contrario- cambio nome e divento Saul Arpino, perlomeno su questo blog.


A proposito di blog… sentivo il desiderio di crearmi un piccolo palcoscenico sul quale recitare alcune parti che non mi sono consentite in altri spazi. Da questo luogo, che forse mi riporta indietro nel tempo, un ritorno ai dinosauri del passato remoto oppure verso un avanti sconosciuto, non so, mi prenderò la libertà di raccontare e mostrare agli accorti lettori alcune segrete immagini dell’essere… di quel che io sono o non sono, descrivibile o indescrivibile…..


Vostro affezionato, Saul Arpino.

lunedì 22 ottobre 2012

Il Giornaletto di Saul del 23 ottobre 2012 – Beni comuni, caro elettore PD, gilania, tanatologia, via sincretica, bioregionalismo casalingo...


Collage di Vincenzo Toccaceli


Care, cari,

Milano per i beni comuni – Scrive Amalia Navoni: “Visto che gli Stati, nei vari congressi internazionali, non sono ancora riusciti a prendere seri provvedimenti, iniziamo noi a livello individuale e come consiglio di zona a cambiare stile di vita perché ogni quartiere diventi ecosostenibile. Mercoledì 24 ottobre ore 20,30 in consiglio di zona 8, via Quarenghi, 21 Milano, all’evento PER UNA ZONA ECO-SOSTENIBILE. Mutamenti climatici, aumento CO2, scarsità di acqua e suolo fertile, distruzione irreversibile della biodiversità, esaurimento di risorse geologiche, biologiche, alimentari, inquinamenti degli habitat umani, provvedimenti da prendere per ridurre il riscaldamento della Terra. Info. amalia.navoni@fastwebnet.it”

Elettore PD, aripijate! - Lettera divertente ma seria di quel che ha combinato il monti mario da quando sta al governo, con l'appoggio del PD (di Renzi e Bersani e compagnia bella). Leggetela tutta, mi raccomando... Comincia dal mezzo: “...raccontiamo una storiella (vera). C'è una banca, Jp Morgan, che in primavera ha perso 9 miliardi di dollari in movimenti speculativi. Un bel botto, non c'è che dire. Prima di rivelare tutto questo, per cadere in piedi, ha bisogno di rientrare da qualche vecchio credito. Che potrebbe essere anche inesigibile. La nostra Jp Morgan fa il giro del pianeta, bussa a tutte le porte e qualcuna apre. Una di quelle che apre è il governo Monti. Che regala a Jp Morgan un bell'assegno di 3,5 miliardi di euro riguardanti gli interessi su dei titoli a tasso variabile (non diciamo speculativi sennò il nostro elettore piddino non regge) contratti nel '97. Ma da chi? Dall'allora direttore generale del Tesoro, Mario Draghi. Insomma, in un momento di crisi invece di fare resistenza, e poteva farlo, all'attore speculativo Jp Morgan, Mario Monti ha dato un assegno alla banca americana pari all'ammontare della riforma delle pensioni votata alla bersagliera ad inizio anno.....” - Continua: http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2012/10/lettera-agli-elettori-pd-caro-elettore.html

Lo spettacolo della politica - Scrive Maurizio Barozzi: "TV e stampa ci stanno rincoglionendo con la “sfida”, quasi che fosse uno spareggio di un incontro di pugilato, tra Obama e Romney. Come noto in quel demenziale paese che sono gli Stati Uniti, si divertono con questi spettacoli da baraccone. Due candidati, appositamente scelti, “lavorati” e finanziati, da Lobby e consorterie, si affrontano con una serie di domande e risposte, studiate a tavolino da appositi psicologi, sociologi ed esperti di sondaggi elettorali, che meglio sarebbe definire esperti di gonzi. Chi deve vincere è già stabilito e comunque chi vince, vince, non cambia nulla essendo democratici e repubblicani due facce opposte di una stessa medaglia. Questa è la democrazia americana, carne di porco del potere finanziario: uno spettacolo da baraccone. E questa democrazia, questa farsa, la stanno travasando, anzi già l’hanno esportata anche da noi che, come popolo, proprio sprovveduti non eravamo. Basta vedere da noi le moderne diatribe elettorali in televisione e le cosiddette “primarie” altra farsa oramai divenuta patrimonio dei nostri partiti"

