Saul Arpino ritorna…


Avete visto quella faccia della foto in vetrina… chi è quello, sono forse io?
Potrei dire di sì ed anche di no…. Sono io per le convenzioni del mondo, non sono io perché l’io non può essere fissato ad un’immagine momentanea e mutevole.
Quell’io che vedete è un attore che recita in una commedia, in un certo senso non ha nome né forma precisa, come tutti gli attori che possono interpretare vari ruoli.
Ma il mio vero “io” non si manifesta solo nei ruoli ma nella sceneggiatura, nei costumi, nelle parti comprimarie, nella musica, nella regia, nelle luci, negli spettatori… eccetera…


Volendo però dargli un nome chiamerò quell’io Saul Arpino. Un nome inventato? Forse sì e forse no.. il nome potrebbe esistere od avrebbe potuto esistere… mio nonno –ad esempio- avrebbe potuto chiamarsi così… poi per motivi banali, di sopravvivenza bruta, prese a chiamarsi Paolo D’Arpini… ed io voglio seguire il suo esempio -ma al contrario- cambio nome e divento Saul Arpino, perlomeno su questo blog.


A proposito di blog… sentivo il desiderio di crearmi un piccolo palcoscenico sul quale recitare alcune parti che non mi sono consentite in altri spazi. Da questo luogo, che forse mi riporta indietro nel tempo, un ritorno ai dinosauri del passato remoto oppure verso un avanti sconosciuto, non so, mi prenderò la libertà di raccontare e mostrare agli accorti lettori alcune segrete immagini dell’essere… di quel che io sono o non sono, descrivibile o indescrivibile…..


Vostro affezionato, Saul Arpino.

venerdì 2 agosto 2013

Il Giornaletto di Saul del 2 agosto 2013 – Mala tempora currunt, Riciclaggio della Memoria a Capracotta, Islanda chiama Italia, Nisargadatta Maharaj, lavatoi di Vetralla, donne No TAV umiliate


Care, cari,

Modena. “Pagani” perseguitati – Quel che è male diventa bene e quel che è bene diventa male. Così fece dire il savio Goethe a Mefisto quando improvvisamente apparsogli davanti fu interrogato dal dottor Faust “Chi sei tu?” e lui rispose “Sono l'emanazione di quella forza che sempre persegue il male ma solo produce il bene”.
Stamattina si vede che mi sentivo in vena filosofica davanti al cappuccino ben caldo al bar dell'Arpia di Spilamberto. Trattasi di un soprannome da me affibbiato alla proprietaria perché malgrado le mie ripetute sollecitazioni di servirmi un cappuccino bollente senza schiuma continuava a guardarmi storto e me lo faceva tiepido e schiumoso... Però di tanto in tanto, Caterina ed io, continuiamo a frequentare il locale, anche perché c'è un “book crossing” al quale poter attingere trovandovi interessanti libri. Uno di questi libri ancora lo conservo ed è un compendio di tutte le malefatte religiose compiute da ebrei, musulmani e soprattutto cristiani contro “gli infedeli”, ovvero i cosiddetti “pagani” (quello che i preti non ammetteranno mai, e nemmeno il papa nelle sue reiterate scuse a questi ed a quei perseguitati ha mai chiesto scusa ai pagani – Vedi http://www.circolovegetarianocalcata.it/2011/11/06/persucuzioni-cristiane-contro-i-gentili-la-verita-viene-a-galla-dopo-2000-anni/). 

Stavolta però il cappuccino era bello caldo e senza schiuma ed avevamo trovato posto persino ad un tavolino all'aperto di solito sotto occupazione permanente di sfaccendati che vi fanno salottino. Ed osservavo con Caterina che in fondo a non aver più insistito nel chiedere il cappuccino bollente ci ho guadagnato poiché adesso -evidentemente non più irritati dalla mia insistenza- me lo servono come dio comanda. Insomma le cose girano.... Chissà che non giri a mio favore anche l'interrogatorio in procura che mi attende il 20 agosto a Macerata. Sì perché sono stato denunciato dal un prete cattolico, un tal nitoglia, per aver offeso il suo buon nome di cristiano e la sua religione, una storia riferita ad alcuni anni addietro... Comunque meditando così sulle umane vicende e sulle “persecuzioni” religiose contro i pagani del presente ecco che poco prima di allontanarci dal bar mi è caduto l'occhio su un titolone in prima pagina del Resto del Carlino di Modena: “Pagano con carte false...” 

