Saul Arpino ritorna…


Avete visto quella faccia della foto in vetrina… chi è quello, sono forse io?
Potrei dire di sì ed anche di no…. Sono io per le convenzioni del mondo, non sono io perché l’io non può essere fissato ad un’immagine momentanea e mutevole.
Quell’io che vedete è un attore che recita in una commedia, in un certo senso non ha nome né forma precisa, come tutti gli attori che possono interpretare vari ruoli.
Ma il mio vero “io” non si manifesta solo nei ruoli ma nella sceneggiatura, nei costumi, nelle parti comprimarie, nella musica, nella regia, nelle luci, negli spettatori… eccetera…


Volendo però dargli un nome chiamerò quell’io Saul Arpino. Un nome inventato? Forse sì e forse no.. il nome potrebbe esistere od avrebbe potuto esistere… mio nonno –ad esempio- avrebbe potuto chiamarsi così… poi per motivi banali, di sopravvivenza bruta, prese a chiamarsi Paolo D’Arpini… ed io voglio seguire il suo esempio -ma al contrario- cambio nome e divento Saul Arpino, perlomeno su questo blog.


A proposito di blog… sentivo il desiderio di crearmi un piccolo palcoscenico sul quale recitare alcune parti che non mi sono consentite in altri spazi. Da questo luogo, che forse mi riporta indietro nel tempo, un ritorno ai dinosauri del passato remoto oppure verso un avanti sconosciuto, non so, mi prenderò la libertà di raccontare e mostrare agli accorti lettori alcune segrete immagini dell’essere… di quel che io sono o non sono, descrivibile o indescrivibile…..


Vostro affezionato, Saul Arpino.

giovedì 14 luglio 2016

Il Giornaletto di Saul del 15 luglio 2016 – Carpe Diem, diete e mode, chi è “dio”?, ritorno all'umano, i palestinesi hanno diritto alla loro terra, schiavi senza catene, soluzione partecipativa...



Care, cari, la mia vita è una continua scoperta, un viaggio leggero, senza bagagli ingombranti. Tutto ciò che faccio, pur essendo estremamente significativo, è sempre nell’ambito dell’oggi, del “carpe diem”. Infatti non ho accumulato alcunché e se qualcosa è stata accumulata nel corso degli anni ho anche provveduto ad abbandonarla. Perciò non ho nulla da difendere e quindi il “mio campo” è un campo in cui crolli e cambiamenti, scavi e riempimenti avvengono in continuazione come natura comanda, con poco o nulla di mio intervento intenzionale. Questo è un bene ed un male allo stesso tempo, dal punto di vista personale è un bene perché in tal modo non persiste attaccamento verso una specifica forma, ma è un male, dal punto di vista sociale, perché poco o nulla di costruito è a me riferibile… Tanti anni fa, quando mi trasferii a Calcata, ebbi l'ispirazione di denominare un pezzo di terra di cui ero il custode “Tempio della Spiritualità della Natura”, un’idea buona anche per esaltare valori estetici naturali. Per il mio “tempio della natura” c'erano le premesse di una grande edificazione… ma –ahimé- c’ero anch’io e ... - Continua: http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2016/07/il-tempio-della-spiritualita-della.html

Roma. Filiera cerealicola – Scrive Agribio E.R.: “Il Ministero delle politiche agricole rende noto che il 20 luglio 2016 si terrà a Roma il tavolo nazionale della filiera cerealicola. La riunione è stata convocata per un confronto sull'andamento del mercato nazionale, sulle prospettive di breve e medio periodo e per condividere nuove azioni di contrasto alla crisi del settore. Parteciperanno i rappresentanti delle Regioni, delle organizzazioni agricole, delle imprese di trasformazione, di commercializzazione e dell'industria mangimistica. Info. agribioer@email.it”

