Saul Arpino ritorna…


Avete visto quella faccia della foto in vetrina… chi è quello, sono forse io?
Potrei dire di sì ed anche di no…. Sono io per le convenzioni del mondo, non sono io perché l’io non può essere fissato ad un’immagine momentanea e mutevole.
Quell’io che vedete è un attore che recita in una commedia, in un certo senso non ha nome né forma precisa, come tutti gli attori che possono interpretare vari ruoli.
Ma il mio vero “io” non si manifesta solo nei ruoli ma nella sceneggiatura, nei costumi, nelle parti comprimarie, nella musica, nella regia, nelle luci, negli spettatori… eccetera…


Volendo però dargli un nome chiamerò quell’io Saul Arpino. Un nome inventato? Forse sì e forse no.. il nome potrebbe esistere od avrebbe potuto esistere… mio nonno –ad esempio- avrebbe potuto chiamarsi così… poi per motivi banali, di sopravvivenza bruta, prese a chiamarsi Paolo D’Arpini… ed io voglio seguire il suo esempio -ma al contrario- cambio nome e divento Saul Arpino, perlomeno su questo blog.


A proposito di blog… sentivo il desiderio di crearmi un piccolo palcoscenico sul quale recitare alcune parti che non mi sono consentite in altri spazi. Da questo luogo, che forse mi riporta indietro nel tempo, un ritorno ai dinosauri del passato remoto oppure verso un avanti sconosciuto, non so, mi prenderò la libertà di raccontare e mostrare agli accorti lettori alcune segrete immagini dell’essere… di quel che io sono o non sono, descrivibile o indescrivibile…..


Vostro affezionato, Saul Arpino.

mercoledì 10 ottobre 2012

Il Giornaletto di Saul del 11 ottobre 2012 – Mario Tozzi, O.M. Aivanhov, Roma camminando, Grottammare, Alce Nero, bioregionalismo...




Care, cari,

Mario Tozzi a Macerata – Scrive Gianni Donaudi: “Al Palazzo Bourbon Dal Monte di Macerata, Mario Tozzi: Le carte e i colori. Sono esposte venti opere tra disegni, pastelli, sanguigne, litografie ed incisioni. Mario Tozzi è uno dei più "alti" interpreti dell' iconografia femminile. Nelle sue opere la donna è sempre sognante, distaccata, impenetrabile, assoluta protagonista della scena, in un'atmosfera metafisica, dove tutto intorno sembra immobile, in perenne attesa”

Trasformazione – Scrive O.M. Aivanhov: “La farfalla che cerca la bellezza si posa sui fiori. Che cosa c’è di più bello e più colorato dei fiori? Anche la farfalla si è fatta delle vesti talmente belle, radiose e luminose che tutti ne sono incantati. Se sa lavorare sulla propria aura, anche l’essere umano può possedere gli stessi colori. La metamorfosi del bruco in farfalla ha il suo equivalente nella nostra vita psichica” - Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2012/10/10/omraam-mikhael-aivanhov-la-metamorfosi-del-bruco-in-farfalla-e-un-processo-che-ha-il-suo-equivalente-nella-nostra-vita-psichica/

Mail Art – Scrive F.C.S. News: “1962 – 2012 50 YEARS OF MAIL ART. Galleria Comunale d'Arte Contemporanea, Castel San Pietro Terme, dal 6 al 7 ottobre 2012, azione performativa di Fulgor C. Silvi – Info. fulgorsilvi@libero.it

Antispecisti a Roma – Scrive Maria Giovanna Devetag: “2 novembre, a partire dalle ore 9, all’Hotel Ergife di Roma, via Aurelia 619, in concomitanza con i lavori dell’XI congresso di Radicali italiani, si svolgerà l’assemblea costituente di un’associazione nazionale antispecista che nasce con lo scopo di fornire rappresentanza politica a quanti tra i radicali (e non solo) intendono battersi per l’affermazione di una visione sociale autenticamente ispirata all’elaborazione nonviolenta capitiniana e, pertanto, nettamente antitetica a qualsiasi forma di sfruttamento, prima tra tutte quella esercitata dalla specie umana nei confronti degli altri esseri senzienti”