Immediatamente ho pensato “ecco ce l'hanno ancora con i pagani sans papier magari sarà un africano animista che è accusato di chissà quali nefandezze... la persecuzione religiosa contro i diversi non finisce mai...”.

Ma la veloce riflessione è stata subito smontata e confutata dal resto del titolo “..e scappano”. Come “scappano”? Chi, cosa? 

Leggendo con più attenzione ho capito finalmente l'arcano, si trattava di lesa maestà bancaria, l'offesa era contro la nuova religione del denaro... Insomma “Pagano con carte false e scappano”, ovvero alcuni imbroglioni sono andati a far spesa ed hanno pagato con carte di credito fasulle... Ah, che tempi.. “o tempora o mores”, quanto tocca inventarsene per sopravvivere e quante religioni ci sono a contendersi il “primato”?... Noi pagani siamo ormai nell'angoletto.... 

Pazienza, ci consoleremo con la Festa dell'Acqua Cotta del 8 agosto sul fiume Panaro a Spilamberto.... http://retedellereti.blogspot.it/2013/07/spilamberto-8-agosto-2013-acqua-cotta.html

Capracotta. Presentazione libro – Scrive Vivere con Cura: “Capracotta. Lunedì 19 Agosto 2013, ore 18.00 - Scalinata Falconi. RICICLAGGIO DELLA MEMORIA, Appunti, tracce e storie di Ecologia Profonda, Bioregionalismo e Spiritualità Laica (Edizione Tracce - Collana Olistica diretta da Michele Meomartino). Saranno presenti l'autore Paolo D'Arpini e Caterina Ragazzi autrice della postfazione”

Castelli Romani – Scrive Mercato contadino: “Vacanze?....Sì, soprattutto per tanti consumatori che mancano all’appello ai nostri appuntamenti del Mercato Contadino Castelli Romani di Ariccia, Albano, Castel Gandolfo, Frascati, Pavona e Rocca di Papa! Ma proprio nel momento in cui la madre terra è più copiosa e generosa, nonostante l'afflusso ridotto di consumatori, i nostri produttori, desiderano essere presenti ai mercati contadini e "presidiare" le nostre piazze seppur in numero ridotto...” - Continua: http://retedellereti.blogspot.it/2013/07/aperto-per-ferie-estate-2013-mercato.html

Parma. Costruire indigeno – Scrive Anna: “Corso per imparare a raccogliere, trasformare, intrecciare e costruire con materiali locali. 1-8 SETTEMBRE 2013, Monti di Bedonia, Parma. Info. paradisoritrovato@gmail.com. - 3299423393”

Coste laziali cementate – Scrive Legambiente: “...nei 23 Comuni costieri della regione Lazio (escluso il Municipio 13 della Capitale) sono stati commessi complessivamente ben 2.379 abusi edilizi nel 2009 (ultimo dato pubblicato), il 15,4% rispetto al numero totale dei 15.426 abusi regionali, pari a ben 6,5 illeciti al giorno. Soprattutto se raffrontato con il dato delle demolizioni degli abusi sui territori: solamente nel 2,9% dei casi nel corso del 2009 la parola è passata alle ruspe....”

Recensione – Scrive Giuseppe Altieri: “In Ebook è possibile leggere “Islanda chiama Italia – Storia del paese che rifiutò il debito ”, un'inchiesta di Andrea Degl’Innocenti sulla rivoluzione islandese, primo libro in italiano sull’argomento, edito da Ludica in formato digitale. Il libro comprende una prefazione dell'economista Loretta Napoleoni e si avvale dei contributi di Serge Latouche, teorico della decrescita....” - Continua: http://paolodarpini.blogspot.it/2013/08/recensione-islanda-chiama-italia-di.html

Debito pubblico. E gli italiani ci credono – Scrive Beppe Grillo: “In Italia gira una “barzelletta” sul debito pubblico. Si dice, in particolare lo dicono i politici, che i 2074 miliardi di euro accumulati siano dovuti alla bontà dei governi. Troppo buoni verso i cittadini. Al fatto che i partiti, mossi da sentimenti sinceri, abbiano permesso per anni agli italiani di vivere al di sopra dei loro mezzi. Troppa scuola, troppa assistenza sanitaria, troppo welfare. Molti italiani ci credono e si sentono pure in colpa. La realtà è diversa....”