Diete e mode – Scrive Franco Libero Manco: “Negli ultimi anni imperversa un numero impressionante di diete proposte da personaggi che, tranne poche eccezioni, hanno poco o nulla a che fare con la scienza dietologica: furbastri che si arricchiscono sfruttando l’ignoranza assai diffusa in fatto nutrizionale. E così c’è..” - Continua: https://circolovegetarianotreia.wordpress.com/2016/07/14/mode-perniciose-la-dieta-migliore-e-quella-che-non-si-fa/

Riscoperta della sacralità della natura – Scrive Marco Bracci a commento dell'articolo http://treiacomunitaideale.blogspot.it/2016/07/riscoperta-della-sacralita-della-natura.html -: “E' provato che in tempi ante-preistorici l'umanità viveva in pace, nel benessere, nell'armonia, nell'onestà e così via. Viveva in armonia con la NATURA e quindi, essendone essi stessi parte, gli uomini erano in armonia fra loro. Poi qualcuno volle impossessarsi di ciò che avevano gli altri, taroccarono (o crearono ex-novo) i testi millenari che erano serviti da guida al vivere fino a quel momento, e si atteggiarono a padroni..” - Continua in calce al link segnalato

I palestinesi hanno diritto alla loro terra - In solidarietà a Manlio Di Stefano insultato dai sionisti della comunità ebraica dopo le sue dichiarazioni sui diritti alla vita e alla dignità del popolo palestinese e sulla legittimità del governo di Hamas eletto dal popolo... - Continua: http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2016/07/in-solidarieta-manlio-di-stefano-del.html

Commento di Touhami Garnaoui: “A coloro i quali mi chiedono: ma lei è contro Israele? Due risposte: 1. Di quale Israele parlate? Vi rispondo se mi sapete dire: se è il “Home per gli ebrei”, quello della risoluzione 181 delle N.U., quello della dichiarazione di indipendenza? quello del 1949, ‘50, ‘67, ‘73? quello degli insediamenti dei coloni o senza? quello con o senza il Muro della Vergogna? quello dello Stato d’Israele o dello Stato Ebraico di Israele? O quello del sospirato Grande Israele. 2. la seconda risposta è una domanda: ma lei è contro la sopravvivenza del popolo palestinese e su quale terra?”

Per un ritorno all'umano - In questi giorni, in cui gli italiani sono scossi e senza parole, per la crisi economica e per gli eventi sempre più drammatici che stiamo vivendo, stanno ritornando in auge discorsi contrari al senso di comune appartenenza alla specie umana. Nord contro sud, est contro ovest... Anche nel piccolo la separazione e lo scollamento sociale divengono più evidenti... mentre la comunità sembra aver  perso la capacità di esprimere solidarietà  e collaborazione. Ciò avviene persino fra compaesani.. tutti sono oggi percepiti alieni  da ognuno di noi. Perciò è evidente che lo "straniero" è addirittura visto come un invasore e questo comporta uno scontro continuo fra le parti. Extracomunitari che si coalizzano contro gli italiani ed il contrario. Come si può in tal modo costruire una società umana decente? - Continua: http://www.pressenza.com/it/2016/07/un-ritorno-allumano/

Chi è “dio”? - Scrive Stefano Panzarasa.: “...appena tocchi la parola Dio tutti si irritano... Eppure dietro il Dio patriarcale delle religioni monoteiste c'è la violenza alla natura, le donne e gli animali. E' così strano che le persone normali non...” - Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2016/07/14/chi-e-%E2%80%9Cdio%E2%80%9D-e-maschio-o-femmina-esiste-o-non-esiste-e-quale-il-sesso-degli-angeli-discussione-teologica-canicolare/

Mio commentino: “Dio deriva dal sanscrito dyaus; "brillare", "emettere luce", "splendore". Dal sanscrito Dyaus a Deus il passo è breve. La trasposizione della divinità al maschile, con l'esclusione del femminile, è una invenzione giudea, fatta propria dal cristianesimo e dall'islamismo.” - Continua in calce al link soprastante

