Saul Arpino ritorna…


Avete visto quella faccia della foto in vetrina… chi è quello, sono forse io?
Potrei dire di sì ed anche di no…. Sono io per le convenzioni del mondo, non sono io perché l’io non può essere fissato ad un’immagine momentanea e mutevole.
Quell’io che vedete è un attore che recita in una commedia, in un certo senso non ha nome né forma precisa, come tutti gli attori che possono interpretare vari ruoli.
Ma il mio vero “io” non si manifesta solo nei ruoli ma nella sceneggiatura, nei costumi, nelle parti comprimarie, nella musica, nella regia, nelle luci, negli spettatori… eccetera…


Volendo però dargli un nome chiamerò quell’io Saul Arpino. Un nome inventato? Forse sì e forse no.. il nome potrebbe esistere od avrebbe potuto esistere… mio nonno –ad esempio- avrebbe potuto chiamarsi così… poi per motivi banali, di sopravvivenza bruta, prese a chiamarsi Paolo D’Arpini… ed io voglio seguire il suo esempio -ma al contrario- cambio nome e divento Saul Arpino, perlomeno su questo blog.


A proposito di blog… sentivo il desiderio di crearmi un piccolo palcoscenico sul quale recitare alcune parti che non mi sono consentite in altri spazi. Da questo luogo, che forse mi riporta indietro nel tempo, un ritorno ai dinosauri del passato remoto oppure verso un avanti sconosciuto, non so, mi prenderò la libertà di raccontare e mostrare agli accorti lettori alcune segrete immagini dell’essere… di quel che io sono o non sono, descrivibile o indescrivibile…..


Vostro affezionato, Saul Arpino.

lunedì 25 novembre 2013

Il Giornaletto di Saul del 26 novembre 2013 – Racconti quotidiani, sacerdozio femminile, cercasi famigli a Fabriano, giornali e galera a Viterbo, proposte bioregionali



Care, cari,

Piccoli racconti di quotidianità – Scrive Caterina Regazzi: “...due incontri mi sono rimasti nel cuore, li racconto. Ero in ufficio, dovendo andare in bagno ho percorso il corridoio ed ho riconosciuto lì una signora che conosco per lavoro da tanti anni. E' la figlia di un allevatore, che viveva nell'azienda di cui erano anticamente mezzadri, assieme a moglie, fratelli, figli. Avevano una piccola stalla di vacche da latte, di quelle vecchio tipo, con le vacche alla posta, e non erano più di 15-18 animali in tutto, compresa la rimonta. Andavo a fare il risanamento a volte da sola a volte col mio collega e dopo il lavoro, che durava pochissimo perché venivano ad aiutarci, per tenere fermi gli animali, almeno in tre, ci invitavano nella grande cucina, dove ci lavavamo le mani con una saponetta nuova appena scartata e ce le asciugavamo con un asciugamano fresco di bucato. Il lavandino era una grande vasca in pietra grigia. Ci facevano accomodare e ci offrivano un buon caffè....” - Continua:

Il gioco d'azzardo da assuefazione – Scrive L.L.: “Un giocatore su quattro è patologico o a rischio. E l’ignoranza sui pericoli dell’azzardo è dilagante, assieme alla cattiva coscienza di chi gioca pur sapendo che è rischioso. Sono dati allarmanti quelli che emergono da «Il vissuto del gioco», studio pilota sui comportamenti - patologici e non - degli scommettitori, primo dossier del neonato Osservatorio di marketing sociale, promosso dall’Università di Parma e da Sita Ricerca.”

