Saul Arpino ritorna…


Avete visto quella faccia della foto in vetrina… chi è quello, sono forse io?
Potrei dire di sì ed anche di no…. Sono io per le convenzioni del mondo, non sono io perché l’io non può essere fissato ad un’immagine momentanea e mutevole.
Quell’io che vedete è un attore che recita in una commedia, in un certo senso non ha nome né forma precisa, come tutti gli attori che possono interpretare vari ruoli.
Ma il mio vero “io” non si manifesta solo nei ruoli ma nella sceneggiatura, nei costumi, nelle parti comprimarie, nella musica, nella regia, nelle luci, negli spettatori… eccetera…


Volendo però dargli un nome chiamerò quell’io Saul Arpino. Un nome inventato? Forse sì e forse no.. il nome potrebbe esistere od avrebbe potuto esistere… mio nonno –ad esempio- avrebbe potuto chiamarsi così… poi per motivi banali, di sopravvivenza bruta, prese a chiamarsi Paolo D’Arpini… ed io voglio seguire il suo esempio -ma al contrario- cambio nome e divento Saul Arpino, perlomeno su questo blog.


A proposito di blog… sentivo il desiderio di crearmi un piccolo palcoscenico sul quale recitare alcune parti che non mi sono consentite in altri spazi. Da questo luogo, che forse mi riporta indietro nel tempo, un ritorno ai dinosauri del passato remoto oppure verso un avanti sconosciuto, non so, mi prenderò la libertà di raccontare e mostrare agli accorti lettori alcune segrete immagini dell’essere… di quel che io sono o non sono, descrivibile o indescrivibile…..


Vostro affezionato, Saul Arpino.

sabato 19 dicembre 2009

Il Giornaletto di Saul del 20 dicembre 2009 - Solstizio, poesie invernali, risparmio a casa, zecca, Gevam, sovranità monetaria, modellini in vendita..

Care, cari,

oggi festeggiamo l'avvento del Solstizio invernale, Il Sole Invitto, ci sarà un incontro qui al Centro Visite del Parco del Treja alle h. 15.00 per parlare di questo particolare momento che sancisce la vittoria del sole, la durata della luce solare riprende a crescere. La nottata buoia sta per passare. Verso le h. 16.30 possiamo fare una passeggiata sino al paese nuovo, al Comune di Calcata, dove ci sarà una festa dedicata agli over 65 (e io dovrei andarci a ritirare il pacco dono, c'è il rischio che altrimenti non me lo diano). Lì verranno recitate poesie ed aneddoti sulla terza età. Vi aspetto! Per degnamente segnare un nuovo inizio ho composto quattro strofe, che parlano di un "percorso" spirituale in ciò che sempre è, augurando a tutti un buon Solstizio:
http://www.circolovegetarianocalcata.it/2009/12/19/spiritualita-laica-%e2%80%93-quattro-strofe-in-metrica-libera-sull%e2%80%99auto-conoscenza/

Ricevo da Peter Boom una buona notizia: "Olè, andiamo avanti con la pansessualità.. abbiamo ottenuto un nuovo riconoscimento.. sono veramente contentissimo perchè la penetrazione cultural-scientifica in certi paesi è molto difficile a causa delle situazioni religiose e politiche, ma si vede che il professor Jalali si può muovere ancora abbastanza liberamente.." Leggete tutto nel sito del Circolo Vegetariano:
http://www.circolovegetarianocalcata.it/2009/12/19/nuovo-riconoscimento-internazionale-per-peter-boom-autore-della-teoria-della-pansessualita/

Scrive Claudio Martinotti di Gevam: "La leadership delle Poste Italiane ha partorito un'altra perla di saggezza e lungimiranza, in tempi di crisi hanno pensato bene di quadruplicare il canone di affitto delle caselle postali, considerando i disservizi cui siamo sottoposti, direi che è il massimo della libera dimostrazione del libero mercato e libertà di scelta, soprattutto in tempi di crisi e nei confronti di una onlus. Oggi infatti, andando alla posta centrale di Casale ho scoperto che le Poste hanno aumentato del 400% il canone della cassetta postale del Gevam ...
Ho preso immediatamente congedo da loro, considerando il pessimo servizio che già fornivano, che oltre la metà della corrispondenza che ritrovavo in cassetta non era destinata al Gevam e loro hanno avuto il coraggio mistificatorio di scrivere come giustificazione che lo facevano per "migliorare il servizio" ... spero che nessuno accetti un simile atto vessatorio ed estorsivo e che si ritrovino con tutte le cassette postali vuote ... Occorre pertanto cancellare tutte le vecchie indicazioni del Gevam che fornivano come indirizzo la casella postale n. 111 di Casale e sostituirle con l'indirizzo della Sede Informatica di Ozzano Monferrato via Roma 126, almeno per quanto riguarda tutta la corrispondenza postale ordinaria. - claudio@gc-colibri.com -"

