Saul Arpino ritorna…


Avete visto quella faccia della foto in vetrina… chi è quello, sono forse io?
Potrei dire di sì ed anche di no…. Sono io per le convenzioni del mondo, non sono io perché l’io non può essere fissato ad un’immagine momentanea e mutevole.
Quell’io che vedete è un attore che recita in una commedia, in un certo senso non ha nome né forma precisa, come tutti gli attori che possono interpretare vari ruoli.
Ma il mio vero “io” non si manifesta solo nei ruoli ma nella sceneggiatura, nei costumi, nelle parti comprimarie, nella musica, nella regia, nelle luci, negli spettatori… eccetera…


Volendo però dargli un nome chiamerò quell’io Saul Arpino. Un nome inventato? Forse sì e forse no.. il nome potrebbe esistere od avrebbe potuto esistere… mio nonno –ad esempio- avrebbe potuto chiamarsi così… poi per motivi banali, di sopravvivenza bruta, prese a chiamarsi Paolo D’Arpini… ed io voglio seguire il suo esempio -ma al contrario- cambio nome e divento Saul Arpino, perlomeno su questo blog.


A proposito di blog… sentivo il desiderio di crearmi un piccolo palcoscenico sul quale recitare alcune parti che non mi sono consentite in altri spazi. Da questo luogo, che forse mi riporta indietro nel tempo, un ritorno ai dinosauri del passato remoto oppure verso un avanti sconosciuto, non so, mi prenderò la libertà di raccontare e mostrare agli accorti lettori alcune segrete immagini dell’essere… di quel che io sono o non sono, descrivibile o indescrivibile…..


Vostro affezionato, Saul Arpino.

martedì 2 maggio 2017

Il Giornaletto di Saul del 3 maggio 2017 – Breve autobiografia di Paolo D'Arpini, luce notturna, aspetti della Madre Universale, Strage di Portella, nucleare: la via del non ritorno, cabaret Italia, Taoismo: “religione” senza dio...


Risultati immagini per biografia di paolo d'arpini

Care, cari, nacqui a Roma, nella casa dei miei nonni, in Via Ariberto da Intimiano (Piazza Pontida), il 23 giugno 1944. Dopo alcuni anni la mia famiglia si trasferì a Grottaferrata, dove nel 1954 rimasi orfano di madre. In seguito trascorsi due anni nel collegio salesiano del Sacro Cuore di Roma, finché mio padre mi chiamò a Verona dove nel frattempo si era risposato. Tralascio i particolari di quel periodo e prendo a raccontare da quando, terminato da poco il servizio militare, divenni padre del mio primo figlio Massimiliano Davide, nato nel 1967 a Verona da madre francese, egli vive a Parigi. Nella mia vita non ho mai avuto un dono spiccato per la modestia, ho sempre considerato me stesso e la mia opera come un degno percorso evolutivo. Abitando a Verona avevo già collaborato, nel 1967-68, ad una rivista locale che si chiamava Verona Beat, ed ebbi la fortuna di intervistare personaggi tipo Adriana Asti, Gino Bramieri, L’Équipe 84, etc. e compresi subito come fosse facile...” - Continua: https://circolovegetarianotreia.wordpress.com/2015/09/09/stringata-biografia-di-paolo-darpini-da-roma-a-verona-da-calcata-a-treia/

Valentino Parlato se n'è andato... - Scrive F.S.: “Se n’è andato a 86 anni Valentino Parlato, storico direttore del quotidiano Il manifesto. Era nato a Tripoli nel 1931. Pur avendolo fondato con Luigi Pintor e Luciana Castellina, nel giugno del 1969, nel 2012 abbandonò Il manifesto giudicandolo “decaduto”, un “giornale come gli altri”. E Valentino Parlato non esitava a dare scandalo quando lo riteneva necessario... Qui di seguito un suo recente scritto in risposto ad Eugenio Scalfari che univa i significati di “oligarchia” e “democrazia”: ...tra democrazia (governo del popolo) e oligarchia (governo di pochi) c’è una bella differenza che Scalfari non può cancellare, come noi non possiamo ignorare che l’identificazione di democrazia e oligarchia è una deriva della finanziarizzazione e globalizzazione del capitalismo di questi nostri tempi."

