Saul Arpino ritorna…


Avete visto quella faccia della foto in vetrina… chi è quello, sono forse io?
Potrei dire di sì ed anche di no…. Sono io per le convenzioni del mondo, non sono io perché l’io non può essere fissato ad un’immagine momentanea e mutevole.
Quell’io che vedete è un attore che recita in una commedia, in un certo senso non ha nome né forma precisa, come tutti gli attori che possono interpretare vari ruoli.
Ma il mio vero “io” non si manifesta solo nei ruoli ma nella sceneggiatura, nei costumi, nelle parti comprimarie, nella musica, nella regia, nelle luci, negli spettatori… eccetera…


Volendo però dargli un nome chiamerò quell’io Saul Arpino. Un nome inventato? Forse sì e forse no.. il nome potrebbe esistere od avrebbe potuto esistere… mio nonno –ad esempio- avrebbe potuto chiamarsi così… poi per motivi banali, di sopravvivenza bruta, prese a chiamarsi Paolo D’Arpini… ed io voglio seguire il suo esempio -ma al contrario- cambio nome e divento Saul Arpino, perlomeno su questo blog.


A proposito di blog… sentivo il desiderio di crearmi un piccolo palcoscenico sul quale recitare alcune parti che non mi sono consentite in altri spazi. Da questo luogo, che forse mi riporta indietro nel tempo, un ritorno ai dinosauri del passato remoto oppure verso un avanti sconosciuto, non so, mi prenderò la libertà di raccontare e mostrare agli accorti lettori alcune segrete immagini dell’essere… di quel che io sono o non sono, descrivibile o indescrivibile…..


Vostro affezionato, Saul Arpino.

venerdì 22 luglio 2016

Il Giornaletto di Saul del 23 luglio 2016 – Macerata: CGIL e riforme costituzionali, un Mahdi è per sempre, false flag sul terrorismo e media, vedere la morte, Maha Prajna Paramita Sutra...



Care, cari, CGIL e sufi uniti contro le riforme del renzie... Ieri mattina ho accompagnato Lorenzo in una serie di incombenze di lavoro sindacale. Siamo partiti alle 8 per andare a Casette Verdini di Pollenza, dove c'è un ufficio distaccato. Questa borgata è veramente un posto allucinante tutte palazzine dormitorio messe in fila, non c'erano negozi o bar, se non raggiungibili con la macchina, e l'ufficio (che è anche un centro sociale per anziani) era posizionato in modo da restare tutto assolato e non si respirava da quanto l'aria era calda. Così mi sono sistemato in un piccolo giardinetto (pochi metri quadrati di verde) che stava lì a fianco. C'era ombra sotto un olivo ed ho letto nell'attesa un po' di storie sufi. Per l'atmosfera irreale nella quale mi trovavo ho percepito anche un maggiore significato e insegnamento da quelle storie, tant'è che quando Lorenzo è venuto a chiamarmi per dirmi che era ora di ripartire mi è quasi dispiaciuto. Siamo quindi andati a Macerata dove la CGIL aveva organizzato un seminario sulle riforme costituzionali che si teneva nella sede della Provincia. Ho apprezzato molto le considerazioni fatte dai relatori e sono stato contento di vedere che con grande moderazione sono state illustrate le pecche antidemocratiche delle riforme volute dal renzie. Ogni possibile dubbio su cosa votare al referendum di ottobre è stato così fugato, indipendentemente o meno dallo scorporo dei diversi punti o dalle modifiche che si vorrebbero ora apportare alla legge elettorale Italicum, il mio no è garantito! Qui di seguito vogliate visionare il video che è stato girato durante il seminario... - Continua: http://treiacomunitaideale.blogspot.it/2016/07/da-treia-macerata-per-il-seminario.html

La gaffe di Di Maio sulla lobby dei malati di cancro – Scrive Lorenzo Pastore: “Il povero Di Maio ha usato una frase infelice ma occorre conoscere il problema per capire. Per i malati tumorali ci sono enormi finanziamenti che vanno SOLTANTO nelle tre direzioni obbligate permesse dalla legge : chemioterapia chirurgia radioterapia. Le lobby operano a tutti i livelli, ovviamente, per inserire i pazienti, anche se non necessario, in uno di questi filoni al fine di incassare il relativo compenso. Per questo non è possibile usare metodi alternativi . Ovviamente rompendo questo circolo vizioso mantenuto dai politici e burocrati corrotti sarebbe possibile un miglior metodo di cura con il sollievo per i poveri malati. L'accaduto faccia ragionare il M5S in modo che i loro parlamentari possano cambiare il ladrocinio esistente...”

