Saul Arpino ritorna…


Avete visto quella faccia della foto in vetrina… chi è quello, sono forse io?
Potrei dire di sì ed anche di no…. Sono io per le convenzioni del mondo, non sono io perché l’io non può essere fissato ad un’immagine momentanea e mutevole.
Quell’io che vedete è un attore che recita in una commedia, in un certo senso non ha nome né forma precisa, come tutti gli attori che possono interpretare vari ruoli.
Ma il mio vero “io” non si manifesta solo nei ruoli ma nella sceneggiatura, nei costumi, nelle parti comprimarie, nella musica, nella regia, nelle luci, negli spettatori… eccetera…


Volendo però dargli un nome chiamerò quell’io Saul Arpino. Un nome inventato? Forse sì e forse no.. il nome potrebbe esistere od avrebbe potuto esistere… mio nonno –ad esempio- avrebbe potuto chiamarsi così… poi per motivi banali, di sopravvivenza bruta, prese a chiamarsi Paolo D’Arpini… ed io voglio seguire il suo esempio -ma al contrario- cambio nome e divento Saul Arpino, perlomeno su questo blog.


A proposito di blog… sentivo il desiderio di crearmi un piccolo palcoscenico sul quale recitare alcune parti che non mi sono consentite in altri spazi. Da questo luogo, che forse mi riporta indietro nel tempo, un ritorno ai dinosauri del passato remoto oppure verso un avanti sconosciuto, non so, mi prenderò la libertà di raccontare e mostrare agli accorti lettori alcune segrete immagini dell’essere… di quel che io sono o non sono, descrivibile o indescrivibile…..


Vostro affezionato, Saul Arpino.

sabato 31 agosto 2013

Il Giornaletto di Saul del 1 settembre 2013 – Teatro ateo, napoletano anti-popolare, Roma no-vivisezione, Ciclo della Vita a San Severino Marche, facebook abbreviato


Caterina Regazzi - Arrivederci a Treia....

Care, cari,

Cambio di programma - Improvvisamente è cambiato il programma dei nostri spostamenti. Caterina parte stamattina per Spilamberto, causa improvvise necessità familiari, io mi fermo qui a Treia. Quindi niente giro a Calcata. Bisogna sempre essere pronti a vivere il presente senza aspettarsi che le cose vadano come avevamo predisposto. Questa è la bella vita....

Teatro ateo – Scrive Religions Free: “La Fondazione “Religions Free”, editrice della rivista “Non Credo”, bandisce un concorso, totalmente gratuito, per un testo teatrale, inedito in qualsiasi lingua, dal titolo IL NON CREDENTE ispirato agli ideali della Fondazione, e che esprima il viaggio esistenziale e culturale dell’Io e il liberatorio punto di arrivo di chi guarda il mondo con occhi etici ed empatici, ritrovando in se stesso, senza autoinganni e al di fuori di qualsiasi credenza religiosa..” - Continua: http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2013/08/il-non-credente-concorso-teatrale-per.html

Il “napoletano” va contro il popolo – Scrive Pierluigi Ciolli: “Vista la crisi economica che crea continui disoccupati. Visto che i parlamentari dovevano essere ridotti di oltre la metà. Abbiamo letto con vero stupore la seguente notizia: NAPOLITANO NOMINA SENATORI A VITA ABBADO, PIANO, CATTANEO E RUBBIA . La decisione del Quirinale in segno di riconoscenza nei confronti di "personalità che hanno illustrato la Patria per altissimi meriti nel campo scientifico, artistico e sociale". Il Capo dello Stato: "Un segno di serena continuità istituzionale". Sinceramente la "serena continuità istituzionale" la percepiamo con il proseguire di mettere a carico dei cittadini altri oneri, eleggendo dei senatori di cui non si sentiva assolutamente alcuna necessità.”

Commento di E.M.: “Nell'ottica di questa maggioranza non appare avere molto senso! Forse si preparano nuove maggioranze o  forse si profilano scissioni o traslochi armi e bagagli di qualcuno frutto di una opportuna campagna acquisti estiva...”

Commento di Dagospia: “Come ogni volta che in Parlamento c’è una decisione da prendere, i grillini si spaccano - Adesso pare la volta buona che dalle divergenze possa nascere una scissione: lunedì ci sarà una riunione fra ortodossi e aperturisti (disposti ad appoggiare Letta per riformare la legge elettorale)...”

