Saul Arpino ritorna…


Avete visto quella faccia della foto in vetrina… chi è quello, sono forse io?
Potrei dire di sì ed anche di no…. Sono io per le convenzioni del mondo, non sono io perché l’io non può essere fissato ad un’immagine momentanea e mutevole.
Quell’io che vedete è un attore che recita in una commedia, in un certo senso non ha nome né forma precisa, come tutti gli attori che possono interpretare vari ruoli.
Ma il mio vero “io” non si manifesta solo nei ruoli ma nella sceneggiatura, nei costumi, nelle parti comprimarie, nella musica, nella regia, nelle luci, negli spettatori… eccetera…


Volendo però dargli un nome chiamerò quell’io Saul Arpino. Un nome inventato? Forse sì e forse no.. il nome potrebbe esistere od avrebbe potuto esistere… mio nonno –ad esempio- avrebbe potuto chiamarsi così… poi per motivi banali, di sopravvivenza bruta, prese a chiamarsi Paolo D’Arpini… ed io voglio seguire il suo esempio -ma al contrario- cambio nome e divento Saul Arpino, perlomeno su questo blog.


A proposito di blog… sentivo il desiderio di crearmi un piccolo palcoscenico sul quale recitare alcune parti che non mi sono consentite in altri spazi. Da questo luogo, che forse mi riporta indietro nel tempo, un ritorno ai dinosauri del passato remoto oppure verso un avanti sconosciuto, non so, mi prenderò la libertà di raccontare e mostrare agli accorti lettori alcune segrete immagini dell’essere… di quel che io sono o non sono, descrivibile o indescrivibile…..


Vostro affezionato, Saul Arpino.

giovedì 4 agosto 2016

Il Giornaletto di Saul del 5 agosto 2016 – L'ultima spiaggia, Libia: dissociazione dall'attacco USA, erbe spontanee a Cessapalombo, crollo della civiltà ricorrente, creazione: scienza e filosofia...



Care, cari, basterebbe l’esplosione, anche accidentale, di una delle bombe nucleari esistenti, un atto di terrorismo con esplosivi nucleari, per devastare vasti territori, per uccidere migliaia di persone, per contaminare l’ambiente naturale, le acque, gli esseri viventi con sostanze che restano radioattive per secoli. Un famoso libro di Nevil Shute, "L'ultima spiaggia", del 1956, descriveva la scomparsa della vita dalla Terra in seguito ad uno scambio di bombe nucleari iniziato per errore; il film finiva con il tardivo avvertimento: “Fratelli, siamo ancora in tempo”... - (Giorgio Nebbia) – Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2016/08/04/hiroshima-e-nagasaki-lultima-spiaggia-e-la-lezione-dimenticata/

Roma. Per non dimenticare Hiroshima – Scrive Terra e Pace: “Venerdì 5 Agosto 2016, alle ore 9,30, a piazza del Pantheon a Roma, in occasione del 71° anniversario della tragedia di Hiroshima, il Comitato "Terra e Pace" organizza la celebrazione di quel tragico evento che costituisce una ferita ancora aperta nella storia...”

Libia. Ci dissociamo dall'attacco USA approvato dal governo Renzi - Condanniamo nel modo più deciso la nuova avventura militare scatenata dagli USA in Libia con l’appoggio diretto o indiretto del governo italiano e di altri governi occidentali aderenti alla NATO. Questa operazione guerresca viola nuovamente l’articolo 11 della costituzione italiana, già violato pesantemente con la precedente aggressione alla Libia del 2011 che ha distrutto il paese più ricco e sviluppato dell’Africa. La nuova avventura bellica, scatenata con la motivazione ufficiale della lotta all’ISIS, è in realtà una nuova operazione neo-coloniale che si propone due obiettivi concreti... - Continua: https://circolovegetarianotreia.wordpress.com/2016/08/04/in-dissociazione-dellattacco-usa-contro-la-libia-comunicato-stampa/

Commento di Giuseppe Zambon: “Il movimento 5 stelle ha abbandonato le commissioni difesa e esteri di camera e senato, riunite in convocazione congiunta, per protestare per l' assenza di entrambi i ministri interessati, Gentiloni e Pinotti. E' un buon segno, vuol dire che vogliono dare battaglia sul tema delle basi...”

C'era una volta la Libia – Scrive Michele Rallo: “Riprendono i bombardamenti sulla Libia con lo scopo dichiarato di evitare che l’ISIS crei un altro simil-Stato a poche braccia di mare dalle nostre coste. Tuttavia, i motivi reali dell’operazione sono meno nobili: si tratta di un altro capitolo della sporca manovra – targata Hilary Clinton – iniziata dagli USA nel 2011 per mettere le mani sulle immense riserve di petrolio e sulle grandi ricchezze finanziarie della Libia. Altro movente oscuro, ma non troppo: cancellare ogni influenza italiana (ENI) in quel Paese, lasciando gli spiccioli ai soci in affari degli Stati Uniti, e cioè all’Inghilterra (British Petroleum) e alla Francia (Total)...” - Continua: http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2016/08/cera-una-volta-la-libia-zibaldone-di.html

Commento di L.B.: “E' una prova di muscoli di una potenza al declino che colpisce il punto più debole ma si guarda bene dall'attaccare il vero blocco nemico Russia-Cina-Iran-Siria nel momento in cui antichi alleati come Israele e Turchia potrebbero passare dalla parte avversa. E' il declino della grande potenza con la pretesa di rappresentare tutta l'umanità ma è una prova di forza solo per l'imbelle Europa che non arresterà il declino. Il Dipartimento di Stato bleffa perché sa di essere inferiore sul piano politico e militare. Star Trek è finito...”