Mio commentino: “Posso confermare, avendolo sentito su un radio giornale nazionale, mentre viaggiavo ieri mattina con Lorenzo verso Casette Verdini, che è stata data un'importanza eccessiva a questa gaffe di Di Maio. Una gaffe sicuramente strumentalizzata dai media di regime, cosa che mai avviene per le gaffe del renzie e compari”

Ci sarà sempre un Mahdi... - Scrive Vincenzo Mannello: “...Continuando in questo modo, esportando con la forza il nostro "modello di democrazia", distruggendo di fatto tutto e tutti, avremo magari petrolio e gas per altri decenni, venderemo prodotti occidentali anche alla Croce Rossa ed all'Unicef, piazzeremo armi favorendo crimini sempre più orrendi ma avendo una sola certezza: potremo magari spazzar via il "Mahdi" di oggi, il Califfo di Mosul e Raqqa, ma ne nascerà sempre un altro... - Continua: http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2016/07/un-califfo-tira-laltro-dai-tempi-del.html

Commento di dom Helder Camara: «… sovente, quando leggo il racconto dei discepoli di Emmaus, penso alla nostra responsabilità di fronte a quelli che sono forse sull’orlo della disperazione! Non siamo nati né per il dolore né per la morte. Siamo nati per la vita, per la gioia»

Suonare lasciando fare alle mani – Scrive Vincenzo Zamboni: “...questa attenzione interiorizzata delle dita abituate e riflettere e sentire in una frazione di secondo se siano appoggiate sul tasto giusto o no, escludendone il suono nel caso di errore, permette di evitare anche l'inconveniente locale, semplicemente eliminando una nota. Certamente rimane vero che "Ci sono più cose tra cielo e terra che nella tua filosofia" (Shakespeare)...” - Continua: http://retedellereti.blogspot.it/2016/07/non-sbagliare-la-musica-lasciando-fare.html

Maria Maddalena ed il cristianesimo Gnostico – Scrive F.C. a commento dell'articolo http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2015/03/maria-maddalena-la-sposa-la-conoscenza.html -: “Il cristianesimo gnostico è a tutti gli effetti una via di liberazione (non una religione in senso moderno) attraverso la riunificazione degli opposti, cioè attraverso l'Eros. Infatti nella planimetria delle prime chiese cristiane, planimetria che è rimasta intatta fino alle costruzione trecentesche pur perdendo il significato originale, vi era una cripta nascosta (il "santo dei santi" nel linguaggio criptico del Vangelo di Filippo) che fungeva da "camera nuziale" dove il sacerdote e la sacerdotessa (iniziato e iniziata) praticavano il sesso sacrale.”

Se il terrorismo è sponsorizzato dai media – Scrive Adriano Colafrancesco: “Bastano e avanzano gli strombazzamenti imbecilli e in mala fede della televisione pubblica, che gioca al gioco del terrore, disattendendo totalmente la funzione di servizio pubblico a cui, in teoria, sarebbe preposta! Capisco l’esigenza dell’audience. Capisco la tradizione degli strilloni delle notizie, ma stiamo parlando di terrorismo, ca….volo!” - Continua: http://paolodarpini.blogspot.it/2016/07/se-il-terrorismo-e-sponsorizzato-dai.html

Commento di V.Z.: “..."Perfetto" originariamente significa "completamente compiuto" (pensate al tempo verbale latino). Il che se fosse davvero dato corrisponderebbe alla completa stasi (niente più è comprensibile), quindi equivalente al non esistente, quale impercepibile. Dal che sospetto che "la perfezione non è di questo mondo" sia qualcosa di più di un semplice enunciato: una informazione veritiera...”

