Saul Arpino ritorna…


Avete visto quella faccia della foto in vetrina… chi è quello, sono forse io?
Potrei dire di sì ed anche di no…. Sono io per le convenzioni del mondo, non sono io perché l’io non può essere fissato ad un’immagine momentanea e mutevole.
Quell’io che vedete è un attore che recita in una commedia, in un certo senso non ha nome né forma precisa, come tutti gli attori che possono interpretare vari ruoli.
Ma il mio vero “io” non si manifesta solo nei ruoli ma nella sceneggiatura, nei costumi, nelle parti comprimarie, nella musica, nella regia, nelle luci, negli spettatori… eccetera…


Volendo però dargli un nome chiamerò quell’io Saul Arpino. Un nome inventato? Forse sì e forse no.. il nome potrebbe esistere od avrebbe potuto esistere… mio nonno –ad esempio- avrebbe potuto chiamarsi così… poi per motivi banali, di sopravvivenza bruta, prese a chiamarsi Paolo D’Arpini… ed io voglio seguire il suo esempio -ma al contrario- cambio nome e divento Saul Arpino, perlomeno su questo blog.


A proposito di blog… sentivo il desiderio di crearmi un piccolo palcoscenico sul quale recitare alcune parti che non mi sono consentite in altri spazi. Da questo luogo, che forse mi riporta indietro nel tempo, un ritorno ai dinosauri del passato remoto oppure verso un avanti sconosciuto, non so, mi prenderò la libertà di raccontare e mostrare agli accorti lettori alcune segrete immagini dell’essere… di quel che io sono o non sono, descrivibile o indescrivibile…..


Vostro affezionato, Saul Arpino.

domenica 24 marzo 2013

Il Giornaletto di Saul del 25 marzo 2013 – Guitti si nasce, scuola vilipesa, origine degli etruschi, missili e droni, griglia emozionale, motore gravitazionale...



Care, cari,

purtroppo quando si nasce guitti, guitti si rimane... Questa la conclusione alla quale son giunto dopo aver osservato i comportamenti del comico Grillo all'indomani della sua “affermazione” elettorale. Lui be inteso si è tenuto fuori non si è candidato né alla camera né al senato, però all'ultimo minuto è venuto fuori che aveva depositato davanti al notaio lo statuto del M5S, di cui è fondatore presidente detentore del nome.. Insomma si è “garantito”, facendosi anche affiancare dal nipote (il vecchio vizio nepotista che mai recede in Italia). E quei poveri deputati e senatori con la targhetta addosso del M5S stanno lì nelle camere a mordersi le mani, per il dubbio se cagarsi addosso o cagare fuori dalla tazza (purtroppo l'immagine è reale). Il Grillo è stato abile nell'intercettare i malumori degli italiani, ha sottolineato i danni della politica partitica asservita al sistema esibendosi in due piroette ed un po' di gridolini, ha ben recitato nelle piazze stracolme, ha fischiato e scureggiato, ha maledetto il potere e si è infine aggiudicato una fetta dello stesso. Purtroppo però da come è stato abile a scalare la vetta adesso non sa nemmeno lui cosa fare. Sta lì che fa finta continuando a motteggiare. Non è un bravo condottiero con le idee chiare sul da farsi.. sa solo fare il pifferaio per tenere a bada i suoi topolini. Quanto durerà questo giochetto? Appena i suoi elettori si renderanno conto che Grillo è solo un buon commediante ma oltre la scena non sa andare lo abbandoneranno al suo destino ed allora sì che dovrà rifugiarsi in Costa Rica, per evitare la furia del volgo tarlupinato... La vendita dei finti elisir di lunga vita costava prima o poi una bella impiumatura ai ciarlatani. Peccato, che sia andata così, ma con la forza che ancora si ritrova potrebbe compiere quel gesto eroico che da lui ci aspettavamo: la denuncia della truffa mastodontica del signoraggio bancario, causa prima della rovina a cui lo stato è condannato. Ed ora leggete il parere di Giorgio Di Genova sul fenomeno Grillo: “Caro Saul, davvero c’è che ancora si esalta sul Grillo parlante, anzi urlante?..” - Continua: http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2013/03/povero-grillo-beppe-finira-come-un.html

Commento di Aliberth: “Ecco, ora cominciamo ad andare d'accordo, caro Paolo... Tu hai in passato elogiato il Movimento 5 Stelle per la forte carica di novità e di spinta popolare. Ora vedo che stai prendendo le distanze. Anche se sono d'accordo con molte cose che il Grillo ha proposto e sono lieto per i voti che ha strappato alle destre... tuttavia la sua testardaggine nel non voler essere partecipe di una nuova alba politica, ora che davvero servirebbe la sua novità di coscientizzazione delle masse, lui fugge e lascia l'Italia ancora in mutande come Berlusca e Monti l'hanno ridotta... Speriamo che i tuoi strali servano a farlo riflettere e a farlo tornare simpatico e utile al popolo...”

