Saul Arpino ritorna…


Avete visto quella faccia della foto in vetrina… chi è quello, sono forse io?
Potrei dire di sì ed anche di no…. Sono io per le convenzioni del mondo, non sono io perché l’io non può essere fissato ad un’immagine momentanea e mutevole.
Quell’io che vedete è un attore che recita in una commedia, in un certo senso non ha nome né forma precisa, come tutti gli attori che possono interpretare vari ruoli.
Ma il mio vero “io” non si manifesta solo nei ruoli ma nella sceneggiatura, nei costumi, nelle parti comprimarie, nella musica, nella regia, nelle luci, negli spettatori… eccetera…


Volendo però dargli un nome chiamerò quell’io Saul Arpino. Un nome inventato? Forse sì e forse no.. il nome potrebbe esistere od avrebbe potuto esistere… mio nonno –ad esempio- avrebbe potuto chiamarsi così… poi per motivi banali, di sopravvivenza bruta, prese a chiamarsi Paolo D’Arpini… ed io voglio seguire il suo esempio -ma al contrario- cambio nome e divento Saul Arpino, perlomeno su questo blog.


A proposito di blog… sentivo il desiderio di crearmi un piccolo palcoscenico sul quale recitare alcune parti che non mi sono consentite in altri spazi. Da questo luogo, che forse mi riporta indietro nel tempo, un ritorno ai dinosauri del passato remoto oppure verso un avanti sconosciuto, non so, mi prenderò la libertà di raccontare e mostrare agli accorti lettori alcune segrete immagini dell’essere… di quel che io sono o non sono, descrivibile o indescrivibile…..


Vostro affezionato, Saul Arpino.

domenica 7 marzo 2010

IL Giornaletto di Saul dell'8 marzo 2010 - Profumo di mimosa, Giorno del Ringraziamento a Silvio Berlusconi, Preghiera Franca

Care, cari,

il sole è uscito in forze, gli alberi di mimosa sono carichi di profumati grappoli turgidi di vita, i prognoli hanno gettato i loro fiorellini bianchi, dolci e teneri in mezzo alle spine, gialli un po' ovunque e qualche rosa pallido... La promessa di primavera sembra avverarsi e qusi ci si dimentica delle noiose beghe politiche e sociali, buttiamola in ridere.... Prima cosa la mattina appena svegli la preghierina di ringraziamento al salvatore della nostra patria, il Presidente del Consiglio:
http://www.circolovegetarianocalcata.it/2010/03/07/silvio-berlusconi-salvatore-della-sua-italia-il-popolo-riconoscente-innalza-lo-sguarda-a-lui/

Mi scrive Sara: "..buongiorno Paoletto! Mi ha proprio divertita lo scambio tra te e Angelina ( mi piace molto) anche se più che natura di cancra mi sembra natura di Donna. La tua fiaba, come tutte le fiabe, nasconde molteplici insegnamenti. A parte l'amore che c'è unicamente per essere vissuto, senza pretese, direi che è anche il caso di credere un po'di più in se stessi e soprattutto imparare a sdrammatizzare. Quando si ama qualcuno bisogna dirglielo! Non c'è meraviglia più grande di quando si pronuncia le parole TI AMO con la totalità di se stessi. Se non va pazienza, ci siamo comunque goduti un momento memorabile che riguarda la nostra vita. Poi è chiaro lo scambio è vita, è realizzazione. Nel detto "meglio un uovo oggi o una gallina domani?" le persone intelligenti direbbero una gallina domani, personalmente dico attenzione non è detto che il domani a noi congeniale arrivi. Quindi fidiamoci di noi stessi, di quella parte che sembra sostenerci tanto è amorevole e viviamo ciò che ci viene suggerito. Viviamo tutti nell'amore, c'è chi lo sta vivendo, chi lo sta scoprendo, chi si fa delle domande e chi non ci sta proprio.... ma viviamo tutti nell'amore"

Mia rispostina: "...mi sono avventurato sotto il primo sole marzolino nella valle del Treja, godendomi la luce e l'aria, i fiori, gli uccelli ed il silenzio... Grande è la natura, che madre amorosa... I tuoi pensieri mi incoraggiano ad essere quello che sono, senza pretese"

Mi scrive Angelina: "Ahahhahaah! Mannaggia.....Sei proprio un attore nato: sai passare dal pianto al sorriso, dal falso al vero, dal melodrammatico al comico in men che non si dica, e il mare dal quale provieni è quello emozionante e irriverente in cui si perdono forme e colori per fondersi nell'uno.... Buona guarigione, femminuccia tremante e sperduta........ nel boschetto"