Libertà di stampa, secondo il PDL - Scrive IDV: "Il tentativo di imbavagliare la stampa e risolvere così con un colpo di spada buona parte dei problemi di corruzione è un vizietto che molti politici proprio non riescono a togliersi, e quelli del Pdl molto più degli altri. Ora hanno tirato fuori una norma cucita addosso alla sgradita Milena Gabanelli e la hanno infilata nel ddl sulla diffamazione che dovrebbe essere approvato entro il 30 ottobre"

Il toro che piange – Scrive Riccardo Oliva: “Sapendo di dover essere macellato, un toro a Hong Kong ha fatto quello che la gente fatica a credere, o addirittura è scettica, ha mostrato le sue emozioni. Gli operai lo hanno condotto nella stanza dove avrebbero dovuto macellarlo e stavano per procedere. Quando hanno chiuso la porta, il toro si è guardato indietro poi ha abbassato la testa. Il toro era in lacrime...” - Continua: http://retedellereti.blogspot.it/2012/10/hong-kong-la-storia-del-toro-che-piange.html

Domande a Forlì - Scrive ARQ: "L’umanità è alla sua fine? La civiltà ha forse raggiunto il suo ultimo stadio? Perché di fronte a tanta ostentazione di “progresso” gli uomini stanno sempre peggio? Qual è il senso della situazione attuale e perché tutto appare rovesciato rispetto a ogni ordine tradizionale di cose? Comprendere il senso globale della situazione, cosa si sta prospettando e come si possa affrontare con successo, sono elementi fondamentali per non subire il vortice degli eventi. L’esposizione degli argomenti si svolgerà nella sede dell’Associazione Romània Qvirites, Corso Garibaldi, 120, Forlì. Info. info@arqreligioneromana.it"

Censura RAI - Scrive Adriano Colafrancesco: "Cara Rai, c'era realmente rappresentata la società civile l'altra sera a Roma in piazza Farnese per parlare di te. Ma tu, a parte un servizio del tg3 nel pomeriggio del giorno dopo, non hai voluto parlarne! Neanche ai tempi di Benito Minzolini avevamo visto tanto oscuramento. Ma non è un problema: se tu non vai a piazza Farnese, piazza Farnese verrà da te"

L'Aquila – Tanatologia – Scrive Cesare Padovani: "Ciao a tutti, per chi fosse interessato, segnalo che, nei giorni 26-27-28 ottobre, si terrà all'Aquila, presso l'albergo Canadian, il convegno dal titolo: La vita oltre la vita. Info. cesare.padovani@cc.univaq.it"

Discorso sul periodo gilanico - Volendo abbracciare in un unico contesto il concetto di spirito e di vita, come presumibilmente avveniva durante il periodo gilanico, un tempo in cui c'era solidarietà, impegno civile, coscienza dell'ambiente, della fatica e dei pericoli ma allo stesso tempo spensieratezza, e desiderando riportare quella esperienza unitaria nella nostra vita quotidiana mi sono ritrovato a dover decidere quale parola potesse maggiormente indicare quel pensiero. Un amico bioregionalista suggeriva di usare il termine “religiosità della natura”, come proposto dal filosofo Thomas Berry. La parola in se stessa è molto evocativa di un ri-congiungimento con l'anima naturale. Allo stesso tempo il significato di religione (dal latino religio) è “ri-unire” ma non si può affermare che la vita abbia mai avuto separazioni in se stessa.. Se avesse subito una separazione non sarebbe più vita.. Infatti nel periodo matristico anche la morte era considerata una fase nel processo vitale. - Continua: http://paolodarpini.blogspot.it/2012/10/treia-8-dicembre-2012-verso-il.html

