Saul Arpino ritorna…


Avete visto quella faccia della foto in vetrina… chi è quello, sono forse io?
Potrei dire di sì ed anche di no…. Sono io per le convenzioni del mondo, non sono io perché l’io non può essere fissato ad un’immagine momentanea e mutevole.
Quell’io che vedete è un attore che recita in una commedia, in un certo senso non ha nome né forma precisa, come tutti gli attori che possono interpretare vari ruoli.
Ma il mio vero “io” non si manifesta solo nei ruoli ma nella sceneggiatura, nei costumi, nelle parti comprimarie, nella musica, nella regia, nelle luci, negli spettatori… eccetera…


Volendo però dargli un nome chiamerò quell’io Saul Arpino. Un nome inventato? Forse sì e forse no.. il nome potrebbe esistere od avrebbe potuto esistere… mio nonno –ad esempio- avrebbe potuto chiamarsi così… poi per motivi banali, di sopravvivenza bruta, prese a chiamarsi Paolo D’Arpini… ed io voglio seguire il suo esempio -ma al contrario- cambio nome e divento Saul Arpino, perlomeno su questo blog.


A proposito di blog… sentivo il desiderio di crearmi un piccolo palcoscenico sul quale recitare alcune parti che non mi sono consentite in altri spazi. Da questo luogo, che forse mi riporta indietro nel tempo, un ritorno ai dinosauri del passato remoto oppure verso un avanti sconosciuto, non so, mi prenderò la libertà di raccontare e mostrare agli accorti lettori alcune segrete immagini dell’essere… di quel che io sono o non sono, descrivibile o indescrivibile…..


Vostro affezionato, Saul Arpino.

giovedì 23 ottobre 2014

Il Giornaletto di Saul del 24 ottobre 2014 – Libri al baretto del Grottino, Bioregionalisti pronti, questione linguistica, jainisti vegetariani, il gioco di Sion, scienza inquisitoria



Care, cari, ieri sera al baretto del Grottino di Treia ho partecipato all'inaugurazione della nuova iniziativa “Libri in Circolazione” per promuovere la lettura e lo scambio gratuito di libri. Giovanna, la barista, ha creato un bell'angoletto vicino alla finestra con vista sull'Arena del Gioco col Bracciale, verso il lato mare sul promontorio del Conero. Certo ieri sera non si vedeva nulla fuori, però l'idea che ci fosse una bel panorama aiutava. Malgrado la pioggia a battente ed il ventaccio una decina di persone sono intervenute ed i libri portati abbastanza da riempire la scaffalatura. Ecco, l'iniziativa è partita con successo, il proverbio dice: “Sposa bagnata, sposa fortunata”. Andrea Mozzoni ha scattato una foto di me che sistemo le locandine per la manifestazione del 31 ottobre al Comune (presentazione di Riciclaggio della Memoria), a mia insaputa. Grazie!

Avviso ai naviganti bioregionali. L'8 novembre 2014, ci troviamo a Montecorone di Zocca (in Emilia) per la prima riunione organizzativa del prossimo Collettivo Ecologista del 2015. Al fine di conoscerci meglio ed iniziare a lavorare assieme per l'organizzazione abbiamo pensato di trovarci a casa di Pietro, verso le ore 17, per fare un primo giro di pareri e proposte. I temi che ci stanno a cuore sono quelli della agricoltura contadina, dell'economia solidale, dell'ospitalità e della collaborazione, dell'abitare in comunità, della spiritualità naturale, etc. Per info su come raggiungere il luogo ed altro scrivere a: bioregionalismo.treia@gmail.com

Chi può definirsi bioregionalista? Questo termine non denota una appartenenza etnica bensì la capacità di rapportarsi con il luogo in cui si risiede considerandolo come la propria casa, come una espansione di sé. La definizione diviene appropriata nel momento in cui si vive in sintonia con il territorio e con gli elementi vitali che lo compongono. Infatti chiunque può essere bioregionalista indipendentemente dalla provenienza originaria se si riconosce nel territorio e nella comunità in cui vive. L’approccio bioregionale comprende la visione dell’ecologia profonda e della spiritualità della natura (o laica). Questi tre aspetti sono inseparabili...” - Continua:

Grazie renzie – Scrive Giorgio Mauri: “Sono grandi i meriti del quizzaiolo fiorentino! Dalla prima apparizione di D'Alema era chiaro che la sinistra fosse già stata sepolta viva. Dal trio Forlani Craxi Andreotti si capì subito che la democrazia, in Italia, era finita. Eppure sono milioni gli italiani che non vogliono credere a questa evidenza, e che pensano di votare a sinistra dando il proprio consenso al PD, o a SEL (e prima a Bertinotti). Renzi ha avuto il merito di far capire a quasi tutti (ci sono ancora civatiani e qualche altro macaco che resistono nella loro gabbia di sogni - civatiani sì, ma Civati no! lui sa benissimo come stanno le cose) che la sinistra, in questo paese, non esiste, e che PD e PDL sono due facce della stessa medaglia...”

Unioni civili. Il parere cristiano – Scrive Alleanza Cattolica: “L’espressione «unioni civili», come Papa Francesco ha ricordato, comprende «diverse forme», da valutare una per una. Non siamo in linea di principio contrari a testi unici o altri strumenti, i quali elenchino i diritti e i doveri che derivano dalle convivenze, anche omosessuali, ove necessario con aggiustamenti pratici di carattere amministrativo e civile. Siamo invece contrari alle «unioni civili» proposte da Renzi, perché introducono qualcosa che è uguale al matrimonio tranne che nel nome e in un limite posto all’adozione. L’esperienza inglese insegna che queste «unioni civili» dopo qualche anno cambiano nome in «matrimonio» in modo pressoché naturale e indolore....” - Continua: http://retedellereti.blogspot.it/2014/10/la-voce-dei-cattolici-in-merito-alle.html

Roma Laica - Scrive Left: "Sinistra e laicità: Elda Alvigini, Raffaele Carcano, Enzo Marzo, Massimo Fagioli, Filomena Gallo, Alessandro Gilioli. Il 26 ottobre h. 14,30. CARTIERA LATINA, APPIA ANTICA 42 ROMA. Info. enzomarzo@gmail.com"

Piumazzo. Attività associative - Scrive Almo: "Martedì 28 ottobre alle ore 21 assemblea di SpazioAlmo Via dei Mille, 167, Piumazzo, MO. Ordine del giorno: nuove proposte per il 2015; creazione di un calendario mensile. Info. 333.321058"

Arezzo. Giornate mediche dell'ambiente – Scrive ISDE: “Organizzate dall’Associazione Medici per l’Ambiente – ISDE Italia, si svolgeranno ad Arezzo, presso l’Auditorium Pieraccini dell’Ospedale San Donato, le VIII Giornate italiane mediche dell’ambiente dedicate al tema di grande rilevanza ed attualità: Agricoltura e Salute: il caso Pesticidi...” – Continua: http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2014/10/arezzo-24-e-25-ottobre-2014-agricoltura.html

Viterbo e pediatri vegetariani – Scrive Arianna: “Salve, volevo da voi un piccolo aiuto.... sto cercando nella nostra provincia (di Viterbo) un/a pediatra disponibile ad accompagnare il mio bimbo verso uno svezzamento di tipo vegano, avete notizie in merito?”

Mia rispostina: “Gentile Arianna, non siamo più in provincia di Viterbo, comunque le consiglio di prendere contatto con l'ass. Vegana AVA di Roma, con la quale collaboriamo, che saprà darle indicazione adeguate: ava@vegetariani-roma.it”

Questione linguistica. Scrive Anna Maria Campogrande a commento di http://www.circolovegetarianocalcata.it/2014/06/04/anna-maria-campogrande-salvaguardare-la-pluralita-delle-lingue-in-europa-con-particolare-riferimento-allitaliano/ -: “La ringrazio per l’informazione che Lei diffonde sulla questione linguistica europea occultata e trascurata da tutti perché del tutto nuova anche se di un’importanza fondamentale nell’ambito del processo di integrazione dell’Europa. Purtroppo, tutti restano imprigionati negli schemi del colonialismo, dove la lingua è una sola quella dei conquistatori, dei padroni, allorché in seno all’Europa istituzionale che si vuole unita regna il colonialismo linguistico e culturale che, approfittando dell’ignoranza generalizzata sulla questione, è anche agricolo, industriale, economico e finanziario.