Francavilla Fontana. Comunità ed ambiente – Scrive Urupia: “Vi invito a venirci a trovare al Festival Delle Terre della comune Urupia di Francavilla Fontana (Brinsisi) il 26, 27 e 28 agosto2016. Si tratta di un festival del documentario sulle tematiche ambientali, e sul concetto più allargato di "terra". Info. soulo@email.it”

Cessapalombo. Settimana delle erbe spontanee bioregionali – Scrive Antonello Andreani: “Un'intera settimana dedicata al mondo delle erbe spontanee, alla alimentazione sana e consapevole e alla cura e al benessere personale in un contesto di pace e serenità come quello offerto da Palazzo Simonelli, un edificio del 1600 interamente realizzato in pietra e legno ed immerso nel verde a 600 metri di altitudine... - Continua: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2016/08/cessapalombo-palazzo-simonelli-dal-22.html

Taoismo e fisica quantistica – Scrive Marco Bracci a commento dell'articolo http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2016/08/taoismo-e-fisica-quantistica-sincontrano.html -: “Dici: "Alcuni studi hanno iniziato a dimostrare gli effetti dell'intento mentale umano sulla realtà fisica..." - Più che logico e certo: quando Dio creò l'universo, fase per fase, VIDE CHE ERA BUONO. Queste poche parole altro non sono che la dimostrazione che la creazione, divina, e quindi anche umana perché noi uomini siamo divini, parte dal pensiero e non dalla materia...”

Mia rispostina: “Infatti, ricordo che il mondo appena creato mi era piaciuto... poi però -siccome era un po' piatto- creai il bene ed il male e tutti gli opposti, per renderlo più vario..”

Il “dio dei singoli e il “Dio” di tutti – Scrive Daniela Cammertoni a commento dell'articolo https://circolovegetarianotreia.wordpress.com/2016/08/03/fedeli-di-fedi-diverse-in-chiesa-ma-non-in-moschea/ -: L'analisi fatta si fonda sulla storia, ma non tiene conto del fatto che il Dio dei cristiani è un Dio giusto e misericordioso , che sa fare giustizia e mai consentirà al MALE di prevalere !”

Mia rispostina: “Cara Daniela Cammertoni, in quel caso possiamo definirLo il Dio di tutte le religioni e di tutti gli esseri in ogni parte dell'Universo siano essi ubicati. Quindi in termini Assoluti quel che affermi è giusto... ma se esaminiamo la storia umana possiamo dire la stessa cosa? Possiamo negare i fatti? Possiamo ignorare le malefatte compiute in nome di quello stesso "Dio" personalizzato da ognuno a suo uso e consumo? Riflettiamoci sopra!”

Crollo della civiltà ricorrente – Parecchi anni fa ricevetti la visita di Marcello Creti, un sensitivo che viveva a Sutri, il quale mi raccontò di una antica civiltà Antalidea che sembra avesse trovato rifugio a Calcata, attenzione non si tratta dei rifugiati di Atlantide bensì di un’altra mitica popolazione di “prima che nascessero gli dei”, secondo lui di origine extraterrestre. E con Marcello Creti andammo in giro nella Valle del Treja in cerca di reperti, egli credeva fermamente nell'esistenza di queste popolazioni misteriose, dotate di ampie conoscenze scientifiche, che poi per strani motivi scomparvero dalla faccia del pianeta. Ed in alcune occasioni trovammo grotte in cui sembrava che vi fossero delle tracce degli antichi abitanti pre-umani ... - Continua: http://paolodarpini.blogspot.it/2016/08/dalla-civilta-alla-barbarie-e-ritorno.html

Commento di Simon Smeraldo: “Molto interessante. È oramai da tempo che indizi, reperti archeologici e testimonianze sembrano gridare che la nostra origine non è prettamente "umana" nel senso che intendiamo oggi, ma che qualche misterioso processo attuato da una "umanità" di tipo differente (senza per questo chiamare in causa gli extraterrestri) ha portato all'umanità attuale, povera e misera se confrontata alle capacità possedute in origine. E' per questo la tesi che discendiamo dalle scimmie è stupida, cieca e ottusa....”

Volterra. Autoproduzioni e cucine popolari– Scrive Riccardo Romano: “Invito a partecipare al festival delle autoproduzioni che stiamo organizzando a Volterra dal 9 al 11 settembre 2016. Ci piacerebbe continuare il discorso sulle cucine popolari... - Info. riccardoromano1978@gmail.com”

Creazione. Scienza e filosofia - Che gli universi fossero continuamente creati e distrutti uno dopo l’altro in una sequenza infinita è la conclusione del pensiero vedico e upanishadico, come pure di quello taoista. Tutto scorre, tutto si trasforma tutto si scioglie tutto riprende forma. In continuo evolversi in continua trasformazione... - Continua: http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2015/08/scienza-e-filosofia-si-avvicinano-forse.html

Ed anche questa è fatta! Ciao, Saul/Paolo

…........................................

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

"Whatever is known through consciousness goes on changing and in the end consciousness also disappears. You have held everything within consciousness. It is your delusion that you treat yourself as so-and-so within that consciousness." (Nisargadatta Mharaj)








Nessun commento:

Posta un commento