Saul Arpino ritorna…


Avete visto quella faccia della foto in vetrina… chi è quello, sono forse io?
Potrei dire di sì ed anche di no…. Sono io per le convenzioni del mondo, non sono io perché l’io non può essere fissato ad un’immagine momentanea e mutevole.
Quell’io che vedete è un attore che recita in una commedia, in un certo senso non ha nome né forma precisa, come tutti gli attori che possono interpretare vari ruoli.
Ma il mio vero “io” non si manifesta solo nei ruoli ma nella sceneggiatura, nei costumi, nelle parti comprimarie, nella musica, nella regia, nelle luci, negli spettatori… eccetera…


Volendo però dargli un nome chiamerò quell’io Saul Arpino. Un nome inventato? Forse sì e forse no.. il nome potrebbe esistere od avrebbe potuto esistere… mio nonno –ad esempio- avrebbe potuto chiamarsi così… poi per motivi banali, di sopravvivenza bruta, prese a chiamarsi Paolo D’Arpini… ed io voglio seguire il suo esempio -ma al contrario- cambio nome e divento Saul Arpino, perlomeno su questo blog.


A proposito di blog… sentivo il desiderio di crearmi un piccolo palcoscenico sul quale recitare alcune parti che non mi sono consentite in altri spazi. Da questo luogo, che forse mi riporta indietro nel tempo, un ritorno ai dinosauri del passato remoto oppure verso un avanti sconosciuto, non so, mi prenderò la libertà di raccontare e mostrare agli accorti lettori alcune segrete immagini dell’essere… di quel che io sono o non sono, descrivibile o indescrivibile…..


Vostro affezionato, Saul Arpino.

lunedì 29 maggio 2017

Il Giornaletto di Saul del 30 maggio 2017 - Disinquinamento mentale, morire si deve e anche di pesticidi si muore, aethina tumida giunge in Italia, interspecismo, salvare il Venezuela democratico, resistere alla repressione...


Risultati immagini per Disinquinamento mentale

Care, cari, risparmio energetico e disinquinamento mentale – Il 1° giugno 2017, alle 21,30, spegneremo la televisione (qualsiasi canale) per 1 minuto e in quel minuto uniremo il nostro dissenso. Non vestiremo alcun colore politico e faremo vedere che noi esistiamo ….io spengo (Adriano Colafrancesco)...

Mio commentino: “Non avrò bisogno di spegnere alcun apparecchio, per mia scelta e fortuna non ho la televisione in casa. Per cui quel minuto per me equivale ad una intera vita!”

Morire di otite o di vaccinazione? la storia del “bambino morto a causa dell'omeopatia”, che imperversa in questi giorni, viene a ciccio di sellero, come suol dirsi, per accontentare i bisogni del sistema. Nel senso che la medicina ufficiale aveva bisogno di un contraltare per contrastare la grande opposizione popolare alle vaccinazioni obbligatorie, volute dalle case farmaceutiche e decretate dalla Lorenzin. Quel povero bambino sarebbe potuto morire comunque, e per qualsiasi altra causa, non solo “per una otite curata male, con l'omeopatia” (il che equivale a dire che l'omeopatia non funziona e infatti viene detto apertamente). Qual'è il risultato di questa morte? In primis, come spesso avviene, la strumentalizzazione di quest'unico caso. Sappiamo bene come funziona, l'abbiamo visto applicare in molti altri campi, soprattutto in politica. Infatti si prende il singolo caso e se ne fa regola e si conclude che le medicine alternative non funzionano, bisogna ricorrere alla farmacologia chimica “quella riconosciuta dal sistema” per curare le malattie... Ovviamente il messaggio è -dulcis in fundo- che le vaccinazioni fanno bene!...” - Continua:

P.S. Come sempre osserviamo che il sistema funziona con due pesi e due misure. Tanto clamore per la morte di un bambino malato di otite mentre non si menzionano i numerosi morti in seguito alle vaccinazioni. Poi, come esemplificazione di una civiltà consumista priva di obiettività, apprendo oggi (29 maggio 2017), sempre leggendo i giornali della provincia di Macerata, della recente morte di un bambino di 8 anni che “giocando con una mini-moto è uscito di pista sfracellandosi”. Questa morte non è criticabile… anzi, tra l’altro, viene sottolineata la “buona notizia” che “i genitori hanno deciso di donare gli organi del piccolo, affinché altri vivano al suo posto…”, e con ciò l’etica è salva!

