Saul Arpino ritorna…


Avete visto quella faccia della foto in vetrina… chi è quello, sono forse io?
Potrei dire di sì ed anche di no…. Sono io per le convenzioni del mondo, non sono io perché l’io non può essere fissato ad un’immagine momentanea e mutevole.
Quell’io che vedete è un attore che recita in una commedia, in un certo senso non ha nome né forma precisa, come tutti gli attori che possono interpretare vari ruoli.
Ma il mio vero “io” non si manifesta solo nei ruoli ma nella sceneggiatura, nei costumi, nelle parti comprimarie, nella musica, nella regia, nelle luci, negli spettatori… eccetera…


Volendo però dargli un nome chiamerò quell’io Saul Arpino. Un nome inventato? Forse sì e forse no.. il nome potrebbe esistere od avrebbe potuto esistere… mio nonno –ad esempio- avrebbe potuto chiamarsi così… poi per motivi banali, di sopravvivenza bruta, prese a chiamarsi Paolo D’Arpini… ed io voglio seguire il suo esempio -ma al contrario- cambio nome e divento Saul Arpino, perlomeno su questo blog.


A proposito di blog… sentivo il desiderio di crearmi un piccolo palcoscenico sul quale recitare alcune parti che non mi sono consentite in altri spazi. Da questo luogo, che forse mi riporta indietro nel tempo, un ritorno ai dinosauri del passato remoto oppure verso un avanti sconosciuto, non so, mi prenderò la libertà di raccontare e mostrare agli accorti lettori alcune segrete immagini dell’essere… di quel che io sono o non sono, descrivibile o indescrivibile…..


Vostro affezionato, Saul Arpino.

sabato 20 aprile 2013

Il Giornaletto di Saul del 21 aprile 2013 – Il grande inciucio, Palestina mortuaria, combinazioni alimentari, ritorno alla natura, memoria sul parco del Treja...



Care, cari,

FLASH! - CON 738 VOTI NAPOLITANO ELETTO, PER LA SECONDA VOLTA, MAI SUCCESSO NELLA STORIA D'ITALIA, PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PIU' SCASSATA D'EUROPA. Non è solo il trionfo del Grande Inciucio, l'apoteosi del patto Letta Letta, la continuazione del governissimo delle banche, il predominio della gerontocrazia più sfacciata... Tutto questo passa in secondo piano di fronte al fatto più evidente: la DC è rinata! Dopo anni di catalessi risorge dal sepolcro, la gloriosa vecchia e cara DC, garante dell'alleanza atlantica, del potere dei più forti, del magna magna con l'ostia sacra in bocca, della convenienza “politica” e “religiosa”, con tanto di benedizione vaticana garantita....” - Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2013/04/20/rifondazione-democristiana-lapoteosi-del-patto-letta-letta-il-trionfo-del-governissimo-delle-banche-il-predominio-della-gerontocrazia/

Commento di Vincenzo Mannello: “Che canzonata...! Degna delle peggiori tradizioni italiane. E, pure apprezzabile, la dimostrazione davanti al "Casino Parlamento" dei Grillini è la prova che con la "protesta civile" in Italia non cambierà mai niente. Questa la mia modesta opinione. Sono certo che sia condivisa da tanti...”

Colle salato – Scrive Fabrizio Belloni: “Quando fu eletto l'astemio Saragat al Colle mi trovavo in Danimarca. Paese civile ed ordinato. Lavoravo alla "Dana Ford". A mezzogiorno, nella pausa pranzo, i danesi mi prendevano in giro: ci vollero oltre venti votazioni (ventiquattro, per la precisione) per arrivare all'elezione. Ridevano di me, Italiano, e, onestamente non potevo dar loro torto. Per fortuna ci pensò la mia grande, inarrivabile, unica Inter: nella partita di ritorno della Coppa dei Campioni (quella seria): in due minuti segnò tre goal all'Arsenal, cosa che scioccò i danesi, filo britannici, e mi fece fare la ruota come un pavone in amore....” - Continua con commenti salaci: http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2013/04/barbari-amici-es-lezione-quirinale.html

Oculatezza tragica - Scrive J.F.:" ...si vede la bell'ItaGlia, allo sfascio socio economico e morale, con più di 100 basi degli imperialisti sul proprio suolo e al carro di Shylock, che ne è scaturita... SI DIVENTA CIO' CHE SI E', sempre... che almeno i fatti tragici in corso servano a fare chiarezza anche sul nostro passato (-presente) e a DISTRUGGERE la retorica"