Mio commentino: “Ai tempi de Il Manifesto di Valentino Parlato non mancarono miei interventi sulle pagine del quotidiano comunista, uno dei pochi che continuò ad accogliere i miei scritti malgrado le mie “eresie”... Esprimo rispetto e stima per lui”

Se gli USA attaccano la Corea del Nord... - Scrive Vincenzo Zamboni: “...fin dal 1961 esiste un trattato di alleanza sinocoreano, il che renderebbe l'eventuale attacco USA completamente suicida, poiché a sua volta la Cina è alleata con la Russia, e già con questo sarebbero coinvolte quattro potenze nucleari ed i tre più forti eserciti del pianeta. Il deterrente nucleare non è mai stato affrontato militarmente, anche perché il fall out radioattivo di alcune decine di bombe H sarebbe devastante per il pianeta...” - Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2017/05/02/se-gli-usa-attaccano-la-corea-del-nord-e-la-fine-del-mondo/

USA, state attenti... - Scrive Luciano Lago: “L’elite di potere negli USA riteneva forse che la Russia fosse disponibile ad accettare senza reagire l’enorme spiegamento di forze militari della NATO ai suoi confini e persino nel Mar Nero. La speranza dei circoli neocons sarebbe quella di intimidire l’Orso russo e costringerlo a negoziare e ridimensionare le sue aspettative. Finito il tempo in cui gli oceani proteggevano l’Impero di Mare dagli attacchi delle altre potenze. Gli statunitensi potrebbero risvegliarsi un giorno nell’incubo di una guerra che coinvolgerebbe anche loro e proverebbero le stesse sensazioni che hanno provato i serbi a Belgrado, gli iracheni, gli afgani, i libici, i siriani e tutti i popoli che hanno subito le aggressioni USA negli ultimi venti anni...”

Commento di Paul Craig Roberts: “Le probabilità che la vita sulla Terra si stia avvicinando alla sua fine sono elevate. La responsabilità ricade fortemente sul popolo americano il cui successo, a causa di errori commessi da altri, ha indotto gli americani a pensare di essere eccezionali e privilegiati. Non consapevole della minaccia disumana a tutta la vita che è incarnata nella rivendicazione neocon che gli americani siano eccezionali e indispensabili, l'auto-referente pubblico americano non è a conoscenza delle conseguenze di tale hubris. L'hubris sta conducendo gli Americani, e tutto il mondo, al macello nella guerra termo-nucleare....”

Luce notturna. Problema da risolvere – Scrive Arpat: “Si svolge il 16 maggio 2017 all'Università di Pisa un incontro su ricerca, divulgazione e citizen science applicate alla luce artificiale notturna. L'incontro ha l'obiettivo di condividere lo stato dell'arte sulla questione luce artificiale notturna dal punto di vista della relazione tra ricerca scientifica, divulgazione e coinvolgimento di cittadini ed esperti di varie discipline...“ - Continua: http://retedellereti.blogspot.it/2017/05/pisa-16-maggio-2017-luce-artificiale.html

Italia addio – Scrive A.F.: “In questa nostra penisola (Paese) che è retto da uno Stato fittizio, vi sono più Nazioni (almeno tre: nord, centro, sud), la vera Patria è quella dei profumi, dei sapori, dei colori, della musica del nostro luogo natio che, purtroppo i giovani in numero crescente, di anno in anno, abbandonano...”

Primarie PD. Pensate alle conseguenze – Scrive M.R. A commento dell'articolo http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2017/05/1-maggio-2017-renzi-sale-al-podere.html -: “secondo me ognuno alla fine ha quello che si merita, compreso Renzi, ma non può essere che il 30 aprile vai a votare per le primarie del PD, magari voti Renzi, e poi il giorno dopo festeggi il PRIMO MAGGIO senza pensare che il JOB ACT e quella porcata dell'APE sono l'opera blasfema di Renzi segretario del PD..”

Commento di Adriano Colafrancesco: “Caro Paolo, non c’è nulla da fare: più gli italiani si ribellano alla indegnità di una classe politica che paventa, senza vergogna, addirittura formule di promiscuità vomitevole pur di sopravvivere e mantenere i propri privilegi, più questi personaggi, stucchevolmente monotoni nell’eloquio, sfoggiano arrogante disprezzo del comune sentire ormai fisicamente palpabile nelle vie e nelle piazze di tutti i centri urbani che costellano monti e pianure della nostra penisola!”

