Saul Arpino ritorna…


Avete visto quella faccia della foto in vetrina… chi è quello, sono forse io?
Potrei dire di sì ed anche di no…. Sono io per le convenzioni del mondo, non sono io perché l’io non può essere fissato ad un’immagine momentanea e mutevole.
Quell’io che vedete è un attore che recita in una commedia, in un certo senso non ha nome né forma precisa, come tutti gli attori che possono interpretare vari ruoli.
Ma il mio vero “io” non si manifesta solo nei ruoli ma nella sceneggiatura, nei costumi, nelle parti comprimarie, nella musica, nella regia, nelle luci, negli spettatori… eccetera…


Volendo però dargli un nome chiamerò quell’io Saul Arpino. Un nome inventato? Forse sì e forse no.. il nome potrebbe esistere od avrebbe potuto esistere… mio nonno –ad esempio- avrebbe potuto chiamarsi così… poi per motivi banali, di sopravvivenza bruta, prese a chiamarsi Paolo D’Arpini… ed io voglio seguire il suo esempio -ma al contrario- cambio nome e divento Saul Arpino, perlomeno su questo blog.


A proposito di blog… sentivo il desiderio di crearmi un piccolo palcoscenico sul quale recitare alcune parti che non mi sono consentite in altri spazi. Da questo luogo, che forse mi riporta indietro nel tempo, un ritorno ai dinosauri del passato remoto oppure verso un avanti sconosciuto, non so, mi prenderò la libertà di raccontare e mostrare agli accorti lettori alcune segrete immagini dell’essere… di quel che io sono o non sono, descrivibile o indescrivibile…..


Vostro affezionato, Saul Arpino.

mercoledì 2 dicembre 2009

Il Giornaletto di Saul del 3 dicembre 2009 - Io sono, olive oil, acqua cara, giallo oro, fotovoltaico a terra, computer, Ronciglione e il 2012...

Care, cari,

ecco, comincio con un discorso sulla Conoscenza non-duale, attraverso alcuni detti di Nisargadatta Maharaj ed un commento sulla Taittiriya Upanishad per andare oltre ogni dualismo:
http://www.circolovegetarianocalcata.it/2009/12/02/spiritualita-laica-%e2%80%9c-indifferenza-per-nome-e-forma-conoscenza-ed-ignoranza-malattia-e-salute-e-l%e2%80%99annuncio-della-realizzazione%e2%80%a6-secondo-l%e2%80%99advaita-vedanta%e2%80%a6/

Scrive Marco Bracci: "Per chi vuole firmare per una legge per le medicine non convenzionali, collegarsi qui: http://www.unaleggeperlemedicinenonconvenzionali.it/ -"

Mi scrive Ennio Lamalfa: "OGGI, GIOVEDI'ALLE ORE 16,30, ALLA SEDE DI ACCADEMIA KRONOS DI RONCIGLIONE, IN VIA CAPRANICA 14, INCONTRO PER: PRESENTARE PUBBLICAZIONE FOTOGRAFICA SULLE ERBE OFFICINALI DELLA TUSCIA, PRESENTAZIONE DI UN PROMO TV NOSTRO SU ARCHEOLOGIA, MITI E LEGGENDE E PER FINIRE IL MISTERO DEL 2012"

Mi scrive Angelina: "...sì, ci sono "arrivata da sola" e dal mio cielo nero nero mi sono incamminata verso l'alba, e lo stesso hai fatto tu, e ognuno di noi lo fa...(beh dipende, c'è chi dall'alba passa alla notte scura scura, ma come dici tu non fa differenza, è lo stesso...). E quando ti dico che ognuno di noi è un frammento di quella stessa Luce, questo intendo.... Ognuno d noi è "portatore" o se preferisci "catalizzatore" ma non tutti ne hanno "consapevolezza"...... Ho dipinto le pareti della mia casa giallo/oro e arancio, almeno è sempre "colorata e serena" anche quando fuori dalla finestra è grigio...) perchè l'amore, quello vero, ti lascia il sorriso sulle labbra, ti lascia la "serenità del cuore", ti lascia un abbraccio, ti lascia uno sguardo.... e ti aiuta a trovare il "centro", quel "centro del Sè" che non si trova nè con la preghiera, nè con i "grandi viaggi", nè con l'auto-disciplina o con lo yoga..... ma solo se hai amato!"

