Saul Arpino ritorna…


Avete visto quella faccia della foto in vetrina… chi è quello, sono forse io?
Potrei dire di sì ed anche di no…. Sono io per le convenzioni del mondo, non sono io perché l’io non può essere fissato ad un’immagine momentanea e mutevole.
Quell’io che vedete è un attore che recita in una commedia, in un certo senso non ha nome né forma precisa, come tutti gli attori che possono interpretare vari ruoli.
Ma il mio vero “io” non si manifesta solo nei ruoli ma nella sceneggiatura, nei costumi, nelle parti comprimarie, nella musica, nella regia, nelle luci, negli spettatori… eccetera…


Volendo però dargli un nome chiamerò quell’io Saul Arpino. Un nome inventato? Forse sì e forse no.. il nome potrebbe esistere od avrebbe potuto esistere… mio nonno –ad esempio- avrebbe potuto chiamarsi così… poi per motivi banali, di sopravvivenza bruta, prese a chiamarsi Paolo D’Arpini… ed io voglio seguire il suo esempio -ma al contrario- cambio nome e divento Saul Arpino, perlomeno su questo blog.


A proposito di blog… sentivo il desiderio di crearmi un piccolo palcoscenico sul quale recitare alcune parti che non mi sono consentite in altri spazi. Da questo luogo, che forse mi riporta indietro nel tempo, un ritorno ai dinosauri del passato remoto oppure verso un avanti sconosciuto, non so, mi prenderò la libertà di raccontare e mostrare agli accorti lettori alcune segrete immagini dell’essere… di quel che io sono o non sono, descrivibile o indescrivibile…..


Vostro affezionato, Saul Arpino.

venerdì 10 ottobre 2014

Il Giornaletto di Saul del 11 ottobre 2014 – Il giardino degli specchi, lotta dura senza paura, la Terra al centro, cambiale sociale, Montecorone, niente sesso a radio Maria, carne frollata



Care, cari – Il Giardino degli Specchi e l'incontro con Sathya Sai Baba – Scrive Tullia Turazzi: “Brevi racconti di vita vera, un cammino straordinario, incredibile e infinita varietà e bellezza dei mondi spirituali, i messaggi di antica saggezza dei maestri e delle gerarchie celesti, racconta dell'estasi e del samadhi. Un libro evocativo che trasmette una sua radianza e frequenza che va oltre le parole. Da leggere tra le righe, oltre le righe, un libro da Sentire...” - Continua: http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2014/10/il-giardino-degli-specchi-lincontro-con.html

Passo di Treia. La Figlia del Sarto – Scrive Maria Lampa: “A Passo di Treia (a 2 km dal bivio di Villa Potenza), vi aspetta con gioia la Talea l'11 ottobre 2014, h. 17.30, per incontrare Lucilla Pavoni che ci riporta poeticamente al passato con il suo libro "La figlia del sarto", per ascoltare Walter Cortella che leggerà alcuni brani, per godere un po' di musica folkloristica con "Li Pistacoppi", per condividere qualche momento di vita, per stare piacevolmente insieme!” info. marialampa@tiscali.it”

Contro il governo renzie/berlusca. Lotta dura senza paura – Scrive Nuovo Partito Comunista Italiano: “La fiducia sulla delega in bianco imposta dal governo Renzi-Berlusconi al Senato non solo indica al di là di ogni ragionevole dubbio quali saranno le “tutele crescenti”, ma ha confermato che chiedere, rivendicare, pretendere da questo governo una politica industriale, diritti, salari, ecc. è un’illusione o un imbroglio. Bisogna dare al paese un governo d’emergenza popolare. ..” - Continua:

Isis e Kobane – Scrive Vincenzo Mannello: “Isis "terroristi", Pkk pure, ed Erdogan "esita", i crociati di BombObama colpiscono ed ammazzano impunemente civili... non è tutto tanto chiaro ed i resoconti sono assolutamente faziosi, basta stare attenti. Kobane è Siria, gentili corrispondenti, ovvero uno stato sovrano con un governo che, piaccia o meno, gode di un notevole consenso popolare. Per Assad curdi ed Isis sono entrambi terroristi. Vorreste che Erdogan bombardasse Damasco? Non lo può fare, le buscherebbe e Putin non lo permetterebbe. Come finirà ? Non so.. vedremo”