Commento di Carla Di Veroli: “Pd: Comitato Orlando: Matteo Renzi al 68%, Andrea Orlando al 22,2% e Michele Emiliano al 9'8%. Sono questi i dati delle primarie che risultano al Comitato della mozione Orlando”

Commento di Luigi Quartucci: “1.800.000 votanti a due euro l'uno, fanno 3.600.000 euro esentasse che qualcuno si metterà in tasca ridendo dei deficienti che li hanno pagati per scegliere chi vogliono come segretario di partito tra il cazzaro di Rignano, un signor nessuno e il pagliaccio del sud che "me ne vado anzi no forse resto ma chissà". E poi primarie perché? Primarie di che? Dopo fanno anche le secondarie?”

Commento di Franca Oberti: “Un'analisi corretta. Grazie Paolo, per la tua chiarezza, la correttezza e il coraggio. Viviamo in una società dove si premia il furbo e si punisce l'onesto. A noi non importa, non cerchiamo il potere, la ricchezza, la prevaricazione, ma lasciateci il mugugno!”

Gli aspetti della Madre Universale – Scrive Lasu Mira: “Quattro grandi aspetti della Madre, quattro dei suoi principali poteri e personalità sono stati messi in evidenza nella condotta di questo Universo e nelle sue relazioni con il gioco terrestre. Uno è la Personalità di Calma Ampiezza, di Saggezza Comprensiva, di Benignità Tranquilla, di Compassione Inesauribile, di Maestà Sovrana e Superiore, di Grandezza che Tutto Governa...” - Continua: https://circolovegetarianotreia.wordpress.com/2017/05/02/i-quattro-aspetti-divini-della-madre-universale/

No al veleno glifosato nei campi – Scrive ISDE: “La campagna ICE contro il glifosato - www.stopglyphosate.org - ha raccolto in Europa 700.000 firme, raggiungendo il quorum in 6 paesi (Austria, Belgio, Germania, Danimarca, Francia e Lussemburgo, molto vicini anche la Spagna, l'Inghilterra e l'Irlanda). Per l’Italia si contano 36.700 firme e ne mancano almeno 25.000, da raccogliere nel prossimo mese e mezzo! Abbiamo bisogno di incrementare di molto la nostra "media", che adesso è intorno alle 100 firme al giorno. Il 13 maggio 2017 ci sarà una giornata europea contro il glifosato, nella quale si chiede alle organizzazioni e ai singoli attivisti di fare raccolte firme e di attivarsi anche online...”

Sicilia. Commemorazione della Strage di Portella – Scrive Andrea Montella: “Il 1° maggio 2017 ricorreva il settantesimo anniversario della Strage di Portella della Ginestra (Pa), a seguito della quale hanno trovato la morte quattordici tra uomini, donne e bambini che manifestavano contro il latifondismo, a favore dell’occupazione delle terre incolte e per festeggiare la vittoria del Blocco del Popolo...” - Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2017/05/02/strage-di-portella-strage-atlantica-una-ricorrenza-dolorosa-della-nostra-storia/

Pavullo. Fumetti e Libertà – Scrive Marinella Gianaroli: “Vi invitiamo al prossimo appuntamento di Venerdi 5 Maggio dalle ore 20.30 alle ore 22.30 ca. c/o Abergo Ristorante Corsini, Via Giardini 121. Nicola Gobbi fumettista ed ex educatore della Scuola Liberteria "I Prataioli" di Pavullo introdurrà il tema dell'incontro: CON LA TESTA TRA LE NUVOLE: STORIE, FUMETTI E PRATICHE PER EDUCARE ALLA LIBERTA'. Entrata ed uscite libere. Info. caffefilosoficopavullo@gmail.com

La via del non ritorno – Scrive Filippo Mariani: "Le centrali nucleari attive sul nostro pianeta ad oggi sono 435 e in fase di costruzione altre 65 per un totale di 500 potenziali mine che potrebbero cancellare la vita su questo pianeta e, attenzione, stiamo parlando dell’atomo cosiddetto “amico”, se dovessimo parlare dell’atomo bellico allora potremmo dire che abbiamo già ipotecato il futuro di questo pianeta perché se malauguratamente dovesse scoppiare una nuova guerra mondiale, allora sarebbe veramente la fine..." - Continua: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2016/05/energia-nucleare-energia-mortale-e-la.html

Afghanistan. Prima costruiscono poi bombardano... - Scrive Sputnik: “L'ex agente della NSA Edward Snowden ha twittato che il raid statunitense con la "madre di tutte le bombe" in Afghanistan ha colpito i tunnel dei ribelli islamisti che erano stati costruiti decenni prima con soldi americani, quando la CIA aiutava i mujaheddin contro le forze sovietiche. Si parla del complesso di gallerie di Tora Bora nella provincia afghana di Nangarhar. Per confermare le sue parole, Snowden cita un articolo del New York Times...”

