Saul Arpino ritorna…


Avete visto quella faccia della foto in vetrina… chi è quello, sono forse io?
Potrei dire di sì ed anche di no…. Sono io per le convenzioni del mondo, non sono io perché l’io non può essere fissato ad un’immagine momentanea e mutevole.
Quell’io che vedete è un attore che recita in una commedia, in un certo senso non ha nome né forma precisa, come tutti gli attori che possono interpretare vari ruoli.
Ma il mio vero “io” non si manifesta solo nei ruoli ma nella sceneggiatura, nei costumi, nelle parti comprimarie, nella musica, nella regia, nelle luci, negli spettatori… eccetera…


Volendo però dargli un nome chiamerò quell’io Saul Arpino. Un nome inventato? Forse sì e forse no.. il nome potrebbe esistere od avrebbe potuto esistere… mio nonno –ad esempio- avrebbe potuto chiamarsi così… poi per motivi banali, di sopravvivenza bruta, prese a chiamarsi Paolo D’Arpini… ed io voglio seguire il suo esempio -ma al contrario- cambio nome e divento Saul Arpino, perlomeno su questo blog.


A proposito di blog… sentivo il desiderio di crearmi un piccolo palcoscenico sul quale recitare alcune parti che non mi sono consentite in altri spazi. Da questo luogo, che forse mi riporta indietro nel tempo, un ritorno ai dinosauri del passato remoto oppure verso un avanti sconosciuto, non so, mi prenderò la libertà di raccontare e mostrare agli accorti lettori alcune segrete immagini dell’essere… di quel che io sono o non sono, descrivibile o indescrivibile…..


Vostro affezionato, Saul Arpino.

lunedì 20 gennaio 2014

Il Giornaletto di Saul del 21 gennaio 2014 – Matrismo e Patriarcato, aiutare il Movimento, votare alla spagnola, altro regalo bancario, matrimoni sodomitici, liberazione....



Care, cari,

Maschile e Femminile. E misteri "apodittici" - Scrive Subramanyam: "Caro Paolo, mi ha colpito nel tuo scritto sul maschile e il femminile
(http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2014/01/maschile-e-femminile-e-lincontro.html) il tono apodittico con cui sostieni quelle che sono soltanto ipotesi inscritte in una visione storicistico-evolutiva di stampo marcatamente occidentale moderno. Il matriarcato, quale fenomeno antecedente al patriarcato, e il lento passaggio dal primo al secondo sono semplici ipotesi. Anche ammesso che siano esistite società matriarcali, bisogna considerare come ciò potesse significare semplicemente che le donne si dedicavano al Manifesto (i Piccoli Misteri, includenti la ricerca scientifica), mentre invece gli uomini si dedicavano ai Misteri metafisici..." Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2014/01/20/maschile-e-femminile-patriarcato-e-matriarcato-sono-simbolici-e-coesistenti/

Mia rispostina: "Caro Fratello Subramanyam, grazie per il tuo prezioso contributo. Ogni visione quando assunta diventa "apodittica", è normale che sia così, questa è la tecnica nella disfida filosofica in cui ognuno dei "contendenti" (a caso) assume una ipotesi e per essa trova tutte le possibili ragioni per farla trionfare. Si dice ad esempio che il famoso Pandit Kavyakanta Ganapati Muni, un discepolo di Ramana Maharshi, fosse in grado di assumere una posizione e vincere un dibattito e poi assumere la posizione opposta ottenendo lo stesso risultato... Ti dice qualcosa ciò?" - Continua nel link soprastante con ulteriore replica di Subramanyam e mia ulteriore risposta

Aiutare il Movimento – Scrive Rebecca: "Giro l'appello del Movimento No TAV, al quale tutt@ noi dobbiamo molto. Superfluo sottolineare l'importanza di questa lotta e il suo significato per tutte le battaglie territoriali, per i beni comuni e per la democrazia. Per questo, riteniamo questa specifica vicenda intrisa di un potenziale dirompente se sapremo dimostrare, ciascuno per le proprie possibilità, la forza e la compattezza di un grande e multiforme fronte diffuso di resistenza, rispondendo con un mutualismo efficace a questo ulteriore tentativo di spegnere le proteste.....
Grazie a chi potrà dare un contributo e divulgare l'appello..." - Continua: http://retedellereti.blogspot.it/2014/01/no-tav-colpevoli-di-difendere-la-nostra.html

