Saul Arpino ritorna…


Avete visto quella faccia della foto in vetrina… chi è quello, sono forse io?
Potrei dire di sì ed anche di no…. Sono io per le convenzioni del mondo, non sono io perché l’io non può essere fissato ad un’immagine momentanea e mutevole.
Quell’io che vedete è un attore che recita in una commedia, in un certo senso non ha nome né forma precisa, come tutti gli attori che possono interpretare vari ruoli.
Ma il mio vero “io” non si manifesta solo nei ruoli ma nella sceneggiatura, nei costumi, nelle parti comprimarie, nella musica, nella regia, nelle luci, negli spettatori… eccetera…


Volendo però dargli un nome chiamerò quell’io Saul Arpino. Un nome inventato? Forse sì e forse no.. il nome potrebbe esistere od avrebbe potuto esistere… mio nonno –ad esempio- avrebbe potuto chiamarsi così… poi per motivi banali, di sopravvivenza bruta, prese a chiamarsi Paolo D’Arpini… ed io voglio seguire il suo esempio -ma al contrario- cambio nome e divento Saul Arpino, perlomeno su questo blog.


A proposito di blog… sentivo il desiderio di crearmi un piccolo palcoscenico sul quale recitare alcune parti che non mi sono consentite in altri spazi. Da questo luogo, che forse mi riporta indietro nel tempo, un ritorno ai dinosauri del passato remoto oppure verso un avanti sconosciuto, non so, mi prenderò la libertà di raccontare e mostrare agli accorti lettori alcune segrete immagini dell’essere… di quel che io sono o non sono, descrivibile o indescrivibile…..


Vostro affezionato, Saul Arpino.

sabato 12 dicembre 2009

Il Giornaletto di Saul del 13 dicembre 2009 - Santa Lucia, Mette Kirkegaard, Alfio Pannega, Vittorio Marinelli, Luigi Ferrajoli, vaticano e pedofilia

Care, cari,

oggi ricorre la festa di Santa Lucia, in varie parti d'Italia questo è il giorno in cui vengono fatti doni ai bambini ed agli anziani..., anche noi a modo nostro festeggiamo con un incontro dal titolo "Le lampade sono diverse la luce è la stessa" che si svolge al Circolo ed al Centro Visite del Parco del Treja di Calcata, vi aspetto!
Ecco il Programma:
h. 11.00 Partenza dal Circolo per passeggiata nella valle (in piano)
h. 13.00 Picnic al Circolo con il cibo vegetariano da ognuno portato
h. 15.30 Incontro e dialogo al centro Visite su "Le lampade sono diverse la luce è la stessa". Partecipa Lucia Castaldi. Una considerazione da portare in luce, durante l'incontro, è quella del riallineamento con i canoni della natura. Infatti malgrado la dovizia di doni benefici offerti alla vita di ognuno la Terra sta riflettendo il grande cataclisma di una umanità che vuole ribellarsi alla vita. Il riallacciarsi all'aura della Terra, e l'aiuto spontaneo offerto alla trasformazione spirituale, è il dovere al quale noi umani siamo chiamati in questo momento cruciale della storia dell'uomo. Leggi la memoria dell'Ostello per animali erbivori e varie notizie:
http://www.circolovegetarianocalcata.it/2009/12/12/l%e2%80%99idea-bioregionale-e-l%e2%80%99ostello-per-animali-erbivori%e2%80%a6-pecore-galline-papere-e-conigli-salvati-dalle-fauci-umane-ma-finiti-nelle-fauci-di-cani-volpi-e-faine-%e2%80%93-l/

Scrive Plinio per Agricoltura Contadina: "Cari amici e compagni di strada, vi allego il comunicato che sono stato richiesto di redigere e che Massimo ha già visto. Se non vi sono osservazioni clamorose, questo comunicato diventa subito strumento di lavoro per essere recapitato a chiunque fosse da voi ritenuto importante, giuste le riflessioni esaurite a Rosignano. Ho chiesto a Massimo che sarebbe stato meglio, il comunicato giungesse agli ambiti ministeriali nazionali con provenienza Consorzio della Quarantina, soltanto perché, ad esempio, Antica terra gentile e Il Compascuo non hanno ancora un sito ma ciò non toglie che ai medesimi chiunque possa spedire. Come metodo di coordinamento, potrebbe essere interessante che fossero divulgati fra di noi, per conoscenza, gli ambiti istituzionali (regionali, internazionali, provinciali eccetera) ai quali sarà inoltrato il comunicato, comprese quelle associazioni o quelle personalità di cui si ritenesse importante dar conto al nostro circuito. Non siamo stati in grado di reperire un riferimento telematico per Mario Cecchi e se qualcuno fra di voi sapesse come fargli avere il comunicato magari su un sito vicino, non esiti. Vedi su: www.nod32.it -"

Scrive Lorenzo Verdirosi: "Luigi Ferrajoli interverrà sul tema: Democrazia, accoglienza, diritti. LUNEDI 14 dicembre, alle ore 15, presso la biblioteca "F. Chabod" (Dip. Storia moderna e contemporanea, Facoltà di Lettere e Filosofia, 2° piano)"

Scrive Vittorio Marinelli: "Prevenzione Alimentazione Nutrizione. Signora Dieta Mediterranea: più di 50 anni ma non li dimostra. 14 Dicembre 2009, ore 08.30 – 14.00. CAMERA DEI DEPUTATI, Palazzo Marini - Sala delle Conferenze, Via del Pozzetto, 158 - Roma (Piazza San Silvestro)"

Scrive Mette Kirkegaard, segnalandoci un nuovo link per vedere il suo video di Calcata: "http://www.youtube.com/watch?v=fVNtVMqCjFA
Ciao Paulo, please forward this link to your friends....it works...."

