Saul Arpino ritorna…


Avete visto quella faccia della foto in vetrina… chi è quello, sono forse io?
Potrei dire di sì ed anche di no…. Sono io per le convenzioni del mondo, non sono io perché l’io non può essere fissato ad un’immagine momentanea e mutevole.
Quell’io che vedete è un attore che recita in una commedia, in un certo senso non ha nome né forma precisa, come tutti gli attori che possono interpretare vari ruoli.
Ma il mio vero “io” non si manifesta solo nei ruoli ma nella sceneggiatura, nei costumi, nelle parti comprimarie, nella musica, nella regia, nelle luci, negli spettatori… eccetera…


Volendo però dargli un nome chiamerò quell’io Saul Arpino. Un nome inventato? Forse sì e forse no.. il nome potrebbe esistere od avrebbe potuto esistere… mio nonno –ad esempio- avrebbe potuto chiamarsi così… poi per motivi banali, di sopravvivenza bruta, prese a chiamarsi Paolo D’Arpini… ed io voglio seguire il suo esempio -ma al contrario- cambio nome e divento Saul Arpino, perlomeno su questo blog.


A proposito di blog… sentivo il desiderio di crearmi un piccolo palcoscenico sul quale recitare alcune parti che non mi sono consentite in altri spazi. Da questo luogo, che forse mi riporta indietro nel tempo, un ritorno ai dinosauri del passato remoto oppure verso un avanti sconosciuto, non so, mi prenderò la libertà di raccontare e mostrare agli accorti lettori alcune segrete immagini dell’essere… di quel che io sono o non sono, descrivibile o indescrivibile…..


Vostro affezionato, Saul Arpino.

giovedì 5 settembre 2013

Il Giornaletto di Saul del 6 settembre 2013 – Meditazione a Cavezzo, Viteliù, Barack e Peppe e retroscena siriani, Giordano Bruno l'aveva detto che..., il balzello israeliano


Momento di aggregazione alla Bifolca di Vignola 

Care, cari,

Letterina di Caterina: “Caro Paolo, eccomi qui, stanotte ho dormito abbastanza bene. L'altro ieri sera sono stata al dopo mercatino di Vignola, giusto neanche un'oretta, ho ascoltato un po' parlare le due tipe, una era quella delle albicocche e l'altra era quella Delia dell'acqua che ha parlato della sua esperienza di "risveglio" con la quale ha superato un trauma di una violenza subita durante l'infanzia e si propone come "aiutante" per persone che hanno avuto lo stesso problema (a detta sua 8 donne su 10 e 6 uomini su 10!) Mmmmmmmm! Il primo impatto non mi ha convinto troppo. Ho salutato 4 o 5 persone: Maria, Mara delle collanine, Silvana del Marocco che mi ha detto che legge sempre il Giornaletto ma senza entrare negli articoli perché lo legge sul telefono (!), Piero, Francesca, Ivaldo, Alberto Grosoli, Giovanna e Luisa. Non ho chiesto e detto niente di Aldo. C'era tanta gente. Ti abbraccio forte.”

Cavezzo. Meditazione – Scrive Marco Malservisi: “Vi invito a condividere con noi il pomeriggio di Domenica 8 Settembre 2013, dalle ore 10.30 alle ore 19.00, alla Palestra di Cavezzo per meditare insieme attraverso l'AUM EVOLUTION MEDITATION un processo dinamico e attivo. Questa meditazione è un viaggio profondo, dinamico, intenso dentro noi stessi. All'interno dello spazio protetto del gruppo avremo il tempo e gli strumenti per esplorare il nostro corpo e il nostro sentire..” - Continua: http://retedellereti.blogspot.it/2013/09/cavezzo-8-settembre-2013-meditazione.html

Pace nel mondo – Stefano Panzarasa commenta l'articolo sulla pace - http://www.circolovegetarianocalcata.it/2013/09/01/benedizione-vegetariana-per-la-pace-ed-il-benessere-nel-mondo/ -: “l'autore dichiara che da 10.000 anni gli uomini fanno sempre le guerre... Non è così. Ti segnalo l'uscita dei due volumi del capolavoro dell'archeologa lituana Marija Gimbutas "La Civiltà della Dea" dove viene dimostrato che nell'Antica Europa Neolitica è esistita per 6000 anni (!) una vera e propria civiltà matristica, pacifica, egualitaria e amante della natura...” - Continua in calce al link