Roma. Processo culturale – Scrive ITAM: "Lunedì 27 gennaio, ore 19, nella Galleria Michelangelo, via Giovanni Giraud, Roma, “processo” che vede sul banco degli imputati lo scrittore Maurizio Cohen e il suo romanzo “L’ombra di Artemisia” - all’accusa Solveig Cogliani, già pubblico ministero, oggi magistrato amministrativo e pittrice, Francesco Gallo Mazzeo, storico dell’arte, alla difesa, e Luigi Di Majo, penalista, attore e regista. Info. adriana.semenza@libero.it"

Bologna. Altra Economia – Scrive Claudio Zanasi: "31 Gennaio 2014 a Bologna, ore 18,30-22,30. Sala Celeste via Castiglione 41:Alternativa presenta: "Spezzare le catene del debito". Relatori: Andrea Pinna (Alternativa), Pier Paolo Del Monte (mov. per la decrescita felice), Marco Bersani (Attac). Info. z_antares48@yahoo.it"

Treviso. Ecologia - Scrive Ecofilosofia Trevigiana: "Venerdì 24 gennaio, ore 18.30: a Treviso, presso nostra sede: PROIEZIONE DEL FILM-DOCUMENTARIO L’ECONOMIA DELLA FELICITA’. INGRESSO GRATUITO. SEGUIRA’ DIBATTITO SUI TEMI DELLA RICOSTRUZIONE DELLE COMUNITA’ LOCALI PER CONTRASTARE LA GLOBALIZZAZIONE. INCONTRO NELL’AMBITO DEL CORSO DI ECOLOGIA 2014. Info. info@filosofiatv.org"

Politica interna. Ulteriori danni – Scrive Lista Civica Italiana: "Martedì 21 gennaio 2014 la camera dovrebbe discutere la conversione in legge del decreto 133/2013 che fa un enorme regalo alle banche a spese di tutti gli italiani. Lista civica italiana chiede a tutti gli italiani di mobilitarsi per evitare la conversione in legge del decreto n.133 del 30 novembre che è già stato approvato dal Senato e che martedì 21 gennaio va in discussione alla Camera. Si tratta dell' “Atto Camera: 1941- Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 30 novembre 2013, n. 133, recante disposizioni urgenti concernenti l'IMU, l'alienazione di immobili pubblici e la Banca d'Italia" – Continua: http://paolodarpini.blogspot.it/2014/01/giu-le-mani-dalla-banca-ditalia-lci.html

Ma perché – Scrive Isabella: "..ma perché tra i problemi della politica in primis ci sono le coppie di fatto e in secundis lo ius soli... l'ambiente mai, mai mai mai... eppure nella merda ormai ci siamo fino al collo, ma quando la capiscono che non é questione di essere ambientalisti, idealisti o che ne so, ma solo e semplicemente realisti? Avremo la cittadinanza per i nuovi nati, ci sposeremo tra femmine e maschi, ma creperemo allegramente tutti o di cancro o delle altre mille malattie che non sanno spiegare... ma sai che bello..."

Tivoli. Insalata sbagliata – Scrive Stefano Panzarasa: "Ecco il nostro concerto al Teatro dell'Applauso, SABATO 25 GENNAIO. ORE 21.30. Il teatro, si trova alla periferia di Tivoli, venendo da Roma all'altezza di Villanova (sulla sinistra), Via dei Canneti 21 è in una parallela alla Via Tiburtina sulla destra"

Economia e felicità – Scrive Olivier Turquet: "Ciao volevo segnalare questa bella intervista che ho fatto a Francuccio Gesualdi su economia, felicità, democrazia e crisi
http://www.pressenza.com/it/2014/01/la-felicita-delle-persone-intervista-francuccio-gesualdi/"

Mio commentino: "Fatalità proprio in questi giorni stiamo leggendo il libro di Gesualdi (Le catene del debito) e stavamo giusto pensando con Caterina di invitarlo alla tavola rotonda sull'economia ecologica che si tiene a Treia durante la Festa dei Precursori di quest'anno, dal 25 al 27 aprile, qui ripropongo un mio articolo introduttivo: http://www.aamterranuova.it/Blog/Riconoscersi-in-cio-che-e/Economia-ecologica-signoraggio-debito-pubblico-tasse"

Renzie e Berlusca. Lo fanno alla spagnola – Scrive R.G.: "Due non parlamentari, ma capi di partito, stanno decidendo l'ennesima inutile riforma elettorale, che favorirà esclusivamente le proprie compagini. Il rappresentante del nulla (Alf-ano) si oppone, dal basso della sua sconsolata solitudine. Serve un partito unico: quello del non voto, per evitare che questi imbonitori da luna-park prendano il sopravvento..."