Aprire il sacerdozio alle donne e consentire il matrimonio ai preti -A metà ottobre del 2013 ho partecipato al Festival della Laicità che si teneva a Pescara, e lì ho conosciuto una donna molto semplice ed intelligente, pastore valdese. Tra l'altro la chiesa valdese aveva sponsorizzato il convegno attraverso la cessione dell'8 x mille agli organizzatori. Solo un paio di giorni fa, mentre bevevo il mio cappuccino bollente nel solito baretto di Treia, ho letto un articolo di mezza pagina che parlava di una sacerdotessa cristiana anglicana "che ha tutte le intenzioni di scalare i vertici ecclesiastici fino a diventare vescovo". Beh, magari la forma arrivistica non è la migliore però mi sembra giusto che le donne potessero accedere al sacerdozio, anche nella religione cattolica, fino a ricoprire i più alti gradi pastorali, quelli vescovili. Non vorrei che le donne diventassero cardinali o papa non perché ritengo che non siano degne  ma soltanto perché (come già affermato in più occasioni) sarebbe opportuno che queste cariche "da principi e sovrani" scomparissero nella chiesa, fermandosi all'investitura vescovile che pur sempre rientra nel servizio ordinario per i fedeli. Le donne, senza alcuna proibizione di Gesù in tal senso, sono state lungamente escluse dal sacerdozio e nel medio evo addirittura erano indicate "prive di anima, incantatrici, messaggere demoniache e streghe"... - Continua: http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2013/11/a-meta-ottobre-del-2013-ho-partecipato.html

Europa. Sementi a rischio – Scrive Navdanya International: “...una manciata di industrie multinazionali sementiere controllano i tre quarti dei semi commerciati ed usati dagli agricoltori. Nell'UE, si possono commercializzare soltanto i semi che si conformano alle logiche del modello industriale. A tale scopo devono superare complicati e costosi test e procedure di registrazione e la loro coltivazione dipende dai concimi chimici. Negli anni, la legislazione UE ha ridotto la diversità delle varietà delle sementi in commercio, mettendo a rischio la nostra sicurezza alimentare. La nuova proposta della Commissione Europea in materia di regolazione dei semi sta attraversando il percorso legislativo. Invece di migliorarla, le discussioni legislative hanno preso una direzione verso ulteriori restrizioni ed un peggioramento della proposta iniziale... - Info. info@navdanyainternational.it

Proposte per l'Incontro Collettivo Ecologista 2014 - ...sia la politica che l’economia umana devono tener conto dell’ecologia per avviare un progresso tecnologico che non si contrapponga alla vita e che sia in sintonia con i processi vitali del pianeta. La scienza e la tecnologia in ogni campo di applicazione dovranno rispondere alla domanda: E ciò ecologicamente compatibile? I macchinari, le fonti energetiche, lo smaltimento dei sottoprodotti, la produzione di alimenti, il rapporto con gli animali, dovranno essere realizzati in termini di sostenibilità ecologica. Deve essere avviato un rapido processo di riconversione e riqualificazione industriale ed agricola che già di per se stesso sarà in grado di sostenere l’economia. Infatti la sola riconversione favorirà il superamento dell’attuale stato di enpasse economico e sociale. Una grande rivoluzione umana comprendente il nostro far pace con la vita globale del pianeta. - Continua con domande e risposte: http://retedellereti.blogspot.it/2013/11/incontro-collettivo-ecologista-2014.html

Predappio. Andar per legna – Scrive Guglielmo: “Abitiamo nelle colline di Predappio in una vecchia casa di caccia con 14 Ha. Vorremmo raccogliere la legna dal bosco e tagliarla... abbiamo un trattorino per agevolare la cosa. Possiamo ospitare (vitto ed alloggio) in locale indipendente gli aiutanti! Info. guglielmo@pampiglione.com”

Fabriano. Cercasi famigli per convivere in comunità agricola – Scrive Laura: “Se qualcuno fosse interessato a cambiar vita io il posto ce l'ho metto a disposizione la struttura, i terreni, tutto quello che serve (ho anche delle piante di olive da curare e da portare a regime, per ora anche loro sono state un po' abbandonate...) ho piante di ciliegi, noci, mele, ecc. le piante da frutto sono da incrementare, possiamo fare una fattoria didattica, c'è lo spazio per la sosta camper, ecc. ecc. ecc. “ - Continua: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2013/11/precicchie-in-frazione-di-fabriano.html