Commento di Sara Bassot: “...PRIMA DI GIUDICARE... dovresti conoscere tutti i pensieri, le emozioni, le relazioni, le esperienze, i vissuti, i drammi, i traumi, i piaceri, le passioni della persona che giudichi, dovresti sapere in che modo è nata, dove è cresciuta e con chi, con quali conseguenze nel suo modo di pensare, immerso in che cultura, quali libri ha letto, che film ha visto, cosa crea e cosa distrugge..... PRIMA... DI GIUDICARE... dovresti conoscere TE STESSO.... e ogni capello sulla tua testa... tu sai perché hai certe patologie? ” - Continua nel link soprastante

Commento di Lorenzo Merlo: "Si può dire tutto su tutto. Fatto salvo questo principio, raccolgo qui i "guitti" e gli "Adolf" sottolineati per Grillo. Lo faccio per esprimere il mio sentimento specifico. Grillo con il suo entourage, via via allargato, ha saputo orientare in modo polarizzante gli spiriti di molti con argomenti in grande misura trattati, considerati, interessanti per molti di noi.” - Continua nel link...

Mia rispostina: “Grazie per gli approfondimenti ed i suggerimenti... di cui terrò sicuramente conto, come d'altronde ne ho già tenuto conto in passato, accettandone le ovvie conseguenze.”

Grillo scomunicato - Scrive Enrico Galoppini: "Sulla testa di Beppe Grillo è piovuta la tegola peggiore, quella che rappresenta l’anticamera della scomunica urbi et orbi e l’esclusione dal novero delle “persone rispettabili”: l’accusa di antisemitismo....”

Scuola vilipesa – Scrive Lucio Garofalo: “Nella mia carriera professionale ho incontrato soprattutto due generi di capi d’istituto. La prima categoria, forse la più diffusa nel mondo della scuola, è quella del preside “hitleriano”, o dispotico, che gestisce l’istituzione in modo autocratico e verticistico, scambiando l’autonomia scolastica per una tirannide individuale e considerando i rapporti interpersonali in termini di supremazia e subordinazione. Questa figura di preside non ama affatto le norme e le procedure democratiche, scavalca gli organi collegiali ed assume ogni decisione in maniera oltremodo arbitraria e discrezionale senza consultare quasi mai nessuno. Costui si pone sempre in modo arrogante...” - Continua:

Previsioni fosche – Scrive Cassandra Fabrizio Belloni: “Il Bersani non ce la farà....ed il "savoja" darà l'incarico successivo a qualche altro onanista. Che tornerà, nonostante sussulti, contorsioni, pazzie partitocratiche, anche lui sul Colle e anche lui getterà la spugna. Avanti a vista e si torna a votare dopo l'estate, con una nuova legge elettorale. Forse. La Casta darà la colpa a Grillo, che gode come un bisonte nella stagione degli amori: mica è così fesso da cavare le castagne dal fuoco per gente che ha il 70% dei voti. Cosa pretende la Casta, che il M5S si appecoroni per far loro piacere, per permettere di stiracchiare una storia finita, libro chiuso? Ma per favore! Grillo mica è fesso: la casta lavora per lui e dimostra che non può non essere così, cioè il vero problema, il dramma della politica. Piacevolezze della democrazia.”

Caso marò – Scrive Antonio Pantano: “Incoerenti il Monti ed il suo compagno di merende Terzi, sul caso pietoso dei marò, che ha fatto perdere credibilità all'Italia?
Coerenti, i due, con tutta la combriccola che li ha assecondati nel "mestiere" di "management" della "ditta Italyland" grazie all'incarico del napolet'ano. Coerenti i due figuri come tutti coloro che in parlamento li hanno "fiduciati" per 16 mesi, non certo per "amor di patria", ma per amor di bassi interessi di fazione e personali...” - Continua: http://paolodarpini.blogspot.it/2013/03/caso-maro-una-storia-patetica.html

Siena. Presidio animalista - Scrive Neesema: "Sabato 30 Marzo si terrà un presidio davanti agli uffici della polizia provinciale di Siena, più precisamente in piazza del duomo 9, dalle 14 alle 17. Il motivo della protesta è l'assurda decisione della provincia di Siena di cacciare i cuccioli di volpe nelle loro tane, una vera barbarie"

Viterbo. Dipartita – Scrive Giovanni Faperdue: “Caro Don Salvatore addio, con te se ne va un pezzo importante della mia Viterbo. Pochi lo sanno ma tu per me eri un consigliere prezioso, un traduttore erudito di scritte latine, un “prete” con il quale potevo parlare di tutto e di tutti.... Adesso, momentaneamente, quaggiù ho perduto un caro amico. Ma lassù, ne sono certo, ho acquistato un protettore. Addio Don Salvatore, anzi arrivederci”

Origine degli etruschi – Scrive Giorgio Quarantotto: “In Europa è stato imposto il punto di vista della scuola accademica  romano germanica che per quando riguarda  la provenienza dei popoli europei compresi: etruschi, latini e del popolo greco. Infatti molti studiosi russi moderni hanno fatto numerose scoperte archeologiche e prove linguistiche delle scritture di queste popolazioni  che avevano in comune molte caratteristiche. Nel'800 nel Gran Ducato di Toscana sotto l'influenza degli Asburgo, uno storico di nome Ciampi decifrava la scrittura etrusca usando l'alfabeto russo e altri contemporanei come il polacco Volansky.  e il russo Certkov confermarono questi studi, ma la censura del tempo ebbe il sopravvento....” - Continua: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2013/03/origine-genetica-degli-etruschi.html