L'inizio della scienza tecnologica – Scrive Vincenzo Brandi: “L’innovazione tecnica più importante fu certamente l’invenzione della macchina a vapore. Nel 1698 Thomas Savary inventò una macchina usata per pompare via l’acqua dalle miniere. Si deve ad un tecnico dell’Università di Glascow, James Watt, il definitivo perfezionamento di una macchina brevettata nel 1769 e poi ampiamente usata anche nell’industria tessile per muovere i telai, passo decisivo per la rivoluzione industriale...” - Continua: http://paolodarpini.blogspot.it/2017/05/la-scienza-e-la-tecnologia-come-noi-le.html

USA. Video per le guerre – Scrive C.M.D.: “Roberto Quaglia rivela come vengono montati ad arte i video per la propaganda made in USA, per condizionare l’opinione pubblica rendendola favorevole agli interventi bellici ed agli interessi americani, a volte ingaggiando giovani donne ed istruendole professionalmente su come recitare e comunicare in pubblico: https://www.youtube.com/watch?v=VeEXhbVsPbo - Siccome è difficile, faticoso e complesso discernere il vero dal falso, è buona norma prudenziale non credere mai a quello che ci propinano i media di regime, dubitare sempre e comunque e chiedersi a chi giova quello che vogliono farci credere...”

Cabaret Italia – Scrive Adriano Colafrancesco: “La divertentissima kermesse mediatica sulla riscossa di Matteo Renzi, trionfatore delle primarie PD, trova nelle parole di Dario Franceschini - apice della sua tragicomicità – la sintesi estrema della deriva drammatica dell’antico tradizione gramsciana: “volevamo un leader forte e abbiamo avuto un leader forte”. Così si è espresso, incurante del ridicolo, il ministro del governo del conte Gentiloni Vien dal Nulla, mentre, in preda a irrefrenabili esternazioni di entusiasmo, a pochi metri di distanza, sulle terrazze della sede di via del Nazareno, si esibiva l’inedita coppia Boschi-Migliore, a sua volta sintesi sincretica della nuova sionistra italiana...” - Continua: http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2017/05/cabaret-italia-dopo-laffermazione-di.html

Treia. Auser - La prima assemblea plenaria Auser Treia per l'avvio della programmazione degli eventi per l'anno in corso, si tiene Venerdì 5 maggio 2017 nella sede di Via Lanzi 18/20 - Treia alle ore 21. Tutti gli interessati sono invitati a partecipare. Sarà presente il portavoce provinciale di Macerata Antonio Marcucci...”

Disperarsi non serve: combattere è necessario – Scrive PCARC: “Con ogni mezzo la borghesia imperialista ha inquinato il cuore e la mente delle masse popolari per inculcare la certezza che non esiste, che non siamo capaci di costruire, una società superiore al capitalismo. Ma il capitalismo è un modo di produzione che per sua natura crea i presupposti del suo superamento. Finché esisterà il capitalismo, continueranno a crearsi le condizioni oggettive per la rivoluzione socialista e la necessità della trasformazione della società... - Info. carc@riseup.net

Il Taoismo come esempio di spiritualità laica - Sono esistite nell’evoluzione del pensiero umano almeno tre forme “pseudo-religiose” prive del concetto di un “Dio creatore” personale ma che mantengono la verità di un’unica matrice per tutte le cose. Questa matrice è definita Tao o  Senza Nome, nel taoismo; Brahman o Assoluto Non-duale nell’Advaita;  Sunya o Vuoto nel buddismo. Sento ora giunto il momento di parlare un po' più estensivamente del Taoismo,  talvolta descritto come  la “dottrina degli umili o dei semplici”, ed in tal senso il termine “laico” abbinato a tale sentire mi sembra estremamente consono. Infatti il significato originario di laico è proprio “semplice, umile,  fuori da ogni contesto ordinativo sociale e religioso” - Continua: http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2013/12/taoismo-come-spiritualita-laica.html

Sempre avanti, prodi fanti! Ciao, Paolo/Saul

…..........................

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

"Non dite che siamo pochi / e che l'impegno è troppo grande per noi / sono forse poche quattro nubi nel cielo? / eppure in un attimo tutto si rabbuia / e giunge la tempesta. / Non dite che siamo pochi / dite solo che siamo" (Autore dimenticato)




Nessun commento:

Posta un commento