Etica nel possibile - Scrive Marco Bracci a commento dell'articolo sul blog di TN (http://www.aamterranuova.it/Blog/Riconoscersi-in-cio-che-e/Il-vegetarismo-e-l-etica-nel-possibile): - “...non voglio dire che i vegani sono gli eletti, ma sicuramente sono più vicini ad esserlo di chi continua a uccidere gli animali (o meglio a far uccidere, perché farlo con le proprie mani è schifoso) e a mangiarne la carne. La capacità attuativa ce l’hanno solo le idee che fanno presa sulla massa, che appunto è una massa, fatta di pecoroni che vanno a destra e a manca secondo il vento che spira e che esce dalle bocche di chi sa farla trottolare Il vegano ha, se non altro, usato il suo cervello e ha fatto delle scelte, spesso scomode, il che non è da poco in una società uniformata all’idea dominante e che guarda con paura, rabbia, invidia ..... chi osa uscire dal seminato... Comunque essere vegetariani o vegani o fruttariani ... NON è un’ideologia, ma un modo di mettere in pratica i propri sentimenti di fratellanza e unità con la Creazione e l’Universo. Anche se ammetto che c’è e c’è sempre stato chi uccide per combattere chi dice che uccidere un nemico è bene. Io non condanno nessuno, anche se uso parole forti, lascio ognuno pensare e agire come vuole, ma (e mi scuso se insisto) molto spesso le elucubrazioni servono solo a non farci decidere a fare quello che, in fondo in fondo nel nostro subconscio, riteniamo sia giusto fare e che dovremmo farlo. D’altra parte, il mondo, se ha avuto qualche miglioramento, non è per le masse, ma per quei pochi che hanno avuto idee, magari scomode, che però hanno portato avanti e difeso con sforzi sovrumani e spesso con la vita....”

Mia rispostina: “Il senso del mio scritto è semplice: se ci si attiene alla propria natura non c'è bisogno di aderire ad una ideologia e di operare scelte... quel che volevo significare è anche da te espresso.. Anche se il linguaggio, il modo di esprimersi, è diverso.. il fondo del discorso magari è lo stesso. La Coscienza trova menti idonee a sviluppare concetti ed  assume quella forma. Ma non è un una "conquista", è semplicemente una espressione della Coscienza, uno dei suoi infiniti modi espressivi. Non c'è merito né demerito nell'individuo in se stesso che è semplicemente "forma" (involucro).... Sono vegetariano dal 1973, non ho mai pensato di volerlo essere, né ho trovato ragioni nel continuare ad esserlo. Come io stesso lo sono diventato per semplice spinta interiore trovo che chiunque altro potrebbe fare altrettanto.. E se non succede non dipende dalla sua o dalla mia volontà. Per questo ti dicevo che "se ognuno seguisse la propria natura (ovvero sentisse la Voce Interiore della Coscienza) non occorrerebbe aderire ad alcuna ideologia...". Poiché aderendo ad una ideologia si assume come propria una parvenza di "verità" che è parziale e morta,  è solo una condizione per soddisfare la propria egoità, un senso dell'etica costruito su meccanismi prestabiliti.”

L'attenzione necessaria ed il vero maestro– Scrive Nisargadatta Maharaj: “La tua aspettativa di qualcosa di unico e drammatico, di un'esplosione spettacolare, non fa che ostacolare e procrastinare la tua realizzazione. Non devi attenderti un'esplosione, perché quella è già avvenuta quando nascesti, e ti scopristi fatto di essere-conoscenza-sentimento. Commetti un solo errore: scambi l'interno per l'esterno e viceversa. Ciò che è dentro di te, lo prendi per ciò che è fuori, e il fuori per ciò che è dentro...” - Continua: http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2013/08/con-un-vero-insegnante-lallievo.html