Vescovi e siciliani – Scrive Vincenzo Mannello: “I sostenitori del sistema clientelare e, spessissimo mafioso, imperante in Sicilia tuonano: "andate a votare... NO all'astensionismo!" - Accusano la "mala politica" ma demonizzano le centinaia di migliaia di cittadini che , si presume , non si presenteranno ai seggi o voteranno scheda bianca e nulla. Secondo le buone e consolidate regole che..” - Continua:

Nun ce se crede – Scrive Maurizio Barozzi: "Leggete bene qui sotto: "Nel mondo è nata una superpotenza che è la finanza, o meglio il mercato finanziario. Questa superpotenza è più grande di tutti gli stati e precisamente è dodici volte più grande della ricchezza del mondo, delle famiglie, dei popoli e degli stati. Questa superpotenza non ha confini, visto che usa i nostri risparmi per speculare anche contro di noi". Ma chi è che parla così, un complottista, un visionario, un paranoico? NO E’ GIULIO TREMONTI A RICCIONE ALLA PRESENTAZIONE DI UNA SPECIE DI SUO NUOVO PARTITO. A ROMA SI DIREBBE: NUN CE SE CREDE"

Commento di E.G.: "Precisamente detto a Riccione, così spende poco per alberghi, ecc. L'ennesimo "partito personale" che servirà solo a distrarre il popolo-bue e a dare visibilità al personaggio in quanto alternativo.."

Commento di Antonio Pantano: "Gentili interlocutori, "NUN CE SE CREDE" è certamente dedicato a Tremonti ed alla sua "ammissione", datata 2012. Ma vecchia, nei fatti di oltre un secolo (criteri storici facilmente desumibili da vera conoscenza dei fatti reali!). Il XX è stato dedicato ad imporre la "democrazia della finanza" mediante due guerre mondiali e tre centinaia di "guerricciole" minori. Chi oggi - anche sul canale di queste missive elettroniche - starnazza commentando le allegre attuazioni delle regole bancarie come "valide ed ineccepibili" in applicazione dei trattati di Lisbona etc. e delle varie bestialità inumane delle tre (o ennesime) Basilee, è meglio che trovi il ramo giusto del fico ove appendere le sue "soddisfatte" rassegnazioni. Pensate! Basta un attento Fitoussì impegnato a spiegare allo attonito Celentano (nel silenzio dei saccentoni Stella & Rizzo) le birbonate a-democratiche dei fautori del PIL ad ogni costo, per far spazientire il gregge di quadrupedi drogati e ammaestrati ad esser pecore/scimmie, che ha preteso di ballare (nel catino dell'arena veronese) al suono di musichette orecchiabili, inculcate da 65 anni di clerico-democrazia-laica-vaticana. Altro che dittatura! "credere-obbedire-vegetare a testa china" è parola d'ordine oggi vigente. Lasciamo crepare i rassegnati, e, se possibile, prendiamo a pedate, spernacchiandoli, "monti e tremonti" che suonano il piffero di Hamelin per indurci a crepare affogati nel loro consumismo avido, alla re Mida"

Passeggiando per Roma – Scrive Amici del Tevere: “Domenica 21 ottobre 2012. Medioevo a Roma: dall’Aventino al Velabro Tra il colle dell’Aventino e la valle del Velabro, in prossimità del fiume, si concentrano due fra i più significativi edifici religiosi dell’alto Medioevo: S. Sabina e S. Giorgio al Velabro” - Continua: http://retedellereti.blogspot.it/2012/10/conoscere-roma-camminando-passeggiata.html

Lakshmi a Milano – Scrive Emy Blesio: “Sabato 17 Novembre 2012 DIVALI FESTIVAL (deepavali). ORE 20.30 Danze meditative in onore della dea Lakshmi. Lezione teorico pratica di meditazione in movimento e Satsanga e accensione della lampada che starà accesa 5 giorni. OGNUNO PORTA CIBO DA DIVIDERE CON I PRESENTI (aperto anche a esterni). SURYANAGARA, via Teramo 5, Milano info@suryanagara.it

