Saul Arpino ritorna…


Avete visto quella faccia della foto in vetrina… chi è quello, sono forse io?
Potrei dire di sì ed anche di no…. Sono io per le convenzioni del mondo, non sono io perché l’io non può essere fissato ad un’immagine momentanea e mutevole.
Quell’io che vedete è un attore che recita in una commedia, in un certo senso non ha nome né forma precisa, come tutti gli attori che possono interpretare vari ruoli.
Ma il mio vero “io” non si manifesta solo nei ruoli ma nella sceneggiatura, nei costumi, nelle parti comprimarie, nella musica, nella regia, nelle luci, negli spettatori… eccetera…


Volendo però dargli un nome chiamerò quell’io Saul Arpino. Un nome inventato? Forse sì e forse no.. il nome potrebbe esistere od avrebbe potuto esistere… mio nonno –ad esempio- avrebbe potuto chiamarsi così… poi per motivi banali, di sopravvivenza bruta, prese a chiamarsi Paolo D’Arpini… ed io voglio seguire il suo esempio -ma al contrario- cambio nome e divento Saul Arpino, perlomeno su questo blog.


A proposito di blog… sentivo il desiderio di crearmi un piccolo palcoscenico sul quale recitare alcune parti che non mi sono consentite in altri spazi. Da questo luogo, che forse mi riporta indietro nel tempo, un ritorno ai dinosauri del passato remoto oppure verso un avanti sconosciuto, non so, mi prenderò la libertà di raccontare e mostrare agli accorti lettori alcune segrete immagini dell’essere… di quel che io sono o non sono, descrivibile o indescrivibile…..


Vostro affezionato, Saul Arpino.

giovedì 12 settembre 2013

Il Giornaletto di Saul del 13 settembre 2013 – Non credere, Vatican restyling, karma, Civiltà Contadina, la legge del taglione, osservazione della vita, risveglio dell'anima..



Care, cari,

comincio con un suggerimento laico – Disse il Buddha: “Non credere in qualcosa semplicemente perché l’hai sentita dire. Non credere in qualsiasi cosa perché molti la condividono. Non credere in qualsiasi cosa perché si trova scritto nei tuoi libri religiosi. Non credere in qualsiasi cosa soltanto per l’autorità dei tuoi insegnanti e degli anziani. Non credere nelle tradizioni perché sono state tramandate per molte generazioni. Ma dopo l’osservazione e l’analisi, quando scopri che qualcosa è d’accordo con la tua ragione e coscienza, e favorisce il bene e beneficio di tutti, allora accettala e vivi su di essa.“

Vaticano. Restyling francescano – Scrive Maurizio Postiglione: “Prima di Francesco: la chiesa stava perdendo credibilità perché necessitava di una figura progressista, in successione a Wojtyla , mentre avevano presentato Ratzinger come un conservatore... Non potevano all'improvviso cambiare l'immagine di Ratzinger, per cui con buona probabilità lo hanno sostituito con papa Francesco, inscenando la scelta di Ratzinger di abdicare... (che sia andata così o meno, però, è indifferente)... i consensi persi da Ratzinger erano evidenti e il motivo era dovuto al suo essere conservatore, in una Italia ed un mondo sempre più razionalista e progressista.....” - Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2013/09/12/vaticano-restyling-e-marketing-con-un-papa-nuovo-che-vende-bene/

Gli scoop di Repubblica – Scrive V.M.: “Clamoroso, dopo il papa, anche Belen risponde a Scalfari. Il fondatore di Repubblica, oltre la lettera al pontefice, quest'estate ha scritto anche una cartolina alla nota show-girl e l'ha inviata a Cesenatico. Pronto l'editoriale di grande profondità: "Essere belle è meglio di essere racchie" e dedicate quattro pagine sul numero di domani a quest'altro importante evento”

Commento di G.T.: “Dobbiamo essere più incazzati verso i nostri simili (non uguali) questo fa la differenza... dobbiamo cominciare a contaminare.... il problema è che serve una pazienza atomica  in quanto c'è chi è all'asilo chi alle elementari chi all'università e chi ha tre master  nella ricerca della verità... e non si sa mai chi hai di fronte.... noi stessi siamo in perenne cammino  anche io credevo nel 2001 di avere capito tutto e più si ha la presunzione di aver capito tutto pi si dimostra di non aver capito niente.....”

