Saul Arpino ritorna…


Avete visto quella faccia della foto in vetrina… chi è quello, sono forse io?
Potrei dire di sì ed anche di no…. Sono io per le convenzioni del mondo, non sono io perché l’io non può essere fissato ad un’immagine momentanea e mutevole.
Quell’io che vedete è un attore che recita in una commedia, in un certo senso non ha nome né forma precisa, come tutti gli attori che possono interpretare vari ruoli.
Ma il mio vero “io” non si manifesta solo nei ruoli ma nella sceneggiatura, nei costumi, nelle parti comprimarie, nella musica, nella regia, nelle luci, negli spettatori… eccetera…


Volendo però dargli un nome chiamerò quell’io Saul Arpino. Un nome inventato? Forse sì e forse no.. il nome potrebbe esistere od avrebbe potuto esistere… mio nonno –ad esempio- avrebbe potuto chiamarsi così… poi per motivi banali, di sopravvivenza bruta, prese a chiamarsi Paolo D’Arpini… ed io voglio seguire il suo esempio -ma al contrario- cambio nome e divento Saul Arpino, perlomeno su questo blog.


A proposito di blog… sentivo il desiderio di crearmi un piccolo palcoscenico sul quale recitare alcune parti che non mi sono consentite in altri spazi. Da questo luogo, che forse mi riporta indietro nel tempo, un ritorno ai dinosauri del passato remoto oppure verso un avanti sconosciuto, non so, mi prenderò la libertà di raccontare e mostrare agli accorti lettori alcune segrete immagini dell’essere… di quel che io sono o non sono, descrivibile o indescrivibile…..


Vostro affezionato, Saul Arpino.

domenica 27 marzo 2016

Il Giornaletto di Saul del 28 marzo 2016 – Papa bencoglio baciapiedi, acqua dal cielo, gruppo igienista, divini inganni a Macerata, come imparai ad amare la Troika, pasqua pasquino pasquetta e pasquinata...



Care, cari, ecco un esempio di falsa umiltà... insito nel gesto compiuto dal papa bencoglio: “...giovedì santo il santo padre ha lavato e baciato i piedi di 11 clandestini ed a una operatrice del CARA (Centro accoglienza richiedenti asilo). Noi ci permettiamo di dire a Papa Francesco che lavare i piedi a un musulmano si presta quantomeno a un grosso fraintendimento. Nel corso di 1500 anni i cristiani hanno subito il più colossale genocidio della Storia per mano dei musulmani. Erano il 98 per cento della popolazione sulla sponda meridionale e orientale del Mediterraneo nel Settimo secolo, mentre oggi si sono assottigliati al 3 per cento. Dal punto di vista di chi concepisce l'islam come l'unica vera religione e condanna l'ebraismo e il cristianesimo come delle eresie da sopprimere, se il capo della più cospicua comunità cristiana al mondo bacia i piedi di un musulmano, ciò viene percepito come un atto di sottomissione all'islam...” - ( Magdi Allam)

Commento di Alfredo D'Ecclesia: “Noi, inoltre, ci permettiamo di ricordare a Papa Francesco che Gesù lavò i piedi solo ai suoi discepoli, ai suoi più stretti adepti, a chi credeva in lui, a chi era stato investito della missione di tramandare e diffondere il suo Verbo dopo la sua morte terrena. Non li lavò a chi lo perseguitava e a chi si apprestava a condannarlo a morte...”

Integrazione del Dalai Lama: “Ci sono giorni in cui penso che sarebbe meglio se non ci fossero le religioni. La conoscenza e la pratica della religione sono state utili, questo è vero per tutte le fedi. Oggi però non bastano più, spesso portano al fanatismo e all'intolleranza e in nome della religione si sono fatte e si fanno guerre. Nel 21° secolo abbiamo bisogno di una nuova etica che trascenda la religione...”

Mio commentino: “Forse il Dalai Lama allude alla Spiritualità Laica?”

L'albero che prende acqua dal cielo - Scrive Claudio Martinotti Doria: “...un architetto italiano ha creato una semplice struttura di nylon e giunchi che cattura l'acqua nell'atmosfera risolvendo il problema della siccità nel Corno d'Africa. Ennesima conferma della genialità italica e del genere umano, quando ci si dedica liberamente senza subire interferenze, alla ricerca di soluzioni ai problemi , partendo ovviamente da un minimo di basi tecnico scientifiche... – Continua: http://paolodarpini.blogspot.it/2016/03/etiopia-e-lalbero-che-prende-lacqua-dal.html

Mio commentino: “...veramente geniale e risolutivo questo procedimento per la raccolta dell'umidità notturna... realizzato da Arturo Vittori, un architetto vero...”