Commento di Milena Virovello: “Il fatto è che ormai si è smarrito il buon senso, la saggezza e tutto viene estremizzato e strumentalizzato apposta per creare una grande paura e confusione: è la classica strategia del controllo di massa!”

Il vero problema per la salute sono i pesticidi – Scrive Stop Pesticidi: “Milioni di persone in tutto il mondo sono quotidianamente esposte ai pericoli provocati dall'uso di pesticidi e diserbanti in agricoltura che, nati per eliminare i parassiti dei raccolti, hanno un impatto gravissimo non soltanto sulla nostra salute ma anche sull’ambiente. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, infatti, i pesticidi causano ogni anno circa 200 mila morti su scala globale e, secondo l’autorità Europea per la Sicurezza Alimentare, circa il 45% del cibo che consumiamo contiene residui di pesticidi...” - Continua: http://retedellereti.blogspot.it/2017/05/la-lunga-marcia-contro-i-pesticidi.html

Vaccinazioni e tradimento dei 5s – Scrive Marco Bracci a commento dell'articolo http://www.circolovegetarianocalcata.it/2017/05/28/questione-vaccini-ed-altro-ancora-la-conferma-che-il-m5s-non-vuole-andare-al-governo-ma-continuare-ad-intercettare-lo-scontento-per-tener-buoni-i-grulli/ -: “A proposito del tradimento dei 5Stelle: C’è forse da meravigliarsi? Chi porta nel suo stemma il pentacolo (e il 5Stelle ne ha ben 5) ha fatto un patto con il  diavolo, di cui il pentacolo è simbolo, e, si sa, il diavolo prima o poi chiede la contropartita....”

Mio commentino: “A proposito dell'avanguardismo satanico 5 stelluto mi sovviene di una proposta di due anni fa dello stelluto Sibilia in cui chiedeva al parlamento di “Legalizzare i matrimoni tra specie diverse, purché siano consenzienti..” - Continua: https://circolovegetarianotreia.wordpress.com/2015/05/29/famiglia-allargata-o-sodoma-e-gomorra/

Dall'Africa non solo migranti anche insetti nemici delle api – Scrive A.K.: “Non solo dall’Africa ci giungono le minacce dei terroristi islamici e lo sbarco infinito di migranti, ora anche la Aethina tumida, un coleottero specializzato a distruggere gli alveari. Tempi duri, anzi durissimi per le nostre api che debbono vedersela oltre che con i veleni sparsi nelle campagne, con funghi parassiti, con i cambiamenti climatici e ora anche con un insetto definito dagli apicoltori il Killer degli alveari” - Continua: http://paolodarpini.blogspot.it/2017/05/aethina-tumida-dallafrica-non-solo.html

Voucher o marchette? – Scrive Alessandra Chedda a commento dell’articolo http://paolodarpini.blogspot.it/2017/03/in-risposta-chi-difende-il-voucher.html -: “Concordo ovviamente e aggiungo che il rendere precari e insicuri i giovani li rende depressi e senza dignità, che va benissimo al sistema che così evita che i veri potenzialmente rivoluzionari cioè i giovani possano mettersi insieme e lottare in piazza per i loro diritti… il tutto nell’indifferenza di tanti, troppi!”

Interspecismo. Un sano rapporto con gli animali - Tenere gli animali in salotto o torturarli e mangiarli è la dicotomia di un rapporto falsato ed ipocrita. Entrambi questi comportamenti sono modi scriteriati di rapportarci con essi. Noi stessi - tra l’altro - siamo animali, quindi abbiamo bisogno di avere un contatto "equilibrato" con i nostri “fratelli e sorelle” di altra specie. Se è chiaro questo… allora comprenderete tutto il resto… Non teniamo gli animali in gabbia (per sfruttarli fisicamente) e nemmeno nei divani (per sfruttarli psicologicamente). Dobbiamo trovare una via di mezzo che non sia il risultato di un senso di colpa o di un bisogno psicologico...” - Continua: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2017/05/bioregionalismo-ed-interspecismo-un.html

Roma. La pace ha bisogno di te! - Scrive Marinella Correggia a integrazione dell'articolo http://www.circolovegetarianocalcata.it/2017/05/24/roma-24-maggio-2017-nellanniversario-del-giorno-fatidico-dellentrata-dellitalia-nella-i-guerra-mondiale-visita-di-trump-a-roma-tre-pacifisti-con-un-cartello-scritto-a-mano-sono-stati-p/ -: “Paolo sei affettuoso come sempre. Forse dovremmo riflettere, appunto, su come far sì che questi piccoli eventi si moltiplichino... è che a Roma, dove dovrebbero verificarsi (perché è qui che i potenti arrivano), la gente non c'è... anche se nei giorni scorsi mi hanno scritto in diversi, anche da Roma, e sembravano disposti ad avviare un discorso. Vediamo come. Info. mari.liberazioni@yahoo.it”

Mia rispostina: “Cara Marinella, nei limiti del mio possibile ti sarò vicino e cercherò di coinvolgere gli amici romani... Fammi sapere gli sviluppi! Forza e coraggio!”