Mi scrive Angelina: "..tra l'altro volevo dirti che oggi Ghandi è andato a far visita a Mussolini, e pare si sia presentato con il vestito tradizionale, tanto da lasciar sbalorditi tutti quei "gerarchi fasciati" e pare si sia portato appresso anche la sua capretta! E quando ha visto il nuovo quartiere della Garbatella, è rimasto affascinato dal "modello" sul quale si costruisce il quartiere: spazi verdi rispettati nel contesto urbano che poco spazio lascia alla natura e troppo ne da al cemento!"

Mi scrive Simone Sutra: "Ciao Paolo... eccomi di nuovo a fare il pignolo. Riguardo alle righe di Angelina "un pugno in una carezza", secondo me non lo si deve leggere come un colpo ammantato di dolcezza. Come sappiamo dalla morra cinese, la carezza "incarta" sempre la pietra, il pugno. Lo neutralizza, insomma, più che nasconderlo come arma tenuta segreta. E di carezze ne abbiamo sempre bisogno...Di accarezzare una vita a volte ruvida, a volte un po' sclerotica, a volte quella che è, semplicemente. La Bella fa diventare la Bestia attraente, la trasforma pur mantenendone la natura più profonda, quella principesca"

Nel blog "Altra Calcata... altro mondo" ho pubblicato l'appello di Osvaldo Ercoli per l'ottuagenario Alfio Pannega che, dopo la visita papale a Viterbo e le promesse istituzionali, ancora vive nel casotto di lamiera:
http://altracalcata-altromondo.blogspot.com/2009/12/viterbo-da-osvaldo-ercoli-per-alfio.html

Nel sito del Circolo Vegetariano potete leggere le sofferte considerazioni di un agnostico, in chiave di spiritualità laica od atea:
http://www.circolovegetarianocalcata.it/2009/12/12/ancora-sulla-spiritualita-laica-od-atea-%e2%80%9cnon-avrai-altro-dio-all%e2%80%99infuori-di-me%e2%80%a6-%e2%80%9c-ovvero-d%e2%80%99io-non-dio%e2%80%a6-considerazioni-e-riflessioni-di-un-agnostic/

Ultime notizie sul fronte religioso... ho pubblicato una lettera aperta di Joan Peter Boom a papa Ratzinger in cui vengono chieste le sue dimissioni immediate per "favoreggiament plurimo della pedofilia":
http://www.circolovegetarianocalcata.it/2009/12/12/il-vaticano-ed-i-segreti-osceni-della-pedofilia-ecclesiastica-chiedo-che-papa-ratzinger-si-dimetta-e-venga-processato-per-crimini-contro-lumanita/

Siam giunti alla fine, orduque gioite... e vi saluto, Paolo/Saul
............

Pensieri poetici del dopo Giornaletto:

Le lampade sono diverse la Luce è la stessa...

Ci sono così tante luci abbaglianti
nel negozio di lampade
del cervello morente;
dimenticati di loro.
Concentrati nell'essenza,
concentrati nella luce.
La luce fluisce verso di te da tutte le cose,
tutte le persone, tutte le possibili combinazioni
del bene e del male, tutti i pensieri
e tutte le passioni.
Le lampade sono diverse ma la luce è la stessa.
Una sostanza, un'energia, una luce, una mente-luce,
che emette tutte le cose, senza fine.
Un diamante rotante e bruciante,
uno, uno, uno.
Spogliati davanti al silenzio avvolgente ed amorevole.
Resta lì,
finché non vedi la luce con i suoi stessi occhi eterni.

Jallaluddin Mohammad Rumi (poeta persiano del XIII° secolo)

.........

Danza

Danza, Lalla, vestita solo d’aria.
Canta, Lalla, vestita di cielo. Guarda questo giorno luminoso!
Quali abiti potrebbero essere più belli o più sacri?
Solo per un momento i fiori appaiono su un albero spoglio, ora primaverile, solo per un momento, il vento soffia tra i rovi selvaggi.
Se dentro sé, tu non sei altro che me. Se dentro sé io son solo te.
Ciò che siamo insieme non morirà mai.
Il perché ed il come di questo? Che importa…
Tu sei il cielo e la terra, tu il giorno e l’aria notturna, tu le cose nate nell’essere. Anche queste offerte di fiori che qualcuno ha portato…

Lalleswari, la santa nuda.

Nessun commento:

Posta un commento