Roma. No Vivisezione – Scrive Riccardo Oliva: “Siamo lieti di invitarvi a questo doppio evento che si terrà a Roma in concomitanza (25 e 28 set) con altre città italiane ed europee, per creare due momenti che potrebbero far voltare pagina contro la sperimentazione animale o vivisezione!” - Continua: http://retedellereti.blogspot.it/2013/08/roma-25-e-28-settembre-2013-fermiamo-la.html

Italiani più svegli – Scrive Claudio La Mantia: “I tragici sviluppi della guerra civile in Siria ed il possibile intervento militare degli Usa e dei loro alleati stanno innescando un cambiamento di mentalità in Italia. Non solo da noi ma anche nelle altre nazioni europee si ha la percezione che la Siria sia al centro di un’aggressione quasi senza precedenti. Nonostante la disinformazione dei grandi media occidentali la rete permette una controinformazione che sta creando qualche problema ai sostenitori dell’“esportazione della democrazia”. Fioccano video, articoli e discussioni sul web contro l’imminente attacco: una vera e propria campagna spontanea”.

San Severino Marche. Il Ciclo della Vita: Già da diversi anni, da quando il Circolo vegetariano VV.TT. si è trasferito nelle Marche, abbiamo continuato a festeggiare il momento magico del Ciclo della Vita, del 31 ottobre. La manifestazione si svolge anche quest'anno a San Severino Marche. L'evento corrisponde al momento in cui la natura si concede il riposo invernale ed i semi trovano uno spazio accogliente nella terra in attesa di germogliare con l’avvento della primavera. Questa festa di fine ottobre / primi di novembre ha una tradizione antichissima, ben antecedente il cristianesimo.. - Continua: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2013/08/san-severino-marche-31-ottobre-2013-il.html

Ribelli “siriani” bombaroli maldestri – Scrive Frammenti di Realtà: “I ribelli siriani nel sobborgo di Ghouta a Damasco hanno ammesso al giornalista della Associated Press Dale Gavlak che sono loro i responsabili per l'incidente con le armi chimiche (fornite dall'arabia saudita) della scorsa settimana. I ribelli hanno detto a Gavlak che essi non sono stati adeguatamente formati su come gestire le armi chimiche e persino su cosa fosse stato loro consegnato. Sembra che le armi inizialmente dovessero essere consegnate ad Al Qaeda mediante la propaggine Jabhat al-Nusra”

Repetita iuvant - Già nel 2010 avevamo annunciato le vere ragioni della guerra che sarebbe scoppiata in Siria: Mediterraneo del sud est.. Nel cui sottosuolo si celano ricchezze ancora sconosciute (a noi, ma conosciute a chi sa..). È ormai chiaro che un giacimento di petrolio e di gas si trova nelle acque del Levante mediterraneo, ed è costituito da più sacche che coprono l’est mediterraneo dal delta del Nilo alla Grecia e tutti cercano di impadronirsi della..” - Continua: http://paolodarpini.blogspot.it/2013/06/causa-vera-della-guerra-in-siria-e-lo.html

Il ripensamento di Obama – Scrive La Stampa.it: “A sorpresa Barack Obama dopo aver lasciato intendere che l'attacco contro il regime siriano sarebbe stato questione, prima di ore, poi di giorni, ha deciso di prendere tempo, chiedendo «l'autorizzazione all'uso della forza» al Congresso. Congresso in `ferie´ che tornerà in sessione solo il 9 settembre e Obama ha chiarito che aspetterà che Camera e Senato, «tornino a riunirsi», senza chiedere un rientro anticipato per il dibattito sulla Siria.”

Commento di Rossana: “I sondaggi mostrano che soltanto il 9 per cento degli americani sostiene gli attacchi militari contro la Siria. Questi salgono a solo il 25 per cento se si dimostra che il regime siriano di Bashar al-Assad ha usato armi chimiche, come la propaganda degli Stati Uniti e dei suoi alleati vogliono far credere.”

Commento di Maria: “In tale senso apprezziamo il cardinal Bagnasco che in videoconferenza ha detto chiaro e tondo: a che serve l'ONU se poi tutti fanno quel che gli pare?”