Perdere la palla al balzo – Scrive Giorgio Di Genova: “Certo la sinistra è campione nel gioco del facciamoci del male”. Bersani mi aveva quasi convinto fino a tre giorni fa con la sua resistenza al governo di larghe intese. Poi con l’accordo, nient’affatto necessario, anzi mortifero, con Bugiardoni sul nome di Marini, mi ha fatto capire che non è all’altezza della situazione. Per non seguire Grillo su Rodotà e opporsi a Renzi, che aveva bocciato Marini, ha fatto come quel marito che, avendo scoperto di essere tradito, si taglia i genitali per far dispetto alla moglie. Ahi, ahi, che brutto imbroglio è quello che s’è venuto a creare (proteste della base, con tessere strappate, occupazioni di sedi, perdita del Sel), un imbroglio che s’è aggravato con la proposta di Prodi, fatta fuori tempo massimo. E nel braccio di ferro con i renziani e i giovani turchi, Bersani è stato battuto ignominiosamente. Ma che intelligenza politica ha questo benedetto uomo?” - Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2013/04/20/giorgio-di-genova-bersani-ha-perso-la-palla-al-balzo-anzi-le-palle-il-gioco-masochistico-del-pd-della-serie-facciamoci-del-male/

Blera. Orti sociali e festa - Scrive Tempo Creativo: "Picnic, performance artistiche e fiabe, domenica 5 maggio 2013 dalle 12 al tramonto. Vi invitiamo a questo appuntamento conviviale immersi tra querce ed ulivi con buon cibo, sapori della Tuscia e profumi di primavera, accompagnati da estemporanee artistiche e musicali, fiabe e colori per bambini. Info. info@tempocreativo.it”

Umbertide (PG). Sosta in canoa - Scrive Agernova: "25 aprile incontro su agricoltura biologica e danni dei pesticidi. Appuntamento ad Umbertide alle ore 21.00 del 25 aprile presso i locali sotto Chiesa Cristo Risorto in occasione della sosta ad Umbertide della Discesa Internazionale del Tevere da Città di Castello a Roma dal 25 aprile al 1 maggio 2013. Info. 3472439715"

Giusta combinazione degli alimenti – Scrive Franco Libero Manco: “C’è una profonda differenza tra mangiare e nutrirsi; nell’accezione comune mangiare, quasi sempre, equivale a riempirsi la pancia, a saziarsi delle cose che ci appetiscono; nutrirsi invece è dare all’organismo le sostanze che servono a conservare la salute.  Ma non è quello che mangiamo ciò che assicura il benessere, bensì quello che digeriamo e assimiliamo. Se non digeriamo e assimiliamo correttamente quello che mangiamo, oltre a carenze nutrizionali, si verifica un cospicuo spreco di risorse vitali...” - Continua: http://retedellereti.blogspot.it/2013/04/buona-salute-e-combinazione-degli.html

New dalla Reuters di ieri: "Il neo insediato Papa Francesco ha alcune idee interessanti sulla tradizione secolare di papale e il celibato sacerdotale. Vale a dire, egli ritiene che la norma che richiede a tutti i sacerdoti di astenersi dal sesso "può essere cambiata."

Mio commentino: “Bisogna vedere che tipo di sesso intende...”

In difesa di Battiato - Scrive Gianni Donaudi: “Ho seguito la vicenda di Franco Battiato e le polemiche seguite. Certamente il suo termine "troie" è forse un po' troppo vivace, almeno pronunciato in circuiti ufficiali (dove si viene subito accusati di linguaggio "farinacciano" o "leghista" ). E da un punto di vista oggettivo, in conseguenza, controproducente. Ma di là di ciò per quanto riguarda il Parlamento non cambia la sostanza. E si badi bene che con molta probabilità con tale appellativo Battiato NON si riferiva unicamente alla componente femminile del Parlamento, ma il Parlamento in generale. Ora, che il Parlamento sia un gran Puttanaio, è cosa risaputa..” - Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2013/04/20/gianni-donaudi-e-le-troie-di-battiato-la-parola-e-brutta-ma-la-sostanza-non-cambia/

Repubblica presidenziale – Scrive Marco Bracci: “Già 20 anni fa, e forse ancor prima, correva voce che dietro le quinte i manipolatori stavano lavorando per arrivare alla repubblica presidenziale alla francese. Allora mi viene il sospetto, dato che penso che dietro a tutto questo bailamme ci siano sempre i soliti vestiti sempre di nero, che siamo al coronamento del piano antico e che la manfrina sia voluta e che Bersani sia spinto a far quel che fa (consenziente o ignaro non si sa), perché bisogna arrivare a dove si deve arrivare. Alla fine, a gran voce di popolo, si avrà la RES PUBLICA presidenziale, da noi richiesta e da LORO voluta, secondo i piani. Poi, d’accordo con il Francesco, ........”