Roma. Canti – Scrive Jonas: “Cari amici, vi invito al cerchio di canti con Michael Boser il 1 dicembre alle 19:30. L'incontro è gratutito, si terrà presso Spazio Interiore, in via Vincenzo Coronelli 46 a Roma. - Info. jonasdigregorio@gmail.com”

Governo cimiteriale - Scrive Wall Street Journal: “La stabilità che offre Letta sembra quella del cimitero. L’Italia a forza di governi Monti-Letta con l’unico obiettivo della “stabilità” è l’unico Paese del Sud Europa a non avere incrementato la propria competitività dall’inizio della crisi: un governo paralizzato che non sa far ripartire l’economia”

Viterbo. Paolo Gianlorenzo, direttore di Nuovo Viterbo Oggi, al gabbio – Beh, anch'io ho qualcosa da raccontare sul povero Paolo Gianlorenzo... Per un certo periodo di tempo i miei comunicati (quelli evidentemente graditi alla redazione) venivano pubblicati con ampio risalto.. poi la pubblicazione diminuì, forse a causa del tono non in sintonia con l'indirizzo politico del giornale, finché un bel giorno ricevetti dalla redazione del Nuovo Viterbo Oggi, a firma del Gianlorenzo medesimo, una mail in cui con parole nemmeno tanto garbate mi si ingiungeva di "non inviare più comunicati stampa in nessuna forma che non verranno più presi in considerazione" etc. su questo tono. Aoh, era la prima volta in assoluto che un giornale mi ingiungeva di non mandare comunicati, certo ero abituato che i comunicati venissero ignorati dalle redazioni (e pure spesso) ma mai prima di allora mi era successo che venissero rifiutati tout court in partenza. Si chiama "censura preventiva!".. - Continua: http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2013/11/o-tempora-o-mores-il-povero-paolo.html

Parto naturale – Scrive Clara Scropetta: “Sono aperte le iscrizioni al seminario: NASCITA, AMORE e CIVILTA' con MIchel Odent, Liliana Lammers e Clara Scropetta, 19-22 giugno 2014, sull'appennino tosco-emiliano (vicino a Bologna) - Casa La Lodola. Info. clara_scropetta@hotmail.com

Ed ancora sulla condizione femminile e sulla parità ipotetica dei sessi – Scrive Franca Oberti: “Il buon senso popolare è convinto nel profondo del fatto che sì, Adamo sarà stato anche ingenuo e sciocco a cascarci, ma alla fine dei conti il tutto è partito dalla donna”. Dichiara la Murgia “La colpa della morte, e insieme di tutta la condizione di fatica e limite propria dell’esperienza umana, è quindi di Eva, archetipo primo del genere femminile. Il suo nome significa ‘madre dei viventi’ in virtù dell’essere la prima genitrice, ma nella pratica si è tradotto soprattutto in ‘madre dei morenti’, perché con il suo errore ha messo letteralmente al mondo anche la condizione della mortalità umana. Per questo motivo Eva è ancora l’unico nome biblico – insieme a quello del traditore Giuda – che bestemmiare è considerato veniale.” - Continua:

Ringrazio la Grande Madre Terra per la sopportazione che dimostra nei nostri confronti (soprattutto nei miei)... Saul/Paolo
….............................................

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

“La donna uscì dalla costola dell'uomo,
non dai piedi per essere calpestata
né dalla testa per essere superiore,
ma dal lato per essere uguale,
sotto il braccio per essere protetta
e accanto al cuore per essere amata.”

(W. Shakespeare)

….............................

Ultimissime notizie: 
Simonetta Borgiani ha mandato le foto da lei scattate all'inaugurazione dell'Accademia Georgica di Treia, spero che siano visibili, stanno qui: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2013/09/treia-visita-allaccademia-georgica.html



Nessun commento:

Posta un commento