Nuovo attentato a Monaco di ieri pomeriggio: “La Farnesina raccomanda a tutti gli italiani residenti o turisti di Monaco a non muoversi da casa o ufficio, sino al dichiarato cessato allarme. Sparatoria a Monaco‬ di Baviera: Unità di Crisi attivata. In corso verifiche con Consolato Generale, è possibile contattare l’Unità di Crisi al numero 06.36225 attivo H24 o scrivere all’indirizzo email: unita.crisi@esteri.it

Se la comunicazione aiuta l'ambiente – Scrive Arpat: “Sta proseguendo il programma di iniziative promosso dal Gruppo di lavoro "Comunicazione" per costruire un tessuto comune di conoscenze ed esperienze fra i comunicatori delle agenzie ambientali, che può favorire l'obiettivo della integrazione della comunicazione del Sistema nazionale per la protezione dell'ambiente (SNPA), ora istituito formalmente con la legge..” - Continua: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2016/07/la-comunicazione-scientifica-talvolta.html

Dio. Vegetariani ed atei – Scrive Stefano Panzarasa a commento dell'articolo https://paolodarpini.blogspot.it/2016/07/lateismo-e-la-religione-piu-indicata.html?showComment=1469204215314#c7599501689786892348 -: “Ho letto con curiosità e stupore il lunghissimo articolo di Libero Manco su Dio. Credo che Thomas Khunn (l'ideatore del concetto di cambio di pardadigma e di come a volte le menti migliori possano dare il meglio - o il peggio - di sé per contrastare il nuovo paradigma) sarebbe estasiato nel vedere convalidata la sua teoria (comunque ormai già universalmente approvata) leggendo il grandissimo sforzo di Libero Manco per cercare di dare ancora una giustificazione all'esistenza di Dio (mettendo in mezzo persino gli atei...). “ - Continua in calce al link segnalato

Nizza. L'attentato studiato – Scrive Federico Dezzani: “Come si organizza un attentato falsa bandiera come quello di Nizza? La risposta più plausibile è il ricorso alla tecnica adottata a Piazza Fontana nel dicembre del 1969: ad un primo livello, quello delle pedine inconsapevoli dell’attentato in preparazione, è sovrapposto un secondo livello, quello dei servizi segreti che scelgono l’obiettivo e organizzano l’operazione, nascosti dietro le quinte. Mohamed Lahouaiej Bouhlel, il tunisino “violento”, “instabile”, “donnaiolo”, “bisessuale”, svolge nella strage della Promenade des Anglais lo stesso ruolo dell’anarchico e ballerino d’avanspettacolo, Pietro Valpreda, nell’attentato di Piazza Fontana: un semplice capro espiatorio...” - Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2016/07/22/nizza-lattentato-studiato-il-tunisino-bouhlel-come-l%E2%80%99anarchico-valpreda/

Commento di G.C.: “A parte le stranezze di oggi dove chiedono di distruggere i video e l'abbassamento della guardia a due sole pattuglie di polizia municipale armata di sola pistola per autodifesa. Cosa ti spinge a dire e attraverso quali elementi che al momento mi sfuggono per affermare che è un false flag? Ci sono troppe supposizioni e analogismi, non vedo le connessioni... “

Mia rispostina: “...certo si viaggia in mezzo a mille congetture... come facciamo ad essere sicuri di quel che è avvenuto realmente... Dezzani fa delle supposizioni, per certi versi anche ragionevoli e realistiche. Non so, mi astengo da giudizi”

Vedere la morte – Scrisse Osho: “Hai visto la morte… Pensi di averla vista, perché la morte può essere vista solo in profonda meditazione, dove si dissolve come si dissolve l’oscurità quando fai luce. Ma tutti pensano di aver visto la morte solo perché hanno visto qualcuno morire. Vedere qualcuno morire non significa vedere la morte, perché ciò che accade nella persona è invisibile per te. Sta solo cambiando casa...” - Continua: https://circolovegetarianotreia.wordpress.com/2016/07/22/osho-la-morte-fa-paura-perche/

Oltre lo specchio – Scrive Peppe Sini: “La nostra percezione è alterata, la nostra coscienza offuscata, la nostra mente inceppata. Torniamo a vedere la realtà, a sentire l'empatia e la responsabilità, a pensare secondo logica, etica e politica...”

Maha Prajna Paramita Sutra - La forma non è differente dal vuoto, il vuoto non è differente dalla forma. Forma è vuoto, vuoto è forma. Ciò vale anche per gli altri quattro elementi: sensazione, percezione, discriminazione, coscienza...” - Continua:

A tocchi e bocconi, rinunciando alla passeggiata serale sono riuscito ad accroccare anche oggi un Giornaletto decente. Ciao a tutti, Paolo/Saul

….....................

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

“I piani congegnati nelle epoche di buongoverno rappresentano la preparazione per quelle del disordine” (Yamamoto Tsunetomo)




Nessun commento:

Posta un commento