In un attimo – Scrive Tullia Turazzi: “Vi sono persone che promuovono realizzazioni veloci, senza sforzo, che in pochi giorni, spesso a pagamento, ti promettono liberazioni istantanee, illuminazioni galattiche, poteri da esibire come prestigiatori da circo. Chi li segue regala la mente ad energie dubbie (se non fatali) a pseudo guru senza scrupoli.... mah, contenti loro, shanti om”

Co.Re.Co aboliti - Scrive Lorella Presotto: "Sapevate che... i CO.RE.CO sono stati aboliti per effetto della legge costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3, che ha riformato il Titolo V della Costituzione. La legge costituzionale si è limitata ad abrogare l'art. 130 Cost. che ne prevedeva l'istituzione, il che aveva fatto sorgere dubbi circa la possibilità per le regioni di mantenerli comunque in vita; IN OGNI CASO TUTTE LE REGIONI HANNO DECISO DI SOPPRIMERLI. Quindi dal 2001 gli atti legislativi delle Regioni non sono più sottoposti al controllo di legittimità costituzionale. L'effetto si è subito promulgato ai Tribunali Amministrativi Regionali, i quali sono stati pedessequamente ed esponenzialmente sommersi da ricorsi dei cittadini. Ciò ha provocato l'intasamento dei T.A.R. ed ha praticamente bloccato la giustizia amministrativa. Ecco uno dei modus operandi di una classe politica che non si sottopone alla costituzione, ai propri doveri di rappresentanza e di rispetto della sovranità del popolo"

Liberarsi da israele – Scrive Joe Fallisi: “Mark Regev, due anni fa parlando ai giornalisti, ha affermato: Il Free Gaza è una bella idea, ma liberarli da cosa? Se essi vogliono liberare Gaza, devo portar via le donne che temono per la loro vita, i cristiani e i gay. Noi vogliamo liberare Gaza da questo terribile regime talebano. Questo terribile regime talebano opprime donne, cristiani e gay.. - Peccato che.." - Continua: http://paolodarpini.blogspot.it/2012/10/propaganda-israeliana-favore-di.html

Cucina alternativa ad Osimo - Scrive Chicca: "L'Accademia degli Alethofili, in collaborazione con le associazioni Vivere con Gioia e Vivere con Cura, è lieta di invitarvi: venerdì 12 ottobre dalle 20,30 Presentazione del libro con degustazione di tisane preparate al momento con erbe officinali accompagnate da biscottini e sabato 13 ottobre dalle 10,30 Yoga con Cristina, passeggiata erboristica con Sonia Baldoni e corso di Cucina Naturale a cura di Michele Meomartino. Info. chicca.o@email.it"

Grottammare, la solita solfa – Scrive Sara Di Giuseppe: “Grottammare (AP): la cronaca locale dei quotidiani cartacei, simultaneamente e con quasi le stesse parole, annuncia (con un mese d’anticipo!) la fiera di San Martino a Grottammare, 10 e 11 novembre. Sindaco o assessore da riporto ordina, i banditori eseguono. Trionfalismo d’ordinanza, i giornalisti contagiati dal municipale orgasmo incensatorio si superano in enfasi: grande attesa, gran numero di partecipanti, presenze record [tutto ciò che accade localmente, per le istituzioni e la grancassa d’accompagno accade “da record”: record di che?]. Ma solo Corriere Adriatico, fra i tre, menziona la prevista presenza in fiera, come sempre, degli stand con vendita di animali d’affezione, “per il divertimento dei bambini” (cito a braccio) e - bontà sua - presagisce 'polemiche'....”