Treia. Visita guidata del FAI – Scrive Franco Capponi: “Treia, Napoli, Roma, Milano, Bologna, Venezia, Bari… Itinerari a tema, il 12 ottobre 2014, in oltre 120 città e per ogni percorso visite guidate a cura dei volontari FAI in luoghi speciali e poco conosciuti. "Cercavo la grande bellezza. Non l'ho trovata." dice Jep Gambardella in una famosa battuta del film di Paolo Sorrentino, vincitore dell’Oscar. Ma la grande bellezza ci attende anche dove non ce lo aspettiamo! Per trovare il bello che ci circonda e per raccontarne le sfumature, per trascorrere nel suo segno una giornata di festa, la campagna di raccolta fondi del Fondo Ambiente Italiano, con il FaiMarathon...” - Continua: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2014/10/faimarathon-12-ottobre-2014-in-oltre.html

Mio commentino: "Parteciperò anch'io alla prima passeggiata, quella delle 10 del mattino. Appuntamento (per chi vuole venire con me) in  Piazza della Repubblica  a Treia (davanti al Comune)"

Roma. La Terra al centro – Scrive Giacomo Lepri: “14 Ottobre 2014, dalle ore 16 fino all'aperitivo, nella Casa del Giardinaggio (Via Ardeatina 610) Roma: "LA TERRA AL CENTRO". Esperienze e percorsi comuni in difesa del territorio. Un dibattito caratterizzato da un profilo internazionale che rimane, però, strettamente connesso alle esperienze di tipo locale. Perché i due livelli sono intrecciati, e la scelta di fare un orto è intimamente legata alla sicurezza alimentare...” - Continua: http://retedellereti.blogspot.it/2014/10/roma-14-ottobre-2014-la-terra-al-centro.html

Roma. NATO per la guerra – Scrive Marinella Correggia: “La Nato non ci protegge dalle guerre. Le crea – costringendoci poi a parteciparvi. E’ ora di ripensare la nostra adesione. Ecco la premessa del convegno sulla Nato che la Rete NoWar-Roma terrà l'11 ottobre 2014, presso la Casa delle Donne in via della Lungara 19, Roma. Il convegno si propone di analizzare i gravi rischi ai quali l’adesione alla NATO espone l’Italia e di lanciare una campagna per l’uscita dell’Italia dal patto atlantico, anche a tappe e anche con l’impiego di strumenti legislativi. Info. nowar@gmx.com”

Commento di V.Z.: “Fino al '90 potevamo pensare che la Nato in Italia era inutile; dopo il '91abbiamo avuto la certezza che è ben peggio, è dannosa, costituendo un danno alla pace, coesistenza e cooperazione nel mondo. Un danno contro la vita, dunque. La Nato di fatto è un male da eliminare.”

Formello. Arma Letale – Scrive Orazio Fergnani: “Il libro “Arma Letale … ovvero … Cambiale Sociale” rivisita e riformula concetti che tutti danno per ovvi, scontati, acquisiti ed invece nascondono sfaccettature e personalità del tutto impreviste, impensabili, insospettabili …. La cui scoperta lascerà sbalorditi, frastornati, confusi, ma soprattutto con una profondamente diversa e sconcertante visione della società che ci circonda. Di questo si parlerà nella miniconferenza di presentazione del libro che si terrà venerdì 7 novembre 2014 nel Palazzo Chigi a Formello..” - Continua: http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2014/10/formello-7-novembre-2014-arma-letale.html

Spiritualità e laicità – Scrive Ettore: “Ciao Paolo, stranamente non ho mai avuto paura del dentista, perché ho la brutta abitudine di andarci proprio quando il dente mi fa male parecchio e so che il dentista mi toglierà il dolore. Il tuo laicismo lo sento molto vicino al mio modo di sentire. Non ho mai professato una religione e nemmeno ho intenzione di farlo, non ho mai aderito ad una ideologia o partito politico, anche se non ho rinunciato ad esprimere le mie idee. Non ho mai avuto idoli od eroi in cui identificarmi (non so se è un bene o un male). Mi sono sempre definito ateo, ma dentro di me pareva impossibile che tutto l'universo non avesse un'origine per così dire "divina". Oggi credo che un Dio esista, siamo noi, gli animali, la natura, "il Tutto". Vanto pure con orgoglio una bolla di scomunica, ma questa è una storia lunga...”

