Saul Arpino ritorna…


Avete visto quella faccia della foto in vetrina… chi è quello, sono forse io?
Potrei dire di sì ed anche di no…. Sono io per le convenzioni del mondo, non sono io perché l’io non può essere fissato ad un’immagine momentanea e mutevole.
Quell’io che vedete è un attore che recita in una commedia, in un certo senso non ha nome né forma precisa, come tutti gli attori che possono interpretare vari ruoli.
Ma il mio vero “io” non si manifesta solo nei ruoli ma nella sceneggiatura, nei costumi, nelle parti comprimarie, nella musica, nella regia, nelle luci, negli spettatori… eccetera…


Volendo però dargli un nome chiamerò quell’io Saul Arpino. Un nome inventato? Forse sì e forse no.. il nome potrebbe esistere od avrebbe potuto esistere… mio nonno –ad esempio- avrebbe potuto chiamarsi così… poi per motivi banali, di sopravvivenza bruta, prese a chiamarsi Paolo D’Arpini… ed io voglio seguire il suo esempio -ma al contrario- cambio nome e divento Saul Arpino, perlomeno su questo blog.


A proposito di blog… sentivo il desiderio di crearmi un piccolo palcoscenico sul quale recitare alcune parti che non mi sono consentite in altri spazi. Da questo luogo, che forse mi riporta indietro nel tempo, un ritorno ai dinosauri del passato remoto oppure verso un avanti sconosciuto, non so, mi prenderò la libertà di raccontare e mostrare agli accorti lettori alcune segrete immagini dell’essere… di quel che io sono o non sono, descrivibile o indescrivibile…..


Vostro affezionato, Saul Arpino.

domenica 24 luglio 2016

Il Giornaletto di Saul del 25 luglio 2016 – Storie di vita bioregionale, l'umanità che manca, economia e autarchia, Trump: America First, Turchia: c'è lo zampino di sion?, cosmopolitismo finanziario...



Care, cari, la mattina del 23 luglio 2016 mentre chiacchieravo con Lorenzo Luccioni degli eventi vissuti a Treia negli ultimi 7 anni di mia permanenza in città, abbiamo visto affacciarsi alla porta del suo ufficio il comune amico, il prof. Alberto Meriggi.  Per festeggiare siamo andati al solito baretto in piazza e tra una pastarella e l'altra Lorenzo l'ha subito informato dell'esistenza del mio archivio "segreto" in cui conservo tutti i recenti trafiletti di giornale e tutte le notizie su Treia. Alberto Meriggi mi ha chiesto se c'erano anche le memorie politiche e delle ultime elezioni amministrative, al che ho confermato che non manca nulla... e che se decidesse di scrivere un libro gli avrei passato volentieri il malloppo. Beh, dovete sapere che Alberto Meriggi è uno storico di professione e sul passato di Treia ha scritto abbondantemente, ma i suoi testi si fermano agli inizi del XX secolo. Quindi il mio lavoro di reporter sugli avvenimenti quotidiani degli anni recenti potrà sicuramente tornare utile per una successiva documentazione storica. A dire il vero una parte del mio archivio è già stato pubblicato nel volume: "Treia: storie di vita bioregionale" .. - Continua: http://treiacomunitaideale.blogspot.it/2016/07/raccontare-treia-giorno-per-giorno-in.html

Stabilizzare destabilizzando – Scrive G. Bonconte Montefeltro a commento dell'articolo http://www.circolovegetarianocalcata.it/2016/07/23/terrorismo-stabilizzare-destabilizzando-ovvero-se-il-cecchinaggio-fa-il-gioco-delloccidente/ -: “AVVERTENZA SEQUENTE LETTURA SCONSIGLIATA COLORO MAGGIORE SENSIBILITA’ CAUSA PROPRIE NERVATURE SCOPERTE RIGUARDO ARGOMENTO OGGETTO STOP RICORRENTE PERSONAGGIO DEFINITO SQUILIBRATO AUTORE ATTENTATI..” - Continua in calce al link segnalato

Commento aggiunto di G.V.: “Tutti i messaggi sono in codice perché devono essere reinterpretati dai cosiddetti MEDIA. Attenzione quindi ai sistemi di lettura. Per il momento ci limitiamo ad osservare che...” - Continua in calce al link soprastante

L'umanità che manca - Scrive Francesco Salistrari: “...nei rantoli di sofferenza di uomini, donne e bambini che muoiono di fame, di guerra, di stenti, di lavoro, di depressione. Nei lamenti di animali sgozzati a milioni. Nel suono di ferro delle industrie inquinanti. Nel suono del cemento che cade in pezzi sotto le sferzate del tremore della Terra. Nel rumore assordante delle auto incolonnate su strade di città infestate dal bruciare di benzina. Nel boato che fa un albero quando schianta a terra, ormai senza vita, col suo grido di dolore inimitabile. Nel suono dello sciacquettio delle onde di un mare inquinato. L'umanità si è vinta da sé... - Continua: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2016/07/ecologia-mancata-dallinavvertenza-e.html