Mia rispostina: “Gentile Anna Maria, mi sono sempre interessato al linguaggio ed alla formulazione di concetti sottili. Purtroppo non ho potuto apprendere molte lingue, un po' per pigrizia ed un po' perché sono particolarmente affezionato all'italiano, mia lingua madre. Però ho potuto notare nel corso dei miei viaggi e dell'apprendimento obbligato del francese e dell'inglese, due lingue che ho conosciuto bene per vari motivi anche personali, che le espressioni e la capacità di questi idiomi di trasmettere immagini è decisamente diversa, per tale ragione ritengo che l'Europa debba mantenere una differenziazione linguistica, che è arricchimento culturale e mantenimento di una memoria intelligente. Tanto per fare un esempio le segnalo un mio articolo pubblicato nulla sezione telematica della rivista ecologista AAM Terra Nuova: http://www.aamterranuova.it/Blog/Riconoscersi-in-cio-che-e/Semantica-ed-immagini

Obesi per caso. Scrive Joanna: "Trovo estremamente triste quando una signora per bene dichiara pubblicamente che le persone che sono obese non hanno nessuno da incolpare, ma se stessi, e quindi chiama coloro che sono obesi "stupidi". Qualche volta qualcuno va sovrappeso perché vuole sparire e rendersi invisibile a tutti. Molte persone non scelgono di essere così! Spesso lo sono per disfunzioni ormonali o altre malattie. “Ma che cicciona” non tutti hanno un cervello abbastanza evoluto da capire il significato di questo termine, e la gravità dell'essere considerata una persona inutile, tarda, inetta e "stereotipata". Il sovrappeso può essere un triste ma grave problema.. magari da curare, se ancora possibile.. anzi, in tal caso sarebbe meglio parlare di RIEDUCARE, più che curare. E come ci si sente scoprendo che le persone-amiche, che abbiamo intorno, sono tutto altro? Ci si sente di merda… (per evitare i commenti pietosi, non sto scrivendo di me stessa, non questa volta). C’est la vie"

Jainisti vegetariani e nonviolenti antesignani – Scrive Franco Libero Manco: “Il Giainismo è una corrente religiosa nata all’interno dell’Induismo, fondata nel VI secolo a.C. da Mahavir (che significa il grande coraggioso, colui che ha vinto paura, lussuria, ira, ecc.), un membro dell’alta aristocrazia al tempo dei Veda. Mahavira, contemporaneo di Buddha, dedicò trent'anni della sua vita al benessere di tutte le creature viventi. Si oppose ai sacrifici animali e umani, abolì la divisione in caste e il divieto allo studio per le donne e per le classi povere. Promosse il cammino della nonviolenza (l’Ahimsa,) del distacco, dell'austerità...” - Continua:

Capacità razionali ed intuitive – Scrive Paola Botta Beltramo: “Le capacità razionali servono, a volte, a sviluppare quelle intuitive e solo queste possono aiutare la ricerca metafisica. Lo sviluppo dell’intuizione è aiutato dalla consapevolezza della telepatia che è confermata dalle ricerche della fisica quantistica e da alcuni neuroscienziati per i quali il motto “penso dunque sono” si può mutare ora in “penso dunque siamo” ecc.. ma anche dalle scoperte del dr. Hamer, dall’epigenetica di Lipton, dai campi morfogenetici di Rupert Sheldrake, ecc.”

Medio Oriente. Il grande gioco sionista – Scrive Thierry Meyssan: “Israele può sperare di continuare a giocare sotto il tavolo per provocare nel medio termine l’effettiva divisione dell’Iraq in tre parti. Otterrebbe così un Kurdistan iracheno paragonabile al Sud Sudan che è stato già creato. È tuttavia improbabile che possa collegarvi immediatamente il Nord della Siria. Allo stesso modo, è improbabile che possa spodestare la missione UNIFIL nel Libano meridionale e sostituirla con Al-Qa’ida come ha fatto con la missione UNDOF alla frontiera siriana. Ma in 66 anni Israele ha preso l’abitudine di osare molto spesso per ottenere ogni volta qualcosa in più. In realtà è l’unico vincitore in questa guerra contro la Siria e all’interno della Coalizione. Non solo ha indebolito il suo vicino siriano per lunghi anni, ma è riuscito a costringerlo ad abbandonare il suo arsenale chimico. Così è oggi l’unico Stato al mondo a disporre ufficialmente sia di un arsenale nucleare sofisticato, sia un arsenale chimico e biologico....” - Continua: http://paolodarpini.blogspot.it/2014/10/medio-oriente-geopolitica-ed-il-grande.html

