Saul Arpino ritorna…


Avete visto quella faccia della foto in vetrina… chi è quello, sono forse io?
Potrei dire di sì ed anche di no…. Sono io per le convenzioni del mondo, non sono io perché l’io non può essere fissato ad un’immagine momentanea e mutevole.
Quell’io che vedete è un attore che recita in una commedia, in un certo senso non ha nome né forma precisa, come tutti gli attori che possono interpretare vari ruoli.
Ma il mio vero “io” non si manifesta solo nei ruoli ma nella sceneggiatura, nei costumi, nelle parti comprimarie, nella musica, nella regia, nelle luci, negli spettatori… eccetera…


Volendo però dargli un nome chiamerò quell’io Saul Arpino. Un nome inventato? Forse sì e forse no.. il nome potrebbe esistere od avrebbe potuto esistere… mio nonno –ad esempio- avrebbe potuto chiamarsi così… poi per motivi banali, di sopravvivenza bruta, prese a chiamarsi Paolo D’Arpini… ed io voglio seguire il suo esempio -ma al contrario- cambio nome e divento Saul Arpino, perlomeno su questo blog.


A proposito di blog… sentivo il desiderio di crearmi un piccolo palcoscenico sul quale recitare alcune parti che non mi sono consentite in altri spazi. Da questo luogo, che forse mi riporta indietro nel tempo, un ritorno ai dinosauri del passato remoto oppure verso un avanti sconosciuto, non so, mi prenderò la libertà di raccontare e mostrare agli accorti lettori alcune segrete immagini dell’essere… di quel che io sono o non sono, descrivibile o indescrivibile…..


Vostro affezionato, Saul Arpino.

mercoledì 1 ottobre 2014

Il Giornaletto di Saul del 2 ottobre 2014 – Gandhi e la disobbedienza civile, allora è vero quel che si dice di Roma?, piove ad Hong Kong, Valdo Vaccaro infortunato, religioni astratte



Care, cari, il 2 ottobre ricorre la giornata mondiale della Nonviolenza ed il compleanno di Gandhi..... grande uomo politico e spirituale, che propugnò la disobbedienza civile come metodo rivoluzionario per cambiare la società, due parole su di lui non guasteranno.. - Continua con programma celebrazioni a Treia: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2014/10/gandhi-la-disobbedienza-civile-e-la.html

Roma. Allora è tutto vero!? Ecco la conferma – Scrive Doriana Goracci: “Sono tornata (giocoforza si dice alle volte...) dalla Francia dove ho lasciato i miei figli, passo veloce sull'arrivo all'aeroporto di Ciampino, con la selvaggia storia dei bus che portano a Termini e poi quello per la metro Anagnina, senza un orario scritto decentemente con quel rozzo modo di farsi clienti, 10 minuti e saltano le corse per rientrare nel proprio paese, ho deciso di prendere il treno e alla stazione di valle Aurelia, a Roma, non c' era modo di fare un biglietto poi sono stata accerchiata da 4 rom che hanno tentato di rapinarmi ma ho gridato e minacciato con una forza che non pensavo di avere dal momento che ero già abbastanza provata e disfatta. Nel treno ho poi trovato un ragazzo che ha chiesto aiuto al controllore per uno che si era calato le brache e stava molestando una giovane donna, poi è scappato. I vagoni puzzavano indecentemente per via del bagno che da qualche parte era scoppiato. E' accaduto alle ore 21, a Roma. io non ho la patente e ho preso per tutta la vita i mezzi pubblici. E' accaduto anche questo e scusate se l'ho raccontato. Sono stata fortunata perché non ho perso niente, né le cose che avevo con me né la salute (mentale oltretutto...). Stamattina mi sono riconciliata con i miei gatti e l'orto, sta per piovere...”