Missili e droni - Scrive Angelo saracini: "Il nuovo governo,in rispetto del Trattato di Parigi del 1947, fermerà il dominio militare americano in Sicilia? L’influenza a stelle e strisce sul traffico aereo civile si fa sentire così ancora una volta. Ubi maior, minor cessat. Chissà se ad “esercitarsi” ieri pomeriggio siano stati i soliti droni, sofisticatissimi aerei senza pilota usati dalle forze armate americane per le operazioni di spionaggio, o come guida di attacchi aerei e lancio di bombe teleguidate e missili!"

Motore gravitazionale – Scrive Anthony Ceresa: “Il sottoscritto come Tecnico da non confondere con Mario Monti e il suo seguito privo di contenuti, si impegna a porgere sul piatto Nazionale una importante scoperta nel campo dell’Energia Naturale, la quale non ha nulla a che fare con il Fotovoltaico e gli Aerogeneratori, che accendono le lampadine esclusivamente quando c’é il Sole e il Vento a costi reali largamente maggiorati, e raggirati da provvisori incentivi Statali che paghiamo di prepotenza sulle nostre bollette. La nuova scoperta è caratterizzata da un motore industriale che funzione con l’Energia di Gravità continuamente presente in Natura, pura, disponibile giorno e notte, e per giunta gratuita, abbinata a generatori di corrente elettrica, senza incentivi da parte dello Stato, senza la necessità di contattori a consumo, senza la necessità di capitalizzare l’impianto ed a costi..” - Continua: http://retedellereti.blogspot.it/2013/03/progetto-di-anthony-ceresa-per-un-nuovo.html

Quel che non si può dire – Scrive C.B.: "Paolo Polidori: «Ribadisco che il potere finanziario mondiale è in mano al sistema giudaico-massone». Per questa
affermazione pubblica il capogruppo in Provincia di Trieste della Lega Nord, Paolo Polidori, finirà davanti al gip. Il pm Antonio Miggiani ne ha chiesto il rinvio a giudizio. Polidori è accusato di aver violato la Convenzione internazionale sull'eliminazione di tutte le forme di discriminazione razziale. - «Sono annichilito», ha commentato Polidori. Ha aggiunto: «Si perde tempo per un misero mortale che ha fatto una dichiarazione di stampo politico ed economico senza voler entrare in questioni razziali». E ha proseguito: «Ho letto molti testi in cui ci sono citazioni di rabbini che parlano di sistema giudaico massonico. E loro...?»"

Psicologia emozionale e frequenze vibrazionali - Spesso ho affermato che i diversi aspetti psichici da noi incarnati e le energie degli elementi che ci contraddistinguono formano una specie di “griglia” attraverso la quale noi riusciamo a percepire il mondo esterno e le situazioni sulla base della sintonia (od opposizione) incontrata. Ove questa “griglia”, il nostro modo percettivo, non aderisce con le situazioni e le emozionalità diverse che ci giungono dagli altri automaticamente sentiamo una forma di repulsione.  La nostra empatia ed antipatia ed il genere dei rapporti che possono essere instaurati con le persone con le quali veniamo in contatto dipende solo dalla configurazione del filtro interiore delle predisposizioni innate....” - Continua: http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2013/03/psicologia-emozionale-frequenze.html

Ecco chiudiamo pure oggi, ciao, Paolo/Saul

....................

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

"In questa vita un po’ stonata
Ci son biglietti di sola andata
Sembra impossibile però è così
È strano sapere che non son più lì
Ci sarà un posto, molto lontano
Dove mi trovi se allunghi la mano
Forse è vicino, forse non c’è
O forse esiste soltanto per me
Ma stai pur certa che lo troverò
In un paese che dirti non so
Forse ha le ali la malinconia
E mi ci porta volando via
E sarà luce il tuo sorriso
Come una stella nel paradiso
Come un gelato al cioccolato
Come un regalo inaspettato
Ci metterò una vita e un giorno
Ma te lo giuro che poi ritorno
sarò un’ombra che segue i tuoi passi
una lucertola in mezzo ai sassi
e anche se tu non mi vedrai
sarò qualcosa dovunque tu andrai
sarò la brina, la pioggia e il gelo
sarò neve, sarò arcobaleno
rubo la voce a un bimbo che ride
sarò la forza nelle tue sfide
sarò la noia, nei giorni d’inverno
e te lo giuro che scendo all’inferno
ma io lo trovo il modo sicuro
per essere la luce nel cielo più scuro
la voce del vento, ascoltala bene
scioglie di certo queste catene
ci sono cose che non puoi capire
ma quel che siamo non può finire
e non mi piace sapere che hai pianto
se guardi bene io ti sto accanto"

(Cristina Bollini)

Nessun commento:

Posta un commento