Presentazione igienista – Scrive Stefano Cultrera: “Ciao Caterina, ti scrivo perché ho ricevuto una mail di una persona, che ha letto del gruppoigienista sul "Giornaletto di Saul" e che pensava che il gruppo si occupasse di questioni animaliste ed avesse un posto di incontro-riunione fisico. Ho chiesto a Daniele Bricchi se aveva mandato la presentazione del gruppo a Paolo D'Arpini, lui mi ha risposto di no e che eri stata tu. Non so cosa c'è scritto esattamente sul blog "Giornaletto di Saul", ma per evitare altri possibili equivoci di chiederei di far pubblicare la seguente lettera di presentazione pubblica...” - Continua: http://retedellereti.blogspot.it/2016/03/stefano-cultrera-il-gruppo-igienista-si.html

Palmira. Libera, finalmente – Scrive La Repubblica: “Le forze governative siriane hanno riconquistato la mattina del 27 marzo 2016 la città di Palmira,  infliggendo una sconfitta significativa allo Stato islamico che controllava la città nel deserto dal maggio dello scorso anno. La notizia è stata confermata dai media e gruppi di monitoraggio. Una televisione siriana ha citato una fonte militare sostenendo che l'esercito e i suoi alleati hanno preso "il completo controllo sulla città"

Commento di Giulietto Chiesa: “Palmira è riconquistata dall'esercito di Damasco. Daesh è in fuga. La Russia rende noti gli inequivocabili documenti che testimoniano il traffico petrolifero tra Turchia e ISIL. Il risultato è che l'Europa, per bocca della Mogherini, annuncia che in caso il negoziato per la pacificazione non andasse in porto, .... verranno decise nuove sanzioni contro la Russia. Siamo al delirio. C'è solo da sperare che la signora stia delirando da sola e non in compagnia di tutta l'Europa di Bruxelles...”

Integrazione di Sputnik: “Gli aerei di Russia e Siria hanno compiuto raid in tre direzioni, verso cui i terroristi islamici cercano di ritirarsi da Palmira. Le forze aeree russe e siriane hanno attaccato gli ultimi drappelli del Daesh che cercavano di fuggire dalla città, segnala l'agenzia "Sana" citando una fonte dell'esercito di Damasco...”

Microrganismi Effettivi – Scrive Claudio Cagnolato: “La tecnologia EM è un acronimo che in italiano sta per Microrganismi Efficaci (e/o Effettivi), questa tecnologia si sta affacciando in Italia in questi ultimi anni anche se è una tecnologia che ha già quasi 40 anni di storia dalla sua scoperta da parte del Prof. Teuro Higa. ...” - Continua: https://circolovegetarianotreia.wordpress.com/2016/03/27/treia-abstract-sulla-em-tecnologia-che-viene-presentata-il-23-ed-il-24-aprile-2016-durante-il-forum-del-lavoro-bioregionale-e-la-festa-dei-precursori/

Mio commentino: “Una introduzione sui microrganismi effettivi verrà anticipata durante la tavola rotonda sul “Forum del lavoro bioregionale sostenibile” che i tiene nella sala consiliare del comune di Treia alle ore 16.00 del 23 aprile 2016. Una più ampia spiegazione verrà fornita la mattina del 24 aprile 2016, alle ore 11.30, durante la prima giornata della Festa dei Precursori,  alla Talea Onlus di Treia.”

Norvegia. Il “buon” esempio – Scrive Alfredo: “I musulmani che vivono in Norvegia ora chiedono uno stato islamico separato e minacciano azioni terroristiche se le loro richieste non saranno soddisfatte. La Norvegia ha già completato la fase 3 dell’islamizzazione. Quanto segue spiega le tre fasi - Continua: http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2016/03/norvegia-sia-di-esempio-i-musulmani-di.html

Mio commentino: “Non posso far altro che riportare quanto già precedentemente detto: Musulmani per sempre - http://paolodarpini.blogspot.it/2016/01/musulmani-per-sempre-lintegrazione-e.html

Giappone. Muslim free – Scrive Cristiano Ruzzi: “Come mai non si sente mai dire che in Giappone ci sono stati attentati musulmani? La soluzione a tale domanda è tanto semplice, quanto efficace: il Giappone è semplicemente chiuso ai musulmani, non nel senso che sono banditi, ma che il numero di permessi date alle persone provenienti dai Paesi islamici è molto basso. Ottenere un visto di lavoro non è facile per chi profeta la religione di Maometto, anche se sono fisici, ingegneri e manager mandati da compagnie straniere che sono attive nella regione. Come risultato, il Giappone è un Paese muslim free...”

Isis = $ - Scrive S.G.: “...Isis non farà mai nessuno attentato nelle istituzioni governative perché dopo non sarà più finanziata con armi e bombe dai poteri forti..”

