Saul Arpino ritorna…


Avete visto quella faccia della foto in vetrina… chi è quello, sono forse io?
Potrei dire di sì ed anche di no…. Sono io per le convenzioni del mondo, non sono io perché l’io non può essere fissato ad un’immagine momentanea e mutevole.
Quell’io che vedete è un attore che recita in una commedia, in un certo senso non ha nome né forma precisa, come tutti gli attori che possono interpretare vari ruoli.
Ma il mio vero “io” non si manifesta solo nei ruoli ma nella sceneggiatura, nei costumi, nelle parti comprimarie, nella musica, nella regia, nelle luci, negli spettatori… eccetera…


Volendo però dargli un nome chiamerò quell’io Saul Arpino. Un nome inventato? Forse sì e forse no.. il nome potrebbe esistere od avrebbe potuto esistere… mio nonno –ad esempio- avrebbe potuto chiamarsi così… poi per motivi banali, di sopravvivenza bruta, prese a chiamarsi Paolo D’Arpini… ed io voglio seguire il suo esempio -ma al contrario- cambio nome e divento Saul Arpino, perlomeno su questo blog.


A proposito di blog… sentivo il desiderio di crearmi un piccolo palcoscenico sul quale recitare alcune parti che non mi sono consentite in altri spazi. Da questo luogo, che forse mi riporta indietro nel tempo, un ritorno ai dinosauri del passato remoto oppure verso un avanti sconosciuto, non so, mi prenderò la libertà di raccontare e mostrare agli accorti lettori alcune segrete immagini dell’essere… di quel che io sono o non sono, descrivibile o indescrivibile…..


Vostro affezionato, Saul Arpino.

domenica 11 agosto 2013

Il Giornaletto di Saul del 12 agosto 2013 – Viaggio con le FFSS, IMU ed auto blu, ebrei, Cerveteri negletta, riassetti regionali, Catania insicura, la Bassa di Rastellino

Guccini e La Locomotiva. Strisce di Sergio Staino.
La locomotiva - Disegno di Staino
Care, cari,

FFSS. Viaggio a Torino da Castelfranco Emilia e ritorno – Scrive Caterina: “In previsione di dovermi recare a Torino, il sabato 9 agosto 2013, per il  per il funerale della mia prozia Itala già da diversi giorni cercavo su internet informazioni su un treno che mi ci portasse a partire da Castelfranco Emilia. Su vari siti avevo trovato: Castelfranco Emilia 7.46 - Piacenza 9.05 - Piacenza 9.11 - Torino 11.45. Dato che da quando sono state "inventate" le Frecce, a mio pare si fa molta fatica a trovare gli orari dei treni, per sicurezza mi sono recata venerdì pomeriggio alla stazione per informarmi meglio. Ma in questo periodo vige l'orario estivo perciò la biglietteria era chiusa. Al mattino della partenza arrivo in stazione con il solito anticipo di 3 quarti d'ora..” - Continua: 

IMU ed auto blu – Scrive Paolo Ercolani: “Caro Paolo, non comprendo il “can-can” mediatico che si sta sollevando attorno alla questione dell’abolizione dell’IMU sulla prima casa. Solo eliminando le auto blu il bilancio dello Stato si potrebbe alleggerire di più di un miliardo di Euro. Ritengo che, se i nostri politici volessero, potrebbero eliminare almeno altri sei “capitoli di spesa” che costituiscono unicamente dei privilegi (come le auto blu, che scomparirebbero semplicemente chiedendo agli alti dirigenti dello Stato di viaggiare con la propria vettura) ed evitare non solo che gli Italiani debbano pagare l’IMU sulla prima casa ma anche l’aumento dell’IVA. Non lo pensi anche tu?”

Mia rispostina: “Sì, lo penso anch'io... ed anche peggio”

Ebrei. Una visione della loro storia – Scrive Nunzio Miccoli: “La storia degli ebrei sembra un romanzo d’avventura, con ombre e luci, essi, grazie alla loro religione, hanno attraversato 3.000 anni di storia e sono arrivati fino a noi, mentre altre nazioni antiche sono scomparse; sono state cancellate o assimilate a causa d’invasioni, guerre, persecuzioni, pulizia etnica, asservimento e genocidio. Questo fatto meravigliava anche la chiesa, erede di Roma e dell’ebraismo, che perciò lo giustificava asserendo che gli ebrei erano una testimonianza vivente dell’epopea di Cristo, contemporaneamente li condannava per aver provocato l’esecuzione di Cristo e alimentava l’odio verso gli ebrei. Inizialmente ci fu subito conflitto tra cristianesimo ed ebraismo, perché il cristianesimo sembrava anche una riforma dell’ebraismo, perché anche gli ebrei facevano proselitismo e la chiesa non voleva; perché gli ebrei, con la loro dottrina, rintuzzavano le idee religiose, la concezione di Cristo, i dogmi della chiesa e la sua interpretazione del Vecchio Testamento..” - Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2013/08/11/ebrei-3000-anni-di-storia-in-due-paginette-forse-anche-vere/

Crisi in Argentina – Scrive Antonio Pantano: “L'Argentina, terzo Stato mondiale per ricchezza nel 1900, fu impoverita successivamente dai "controllori" nord-americani. Peron, dal 1945 al 1955, la restituì a potere e grandezza, ma fu avversato da Vaticano e magnati USA e britannici. Poi militari e "finti peronisti" alla Menem continuarono a distruggerla. I Kirschner hanno RESTITUITO dignità al popolo argentino, contro il Fondo Monetario e le altre banke usuraie, "discutendo in diminuzione al 75% il debito contratto dai menemisti e dai militari"