Mio commentino: “Non solo in Europa ci fu l'invasione patriarcale ariana, anche in India successe... ma lì  infine parzialmente le due culture si integrarono, almeno dal punto di vista religioso, e molti aspetti del matrismo sopravvissero nello Shaktismo, nel Tantra e nel culto della Dea (soprattutto al sud). Pensa che ad Harappa e Moenjo Daro, due città matristiche del nord (attuale Pakistan), che furono distrutte dagli ariani, non vi erano tracce di palazzi dominanti, tutte le case avevano gli stessi servizi igienici e più o meno la stessa grandezza.. insomma era una società egualitaria. La datazione arriva anche a 6 o 7 mila anni prima di Cristo. Alcuni studiosi definiscono i Sumeri una popolazione di origine dravidica che si rifugiò al sud della Mesopotamia per sfuggire alle invasioni ariane. Dovresti studiare un po' questi aspetti per avere un giusto collegamento fra quel che avvenne in Europa ed anche in Iran ed in India... Le popolazioni ariane provengono tutte dall'area caucasica e da lì si espansero..”

Città di San Salvo. Letteratura storica – Scrive Vittorio Marinelli: “Nicola Mastronardi ha vinto un premio con il suo Viteliù. Un bel libro, che ho letto e la cui lettura suggerisco a tutti. Trattasi di romanzo storico ambientato ai tempi del post Mario, che non è Monti ma l'avversario di Silla, che ha sterminato quasi tutti i sanniti tranne uno che, ostaggio di Silla in quanto duce degli stessi, cecato da quell'infamone del suddetto Silla, va a recuperare il nipote, nel frattanto divenuto maggiorenne, gli da du' pizze e gli dice che è sannito e che deve rifondare la banda....” - Continua:

Augurio d'incontro – Scrive Mirko: “Mi auguro proprio d'incontrarti sai.. a volte parlo di te con mia mamma, anche a lei a volte leggo qualcosa dai tuoi articoli e dice che sono interessanti, il fatto è che ho questi problemi di salute rognosi, sono questi che mi ostacolano da anni, poi da poco + di un anno e mezzo sto passando proprio un brutto periodo e non riesco ad uscirne, speriamo si che arrivi il giorno in cui ci si vedrà di persona”

Giappone. Radiazioni in aumento – Scrive S.d.C.: “Si sta consumando in questi giorni, in queste ore una delle più grandi tragedie che riguarda l’Umanità intera. Nessuno ne parla ma il sito web  cosmostv.org il 31 agosto, ha pubblicato i risultati di un rapporto nazionale del governo giapponese  che a sua volta descrive la situazione del disastro di Fukushima un fatto grave e con ripercussioni che riguarderanno l’Oceano Pacifico. Si è detto che la situazione nello stabilimento della centrale nucleare è andata a peggiorare, migliaia di tonnellate di rifiuti radioattivi sono stati scaricati verso l’Oceano Pacifico e questo ha causato un ribollire dell’acqua...”

Barack Hussein Obama II, il cieco – Scrive Peppe Sini, del Movimento Nonviolento: “Il presidente degli Stati Uniti d'America (ovvero le lobbies criminali che lo manovrano, giacché si può essere l'uomo più potente del mondo e nondimeno agire da marionetta) ha deciso di muovere guerra alla Siria, facendo strame una volta ancora del diritto internazionale. Se lo scellerato attacco ci sarà (ed occorre che l'intera umanità cosciente si mobiliti per impedirlo), alle stragi si aggiungeranno altre stragi, e nella meno grave delle ipotesi si estenderà ancor più la destabilizzazione del Medio Oriente che è già in fiamme, nella peggiore si innescherà una nuova guerra mondiale che può portare alla catastrofe della civiltà umana......” - Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2013/09/05/barack-hussein-obama-ii-e-lerror-de-ciechi-che-si-fanno-duci/