Venezuela. I veri democratici dicono no alle mire usa – Scrive dal Venezuela Vincenzo Ordoñez: “ Sono semplicemente lobotomizzati dalla propaganda USA quelli che cercano da 19 anni di prendere il potere a CARACAS con ogni mezzo, con ogni insano sotterfugio e MENZOGNA senza mai riuscirci perché sono nettamente in minoranza malgrado le apparenze; “SQUALLIDI” disadattati che dopo aver perso 25 elezioni di seguito ancora credono ai canti delle sirene ; sono un crogiuolo di psicotici, debosciati e apatridi che chiamano l’amico MAFIOSO ALVARO URIBE coi suoi paramilitari alle loro manifestazioni per seminare il terrore; non ci fanno paura, non fanno paura alle masse escluse finalmente rivendicate da Chavez... - Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2017/05/29/venezuela-le-oligarchie-eterodirette-non-prenderanno-il-potere-il-popolo-si-oppone/

Salento. Agricoltura naturale solidale – Scrive Francesca Casaluci: “Si comunica che, in data 2 giugno, alle ore 18:00 ad Aradeo, presso la sede di Karadrà in occasione dell'evento "La cosa pubblica", un gruppo di aziende agricole, coltivatori diretti, associazioni e Gruppi di Acqusito Solidale, coordinati da Salento Km0, firmeranno pubblicamente il "Manifesto per l'agricoltura naturale del Salento", dando vita e struttura alla Rete per l'Agricoltura naturale del Salento. Info: info@salentokm0.com

Roma. Ancora sulla protesta nonviolenta anti Trump del 24 maggio u.s. - Scrive Marco Palombo: “Contestazione a Trump, Roma, 24/5/2017. Avevo con me anche un cartello con Gandhi. Vi spiego perché ci tengo a farlo sapere. Il 24 maggio scorso a Roma con due attiviste della Rete No War Roma abbiamo tentato di esporre uno striscione di contestazione a Trump, alla Nato e al G7, al passaggio da via Nazionale del Presidente USA, e delle decine di auto che lo accompagnavano, dopo il suo incontro al Quirinale con il Presidente della Repubblica Mattarella. Siamo stati bloccati prima di poter esporre il lenzuolo con le scritte....” - Continua in calce al link: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2017/05/24/roma-24-maggio-2017-nellanniversario-del-giorno-fatidico-dellentrata-dellitalia-nella-i-guerra-mondiale-visita-di-trump-a-roma-tre-pacifisti-con-un-cartello-scritto-a-mano-sono-stati-p/

UE. Lingue tradite – Scrive Athena: “L’italien, le français, l’espagnol ! Oubliés ? La colonisation est désormais allée si loin que même le Brexit n’a aucune influence quant à la domination de l’anglais et à son imposition au sein des institutions européennes. Avec votre choix et votre comportement linguistique, vous n’êtes plus au service de l’Europe et de son projet d’intégration mais au service de la globalisation capitaliste néolibérale...”

Resistere alla repressione – Scrive NPCI: “Il vertice dei sette capi degli apparati statali della Comunità Internazionale dei gruppi imperialisti europei, americani e sionisti si è appena concluso a Taormina (26 e 27 maggio u.s.). I caporioni della borghesia imperialista hanno chiuso il loro fastoso convegno senza riuscire a indicare una strada di progresso neanche solo a parole come avevano fin qui fatto nei loro precedenti vertici. Tanto è il marasma in cui i gruppi imperialisti hanno portato l’umanità, che oramai sono ai ferri corti anche tra loro....” - Continua: http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2017/05/taormina-i-caporioni-della-borghesia.html

Vi saluto, ciao, Paolo/Saul

…...........................................

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

“Ritieni di poter schiacciare un bruco ?
Lo hai fatto ?
Non era difficile.
Ora rifà il bruco.”
(Lanza Del Vasto)




Nessun commento:

Posta un commento