Cerveteri dimenticata e negletta – Scrive Bruna Di Berardino: “La brutta struttura, denominata (Centro di Accoglienza),  che  è stata progettata accanto al mio punto di vendita di Souvenir, rovinerà la bellissima piazzetta della Necropoli Etrusca di Cerveteri. Anche se per me è molto conveniente, poiché i visitatori passeranno davanti alla mia attività, sono dispiaciuta di questo ennesimo scempio che il sindaco di Cerveteri vuole fare  con tanto di nulla osta della Sovrintendenza...” - Continua: http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2013/08/cerveteri-e-la-memoria-cancellata-per.html

Canini e geni – Alla domanda di un onnivoro “Se dobbiamo essere vegetariani perché abbiamo sviluppato i canini?” risponde il tecnico Giorgio Vitali: “La presenza dei canini nella nostra dentatura è stata stabilita da una unione carnale fra un cercopiteco (ti cerco e ti trovo, MIO CARO PITOCCO!) ed un Lupo primordiale (canis silvestris calcatensis). Si tratta di un LAPSUS GENETICO. Infatti, nel suo libro: IL GENE EGOISTA, Richard Dawkins sostiene che i geni cercano di perpetuare se stessi modellando le nostre azioni in modo tale da garantirsi la sopravvivenza. Ne consegue che l'homo, sto testa di Katz, si sente costretto a mangiare carne di cadavere per assecondare l'egoismo del suo gene. Determinismo e indeterminismo sono dottrine metafisiche, ed in tal caso INDIMOSTRABILI.. Le spiegazioni TELEOLOGICHE fanno riferimento allo stato o allo scopo ultimo di determinati fenomeni, onde spiegare i fenomeni stessi. MA QUEST'INDIZIO M'INDUCE AD INDUGIARE: riporto qui un dialogo tipo sul quale occorre a lungo una meditazione ZEN: George: Gli scozzesi non comprano gioielli - Martha: Ma se Mc Gregor ha appena comprato quattordici collier di diamanti! - George: Allora Mac Gregor non è un vero scozzese! - DONNA dal dottore; Dottore! Mio marito è convinto di essere una gallina! - DOTTORE: Perché non si è rivolta a me prima? - DONNA: Perché le uova ci servivano! - IN CONCLUSIONE, OCCORRE RICORDARE SEMPRE CHE CI TROVIAMO DI FRONTE ALLA NOSTRA CAPACITA' INTERPRETATIVA, come nel caso di quel traduttore russo che, di fronte alla frase: LO SPIRITO è SALDO MA LA CARNE è DEBOLE - tradusse: LA VODKA E' MOLTO FORTE MA LA CARNE è TROPPO TENERA”

Nuovi assetti regionali – Scrive Claudio Martinotti Doria: “Intendo brevemente intervenire a proposito dell'intenzione manifestata a livello politico dal Ministero per gli Affari Regionali che ha incaricato la Società Geografica Italiana di elaborare la divisione delle attuali regioni secondo criteri apparentemente più accettabili ma che nella realtà dei fatti, dalle prime indiscrezioni trapelate, lasciano alquanto a desiderare....” - Continua: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2013/08/secondo-i-geografi-litalia-andrebbe.html

Etica nel possibile – Scrive Banca Culturale dell'Arte a commento dell'articolo http://www.aamterranuova.it/Blog/Riconoscersi-in-cio-che-e/Il-vegetarismo-e-l-etica-nel-possibile -: ”Bravo concordiamo”

Catania. Migranti e sicurezza – Scrive Vincenzo Mannello: “...È uno schifo per l'umanità che persone sfruttino e mandino a morte migliaia di migranti per far soldi. Ma quello su cui intendo richiamare l'attenzione dei lettori è un altro problema. Completamente ignorato dalle istituzioni. La sicurezza. Sto rimarcando qualcosa di cui non ho né letto né ascoltato e neppure visto. Andiamo al sodo. Un barcone, neppure tanto piccolo è arrivato, con un carico di 100 persone,a pochi metri dal bagnasciuga. Anzi,ci è proprio finito sopra. Dove? A brevissima distanza dalla imboccatura del porto, a poche centinaia di metri dalla pista di atterraggio dell'aeroporto di Fontanarossa. Chi conosce Catania sa che il luogo della tragedia si trova ad un passo dal centro città. I migranti sbarcati si sarebbero sparpagliati e spersi in pochi attimi. E, viste le cose italiane, non li avrebbe trovati nessuno se loro stessi non lo avessero voluto...” - Continua: http://paolodarpini.blogspot.it/2013/08/catania-migranti-boldrini-kyenge-ed-il.html

Oggi ho avuto poco tempo, siamo stati, Caterina ed io a pranzo a Rastellino, nell'agriturismo La Bassa, buon vitto vegetariano... E voi accontentatevi di questo Giornaletto un po' ridotto, Ciao, Paolo/Saul

…..........................

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:


Credo nell'amore che sgorga come una cascata dalla roccia e si espande nel mondo.
Credo nell'amore che si dona come le messi mature.
Credo nell'amore che non soffoca l'altro ma lo lascia libero.
Credo nell'amore che non trasforma se stesse in uno zero, in nome dell'amato.
Credo nell'amore che sgorga dal profondo, fluido e disponibile.
Credo nell'amore che sa comprendere e perdonare.
Credo nell'amore che rispetta la propria unicità.
Credo nell'amore che non recrimina ciò che ha dato.
Credo nell'amore in connessione con la propria anima ....

(Simona Oberhammer) 

Nessun commento:

Posta un commento