Scrive Antonino Amato: "La zecca in Italia conia per conto dello Stato le monete metalliche, gli spiccioli; la Banca Europea stampa i biglietti di carta, al solo costo della stampa, per gli euro di ogni taglia e li forniscono allo Stato, ma soltanto sotto forma di prestito, cioè pretendono la "restituzione" e pure "l'interesse"del valore nominale delle monete. Attenzione, riflettiamoci appena, questa è una truffa ai danni del popolo lavoratore. Questo debito con le Banche citate costituisce il "debito pubblico" di uno Stato. Ma perché mai una truffa miliardaria così pesante, la cui abolizione, da sola, risolverebbe la crisi economica attuale, non trova nessun politico, giornalista, sindacalista, economista, disposto a denunciarla e a ridare allo Stato (che dovrebbe essere sovrano) la sua sovranità monetaria? Perché tutto il sistema di uno stato democratico moderno è basato sui partiti, sui cosiddetti "opinion makers" (fabbricanti di opinioni), su sindacalisti, economisti, politologi, gerarchie ecclesiastiche, ecc. evidentemente sensibili al potere corruttore del denaro".

Ho pubblicato la disperata lettera di Beppe Sini che denuncia le mire distruttive di Parroncini Giuseppe, assessore regionale del Lazio, il quale rilancia l'insensato progetto aeroportuale low cost di Viterbo:
http://www.circolovegetarianocalcata.it/2009/12/19/mega-aeroporto-low-cost-di-viterbo-lurlo-necrofilo-di-giuseppe-parroncini-assessore-della-regione-lazio-che-chiama-a-raccolta-le-truppe-della-distruzione-ambientale/

Scrive Kiriosomega, visto il grande successo dei modellini monumentali..: "Vendita monumentini e vari. Presentiamo notevole raccolta d’oggetti da lancio prêt-à-porter. Pregiamoci fornire monumentini duomo Milano, Firenze, Assisi, Torri Bologna, Pavia, San Gimignano. Monumenti funerari dell’arte italica. Sassi da trasporto e gittata, con e senza iscrizione. Sconti comitive e associazioni. Ecco, a campione, alcuni esempi:
1)Modello "duomomilano" dalla linea filante e dalle tante punte. Molto richiesto in questa fine d’anno.
2)Modello "torribologna", prendi due paghi uno. Si assicura maneggiabilità e ottimo trasporto.
3)Modello: "monumentofunerarioroma". Massiccio, pesante, augurale. Anche con scritta: "Ma va morì ammazzato".
4)Modelli economici: serie "sassilancio". No per ponti autostradali.
Seguono altri..."

Vito De Russis si lamenta per i ritardi degli autobus a Roma: "La Carta dei Servizi dell'ATAC (difficilissimo trovarla sul sito ww.atac.roma.it) ci informa che il 98% delle sue linee Bus hanno la frequenza massima di 60' (sessanta minuti). Il Signor Mittente informa di aver atteso "Oltre 40 minuti di attesa più l'ora canonica!" – come se tale tempo, a Roma, fosse una anomalia, una eccezione – e di essere "utente skifato" che paga un servizio spesso disastroso e vergognoso".

Mia rispostina: "Caro Vito, che dovremmo dire noi qui a Calcata, un cul de sac della banlieu metropolitana, con tre o quatto corse al giorno e solo una o due la domenca ed i festivi?"

Nel blog "Altra Calcata.. altro mondo" Giorgio Nebbia risponde finalmente ad Eliana sul come risparmiare energia a casa propria:
http://altracalcata-altromondo.blogspot.com/2009/12/giorgio-nebbia-risponde-ad-eliana-sul.html


Buona continuazione di avventura a voi tutti, vostro Paolo/Saul
..........

Pensieri poetici del dopo Giornaletto:

La verità è simile a Dio: non si rivela direttamente; dobbiamo indovinarla dalle sue manifestazioni. (Goethe)
......

"Colui o colei che vorranno ottenere la pace dovranno praticare
l’essere integri, umili e capaci di esprimere parole amorevoli.
Dovranno sapere come vivere una vita semplice e felice, in piena
calma, senza essere avidi e senza lasciarsi trascinare dalle
passioni dei più.
E non dovranno commettere atti che sarebbero
disapprovati dai saggi.
Quanto segue è oggetto della loro meditazione:
Che tutti siano felici e in salute, con il cuore colmo di gioia.
Che tutti gli esseri vivano in pace e tranquillità – fragili o
forti, alti o bassi, grandi o piccoli, visibili o invisibili,
vicini o lontani, già nati o ancora non nati.
Che tutti loro dimorino nella quiete perfetta.
Non si permetta a nessuno di fare male ad altri.
Non si permetta a nessuno di mettere in pericolo la vita degli altri.
Che nessuno, accecato dall’ira o da desideri insani, auguri del male
a nessun altro.
Proprio come una madre ama e protegge il suo unico figlio, anche
a rischio della propria vita, coltiveremo l’Amore Sconfinato da
offrire a tutti gli esseri viventi nell’intero cosmo.
Lasceremo che il nostro amore pervada l’universo intero, in tutte
le direzioni.
Il nostro amore non conoscerà ostacoli."

Nessun commento:

Posta un commento