Usa sbugiardati – Scrive Fabrizio Dragosei: "...In quanto alle prove di cui disporrebbe Washington sull'uso di armi chimiche da parte di Assad, Putin è stato gelido. Ha parlato di «voci» e di vaghe intercettazioni, riferendosi, evidentemente, a materiale sul quale gli americani non vogliono fare troppa luce anche per paura di compromettere fonti e strumenti di intelligence segreti. Ma ai russi questo non sta bene. E, con tono provocatorio, Vladimir Vladimirovich ha paragonato la questione siriana a quella irachena, quando nel 2003 l'allora segretario di Stato si presentò «addirittura con una fiala di polvere bianca», che poi si rivelò fasulla. «Ci siamo dimenticati di tutto questo?»...”

Il parere di Giulietto Chiesa: “Coloro che oggi accettano senza battere ciglio la versione di Obama, che scatenerà la guerra, senza una sola prova della sua accusa a Bashar Assad di avere usato le armi chimiche, sono esattamente gli stessi che accettarono la ridicola versione ufficiale dell'11 settembre (qui riassumibile con le cinque fatidiche parole: "E' stato Osama bin Laden"). Ne metto qui alcuni, per la pubblica edificazione (solo alcuni, ma ottimi rappresentanti della palude miasmatica del mainstream italiano): Giuliano Ferrara, Vittorio Zucconi, Aldo Cazzullo, Gad Lerner, Guido Olimpio, Giovanna Botteri. Mentre scrivo questi nomi penso che l'elenco è troppo lungo. Fermiamoci qui prima di andare a fare digiuno insieme a Papa Francesco. Che, questa volta, sta dalla parte giusta, quella dell'Uomo....”

Siria. Aspetti tenuti segreti – Scrive A.K.: “L’attacco bellico è fortemente voluto dagli USA, anche se il recente isolamento sta frenando gli impulsi di guerra. Li frena soltanto, ma non li arresta. Il fattore principale che attualmente frena gli impulsi bellici americani è l’inchiesta dell’Onu che ha annunciato che necessita di alcuni giorni per terminare la sua inchiesta sulla questione siriana e anticipare le decisioni dell’ONU significa dichiarare guerra con ammissione di colpa. Per questo anche se l’America freme trepidante, deve approfittare del rinvio per rafforzare la coalizione dato che Turchia e Giordania hanno cambiato rotta. Non solo: l’America cercherà un nuovo casus belli dopo il flop delle armi chimiche dovuto alla fuga di notizie di due alti funzionari della difesa britannica. Queste email furono pubblicate dal Daily Mail e furono oscurate dopo qualche ora...” - Continua: 
http://paolodarpini.blogspot.it/2013/09/siria-retroscena-tenuti-segreti-segreti.html

Il nostro uomo a Damasco – Scrive Joe Fallisi: “...siamo in partenza per Tartous... dove probabilmente riuscirò a incidere la canzone... qui a Damasco (e ad Aleppo) tutti si aspettano le bombe dei giudoyankee criminali... e si preparano... il vero pericolo sono le cellule dormienti degli islamocannibali, che non aspettano altro per scatenarsi contro la popolazione...”

Mosse marinare – Scrive FOM: “...in totale segretezza, senza proclami di adesione agli avventurismi giudaiko-americani, la Andrea Doria e la Maestrale sono salpate alla volta del Libano. La Farnesina non dice nulla, tranne che in Libano ci sono 1000 uomini italiani (che non hanno mai sparato un colpo contro Hezbollah per inciso) e che vanno protetti.. (od evacuati ndr)”

Avvertimenti egizi – Scrive G.C.: “L'Egitto ha tutta l'intenzione di rispettare il Trattato di Pace con Israele, siglato nel 1978 dal Presidente Sadat con Menahem Begin. Ma se Israele si presterà ad attaccare una naziona araba sorella, come la Siria, anche solo ospitando attacchi USA dal suo territorio SARA' GIOCOFORZA PER L'EGITTO INTERVENIRE MILITARMENTE IN DIFESA DEL PAESE AGGREDITO" - Con una conferenza-stampa FATTA DI UNA SOLA AFFERMAZIONE, di fronte ad una platea di giornalisti SOLO EGIZIANI, per rafforzare l'intenzione ferma delle sue parole, IL GENERALE AL SISSI, ha manifestato la posizione della ARMATA NAZIONALE EGIZIANA...”