Mi scrive Franca: "Ciao Paoletto, essì, la bella bronchitica scena drammatica, ha sciolto momentaneamente le mie mani, che, da qualche tempo, oltre qualche piccola presentazione, non vogliono proprio andare, stanno così bene, nel proprio silenzio, si godono un pò di pace, potendo contenere il tutto e donandosi, invece, al niente.....o quasi....e, devo dire che questa situazione è, si, alquanto peggiorata post bronchite, come se, appunto, dopo che anch'io ho navigato e lasciato andare mari di catarri primordiali,come li chiami tu, sollecitati da tossi irrefrenabili, appunto alla povera Mimì, per un numero infinito di giorni,(il tempo, si sa, è enormemente dilatato, quando non si è in pace con il proprio fisico....) si fossero ripuliti e svuotati anche i pensieri,che erano certamente pieni di attaccamenti....cosi vischiosi....com'è appunto il catarro, che, andando, li porta via con se......purtroppo la fabbrica degli attaccamenti è continua, così, almeno per me, la storia è durata a lungo, e si è anche ripetuta più volte, perchè, purtroppo, quando gli attaccamenti hanno a che fare con il chakra del cuore, eliminarli non è poi così semplice......già, perchè appunto i bronchi e i polmoni sono associati al Quarto chakra, quello del Cuore, che sovrintende l'area delle relazioni, vale a dire dei rapporti affettivi più importanti nella vita delle persone, è anche legato alle percezioni dell'amore e alla capacità di darlo e riceverlo, oltre che, naturalmente, alla capacità di amare noi stessi......e, potrei continuare su questo tema, sviscerandolo ancor di più......ma questo è ciò che ho fatto nelle lunghe notti insonni, tentando di comprendere a fondo " cosa" significasse tutto questo per me, e, magari, sono considerazioni del tutto soggettive e non adatte a persone e situazioni diverse, come potrebbe essere la tua..... Con questa lettera, da persona che "sa" cosa vuol dire, sulla propria pelle, voglio portarti molta dolce vicinanza, donandoti il piccolo semino della propria comprensione....... Ti auguro di trovare quello tuo, che ti porti , al più presto fuori, almeno dalla fase acuta,il resto, poi, sarà certamente ciò che è più giusto...... A presto, nella tua forma, "fisica" migliore.... perchè il resto è immutabile"

Mia rispostina: "Mia dolce sorella Franca, il viatico della tua lettera mi accompagna in questa giornata solotia... Mi sento già pieno di energia "psichica" e godo del tuo aiuto "spirituale", pubblico la lettera per il piacere e l'edificazione dei lettori del Giornaletto.."

Scrive Giorgio Vitali: "Banca d´Italia? "Amica" degli usurai e "nemica" degli Italiani. ORMAI UNA BUONA FETTA DI ITALIANI HA COMINCIATO A CAPIRE L'ANTIFONA, è EVIDENTE CHE LORSIGNORI FANNO SOLO E SOLTANTO I PROPRI INTERESSI. PRIMA PROVOCANO LA CRISI, E LORO SANNO PERCHè. POI SCARICANO LA CRISI SU CHI NON SA COME DIFENDERSI. ANCHE QUESTA PRASSI FA PARTE DEL SISTEMA! PENSARE CHE COSTORO ABBIANO SBAGLIATO E, NELL'ACCORGERSI DELL'ERRORE CORRANO AI RIPARI FACENDO PAGARE IL CONTO A TERZI è SBAGLIARE DIAGNOSI. COSTORO PERSEGUONO CON SPIETATEZZA IL PROGRAMMA DI IMPOVERIMENTO MONDIALE. LEGGERE CON ATTENZIONE I "PROTOCOLLI". E LEGGERE ANCHE PANORAMA IN EDICOLA FINO ALL'11 MARZO. CI SONO DESCRITTI MINUTAMENTE TUTTI I RETROSCENA RELATIVI ALL'AZIONE DI SOROS ED ALTRI PER COLPIRE L'ITALIA"

Nel blog "Altra Calcata... altro mondo" ho pubblicato uno studio sullo spostamento dell'asse terrestre in seguito ai terremoti:
http://altracalcata-altromondo.blogspot.com/2010/03/asse-terrestre-si-sposta-in-seguito-al.html

Ho condiviso sin'ora con voi e continuerò a condividere domani? Speriamo, intanto vi saluto con affetto, vostro Saul/Paolo
........

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

Stato intermedio

Trasforma l'aggressività
dell'io affermativo
in coraggio stabile
nel vivere le contingenze.
Trasforma l'ottenebramento
che porta all'oblio di sé
in distaccata percezione
dei fenomeni.
Trasforma la distinzione
fra alto e basso
in quel punto senza centro
né circonferenza.
Trasforma la relazione
di soggetto ed oggetto
in miracolosa proiezione
della mente.

(Saul Arpino)

Nessun commento:

Posta un commento