Siria. Gli interessi “altri” – Scrive Caroline Hayek: “Ecco gli stereotipi sulla guerra siriana duri a morire: 1. La guerra in Siria è una guerra di religione. Una guerra di religione è una guerra che contrappone i sostenitori di religioni diverse. Ma anche se l’aspetto confessionale del conflitto siriano non può essere ignorato, non si può parlare di una guerra di religione. La tesi di un semplice scontro tra la maggioranza sunnita e la minoranza dirigente alawita non ha alcun fondamento concreto...” - Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2016/03/27/unopinione-altra-la-guerra-di-siria-non-e-quella-che-raccontano/

Commento di L.G.: “...quello che mi sento di dire riguardo la complessità di interessi che ci sono in campo, ritengo doveroso e onesto analizzare cosa è adesso, l'opposizione dei tagliagole al regime di Assad, e non cosa sarebbe potuto e dovuto essere; su questo vedo molte analogie con piazza Maidan, nessuno mette in dubbio che ci fossero spontanee manifestazioni contro un regime corrotto, ma i conti si fanno con chi ha adesso l'egemonia di quel paese e sono gli USA; quello che manca in questa sintesi e l'ordine superiore che prevale sugli interessi regionali e si chiama guerra contro il mondo multipolare”

Macerata. Divini inganni a Palazzo Buonaccorsi – Scrive Lucia Nardi: “Questa passeggiata, accompagnata da Lucia Tancredi, non vuole essere una visita guidata alle opere contenute nel museo, ma bensì di un piccolo viaggio attraverso i miti che affrescano i soffitti e le volte delle sale. Gli dei e i loro inganni, sono loro i protagonisti del racconto, un percorso da fare con il naso all’insù per vedere e sentire le storie di Amore e Psiche , Romolo e Remo, Giove e Giunone, Teseo e Didone, Venere, Enea, Ercole e tanti altri...” - Continua: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2016/03/macerata-3-aprile-2016-divini-inganni.html

Roma. Natale con giuramento – Scrivono Domenico Faccini, Orazio Fergnani e Giorgio Vitali: “Un vincolo profondo unisce il “giuramento profetico” di Simón Bolívar del 15 agosto 1805 con il giuramento della plebe romana sul Monte Sacro, dopo la secessione del 494 a.C. (2500 anni or sono!). Questi giuramenti segnano l’inizio e il fondamento delle lotte e delle istituzioni per la difesa della libertà della patria e dei cittadini, nell’antichità e nell’età moderna. Il vincolo tra il giuramento plebeo e quello bolivariano è storicamente assicurato, durante l’epoca della Rivoluzione francese, dall’idea del “Monte Sacro”, anticipazione di quella dello sciopero generale. Il 21 aprile 2016 saremo a Roma, in Via Falterona, sul parco del Monte Sacro, dalle ore 11 alle 14, per commemorare e ripetere il Giuramento, davanti al busto di Simon Bolivar”

2020. La fine del mondo? Parecchi anni fa aiutai l'amico Peter Boom a rendere in italiano “2020 - Il nuovo Messia” un libricino di fanta-ecologia in cui si immagina la fine del mondo in seguito ad una serie di catastrofi ecologiche causate dall'uomo. A quel tempo, primi anni '90 del secolo scorso, già facevo parte del nascente filone bioregionale e della “deep ecology” (come allora si diceva), e trovai interessanti le tesi di Peter, che immaginava un goffo tentativo da parte dei potenti di salvarsi dalla distruzione planetaria per mezzo di “una nuova arca” (che accogliesse loro stessi e le loro donne) e finì miseramente in un boato atomico autodistruttivo...” - Continua: http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2016/03/2020-il-nuovo-messia-e-la-fine-del-mondo.html

Il futuro che ci aspetta – Scrive Nature Geoscience: “The planet is going to react sooner or later since the amount of CO2 that’s being released into the atmosphere is ten times higher than the historical maximum. There will be devastating consequences for all earthlings, and unless we manage to surpass this transition phase that we find ourselves into, we may go extinct just like the dinosaurs and other species before us...”

Europa. Ovvero: “...come imparai ad amare la Troika” – Scrive Giuseppe Bruzzone: “...l'europeismo guerrafondaio spiega ai popoli del continente che per avere sicurezza a qualche diritto bisognerà pure rinunciare, qualche altro intervento militare lo si dovrà pure fare. L'europeismo vuole bruciare le tappe per diventare come gli Stati Uniti, ma di quel paese pare invidiare soprattutto Guantanamo e i droni. E naturalmente le multinazionali...” - Continua: http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2016/03/porte-spalancate-al-manicomio-europa.html

Bene, anche pasqua è passata ed il Giornaletto oggi è pasquetto (noi non facciamo mai sciopero, avete notato?!). Pasquinate e saluti da Paolo/Saul

…...................................

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

“La liberazione è vedere la vita come una farsa e percepire che tu (l'io senza il minimo tocco di oggettività) non puoi essere un'entità di nessuna forma o nome, di nessun genere. La liberazione è percepire che gli oggetti senzienti sono parte della manifestazione del fenomeno totale, senza identità separate, che ciò che 'io' sono è la capacità senziente in tutti gli esseri senzienti, la presenza conscia come tale.” (Nisargadatta Maharaj)


Nessun commento:

Posta un commento