Palestina, le morti comode al sistema – Scrive Cinzia Nachira : “L’assassinio di Juliano Mer Khamis avvenuto il 4 aprile u.s. nel campo profughi di Jenin e quello di Vittorio Arrigoni a Gaza sono inseriti nella medesima logica e da entrambi viene un segnale allarmante: il tentativo di ingabbiare la società palestinese all’interno di una visione del mondo nazionalistica-religiosa che pretende di risolvere il dramma palestinese con l’isolazionismo. E questo al di là del fatto se si riuscirà a stabilire le reali responsabilità di questo atto tremendo. In altri termini: la sostanza non cambierà se sarà accertata la responsabilità delle cellule salafite presenti nella Striscia di Gaza o, come pensano alcuni, si tratta di un «omicidio su commissione». Non è né una sorpresa, né una novità che Vittorio fosse sulla lista nera sia del governo israeliano...” - Continua: http://paolodarpini.blogspot.it/2013/04/palestina-e-le-morti-comode-al-sistema.html

Palestina/israele. Contabilità mortuaria – Scrive M.T.: “Eccovi una piccola contabilità del terrore, degli ultimi tre anni, basata su dati presi da due articoli di Rory McCarthy, pubblicati su “The Guardian”. Non penso ci sia bisogno di commentarli: i fatti, in questo caso, parlano da soli: morti palestinesi 806 - morti israeliani 19”

Ritorno alla natura – Scrive Giorgio Vitali: “I significati delle parole che usiamo quotidianamente uniformano i nostri comportamenti e creano il tessuto di una comunità. Ecco perché occorre riscoprire il significato vero ed originario di tutte le parole, contro l’imbastardimento voluto e programmato. Non a caso il concetto di “nazione”, elaborato qualche secolo fa, definisce in maniera molto chiara l’idea che ne è alla base. Se cerchiamo il primo elemento di collegamento fra esseri umani, questo non può essere solo il territorio ove essi nascono e vivono, ma anche la lingua che essi parlano per comunicare tra loro. La parola, se non è tutto, è comunque "quasi tutto" come ha colto l’autore della frase: “In principio era il Verbo”. Infatti, all’origine di qualsiasi concetto, in qualsiasi modo elaborato, c’è la possibilità di comunicarlo.….” - Continua: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2013/04/ritorno-alla-natura-semantica-e.html

Treia. Natale di Roma - Alla ricerca di un “nuovo respiro” e di un’altra dignità umana” ci incontriamo al Circolo vegetariano il 21 aprile 2013. Per celebrare la Roma di 2.766 anni fa. Appuntamento  alle h. 13.00.  Convivio con il cibo vegetariano da ognuno portato. Alle h. 18.00, passeggiata lungo le mura di Treia, evocando il passato. Per partecipare occorre prenotare: 0733/216293"

Memoria sul Parco del Treja – Scrive Stefano Ardito: “E i problemi? “Il più serio è l’afflusso domenicale di romani. Il borgo di Calcata ha 40.000 visitatori l’anno, le cascate di Monte Celato 30.000. Il bracconaggio invece è ormai assente e i tombaroli non danno più fastidi”. Poi il solito “problema” dei fondi insufficienti. Ma è soprattutto la vicinanza di Roma l’interrogativo del futuro. Nata nel 1982, senza un vero motivo, con l’etichetta di “parco suburbano” l’arca protetta sul Treja vede oggi la città avvicinarsi veloce. La domenica, l’ingorgo di visitatori rende invivibile Calcata.. - Continua: http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2013/04/il-circolo-vegetariano-vvtt-ed-il-parco.html

Insomma gira e gira siamo sempre in giro... Ciao, Paolo/Saul

.........................

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

"Dormivo e sognai che la vita non è altro che gioia. Mi svegliai e compresi che la vita è servizio. Servii e scoprii che il servizio è fonte di gioia" (Rabindranath Tagore)

Nessun commento:

Posta un commento