Varenna. Mostra . Scrive Franco Farina: “Vi invito alla mostra che faccio sul Lago di Como a Varenna. Dal 1 al 17 Agosto 2016. Orari: dalle ore 10.00 alle 19.00. E' un posto da vedere. Varenna è la perla del Lago di Como. Info. artefarina@alice.it”

Economia ed autarchia. La Cina indica la strada – Scrive Attilio Pasetto: “Il mondo rallenta ma forse non è un male . Negli ultimi anni il ritmo della crescita mondiale è molto diminuito. Ha pesato la forte frenata del commercio, dovuta soprattutto al nuovo corso cinese. Il problema dell'occupazione, che non è necessariamente correlato alla crescita, dovrà essere affrontato con nuove soluzioni...” - Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2016/07/24/economia-ed-autarchia-la-cina-indica-la-strada/

Plagio – Scrive Giuseppe Moscatello: “Le affermazioni incongrue di certi nostri politici mi lasciano dubbioso, impossibile non avere un briciolo di coscienza, per me restano soggetti deboli plagiati mentalmente ad arte attraverso tecniche raffinate di propaganda e condizionamento mentale; del presto a volte nella vita si crede a cose che vent'anni dopo si rigettano come sbagliate e immorali, ognuno è educato nella propria epoca a idee di progresso e libertà salvo accorgersi poi che faceva il gioco di chi voleva il contrario!”

Mia rispostina: “Tutto è possibile ma anche così fosse implicitamente serve l'assenso, quindi anche il risultare plagiati è una questione di "scelta" (o karma)...”

La radice di ogni male: ... ma non conviene vendersi per un piatto di lenticchie (in prestito). Stavolta mi tocca toccare un tema scabroso. No, non si tratta della nuova professione riservata alle donne in Cina, quella di "pugnettista", che comunque è un simbolo di come l'asservimento della specie umana sia giunto a livelli bassissimi. ... - Continua: http://www.terranuova.it/Blog/Riconoscersi-in-cio-che-e/Economia-ecologica-signoraggio-debito-pubblico-tasse

Amandola. Tracce – Scrive Il Cammino: “Mostra fotografica Tracce ad Amandola, nei Sibillini. Stefano Lucchetti ci segnala che ha organizzato una mostra fotografica con immagini dai suoi cammini, dal titolo Tracce. Direzioni dissolvenze. La mostra è all’interno del Museo del paesaggio dei Sibillini, ad Amandola (chiostro di San Francesco) e sarà aperta fino al 30 agosto (orari: 10-12.30/16-19.30).”

Canone RAI bollente (in bolletta) – Scrive Claudio Martinotti Doria: “L’argomento che vi propongo, emblematico di un paese allo stremo della decadenza e del degrado, è il Canone Rai addebitato nella bolletta energetica, che fin dagli inizi, in tutte le persone intelligenti ha fatto immediatamente suonare un campanello di allarme fregatura. Come tanti italiani, proprio per cercare vanamente di evitare fregature, ero...” - Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2016/07/24/estorsioni-governative-canone-rai-nella-bolletta-elettrica/

Bari. Danze contadine attorno al fuoco – Scrive Effetto Terra: “Venite a ballare nell'orto sociale urbano Campagneros. Il 27 luglio 2016, alle ore 21,00 in via L. D'Agostino (di fronte caserma dei carabinieri via Fanelli) a Bari. Trascorreremo insieme una fantastica serata con le danze popolari internazionali seguiti dall'insegnate Spartaco Catacchio. Degustazione di cibi contadini. La serata termina con un suggestivo falò. Info. associazioneffettoterra@gmail.com”

Cleveland. Trump: America First – Scrive Gianni Caroli: “Silenzio, entra Sua Maestà: l'O/merica dei padri, delle madri e dei figli.... NATURALI E STRAFOTTENTI, direbbe don Peppino 'o commediante. A Cleveland, nel cuore stesso dei territori nord-americani, si è chiusa, la Convenzione Repubblicana...” - Continua: http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2016/07/con-donald-trump-e-tornata-lamerica-dei.html

Commento di G.V.: “Leggo con profonda ammirazione, non solo per quanto riferito, ma per i riferimenti gossipici, cinematografici, letterari, cronachistici. Tutto concorre alla comprensione dei fenomeni del XX secolo, che sono catalogabili in maniera chiare solo conoscendo i precedenti, le conseguenze e soprattutto gli attori...”

Mio commentino: “Finalmente siamo tornati al grande cinema, quello conosciuto nella nostra infanzia, della conquista del West. Una commedia tutta all'americana...”