Varese Ligure. Comunità da costruire – Scrive Eduardo: “Cari amici, Giovanni Spena e Valentina sua compagna, stanno organizzando un Community Building (CB) da loro a Varese Ligure (prov. La Spezia). Il workshop si terrà dal 16 al 18 agosto. Se siete interessati, se la cosa vi stimola, se qualcosa vi spinge a partecipare, per favore seguite il vostro istinto. Info. pravasito@yahoo.com

Vetralla. Dai lavatoi alla lavatrice – Scrive Ghaleb: “ Sabato 3 Agosto – ore 21.30 Appuntamento alla casa editrice Davide Ghaleb, via Roma 41 – VETRALLA. Dai racconti della povertà contadina alla solitudine del benessere consumista: Che cosa abbiamo guadagnato? Che cosa abbiamo perso? A spasso per i lavatoi di Vetralla in compagnia di Bellini, Cardarelli, Giannitrapani, Marro, Tonnicchi, Zanzotto passeggiata/racconto di e con Antonello Ricci con la partecipazione della Banda del Racconto. “Pillole” storiche di Andrea Natali sulla vita quotidiana ai tempi..” - Continua: http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2013/08/vetralla-3-agosto-2013-spasso-per.html

Cisternino. Nada – Scrive Barbara: “2 agosto 2013 nel giardino In-canto di Maya a Cisternino. In un posto veramente splendido terrò un seminario di canto che percorrerà l’antica via del Dhrupad, del Mantra e Nada Yoga. Info. barbara.zoletto@fastwebnet.it

Faleria. Teatro in piazza – Scrive Silvana: “Il Teatro Cinabro è lieto di partecipare all'Estate Faleriana con: "UN POLLO PER CENA" liberamente tratto da Sik Sik, l'artefice magico; del grande Eduardo de Filippo. Spettacolo teatrale divertente ed adatto ad ogni pubblico! Info. silvanasabatelli@gmail.com

Imperia. Teatro impertinente – Scrivono Emanuele Morandi e Giulia Macrì del Centro Studi Il Grifone: “Il CENTRO STUDI è una struttura per la ricerca, la formazione, la progettazione sociale, realizzata dalla COOPERATIVA SOCIALE IL GRIFONE DI IMPERIA. Il Centro Studi da vita al Teatro Impertinente un movimento di Educazione Teatrale composto da professionalità diverse con sguardi convergenti su un unico prisma: il teatro. Come strumento di sperimentazione, di formazione, di educazione, di performance e di gioco creativo. Info. 347.6375458”

Con Marta, donna No Tav – Scrivono Marta, Valeria e Monica: “Come donne abbiamo preparato un appello in solidarietà a Marta Camposano, donna pisana aggredita e molestata dalle forze dell'ordine venerdì 19 luglio in Val Susa e poi ancora umiliata e denigrata da un sindacato di polizia, da giornalisti e da un senatore della Repubblica. Ve lo inviamo chiedendo di sottoscriverlo sia personalmente che collettivamente per esigere giustizia e fare sentire a Marta che non è sola ad affrontare l'arroganza di chi pensa di poterla continuare a offendere con tutto il potere personale e mediatico di cui dispone. Fatevi sentire, il silenzio è assordante...” - Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2013/08/01/donne-no-tav-intimidazioni-molestie-denunce-diffide-e-repressione%E2%80%A6-lettera-denuncia-aperta/

La lotta è dura.. ma andiamo avanti! Ciao, Paolo/Saul

…................................

Pensieri poetici del dopo Giornaletto:

“Ama, e la Terra diventerà di nuovo un paradiso. E l'immensa bellezza dell'amore è che non ha nessun riferimento. L'amore emana da te per nessuna ragione. È la tua estasi che sgorga, è la condivisione del tuo cuore. È la condivisione del canto del tuo essere. E condividere rende così gioiosi… per questo si condivide. Condividere per il gusto di condividere, per nessun altro motivo.” (Osho)

….............


"Ogni giudizio sul mondo è una nostra proiezione. Vediamo il mondo per come siamo noi stessi e vediamo gli altri per come proiettiamo. Si può vedere la divinità e la bellezza in ogni persona. Rendi la proiezione la più bella possibile e supera la proiezione personale. Il mondo che vedi sei tu: se vedi il mondo aggressivo, è la tua aggressività che vedi; se lo vedi bello, è la tua bellezza." (ALEJANDRO JODOROWSKY) 

Nessun commento:

Posta un commento