Roma. Scrittura - Scrive Fefè: "Il Gruppo di Scrittura Collettiva propone una lezione-dimostrazione gratuita a Roma, C/O Fefè Editore, Via Antonio Gramsci 48 (int.10/A, piano IV), mercoledì 5 novembre alle ore 18,30. Info: fefe.editore@tiscali.it"

Lotta dura, senza paura – Scrive USB: “Aderire, sostenere e partecipare allo sciopero generale con mobilitazioni locali indetto dall’USB per il 24 ottobre, alla manifestazione nazionale organizzata dalla CGIL per il 25 ottobre e allo sciopero sociale del 14 novembre! Il governo Renzi-Berlusconi spreme una parte crescente della popolazione (lavoratori dipendenti, lavoratori autonomi, pensionati, ecc. con tasse, imposte, tariffe), smantella o peggiora i servizi pubblici (spending review, project financing, privatizzazioni), devasta il territorio (Sblocca Italia), usa il nostro paese come retrovia delle missioni di guerra che il governo USA e i sionisti d’Israele moltiplicano in tutto il mondo. Info. resistenza@carc.it

Ebola. Come non si contrae - Ebola si può prendere solo da persone che hanno già i sintomi della malattia: prima il virus non è presente nei fluidi. Non si contrae se si viaggia in aereo con una persona che poi ha sviluppato i sintomi o attraverso la puntura di una zanzara. Ebola si diffonde solo tra mammiferi e non non ci sono prove dirette che venga trasportato dagli insetti come avviene per esempio per la malaria con le zanzare. Al momento solo uomini, scimmie, primati e pipistrelli possono venire contagiati (e trasmettere) il virus...” - Continua: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2014/10/ebola-il-virus-che-viene-dal-verde.html

Roma. Antitratta - Scrive Alba: "Lotta alla prostituzione per prevenire la tratta di persone e lo sfruttamento sessuale. 28 Ottobre 2014, ore 11-13. Sala Aldo Moro, Camera dei Deputati, ingresso principale – Roma. Info. antitratta@apg23.org"

Inquisizione scientifica e libertà di ricerca - Oggi le “moderne inquisizioni” sono composte dagli stessi scienziati che però rivesto cariche di potere Accademico, politico, economico e decisionale. Oggi la lotta è tra gli “Accademici” con i loro protettori istituzionali e gli scienziati innovatori estranei a tali giochi di potere. Gli innovatori sembrano tutti ciarlatani, come se nulla potesse essere scoperto, da professionisti e scienziati, al di fuori delle università, delle accademie! Se qualcuno affermasse “nessuno può inventare nulla al di fuori di quello che noi diciamo” sarebbe un atteggiamento scientifico, aperto o una formula inquisitoria? - Continua: http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2014/10/inquisizione-scientifica-la-nuova.html

Giustizia e Libertà, sempre! Ciao, Saul/Paolo

…...................................

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

"Ogni volta che incontrate qualcuno, non importa quanto breve sia l'incontro, riconoscete il suo essere, dandogli la vostra completa attenzione? O lo riducete ad un mezzo per un fine, ad una mera funzione o ad un ruolo?
Quale è la qualità della vostra relazione con la cassiera del supermercato, con il guardiano del parcheggio, con il meccanico, con il «cliente»?
Un momento di attenzione è sufficiente. Come li guardate o li ascoltate, c'è una quiete vigile, forse solo due o tre secondi, forse di più. Questo è abbastanza perché possa emergere qualcosa di più reale dei ruoli che giochiamo di solito e con cui siamo identificati. Tutti i ruoli sono parte della coscienza condizionata che è la mente umana. Quello che emerge attraverso l'atto di attenzione è l'incondizionato, chi siete voi nella vostra essenza, al di là del vostro nome e della forma che avete. Non agite più come da copione; diventate reali. Quando quella dimensione emerge dalla vostra interiorità, attira anche la stessa dimensione dall'interiorità dell'altra persona" (Eckhart Tolle).


Nessun commento:

Posta un commento