Con il Porcellum si vince meglio – Scrive Donato De Sena: “Se il dibattito sulla legge elettorale continua a generare ‘fumate nere’, è lecito chiedersi quale potrebbe essere l’esito del voto se si andasse alle urne con le norme attualmente in vigore. Per scoprire come sarebbe composto il nuovo Parlamento in assenza di una riforma ci siamo affidati agli ultimi sondaggi politico elettorali pubblicati sul sito della presidenza del Consiglio relativi alle intenzioni di voto della popolazione maggiorenne. Abbiamo confrontato, per la precisione, i dati relativi alle rilevazioni statistiche realizzate da Datamonitor per Milano Finanza, ai numeri raccolti da Emg per La7, alle cifre di Ipsos per Ballarò e, infine, alle stime di Ipr Marketing per il Tg3” - Continua: http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2012/10/con-il-porcellum-si-vince-meglio.html

Pipa di pace – Scrive Alce Nero: “Ci è stato detto dai bianchi, o almeno da quelli che sono cristiani, che Dio mandò suo Figlio agli uomini per ristabilire l’ordine e la pace sulla terra; e ci è stato anche detto che Gesù Cristo fu crocifisso ma che ritornerà al Giudizio Finale, alla fine di questo mondo o ciclo. Questo io lo capisco e so che è vero. Ma i bianchi dovrebbero sapere che anche per la gente rossa, per volere di Wakan Tanka, il Grande Spirito, un animale si trasformò in una persona con due gambe per portare la Sacra Pipa alla sua gente; e anche a noi è stato insegnato che questa Donna Bisonte Bianca che ci ha portato la sacra pipa riapparirà alla fine di questo mondo; e noi Indiani ora sappiamo che questo ritorno ormai non è molto lontano. La maggior parte della gente la chiama pipa di pace tuttavia ora non c’è pace sulla terra, neppure fra vicini di casa e mi è stato detto che è trascorso molto tempo da quando la pace era nel mondo. Si parla tanto di pace fra i cristiani ma sono solo parole. Può darsi, però, e questa è la mia preghiera, che attraverso la nostra sacra pipa la pace giunga a quei popoli che sanno capire, capire con il cuore e non con la mente soltanto. Allora essi si renderanno conto che noi Indiani conosciamo il vero Dio e che lo preghiamo continuamente. Dovremmo capire bene che tutte le cose sono opera del Grande Spirito. Dovremmo renderci conto che Egli è in tutte le cose: negli alberi, nelle erbe, nei fiumi, nelle montagne e in tutti i quadrupedi e negli esseri alati; e, cosa anche più importante, dovremmo capire che Egli è al di sopra di tutte queste cose e di tutti gli esseri. Quando avremo fatto nostro tutto questo nel profondo del cuore, allora temeremo, ameremo e conosceremo il Grande Spirito e allora saremo, ci comporteremo e vivremo come Egli intende.”

Bioregionalismo e cultura umana - Vorrei descrivere il percorso della presa di coscienza olistica alimentare ed ecologica che è alla base dell'ecologia profonda. In realtà dobbiamo tener conto del complesso processo di riavvicinamento alla natura avvenuto nel pensiero e nella pratica di pochi precursori o ri-abitatori della Terra (come si dice in gergo). In piena società industriale e consumista ed in varie parti del mondo alcune persone si sono interrogate sul percorso che l'umanità stava compiendo e se tale percorso potesse realmente corrispondere ad un modello evolutivo o era semplicemente un "impigrimento" legato all'automatismo... - Continua:    http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2012/10/bioregionalismo-ecologia-profonda-e.html

Ed anche oggi chiudiamo.... Ciao, Paolo/Saul

............

Pensieri poetici del dopo Giornaletto:

Esistono tre modi per imparare la saggezza: primo, con la riflessione, che è il metodo più nobile; secondo, con l’imitazione, che è il metodo più facile; terzo, con l’esperienza, che è il metodo più amaro” (Confucio)

..................

"Vieni, Madre, vieni!
Le stelle sono coperte,
nubi sopra nubi,
l’oscurità è vibrante, sonante.
Il ruggente turbine del vento
è abitato dalle anime di un milione di pazzi
fuggiti dal manicomio,
che sradicano gli alberi,
spazzano via i pellegrini dal cammino.
Il mare si è unito alla furia
e onde alte come montagne s’innalzano
verso un cielo di pece.
Un lampo di fosca luce
rivela mille e mille ombre della morte,
sudicia e nera,
che diffonde piaghe e dolori,
ballando ebbra di gioia.
Vieni, Madre, vieni!"

(Swami Vivekananda)

Nessun commento:

Posta un commento