Giornalismo pataccaro all'opera – Scrive Adriano Colafrancesco: “Non c’è dubbio alcuno! E’ tutto largamente documentato e solo i ciechi e chi non vuol vedere può dubitarne: il male più grave, in assoluto, del nostro tempo, sta nell’uso manipolatorio e scellerato dei mezzi di informazione da parte di assatanati e sciocchi aspiranti proprietari del mondo, per questo scesi a patti con il Demonio. Come spiegare altrimenti quello che accade negli ultimi tempi in ogni parte del globo?!..” - Continua: http://retedellereti.blogspot.it/2016/07/giornalismo-pataccaro-allopera-e-le.html

Commento di V.Z.: “Il regime governativo di guerra e rapina contro i popoli attuato dalle nazioni eurostatunitensi va rifiutato integralmente, e combattuto con ogni mezzo possibile, in nome della verità, della libertà, della giustizia, e della umana compassione, unica possibile fonte di coesistenza, cooperazione e pace tra i popoli." - Continua in calce al link soprastante

Medio Oriente. Lo zampino di sion? – Scrive Luciano Lago: “Il vecchio concetto del “divide et impera” risulta ben presente a Tel Aviv come a Washington. L' ISIS ed i gruppi fondamentalisti islamici sono i migliori alleati per l’egemonia degli USA e dello Stato sionista nella regione. La Siria è fuori gioco, dilaniata da un conflitto devastante, Hezbollah è impegnato in Siria, la Giordania è governata da un monarca “marionetta” degli USA e di Israele, l’Egitto si trova nella peggiore crisi economica e sociale degli ultimi 25 anni, l’Iraq è stato fatto tornare all'età del bronzo e, tanto per finire, una Turchia islamizzata ed in mano ad Erdogan è la migliore alleata di...” - Continua: http://paolodarpini.blogspot.it/2016/07/gioco-dazzardo-in-medio-oriente-gratta.html

Commento di C.M.: “Ora Erdogan comanda, (non "governa", che governare è faccenda ben diversa) e il "golpe finto" gli va a pennello. Si chiede ipocritamente "come mai nessun governante delle democrazie occidentali sia ancora andato a trovarlo in Turchia a una settimana dal golpetto. Fa finta di non saperlo, fa finta d'ignorare che è fuorilegge da molti anni, da che ha abolito la democrazia quando ha mandato in galera i giornalisti che lo criticavano, i fotografi, i direttori, i giudici, i presidi delle scuole, i rettori delle università, persino i militari e i preti, i rappresentanti della cultura, del pensiero laico più avanzato. Dimentica quello che ha fatto aggredendo il popolo Kurdo, lucrando tramite figli e parenti sul traffico d'armi e di petrolio con i tagliagole dell'ISIS che non ha contrastato per usarli contro i kurdi...”

Commento di MK Bhadrakumar: “...gli sviluppi in Turchia possono solo indicare che Ankara potrebbe cedere sull’intervento in Siria. L’obiettivo della Turchia è impedire la formazione del Kurdistan ai confini col tacito appoggio degli Stati Uniti (che Israele accetta) e su tale piattaforma Siria, Iran e Iraq sono “alleati naturali” di Ankara. D’altra parte, senza la Turchia, Arabia Saudita, Qatar o altri sceiccati del Golfo potrebbero pensare di non poter continuare col ‘cambio di regime’ in Siria. In poche parole, Israele è ridotto a muto testimone dei cambiamenti drammatici nel vicinato senza alcun ruolo o capacità di influenza politica o militare. Probabilmente, Israele e Arabia Saudita sono i maggiori “perdenti” del fallito colpo di Stato in Turchia...”

Terroristi ad obsolescenza programmata - Scrive Vincenzo Zamboni: “Da molto tempo suscitano impressione e un certo sconcerto le figure degli "attentatori suicidi", i quali si uccidono direttamente da sé (ad esempio facendo esplodere bombe che portano sul proprio corpo), oppure si lanciano in azioni militari terroristiche dalle quali è pressoché impossibile uscire vivi a causa della ovvia reazione della polizia, come nel caso della recente strage di Nizza. Generalmente questo comportamento viene considerato effetto di un particolare addestramento ideologico...” - Continua:

Mio commentino: “...mai che ne sia catturato uno vivo… La tecnica del suicidio programmato era anche illustrata nel film "La Montagna Sacra" di Jodorowsky”

Cosmopolitismo finanziario e culturale – Scrive Maurizio Rossi: “Il precipitare vertiginoso del mondo moderno ha prodotto, nel corso della sua caduta, deformazioni pseudo-culturali, politiche ed economiche di terribile entità e contrassegnate anche da una sbalorditiva velocità. Due sono le principali deformanti manifestazioni che si sono rivelate determinanti per le trasformazioni in corso d’opera: l’alluvione migratoria degli allogeni nelle terre europee e la globalizzazione capitalistica e cosmopolita, ovvero l’espansione a livello planetario del pensiero unico e di un modello di rapina economica funzionale agli interessi delle Oligarchie finanziarie..” - Continua: http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2015/07/cosmopolitismo-e-cancellazione-delle.html

Ciaone a tutti! Paolo/Saul

….....................................

Pensieri poetici del dopo Giornaletto:

“When you know how to use it, disobedience can be a virtue!” (Paulo Coelho)

….................

«L'amore non è un bisogno, ma un traboccare... L'amore è un lusso. È abbondanza. Significa possedere così tanta vita che non sai più cosa farne, quindi la condividi. Significa avere nel cuore infinite melodie da cantare; che qualcuno ascolti o no è irrilevante. Anche se nessuno ascolta, devi comunque cantare, devi danzare la tua danza.» (Osho)




Nessun commento:

Posta un commento