Vaticano. Mosse e contromosse – Scrive Mata Hari: “Dolan, volendo scalzare Bertone (e secondo il Diritto Canonico potendolo fare... Bertone ha superato il limite di età concesso alla segreteria di Stato) si è trovato raggirato dal Papa stesso, in quota era Mons Mamberti, italo-francese gradito a quell'apostata di NY (da cui segue considerazione geopolitica ). Mamberti non era sgradito a Bertone, poteva essere compromissoria la cosa, ma visti gli avventurismi francesi in corso, il Papa sembra lanciare un messaggino alla Prima Figlia della Chiesa scartando il candidato italo-francese e scegliendo un anonimo parrocotto veneto..” -Continua: http://paolodarpini.blogspot.it/2013/08/vaticano-potere-e-geopolitica-mosse-e.html

Aviaria, pandemie e vaccinazioni – A ulteriore specificazione sull'articolo http://retedellereti.blogspot.it/2013/08/emilia-aviaria-virus-vaccinazioni-ed.html scrive Paolo Bellenghi: “...il bacillo è nulla e il terreno è tutto, e questo vale anche per i polli e i tacchini della Romagna, ma se scoppia una bella pandemia umana cosa facciamo? Ci atteggiamo darwinianamente a lasciar fare alla selezione naturale, micidiale invero, non sapendo se e quando toccherà ovviamente pure a noi, o decidiamo di intervenire, e come? Oppure molto malthusianamente decidiamo che una epidemia nel terzo mondo fa piazza pulita delle tante bocche in eccesso? Magari così sottacendo il fatto che se non mangiassimo carne, o se la mangiassimo solo una volta alla settimana, e di pollo e non di manzo o maiale, ci sarebbe cibo per tutti? Non dimentichiamo poi che certe stragi nel secolo scorso sono state originate anche dalla interpretazione non tanto distorta di Darwin e di Malthus.” - Continua in calce al link segnalato

Messaggi dallo spazio – Scrive Tullia Turazzi: “«Nessuno, proprio nessuno, sulla Terra può ormai salvare il pianeta dalla rovina alla quale è stato avviato da uomini insensati. La salvezza verrà dal cielo; ma abbiamo bisogno della collaborazione di tutti, di un po' di bontà e di conversione al bene che ognuno può operare in se stesso e dove vive: ognuno può mettere una piccola pietra; tante pietre saranno da noi radunate e poi faremo il resto affinché l'edificio dell'Amore e della salvezza sia edificato per il futuro.» Disse l'angelo dello spazio a Fausto Bregani”.

Facebook il sordido - Ancora oggi, siamo al 31 agosto 2013, Caterina mi ha chiamato per leggermi il commento di un "amico" ad un post pubblicato sul gruppo "Bioregionalismo ed Ecologia profonda" di Facebook, in cui si invitano i cacciatori ad appendere il fucile al chiodo e di farsi invece parte attiva nel monitorare l'habitat e denunciare i soprusi e l'inquinamento.. Inutile dire che il commento non teneva minimamente conto di quanto espresso nell'articolo (visibile entrando nel link) ma si soffermava a criticare soltanto le prime battute: "Appello ai cacciatori di farsi parte attiva nella tutela del territorio che essi ben conoscono..." -Commento: " Io credo che i cacciatori amino il territorio per divertirsi ad uccidere gli animali, non certo per proteggerlo... Complimentarsi con i cacciatori per la loro "profonda conoscenza del territorio" è fuorviante e offensivo nei confronti di chi ama la natura e non va per i sentieri con un fucile... Anche i camorristi hanno una profonda conoscenza del loro territorio... E uccidono, come i cacciatori! Vogliamo chiedere anche a loro?" - E con ciò viene dimostrata l'inconsistenza della comunicazione su facebook... - Continua:

Ciao, ciao (nulla di più), Saul/Paolo

….................

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

"Prima dell'arrivo dei nostri "fratelli" bianchi, e del loro tentativo di trasformarci in uomini civilizzati, noi indiani non avevamo prigioni. E di conseguenza non avevamo nemmeno delinquenti: senza prigioni non possono esserci delinquenti. Non avevamo serrature o chiavi: quindi non c' erano ladri. Eravamo così incivili da non dare valore alla proprietà privata. Desideravamo possedere cose solo per poterle donare. Non conoscevamo nessun tipo di denaro, così non usavamo la ricchezza come parametro per calcolare il valore di una persona. Non avevamo leggi scritte, né avvocati, né politici, così non ci potevamo imbrogliare l'uno con l'altro. Prima dell'arrivo dei bianchi eravamo proprio conciati male e non riesco a capire come potevamo cavarcela senza tutte le cose fondamentali che, come ci dicono, sono alla base della società civile" (Cervo Zoppo Sioux)


Nessun commento:

Posta un commento