Scrive Avventura Soratte. "Sabato 5 Dicembre 2009, ore 15.30. Una conferenza ed un video sull'olio della cultivar "sirole" del monte Soratte. Sabato 5 Dicembre 2009, alle ore 15:30, presso Palazzo Canali Caccia, si svolgerà l'iniziativa "Il tempo delle olive 2009", organizzata dal frantoio oleario Agrisirole Soratte, con il patrocinio della locale Pro-Loco e dell'Assessorato alla Cultura del Comune di Sant'Oreste"

Scrive Enrico: "ciao ciao circolo vegetariano siete invitata con la cerchia dei tuoi amici ad una cena di capodanno ..che faccio ad Ostia e poi se vuoi puoi aggregarti i giorni successivi alla bio festa di capodanno o se solo vuoi spargere la notizia tra i tuoi amici e amiche .. e cosa giusta e grata: Enrico 329.4167403"

Scrive Nico Sferragatta: "Cari amici, ho il piacere di informarvi che dal prossimo mese di dicembre la Consulta Romana per la laicità delle istituzioni porterà la rassegna cinematografica "Cinema laico a Roma" anche sul territorio del Municipio XI a Roma. In tal senso abbiamo appena concluso un'intesa con la Presidenza di detto Municipio. Così, oltre ad Ostia, sul cui territorio agiamo ormai da tre anni, ora siamo anche a Roma città, con la nostra iniziativa. Info: romalaica@gmail.com"

Scrive Giorgio Vitali: "CONTESTO che i parchi NON siano posti di sottogoverno. Come componente e co-fondatore del Parco di Veio ho vissuto la realtà di questo piccolo gioiello ambientale. DOPO una battaglia durata un quindicina d'anni se non di più, una volta ottenuto il parco, ma non come lo volevamo, ci siamo trovati del tutto estromessi perché la Legge dei Parchi regionali prevede che la gestione sia affidata ad esponenti dei comuni. I quali fanno solo gli interessi economici di chi gestiscel le amministrazioni comunali. In ogni caso, proprio in questi giorni (mesi) è stato approvato il piano d'assetto. Il ché non è poco. MORALE della favola: per poco che conti, la presenza di un Ente Parco incide fondamentalmente nella gestione del territorio. Anche perché allunga i tempi di esecuzione di progetti di costruzioni, può intervenire frenando l'abusivismo (se le guardie del parco non sono del tutto corrotte...) è competente per la difesa del territorio e, se si è accorti, vi si può inserire una presenza di "competenti" i quali a loro volta incidono anche sulla pubblica opinione. Per quanto riguarda Veio, è stato possibile affidare a biologi, naturisti, botanici, alcuni lavori di ricerca e di documentazione pubblicati dal XX Municipio, che, per poco che sia, permettono di far conoscere aspetti naturali del territorio e servono a chi vuole fare del protezionismo per avere documenti idonei ai ricorsi giudiziari. Per quanto riguarda l'istallazione degli alberi di natale, per le piazze di Roma, che oltretutto NON fanno parte in alcun modo di NOSTRE tradizioni, (con tutto che per il sottoscritto.... è meglio il presepio, che almeno ci ricorda una grande santo tutto italiano e tutto.... neopagano), ho in mente gli alberi che è facile incontrare nei pressi di un tempio giapponese,[quella è autentica civiltà], per fortuna non distrutti dalla furia della guerra. SONO piante di età media 600-700 anni. Attorno ai templi principali ci sono intere foreste di alberi millenari, che vengono tagliati ogni 2-300 anni per ricostruire il legno del tempio, mangiato dalle termiti"

Nel blog "Altra Calcata... altro mondo" ho pubblicato un appello a non gettare il vecchio computer, donatelo a fin di bene...:
http://altracalcata-altromondo.blogspot.com/2009/12/che-sia-per-natale-per-la-befana-per-la.html

Nel sito del Circolo Vegetariano ho inserito un articolo sullo scempio ambientale della Maremma causato dai pannelli fotovoltaici a terra:
http://www.circolovegetarianocalcata.it/2009/12/01/tuscia-e-maremma-fotovoltaico-a-terra-ennesimo-scempio-ambientale-con-la-scusa-della-produzione-energetica-pulita-succede-ad-arlena-e-montalto-di-castro-tuscania-vulci%e2%80%a6/

Ora è l'ora, vi saluto, vostro Saul/Paolo
..................

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

...c’è mai stato un momento in cui io non sia stato me stesso?
Cos’è questo io che così fortemente sento e percepisco, questo io è la sola realtà che conosco, è coscienza assoluta e indivisibile.
Tutto ciò che appare in questa coscienza, le immagini che osservo,
tutto ciò che si manifesta davanti all’io è un oggetto, questo corpo è un oggetto, questa mente è un oggetto, le forme variopinte del mondo sono solo oggetti...
Le qualità, le sensazioni, le attrazioni e repulsioni che appaiono nel campo della coscienza, sono proiezioni come lo sono i sogni che appaiono al sognatore.
Se io non sono chi è?
Ma poi come posso immaginare separazione fra l’io ed il tu?
Tutto si risolve nella stessa realtà, unica ed indivisibile, inspiegabile perché non vi è nessuno a cui poterla spiegare….
Questo io sono, in cui anche l’ipotetico altro si riconosce nell'io sono….

Saul Arpino

Nessun commento:

Posta un commento