Il senso del lavoro – Scrive Vincenzo Zamboni: “Il lavoro non produce profitto, il lavoro produce merce, materiale naturale manipolato con la immissione di lavoro umano, che incorpora come valore aggiunto l'energia umana impiegata (per i pignolissimi: l'ordine energetico, poiché nulla si crea e nulla si distrugge, bensì vien trasformato, come il grado d'ordine energetico nelle trasformazioni) dai lavoratori che hanno realizzato il ciclo lavorativo. Il profitto è un prodotto tipicamente capitalista, consistente nel furto di plusvalore da plus-lavoro non retribuito, rubato al vero produttore dei beni, il lavoratore. Dunque, fin che non si distrugga il concetto stesso di "società per azioni"; associazione a delinquere che quota in borsa le azioni da cui i dividendi da furto di appropriazione privata per la rivalorizzazione del capitale, il capitalismo non risulta distrutto, ed occorre misurarsi fronte a fronte con il lavoro sotto il capitale.”

Senza speranza – Scrive Paolo Bellenghi: “...il capitale deve proteggersi in ogni modo possibile. I debiti debbono essere coperti dai debitori ed i prestiti ed i mutui debbono essere ammortati il più rapidamente possibile. Quando a seguito di una azione legale la gente comune avrà perso la propria abitazione, essa diverrà più manipolabile e sarà più facilmente governata dal duro braccio (armato) della legge applicato dal potere centrale e dai banchieri che lo comandano. La gente rimasta senza casa non andrà certo a contendere con i propri leaders. Tutto questo è ben noto dai nostri principali uomini, che adesso sono impegnati nel creare un imperialismo del capitalismo per controllare tutto il mondo. Dividendo tra loro le persone, possiamo portarle a perdere il loro tempo discutendo su problemi di nessuna importanza per noi eccetto che come pastori del comune gregge (Tratto dall'annuario del pubblico servitore, "Organizer" edito nell'anno 1934)”

Biocarburanti nocivi all'ecosistema – Scrive Adnkronos: “...per evitare la competizione tra produzione di biocarburanti e produzione di cibo, la Commissione europea ha proposto, a ottobre 2012, di stabilire un tetto massimo di consumo del 5% (in relazione all'obiettivo del 10% di energia da fonti rinnovabili nel settore dei trasporti). Secondo Oxfam Italia e ActionAid, tale misura va sostenuta e ulteriormente rafforzata....” - Continua: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2013/09/la-produzione-di-biocarburanti.html

Macchinette mangiasoldi (e bruciacervelli) – Scrive C.P.: “Una società che crea migliaia e migliaia di ludopatici, dipendenti dal gioco d'azzardo, e sostiene un sistema che sfrutta la loro debolezza psicologica per trovare risorse finanziarie è anch'essa malata, oltre che ipocrita quando li invita a svenarsi con moderazione, con attenzione. Lo stesso vale per il fumo di sigarette, alcolici, ecc...”

Integrazione di Vito Crimi: “... solo 76 voti a favore della mozione m5s (M5S, Lega, Sel e qualche parlamentare sparso) per cancellare il condono per le società di slot machines dal decreto IMU. Contro, con il trucco dell'astensione (che vale al Senato come voto contrario) Pd, Pdl, Scelta Civica...”

