Saul Arpino ritorna…


Avete visto quella faccia della foto in vetrina… chi è quello, sono forse io?
Potrei dire di sì ed anche di no…. Sono io per le convenzioni del mondo, non sono io perché l’io non può essere fissato ad un’immagine momentanea e mutevole.
Quell’io che vedete è un attore che recita in una commedia, in un certo senso non ha nome né forma precisa, come tutti gli attori che possono interpretare vari ruoli.
Ma il mio vero “io” non si manifesta solo nei ruoli ma nella sceneggiatura, nei costumi, nelle parti comprimarie, nella musica, nella regia, nelle luci, negli spettatori… eccetera…


Volendo però dargli un nome chiamerò quell’io Saul Arpino. Un nome inventato? Forse sì e forse no.. il nome potrebbe esistere od avrebbe potuto esistere… mio nonno –ad esempio- avrebbe potuto chiamarsi così… poi per motivi banali, di sopravvivenza bruta, prese a chiamarsi Paolo D’Arpini… ed io voglio seguire il suo esempio -ma al contrario- cambio nome e divento Saul Arpino, perlomeno su questo blog.


A proposito di blog… sentivo il desiderio di crearmi un piccolo palcoscenico sul quale recitare alcune parti che non mi sono consentite in altri spazi. Da questo luogo, che forse mi riporta indietro nel tempo, un ritorno ai dinosauri del passato remoto oppure verso un avanti sconosciuto, non so, mi prenderò la libertà di raccontare e mostrare agli accorti lettori alcune segrete immagini dell’essere… di quel che io sono o non sono, descrivibile o indescrivibile…..


Vostro affezionato, Saul Arpino.

venerdì 8 marzo 2013

L'energia dell'entropia universale intaccata da filosofie di passaggio



A commento ed integrazione dell'articolo pubblicato sul Giornaletto di Saul dell'8 marzo 2013 http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2013/03/lenergia-dellentropia-universale-come.html  risponde Anthony Ceresa:



L'energia dell'entropia universale intaccata da filosofie di passaggio.

La scienza nel tempo ha subito l’effetto di interpretazioni diverse dallo scopo, estendendosi alla conoscenza fluttuante di qualsiasi materia di studio.

L’unica scienza riconosciuta come tale è la scienza matematica, la quale nonostante la sua precisione nel calcolo è soggetta a eccezioni ed errori.

Per entrare nel merito di comprensione che differenzia la matematica da qualsiasi altra scienza spesso formulata su filosofie di passaggio, ricorreremo ad un esempio pratico che ci aiuterà a capire risultati e differenze.

In una scatola di un determinato volume sapremo con esattezza quanti corpi di determinata grandezza potranno occupare interamente lo spazio della scatola. Il risultato è definitivo senza condizionamenti ideologici o filosofici di passaggio.

In fisica, in medicina o in qualsiasi altra branca della scienza, il risultato di qualsiasi operazione non matematica, si troverà dinnanzi ad un insieme di valori mobili spesso discordanti, soggetti all’ambiente circostante, sia  naturale o puramente fisico di un corpo o di un insieme di corpi, in conseguenza di fattori terzi soggetti alle diverse condizioni fisiche, atmosferiche, meteorologiche, magnetiche, ecc., con risultati fluttuanti o addirittura negativi condizionati da fattori esterni. 

Un paziente in cura, dopo aver effettuato tutta una serie di esami di laboratorio, sarà soggetto ad una prescrizione con possibili effetti negativi, per effetto di allergie o scompensi di rigetto ad una determinata cura, obbligando ad una estensione della ricerca all’infinito sino all’ottenimento di soluzioni positive rapportate al singolo individuo.

L’universo è un corpo vivente ed ogni elemento in esso contenuto fa parte di tanti corpi viventi con anima ed energia propria, nell’insieme della natura vivente di ogni corpo a se.

Ciò che all’uomo può apparire come entropia dell’universo o semplicemente un disordine momentaneo del nostro pianeta, é causa effetto di un naturale ribilanciamento della natura in risposta a normali cambiamenti naturali o creati dalle conseguenze della vita disordinata dell’uomo o dalla presenza di fenomeni naturali a noi ancora sconosciuti..

Ogni giorno vengono estratti parecchi milioni di barili di combustibile naturale, oltre al Gas, al Carbone ed alla legna, all’immondizia che bruciamo, ai gas rilasciati nell’atmosfera dalle fabbriche, dagli uomini e dal regno animale corrispondenti a miliardi di tonnellate di inquinamento giornaliero. 
Non meravigliamoci se la natura ogni tanto si scrolla per ripulirsi, ribilanciarsi e disintossicarsi, ma non chiamiamolo momentaneo disordine terreno o peggio ancora universale, paragonabili alle necessita biologiche e fisiologiche di ogni essere vivente in modo indipendente.

Nel campo della ricerca Nucleare, sono state esplose circa tre mila bombe atomiche in superficie, in profondità e nei mari, aggravate da conseguenze disastrose in seguito a disfunzioni di impianti Nucleari, e la disseminazione di sostanze radio attive nell’atmosfera e nei mari.

La natura è una macchina perfetta fin troppo tollerante dinnanzi al comportamento umano.
Siamo circondati da una quantità incalcolabile di energia naturale, pulita e gratuita, ma l’uomo condizionato da interessi specifici del potere Economico multinazionale si è reso vittima di sistemi imposti, i quali danneggiano l’umanità modificando il decorso della Natura.
Personalmente tralascerei di perdere tempo dietro a filosofie futuristiche non accertabili, senza aver risolto i problemi attuali che stanno condizionando lo spazio e la vita delle generazioni future.

Anthony Ceresa 


Nessun commento:

Posta un commento