Hong Kong. Piove sotto l'ombrello – Scrive Vincenzo Mannello: “Volete che Obama possa e voglia far qualcosa di serio per una "esportazione" di democrazia ad Hong Kong? Dai, mica parliamo di Saddam Hussein o di Gheddafi. E neppure di Mubarak o, ancor peggio di Assad. Le "primavere arabe" erano una cosa, Hong Kong è un'altra...” - Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2014/10/01/hong-kong-piove-sul-bagnato-la-primavera-colorata-puo-attendere/

Mio commentino: “L'ombrello è nato in India come riparo dai fieri raggi del sole, e non come parapioggia. Lo dimostra la sua stessa etimologia “ombrello”, ovvero: che fa ombra”

Siria. Bombe USA cieche – Scrive V.M.: “23 civili ammazzati dalle bombe americane in Siria. Non c'entravano nulla con il Califfo. Nessun video, nessun articolo. "Vittime collaterali", ovvero "figli di puttana" per i crociati occidentali.”

INPS. Aspettando il tracollo – Scrive Franca Oberti a commento dell'articolo http://paolodarpini.blogspot.it/2014/09/inps-pronti-al-tracollo-troppe-le-super.html -: “INPS eroga con due mani, una destra ai "grandi nomi" a quelli che devono rimanere a galla e una sinistra ai piccoli, ma la sinistra non funziona bene, come tutte le sinistre oggi in Italia, e quindi eroga a singhiozzo, finché rimarrà paralizzata. Mio marito ed io, che abbiamo lavorato una vita intera per riuscire a ritirarci e zappare un orto, ci troviamo tra...” - Continua in calce al link segnalato

Sradicamento e omogeneizzazione – Scrive Sebastiano Caputo: “...in un Paese colonizzato integralmente da marchi e prodotti-spazzatura statunitensi (dalla ristorazione al vestiario, dal Mc Donald ai jeans)... i guardiani della pensée unique lo chiamano “multiculturalismo” (convivenza di culture diverse), ma in realtà questi due elementi (le grand remplacement e la colonizzazione economica) sono perfettamente complementari e finalizzati all’americanizzazione dell’immigrazione che è in fondo sinonimo di sradicamento. Diremo noi con un sillogismo: il multiculturalismo porta allo sradicamento e lo sradicamento conduce all’americanizzazione dei costumi...” - Continua: http://paolodarpini.blogspot.it/2014/10/omogeneizzazione-culturale-e.html

Porto Recanati. Disdetto l'incontro - Scrive Mario Foglia: "Valdo Vaccaro l'altro ieri ha fatto una brutta caduta riportando rottura costole, braccio, contusione alla testa e dolore immobilizzante all'anca. È stato portato via con il lettino dell'ambulanza ieri a Pietrasanta vicino Lucca. Ora è immobilizzato a letto in attesa che i familiari lo raggiungano. Ne avrà per più di un mese. Ha dovuto annullare tutta una serie di eventi tra cui il nostro che avrebbe dovuto tenersi il 3 ottobre ore 21 15 a Porto Recanati. Siamo molto dispiaciuti, nell'augurare una pronta guarigione a Valdo, attendiamo per poter sapere quando si potrà riproporre l'evento"

Sant’Andrea di Conza. Il luogo della Parola – Scrive il Priore: “All'incontro che si tiene dal 6 all'8 marzo 2015, a S. Andrea di Conza, ogni relatore che partecipa può interpretare come desidera: rapporto tra la propria scrittura e il proprio territorio natale e/o di vita; tra parola e paesaggio; tra immaginazione e luoghi reali, letterari o virtuali in cui trova il suo humus; contesti nei quali la parola diventa particolarmente pregnante e significativa; la scrittura può essere considerata un luogo importante per la parola?; esiste una relazione fra la parola quotidiana e quella con la P maiuscola?..” - Continua: http://retedellereti.blogspot.it/2014/10/santandrea-di-conza-dal-6-all8-marzo.html

Commento di Franca: “Il Priore di Fonte Avellana è una persona che adoro. Pur rimanendo fedele alla Chiesa, contempla tanti aspetti che esulano dal contesto cattolico dello zoccolo duro e per questo mi piace ascoltarlo. Ci sono anche sacerdoti e padri missionari che partecipano, ma anche laici che contestano.,,”