Veleni dai cieli e dalla terra – Scrive Isabella Zanotti a commento dell'articolo su Haarp e scie http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2014/01/regione-marche-e-misteri-militari-come.html -: "Mia nonna nata nel 1918 aveva molte tracce di alluminio nel sangue e credo che sia stata una delle cause del suo morbo di parkinson, sarebbe un discorso lungo da spiegare, ma la verità tangibile e concreta era che aveva sempre usato pentole in alluminio. Mentre il bario nel sangue lo abbiamo praticamente tutti e tanto perché il bario è usato soprattutto nelle candele per i motori a scoppio, nei fuochi d'artificio e nelle lampade fluorescenti. Non c'é alcun bisogno che si pensi che venga dal cielo, lo abbiamo già e da tempo, lo introduciamo nel corpo attraverso i cibi, l'acqua e ovviamente anche l'aria ma a causa del traffico veicolare e di tutti gli aerei che circolano altamente inquinanti e aumentati del 285%." - Continua in calce al link segnalato

Mio commentino: "Grazie per aver condiviso con noi la tua esperienza. Faccio presente di non essere un "credente" riguardo alle fonti dell'inquinamento, pertanto accetto laicamente le posizioni espresse su propria base esperienziale da chiunque."

Strategie di sopravvivenza in situazioni estreme – Scrive A.K.: "Si chiama SNA, ossia strategia nazionale all'adattamento, fase propedeutica alla nascita dei piani operativi territoriali e normativi per prevenire disastri climatici nel nostro Paese. Molte nazioni Europee hanno già iniziato ad adottare questi piani di prevenzione contro i fenomeni meteo estremi...- Continua: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2014/01/strategia-nazionale-alladattamento.html

Francia. Sindaco ribelle – Scrive La Torre: "L’agenzia Zenit ha segnalato l’ultimo sindaco francese che ha dichiarato che si dimetterà nel momento in cui gli verrà imposto di celebrare nozze gay. Secondo la recente sentenza del Consiglio costituzionale rischia fino a tre anni di carcere e 45mila euro di multa in caso di rifiuto a celebrare matrimoni sodomitici..."

Curare tutti. Senza distinzione alcuna – Scrive Manlio Converti: " Si chiede di modificare il Titolo II sui Doveri generali del medico e in particolare il Capitolo 1, riguardante “Libertà, indipendenza e dignità della professione” che all’Art. 3, “Doveri del medico”, attualmente recita: “Dovere del medico è la tutela della vita, della salute fisica e psichica dell'Uomo e il sollievo dalla sofferenza nel rispetto della libertà e della dignità della persona umana, senza distinzioni di età, di sesso, di etnia, di religione, di nazionalità, di condizione sociale, di ideologia,in tempo di pace e in tempo di guerra, quali che siano le condizioni istituzionali o sociali nelle quali opera”. Quello che proponiamo è di aggiungere la dicitura, non solo “di orientamento sessuale” ma anche “di identità di genere, di disabilità, di stato socio-economico” - Continua: http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2014/01/disabili-gay-lesbiche-e-nuovo-codice.html

Claudio Abbado. Dipartita – Scrive M.V.: "È morto il maestro Claudio Abbado. Una volta nominato senatore a vita dal presidente Napolitano, CLAUDIO ABBADO, decise di devolvere il suo stipendio da senatore alla scuola di Musica di Fiesole a sostegno di borse di studio. Il Sistema di Orchestre Infantili e Giovanili del Venezuela ha salvato i bambini delle favelas dalla miseria e dall’emarginazione, fornendogli strumenti musicali, inserendoli in vere e proprie orchestre e dando spazio alla loro creatività ..."

Lo stato del liberato vivente – A conferma che la "liberazione" dall'ignoranza di Sè esiste ed è una reale esperienza alla portata di tutti riporto qui il discorso di Ramana Maharshi sul "liberato vivente", leggete attentamente e considerate... - Continua:

E con ciò vi saluto! Ciao, Paolo/Saul

.............................

Pensieri poetici del dopo Giornaletto:

"Piove molto e il suono della pioggia sussurra emozionivisionisogni.... Nulla è come mi aspetto anche se ascoltando e immaginando credo sia simile ..... No nono lo è. Onde tutte diverse gocce tutte diverse ...... Eppure siamo tutto lo stesso disegno che forse in realtà e fermo e noi lo vogliamo vedere in movimento solo per avere il "tempo". Tempo per camminare sulla strada del cuore e per dirci quanto amiamo .... Amo padre amo" (Prem Kiran)

..................

IL CORPO COME UN ARCO, L'ANIMA COME UNA FRECCIA, LO SPIRITO ASSOLUTO COME BERSAGLIO DA TRAPASSARE. (Chandogya Upanishad)


Nessun commento:

Posta un commento