Il karma gira al meglio (si spera) – Scrive Eric Blair: “Negli ultimi dieci anni l’élite globale è stata in una folle corsa per consolidare il proprio potere sul mondo. E’ sempre stato il loro piano come il malvagio nemico dei fumetti, ma dopo l’11 Settembre, il piano è andato in overdrive e poi ha messo il turbo durante la crisi finanziaria del 2008. Eppure il loro piano è destinato a fallire perché gli esseri umani sono destinati ad essere guidati dalla loro spontanea volontà, non controllati come bestiame. Quanto più l’élite cerca di controllare l’umanità, tanto più l’entropia si verifica. Entropia, per chi non lo sapesse, è la mancanza di ordine e prevedibilità..” - Continua: http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2013/09/karma-il-potere-dellelite-globale.html

Dov'erano? - Scrive G.B.: “Dove erano gli ispettori Onu? Dove era l'Onu mentre i bambini di Falluja bruciavano vivi dal fosforo bianco americano? E il napalm sui villaggi vietnamiti? L'uranio impoverito sui civili serbi? Gli ispettori Onu hanno mai indagato sul fosforo bianco sparato sui civili di Gaza? Hanno mai accertato la responsabilità sul milione di cluster bombs lanciate dall'esercito israeliano sul Libano? I villaggi di pastori afghani rasi al suolo dagli americani? Quella montagna di morti innocenti sono ancora lì, aspettano pazienti l'arrivo degli ispettori dell'Onu, aspettano la loro giustizia. Forse ignorano che proprio quegli uomini con le casacche blu, sono stati i primi a tradirli...”

La legge del taglione - International Association of Lawers Against Nuclear Arms, osserva che il processo di disarmo nucleare si è arrestato da parecchi anni. Le grandi potenze sviluppano armi nucleari sempre più sofisticate per mantenere la propria egemonia, mentre le piccole potenze studiano armi nucleari povere e spesso sviluppano armamenti chimici... - Continua: http://paolodarpini.blogspot.it/2013/09/la-legge-del-taglione-occhio-per-occhio.html

La Spezia. I versi e la vita – Scrive Accademia Capellini: “Venerdì 13 Settembre, con inizio alle ore 9:30, il convegno su Giovanni Giudici, curato da Paola Polito e Antonio Zollino, avrà luogo alla Spezia nella sede dell’Accademia, in via XX Settembre 148. Info. webmaster@accademiacapellini.it”

No alla vivisezione – Scrive Giorgio Vitali a commento dell'articolo – appuntamento http://paolodarpini.blogspot.it/2013/09/roma-no-alla-vivisezione-in-due.html -: “LA LOTTA CONTRO LA VIVISEZIONE è UNA LOTTA NECESSARIA ANCHE PER RAGIONI SCIENTIFICHE. INFATTI, l'uso indiscriminato degli animali da laboratorio per pseudo-ricerche che troppo spesso servono SOLO per COPERTURA pseudo-scientifica, si ripercuote sull'uso INDISCRIMINATO dei farmaci che sono
PROPAGANDATI e IMPOSTI sul mercato in funzione della loro remunerabilità (più le Multinazionali possono dimostrare di aver speso per la ricerca e più possono spuntare un prezzo soddisfacente sul farmaco). Pertanto, tutto è strettamente correlato...” - Continua in calce al link segnalato

Caravaggio - Ogni domenica mattina incontri al bar per parlare di biodiversità e territorio – Scrive Civiltà Contadina, circolo locale della Bassa Lombarda: “Il nuovo gruppo della Bassa BG-CR-MI segnala che si ritrova ogni domenica mattina presso il Bar del "Circulìì" (Circolo Lavoratori) sito in Via G. Mazzini 4 a Caravaggio dalle ore 10:30 alle 11:30, per la programmazione settimanale del lavoro nelle nostre "Melunere Sociali" e per discutere assieme di biodiversità e territorio...” - Continua:

Svendita continuata – Il programma di monti è passato a letta - Scrive J.I.: " ... Vendere macchine, aziende, persone in cambio di liquidità è un sistema che non funziona per rimettere in piedi un paese, d'altra parte è da 4 secoli che l'Occidente deruba ad esempio l'Africa, pigliando risorse in cambio di carta straccia. Avremo (pochi) soldi in cambio di manodopera, di produzione e trasformazione di materie prime, per comprare a caro prezzo energia e manufatti finiti ai nostri vicini. L'Italia diventerà un paese di zombi, giovani senza più alcun progetto realizzabile ed anziani che ricevono pensioni sempre più magre giusto per comprare la mela quotidiana. Il progetto di Letta, che di Letta non è ma viene dall'estero, è il progetto di chi stringe ancora un po' il cappio attorno al collo. ... "

Osservazione di Fernando Rossi: “Ed in più.. Giuliano Amato è stato nominato alla Corte Costituzionale dal napolitano! Non è una bufala, è verissimo! Capite perché questi traditori, collabò degli occupanti, vanno cacciati a calci in culo?”