Siria. Il conto più salato lo pagano gli USA – Scrive Adrian Salbuchi: “Il ruolo eccessivo e travolgente che il sionismo gioca nella politica, nella finanza, nelle università, nei media statunitensi, tra cui l”industria dell’intrattenimento” di Hollywood, e nella politica estera statunitense, è del tutto provato. La questione fondamentale oggi è al centro di un dibattito sempre più ampio nell’intellighenzia statunitense, ovviamente taciuto sui media mainstream. Una delle sue pietre miliari la posero due prestigiosi accademici statunitensi, Stephen Walt, ex-preside della John F. Kennedy School of Government della Harvard University, e il suo collega John Mearsheimer, professore di Scienze Politiche presso l’Università di Chicago, che pubblicarono un libro rivoluzionario: La lobby israeliana e la politica estera degli Stati Uniti..” - Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2013/09/05/povera-america-quanto-dovrai-ancora-pagare-per-accontentare-israele-alza-la-testa-infine-poor-america-how-much-you-will-still-have-to-pay-to-satisfy-israel-raise-your-head-finally/

Giordano Bruno disse che... – Scrive Giorgio Vitali a commento dell'articolo http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2013/05/intuizioni-panteiste-e-previsioni.html -: “LA GRANDEZZA DI GIORDANO BRUNO è TUTTORA INCOMMENSURABILE. L'AZIONE RITARDANTE DELL'EVOLUZIONE UMANA COMPIUTA MORE SOLITO DALLA CHIESA HA PRIVATO L'UMANITA', FIN QUASI AD OGGI, DI UN APPORTO DI PENSIERO CHE...” - Continua in calce al link segnalato

Orte. Gli etruschi vivono ancora – Scrive Incontri mediterranei: “Vibenna, la leggenda del condottiero etrusco che conquistò Roma all'epoca dei Re – Conferenza di Gerardo Lonardoni,studioso di simbolismo e tradizioni. Venerdì 6 Settembre 2013, ore 17.00. Orte, Palazzo Roberteschi. Info. incontrimediterranei@cittadiorte.it”

La coscienza è l'unica incontrovertibile verità - Tanto per cominciare debbo dire che "spirito" per me significa "sintesi fra intelligenza e coscienza" inoltre confermo di non essere "credente" in alcuna forma, quel che affermo è sulla base della mia diretta esperienza di esistere e di averne coscienza. Non è necessario che alcuno me ne dia conferma e ciò vale, ovviamente, per tutti. Non serve “credere” per dire “io sono”, lo sappiamo senza ombra di dubbio da noi stessi. Mentre per sentenziare l’assunzione di una fede o la mancanza di una fede non possiamo fare a meno di usare il termine “credo” oppure “non credo”. Se ne deduce che l’essere ed esserne contemporaneamente coscienti è naturale ed inequivocabilmente vero, mentre sostenere qualcosa che ha il suo fondamento nel pensiero, cioè nella speculazione mentale, è solo un processo, un concettualizzare...... - Continua: http://www.aamterranuova.it/Blog/Riconoscersi-in-cio-che-e/Laicita-e-spiritualita-hanno-il-punto-d-incontro-nel-Cuore

E voi che ne dite? Ciao, Saul/Paolo

…...................................

Pensieri poetici del dopo Giornaletto:

“Ho imparato che spesso le persone  non comprendono quello che hanno davanti e spesso non lo apprezzano.
Ho imparato che da un giorno all'altro tutto può cambiare,
ho imparato che non c'è cosa più bella e difficile
che potersi fidare di qualcuno,
ho imparato ad accettare le delusioni
o comunque a non dargli troppo peso.
Ho imparato ad andare avanti
anche quando l'unica persona con cui vorresti parlare
è la stessa che ti ha ferito,
ho imparato che questo molte persone non l'hanno mai capito.
Ho imparato che più dai e meno ricevi.
Che ignorare i fatti non cambia i fatti.
i vuoti non sempre possono essere colmati.
Che le grandi cose si vedono dalle piccole cose.
Che la ruota gira, ma quando ormai non te ne frega più niente.
E soprattutto quello che più mi piace della vita
è che non si finisce mai di imparare.
(Fabio Volo)

…...............

“Incoraggia gli altri nei loro punti di forza e non sminuirli mai per le loro debolezze. Nel dare forza agli altri, anche tu diventerai più forte. Al contrario, mortificando gli altri, mortificherai solo te stesso. Il colore con cui dipingi una ringhiera è lo stesso colore che ti resta sulle mani.” (Swami Kriyananda)



Nessun commento:

Posta un commento