Mal comune mezzo gaudio e soluzioni alternative – Scrive Fabrizio Belloni: “Il mugugno al bar o nei salotti: scarica momentaneamente i nervi, ma è sterile come le dune del deserto. Tutti hanno in tasca la propria soluzione, che, a ben guardare, si risolve quasi sempre nella rivendicazione di interessi personali, senza una visione d’insieme e strategica. Legittima polluzione, che conta però come il due di picche. Poi ci sono i cosiddetti “addetti ai lavori”: politici, imprenditori (?), giornalisti asserviti; pochi hanno la dignità ed il coraggio virile, di affrancare la propria umanità dal volere dell’editore. La riprova? Gli arrugginiti talk show necessitano di auto pubblicità martellante perché la gente li diserta: sentire la Casta che si dice brava da sola annoia e non ci crede più nessuno...” - Continua: http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2014/10/laltra-soluzione-al-mal-comune-mezzo.html

Roma. Pro elefanti – Scrive Walter Caporale: “Roma. 4 OTTOBRE DEDICHIAMO QUALCHE ORA AD UNA CAUSA MERAVIGLIOSA: AIUTARE I CUCCIOLI DI ELEFANTE E DI RINOCERONTE RIMASTI ORFANI! Ore 17: PANTHEON - Ore 20: CHIESA METODISTA in Via XX SETTEMBRE 123, per Concerto Gospel di Beneficenza.... - Info. walter.caporale@gmail.com”

Giornaletto e commenti – Scrive Arrigo: “Ma perché poi escludi i commenti dal sito del Circolo? non sarebbero utili?”

Mia rispostina: “Ho dovuto escludere l'opzione da quel sito perché attraverso i commenti si inserivano malware e altri accidenti, ed io non ero in grado di controllarli, sugli altri blog del Giornaletto, comunque, i commenti sono abilitati”

Uomo/donna – A commento dell'articolo
https://circolovegetarianotreia.wordpress.com/2014/09/30/integrazione-spirituale-dei-generi-nellunica-specie-senza-obliterare-le-differenze/ scrive V.F.: “Saul, io sono una persona molto pratica e schietta, ho letto quello che mi hai scritto, ma non ci trovo nulla di concreto, scusa se non comprendo cosa vuoi dirmi, quando leggo sto attento ad ogni parola per trarne il contenuto, ma se vuoi puoi spiegarmi in due righe cosa volevi dire?”

Mia rispostina: "Se il messaggio non è stato chiaro in venti righe come potrebbe esserlo in due? Beh, l'uomo e la donna fanno parte della specie umana, non sono entità separate. Come all'interno di ognuno di noi, spesso, si manifesta una lotta, un antagonismo, altrettanto succede all'esterno. Tutto è funzionale alla crescita: tentativi ed errori"

Religioni patriarcali astratte e Saggezza matristica concreta - Insistere troppo su valori astratti "teisti" non aiuta la mente umana al superamento del pensiero patriarcale. Dobbiamo -secondo me- abbandonare la speculazione religiosa e ritornare ad una spiritualità priva di dogmi e non specificatamente legata al genere.... (…). Ormai è certo che ci fu una “prima donna”, un’Eva primordiale. L’analisi del patrimonio genetico femminile mitocondriale lo dimostra inequivocabilmente. Mi sono così immaginato una donna, la prima donna, che avendo raggiunto l’auto-consapevolezza ed avendo a disposizione solo “scimmioni” dovette compiere una opera di selezione certosina per decidere con chi accoppiarsi in modo da poter avere le migliori chance di trasmissione genetica di quell’aspetto evolutivo. E così avvenne conseguentemente nelle generazioni successive ed è in questo modo che pian piano dalla cernita nell’accoppiamento sono divenute rilevanti qualità come: la sensibilità verso l’habitat, l’empatia, la pazienza, la capacità di adattamento e di gentilezza del maschio verso la prole e la comunità, etc. etc. - Continua: http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2014/10/religioni-patriarcali-astratte-e.html

Si sa che la donna ne sa sempre una più del diavolo... Ciao, Saul/Paolo

…..................

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

"Dobbiamo cambiare il nostro modo di vedere e di agire, creare più energia meditativa, sviluppare più amore ed armonia. Per farlo dobbiamo distruggere il vecchio, la sua bruttura, le sue putride ideologie, le sue stupide emarginazioni, le superstizioni idiote e creare un nuovo essere umano dagli occhi limpidi..." (Osho)



Nessun commento:

Posta un commento