Mio commentino: “Disse Plotino: L'occhio non vedrebbe mai il sole se non fosse già simile al sole, né un'anima vedrebbe il bello se non fosse bella... Ed inoltre disse Seneca: Non renderti più gravosi i tuoi mali, non opprimerti con i lamenti: il dolore è leggero se non lo accresci con la tua suggestione.”

Osservazione della vita attraverso le diverse sue forme – Scrive Vincenzo Zamboni: “Lo scienziato, o filosofo naturale, attribuisce grande valore al metodo galileliano di verifica sperimentale delle osservazioni fenomenologiche che devono costituire l'unico vero criterio di accettazione o rifiuto di ogni tesi avanzata. Ciò genera conoscenze che risultano non "oggettive" (termine estremamente equivoco, data la presenza ineliminabile del soggetto umano all'origine della serie di strumenti utilizzati per le osservazioni), tuttavia perlomeno inter-soggettive, valide per tutti coloro che accettano le informazioni fornite dagli strumenti artificiali (non possiamo osservare i fenomeni attraverso il corpo e la mente di un altro soggetto, purtuttavia possiamo entrambi osservare le informazioni fornite dallo stesso microscopio)...” - Continua: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2013/09/la-vita-e-la-realta-oggettiva-osservata.html

Yoga nelle Marche – Scrive Mario Foglia: “Ricominciano i CORSI DI YOGA: mercoledì 18 settembre ad Ancona, ore 18,30, Agriturismo  L'Isola che non c'è, via  Fonte Sappanico; giovedì 19 settembre a Porto Recanati, ore 20,30 Palestra Diaz; lunedì 23 settembre a Chiesanuova, ore 20,30 sede La Luna e Il Sole via Milano 9 ...e dal 10 settembre, ore 20,30 in collaborazione con la Talent's Dance... riprendono le  lezioni presso la loro sede a Corridonia... - Info. 333.4435361”

Ecologia profonda e coscienza naturalistica – Scrive Maria Teresa Mattu a commento di http://www.aamterranuova.it/Blog/Riconoscersi-in-cio-che-e/L-Ecologia-Profonda-in-sintesi -: “..tutto è diventato patologico e compulsivo nel comportamento dell'uomo nei confronti della natura. La creazione delle società ha "strozzato" l'uomo con regole e leggi... schiavizzandolo insieme alla natura. L'infelicità dell'uomo è nella mancanza di quella libertà che dovrebbe godere immerso nel "verde". La schiavitù del danaro e del potere ha reso vittima l'uomo... cosi anche la natura che si lascia dominare.” - Continua in calce al link segnalato

Il risveglio dell'anima - I miei interessi spirituali si estrinsecano in chiave laica (od anche atea). Ovvero riconosco nella Coscienza la matrice universale. La coscienza è come il profumo di un fiore, la materia si organizza in vita organica e la coscienza è la sua espressione. Ma si potrebbe anche affermare che la Coscienza è alla base della materia ed attraverso di essa prende vita ed assume identità L'identità, dal punto di vista della Coscienza astratta, è come la forma  ed il nome per gli organismi viventi, semplice manifestazione senza reale sostanza autonoma. Da un caleidoscopio, con cinque vetrini colorati (i cinque elementi) e tre specchietti (le tre qualità), si manifestano innumerevoli figure. Il moto è la chiave. E la coscienza è la capacità di riconoscimento.. - Continua: http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2013/09/il-risveglio-dellanima-etica-senza.html

E con ciò concludo e vi saluto, ciao, Paolo/Saul

…............

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

“Verrà un giorno in cui l’uomo si sveglierà dall’oblio e finalmente comprenderà chi è veramente e a chi ha ceduto le redini della sua esistenza, ad una mente fallace, menzognera, che lo rende e lo tiene schiavo… l’uomo non ha limiti e quando un giorno se ne renderà conto, sarà libero anche qui in questo mondo. Non so quando, ma so che in tanti siamo venuti in questo secolo per sviluppare arti e scienze, porre i semi della nuova cultura che fiorirà, inattesa, improvvisa, proprio quando il potere si illuderà di avere vinto.” (Giordano Bruno)



Nessun commento:

Posta un commento