I nemici dell'Islam - Scrive Enrico Galoppini: "Si fa una certa fatica a credere che si possa giungere a tanto, e per questo ho voluto constatare dalla fonte originale se una simile enormità corrispondeva a quanto effettivamente pronunciato. Chi comprende l’arabo potrà valutare appieno le dichiarazioni rese da al-Qaradawi sulla tv del Qatar in occasione della preghiera di venerdì 12 ottobre, altrimenti si faccia affidamento sulla traduzione, fedele all’originale. In questo sermone, lo “shaykh di Aljazeera”, incita “gli arabi” (per lui intercambiabili con “sunniti”, indice della volontà di diffondere un settario “etno-nazionalismo religioso” spacciato per il “vero Islam”) a combattere i russi, i cinesi e gli iraniani a ragione della loro posizione sulla questione siriana”

Referendum acqua Lazio – Scrive M5S: “Il Movimento Cinque Stelle rende noto che il 27 Settembre 2012 i Sindaci ed i Consiglieri di ventuno Comuni laziali hanno consegnato le deliberazioni consiliari recanti l’adesione all’iniziativa referendaria. Seppur non attraverso il raggiungimento delle firme, l’iniziativa referendaria propositiva è andata in porto”

Via sincretica e libera da preconcetti – A commento dello scambio epistolare riportato ieri sul Giornaletto in merito alle vicende di Amritanandamayi scrive Vincenzo Toccaceli: “Grazie .....questo che sto per scrivere è il commento alla immagine: quando il saggio indica la luna lo stolto guarda il dito! (in questo caso l'abbraccio) questo aforisma è un mantra che mi ha donato Osho e mi ha aiutato tanto.... occorre comprendere che saggio e stolto abitano il medesimo corpo! Lo stesso Osho mi ha dato un insegnamento incredibile ho impiegato 10 anni per comprendere come intendere il suo insegnamento su Sathya Sai baba "è un prestigiatore e imbroglia tutti!" Ora tutto ciò mi rende più guardingo... ma ognuno ha la sua strada!” - Continua con commento aggiunto di Marco Maggini: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2012/10/22/amritanandamayi-sathya-sai-baba-osho-scambio-di-pareri-in-chiave-di-spiritualita-laica/

Un sogno – Scrive Daniela Spurio: “Un'informazione, mi ha sognato mia cugina che ero vestita come i monaci buddisti di arancione e tutti eravamo in un prato bellissimo. Io ero la prescelta per portare la candela a Dalai lama, e me lo raccontava con occhi brillantissimi. Non so molto su usi e costumi di questa religione ma cosa significa portare la candela al Dalai lama?”

Mia rispostina: “Cara Daniela. Simbolo di trasmissione di luce. Nel canto che faccio tutti i giorni "Arati" dedicato al Guru, si fa proprio questo... Si accende la candela con la candela della conoscenza...”

Bioregionalismo casalingo: “Come creare una rivoluzione nel proprio cortile, terrazzo, giardino o balcone. Forse avrete sentito parlare di Roger Doiron, fondatore di "Kitchen Gardeners International" una rete non profit composta da 20.000 persone in 100 Paesi che si occupa di riportare la sovranità del cibo a livello locale. Questo è un piccolo assaggio del suo pensiero: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2012/10/bioregionalismo-casalingo.html

E con ciò vi saluto affettuosamente, vostro, Saul/Paolo

…..................

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

"Etimologicamente, la parola “vigilanza” appartiene alla stessa famiglia dei termini “vegliare”, “veglia”, “sveglio”. Essere svegli significa non dormire. Ma cos'è che non deve dormire in noi? La coscienza. Il nostro corpo ha bisogno di sonno, e di questo non lo si deve privare. Una cosa è non dormire, un'altra è avere la coscienza
sveglia. Si può benissimo non dormire e avere una coscienza sonnolenta, così come si può dormire mantenendo comunque sveglia la coscienza. Sì, perché la coscienza è come una lampada, e negli esseri molto evoluti, questa lampada non si spegne mai."
(Omraam Mikhaël Aïvanhov) 

Nessun commento:

Posta un commento