Montecorone. Rendez Vous organizzativo - Al fine di conoscerci meglio ed iniziare a lavorare assieme per l'organizzazione del prossimo Incontro Collettivo Ecologista 2015, abbiamo pensato di riunirci Sabato 8 novembre 2014, a casa di Pietro a Montecorone, per fare un giro di pareri e proposte. I temi che ci stanno a cuore sono quelli della agricoltura contadina, dell'economia solidale, dell'ospitalità e della collaborazione, dell'abitare in comunità, della spiritualità naturale, etc.” - Continua:

Giornaletto e deserto – Scrive Franca Oberti: “Ho letto l'accorata lettera scritta da Ettore http://circolovegetarianotreia.wordpress.com/2014/10/09/10-minuti-del-nostro-tempo-davanti-il-deserto/ che ha raggiunto "il mezzo del cammin di sua vita" e, come invece dico io, sta iniziando il "secondo viaggio". Ettore dice di trovarsi davanti il deserto, ma non è forse attraversando il deserto che Mosè ha liberato il suo popolo? E non è il deserto che ha liberato il Cristo? E Sant'Agostino, quali prove ha superato per sentirsi finalmente in pace con se stesso? "Una voce grida: nel deserto troverai... " non importa cosa... intanto attraversalo, caro Ettore! ("chi segue una regola prima o poi la trasgredisce, mentre chi segue la sua vita non può mai fuggire da essa")....”

Giornaletto e deserto 2 – Commento di Roberto Anastagi: “Grazie a Paolo e al suo Giornaletto ho letto il bellissimo messaggio di Ettore. Paolo con le sue esperienze gli ha risposto in un certo modo. Io con le mie esperienze desidero dire ad Ettore di seguitare, senza sosta, a leggere i testi di Krishnamurti e di pensatori che come lui hanno scoperto e capito il vero linguaggio della vita, e se lo desidera gli posso dare un elenco di straordinarie pubblicazioni. Info. omroopa23@gmail.com

Dove arriva il prete... - Scrive Fabrizio Belloni: “Il pretone d’assalto, rifacendosi al sinodo che il gesuita vestito di bianco, Francesco I, ha indetto, indicando fra gli altri temi, anche il comparto “famiglia”, si è sbilanciato nell’affermare che, nella visione della società contemporanea che muta rapidamente, due divorziati cattolici possono anche convivere. E ricevere i sacramenti (eucaristia), a patto che, nel “percorso penitenziale”, si astengano dal sesso. Pensai che avevo capito male, attento alla guida. Ma il pretone da sbarco insisté. Divorziati, se volete restare nella chiesa (quella militante, ricordai, facendo appello alla memoria giovanile. Non in quella “trionfante”, cioè quella che va in paradiso…), se volete ricevere i sacramenti, niente sesso, nisba, ciccia!...” - Continua: http://paolodarpini.blogspot.it/2014/10/preti-scatenati-su-radio-maria-no-al.html

Commento di Perchiunquehacompreso: “Macedonia di luoghi comuni senza un briciolo di analisi. Discorsi ascoltabili al bar o da qualsiasi parrucchiere. A quando un'analisi approfondita?”

I vostri Dei – Scrive G.V.: “Energia atomica, droga, arsenali di guerra, consumismo, pornografia, possesso, potere, violenza, sodomia, satanismo e follie varie; adorazione ed orgasmo, esaltazione e fiducia per i feticci di Mammona, divoratrice di vite. I vostri dei, a cui rivolgete le vostre attenzioni affidando la vostra sicurezza, il vostro divenire, le vostre speranze, i vostri destini. Cosa avete imparato dal Verbo dell'Amore che si è fatto carne? Cosa avete imparato, Figli degenerati e ingrati?”

La carne non è cibo per gli uomini - L’uomo, che è di natura un frugivoro come tutte le scimmie antropomorfe, ha anch’egli problemi di assimilazione della carne. Anticamente i cosiddetti cacciatori vagavano nelle savane alla ricerca di animali uccisi dai grandi predatori (leoni, tigri, etc.) ed osservando il volo degli uccelli individuavano il cadavere dell’erbivoro, nell’eventualità scacciavano le jene che vi pasteggiavano e “rubavano” la carcassa bella e frollata. Il processo di frollatura o “maturazione” è assolutamente necessario per nutrirsi delle carni tant’è che anche oggi nei macelli il cadavere dell’animale ucciso viene lasciato nella cella frigorifera per almeno una decina di giorni prima di passarlo al consumo umano.... - Continua:

Siamo sempre alle solite... Ciao, Saul/Paolo

…...............

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

“When effort is needed, effort will appear. When effortlessness becomes essential, it will assert itself. You need not push life about. Just flow with it and give yourself completely to the task of the present moment....” (Nisargadatta Maharaj)



Nessun commento:

Posta un commento