Commento di Caterina: “Quanto vi piace chiacchierare. Dio, Dea... scusate, ma chi ha detto che se c'è una forza superiore che ha dato origine all'universo o che lo governa, questo debba essere identificato come un essere maschile o femminile? Secondo me tutte e due le opzioni sono fallaci, questa forza non può avere una forma, un nome e così tanto meno un sesso. Non ha senso disquisire sul sesso degli angeli, figuriamoci su quello di una (eventuale) divinità!” - Continua in calce al link soprastante

Schiavi senza catene. Recensione – Scrive Andrea Bizzocchi: “Il mondo-Matrix in cui viviamo ha una caratteristica precipua a cui la maggior parte della gente però non fa caso. Tutti, o quasi, di questo mondo-Matrix si lamentano, ma nessuno, o quasi, si assume la responsabilità della propria Vita, il che, indipendentemente dalla situazione contingente in cui ci troviamo, equivale ad essere uomini liberi. Non ci sono catene che ci tengono schiavi, ma solamente quegli schemi di pensiero a cui..” - Continua:

Simboli. Scoperte archeologiche importanti – Scrive Times of India: “..Sono scoperte brillanti che ci aiuteranno a dimostrare che la civiltà indiana è molto più antica di quello che è scritto nei libri di storia," ha detto il capo dei ricercatori indiani che hanno fatto questa scoperta. La svastica, il simbolo della pace e della continuità che Adolf Hitler prese a rappresentare la sua teoria della supremazia della razza ariana, è più vecchia di quanto si pensasse e potrebbe avere almeno 11.000 anni...”

Symbola. Materiali disponibili – Scrive Franco Capponi: “A conclusione del “Soft economy-Festival delle qualità italiane” e del Seminario estivo di Symbola, svoltisi a Treia dal 6 al 9 luglio scorsi, riteniamo di fare cosa utile e gradita nel comunicare che tutti i materiali sono a disposizione e sono scaricabili, come indicato di seguito...” - Continua: http://treiacomunitaideale.blogspot.it/2016/07/treia-tutti-i-materiali-di-symbola-del.html

Montecassiano. Concerto – Scrive Corale Piero Giorgi: “Siete invitati il 15 luglio, alle ore 21.15, al concerto/spettacolo "Bacchi Venersique Nox", regia Sauro Savelli. Una serata di canti medioevali, letture, giocoleria ... e anche goliardia, il tutto nella splendida cornice del Piazzale del Girone, nel centro storico di Montecassiano”

Soluzione partecipativa basata sul consenso – Scrive Mario Cecchi: “..a causa dei processi vitali che si stanno compiendo causati dal comportamento irresponsabile dell’uomo o non, ma ci troveremo davanti a situazioni ove non ci saranno più istituzioni o partiti che potranno garantire la sopravvivenza, l’ordine, i consumi a cui siamo abituati, sia pure ingiusti, autoritari e soprattutto dissipativi delle risorse come fossero illimitate; ma ce la dovremmo cavare da soli unendoci, autogestendoci, mettendo in atto la democrazia partecipativa basata sul consenso...” - Continua: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2016/07/soluzione-partecipativa-basata-sul.html

Partecipo e vi lascio, ciao, Paolo/Saul

…......................

Pensieri poetici del dopo Giornaletto:

“L'universo non può esser considerato come una raccolta di parti indipendenti, come le pennellate in un quadro impressionista.. È un ologramma, una rete dinamica di eventi in correlazione, in cui ogni parte della rete determina la struttura della totalità.” (Charles Eliot)

…................

"Il corpo contiene l’anima, la materia contiene la mente, il mondo contiene il paradiso, la polvere la divinità. Devi scoprirlo, e il primo passo verso quella scoperta è l’accettazione di se stessi, la gioia di essere se stessi." (Osho)




Nessun commento:

Posta un commento