Saul Arpino ritorna…


Avete visto quella faccia della foto in vetrina… chi è quello, sono forse io?
Potrei dire di sì ed anche di no…. Sono io per le convenzioni del mondo, non sono io perché l’io non può essere fissato ad un’immagine momentanea e mutevole.
Quell’io che vedete è un attore che recita in una commedia, in un certo senso non ha nome né forma precisa, come tutti gli attori che possono interpretare vari ruoli.
Ma il mio vero “io” non si manifesta solo nei ruoli ma nella sceneggiatura, nei costumi, nelle parti comprimarie, nella musica, nella regia, nelle luci, negli spettatori… eccetera…


Volendo però dargli un nome chiamerò quell’io Saul Arpino. Un nome inventato? Forse sì e forse no.. il nome potrebbe esistere od avrebbe potuto esistere… mio nonno –ad esempio- avrebbe potuto chiamarsi così… poi per motivi banali, di sopravvivenza bruta, prese a chiamarsi Paolo D’Arpini… ed io voglio seguire il suo esempio -ma al contrario- cambio nome e divento Saul Arpino, perlomeno su questo blog.


A proposito di blog… sentivo il desiderio di crearmi un piccolo palcoscenico sul quale recitare alcune parti che non mi sono consentite in altri spazi. Da questo luogo, che forse mi riporta indietro nel tempo, un ritorno ai dinosauri del passato remoto oppure verso un avanti sconosciuto, non so, mi prenderò la libertà di raccontare e mostrare agli accorti lettori alcune segrete immagini dell’essere… di quel che io sono o non sono, descrivibile o indescrivibile…..


Vostro affezionato, Saul Arpino.

sabato 16 novembre 2013

Il Giornaletto di Saul del 17 novembre 2013 – Educazione sessuale deviata, invito del Barack, populismo o fame, censura e bugie, giudaismo satanico, semi da salvare




Care, cari,

...è necessario che ci facciamo sentire dall’Europa per il bene dei nostri figli e dei nostri nipoti e per il nostro futuro in genere. C’è una petizione molto importante che sta girando per cercare di fermare un documento a dir poco agghiacciante. Credo che questa osservazione sia obbiettiva ed oggettiva senza appartenere obbligatoriamente ad un determinato credo religioso. La sezione europea dell’Organizzazione Mondiale della Sanità ha da poco rilasciato il documento “Standard for Sexuality Education in Europe”, che intende orientare e dirigere l’insegnamento dell’educazione sessuale per i bambini dai 4 anni...” - Continua con petizione, che ho firmato anch'io: http://paolodarpini.blogspot.it/2013/11/petizione-contro-documento-oms-no.html

Treia. L'aforisma vivente - Scrive Mario Foglia: "..questa mattina mi è proprio capitato di vivere nella pratica la metafora del perché non sopporto gli aforismi: mentre aspettavo pazientemente di pagare il caffè (eravamo in due dentro il bar) la barista era tutta intenta a raccontare all'altro cliente del come al pronto soccorso avesse dovuto aspettare tanto per via del fatto che gli operatori fumavano, di come al cup e alle poste le sarebbe piaciuto prendere a schiaffi le operatrici perché parlavano dei fatti loro con qualcuno, dicendo che avrebbero dovuto lasciare il posto di lavoro a qualcuno di più efficace e bisognoso. E intanto io aspettavo aspettavo e aspettavo pazientemente e ridente (c'era davvero da spaccarsi dalle risate al paradossale momento) di pagare un caffè. Avevo anche un euro contato. Lei era l'aforisma vivente di chi di aforisma scrive e di paradosso vive.. be inside?"

Manfrine politiche – Scrive Roberto Cozzolino: “Nel giudicare le manfrine che coloriscono le sbiadite cronache degli italici ectoplasmi parlamentari è necessario partire da un assunto irrinunciabile: i nostri sedicenti politici, appartenendo tutti ad una casta che governa su mandato straniero e di conseguenza totalmente priva di sovranità nazionale; godendo tutti di privilegi inconcepibili - degni di mitici satrapi orientali - se paragonati al tenore di vita del suddito medio; essendo giunti alla poltrona cui stanno avvinghiati solo grazie a caratteristiche spregevoli quali il nepotismo, l'arruffianamento e la diligente obbedienza al padrone di turno, in supremo e costante spregio degli interessi nazionali; per tutto ciò e per molti altri numerosi motivi, la cui elencazione ci risparmiamo, sono tutti indistintamente - dall'estrema destra all'estrema sinistra - da considerarsi dei farabutti che..” - Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2013/11/16/il-bel-parlare-nel-dire-cose-giuste-e-la-dialettica-democratica-di-roberto-cozzolino/

Roma. Sport e alimentazione – Scrive AVA: “Giovedì 21 novembre 2013 presso la sede AVA in piazza Asti 5/a, alle ore 17,30, conferenza di Michele Riefoli, Dottore in Scienze Motorie, sul tema: La giusta alimentazione che maggiormente contribuisce alle migliori prestazioni fisiche e sportive. Info. vegetarianiroma@fastwenet.it

Populismo o fame – Scrive Vincenzo Mannello: “...."Fermiamo la deriva populista" è il grido bipartisan che unisce destre, sinistre e centri d'Europa. Manca la prossima benedizione di Papa Francesco e la Crociata avrà pure una protezione in alto loco.
Signori governanti, europei ed italiani, magari quanti non decantiamo la vostra creatura prediletta, l'Europa delle banche e della finanza e ne predichiamo la fine saremo "populisti". Meglio questo, che sempre al popolo fa riferimento, dell'essere imbonitori. Al servizio di quel potere economico che ci sta portando alla fame...” - Continua: http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2013/11/lunione-europea-non-e-mai-stata.html

Commento di A.F.: “A parte l'uso del termine populista (volutamente dispregiativo) e non "popolare", una volta di più vediamo quanto questa gente se e freghi di fare gli interessi della gente ("popolo"). Si preoccupano solo del patto di stabilità, della BCE, di Bruxelles; poi, se questo ci precipita nell'indigenza totale, chissenefrega!”

Invito da Barack – Scrive Barack Obama: “Paolo, I want to cut through the noise and talk with you directly about where we're headed in the fight for change. That's why I'm getting on the phone with OFA supporters this Monday, November 18th. Will you join me? - Info. info@barackobama.com"

Culo e camicia – Scrive Anthony Ceresa: “La censura e le bugie sono un arma potentissima che permette ai Governi e al Potere in generale e persino alla Giustizia di camuffare la verità con l’opera funesta di tutti i Partiti Politici come prima operazione di conquista, per accalappiare e mantenere una discreta capacità di sostenitori, ricorrendo all’acquisto dei mezzi di informazione e ai manganelli, per convincere l’opinione pubblica che la verità è soltanto quella che esce dalla loro bocca, e tutte le realtà altrui che provengono dal basso, dai cittadini malcapitati, vengono soffocate con la forza.” - Continua: http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2013/11/censura-e-disinformazione-culo-e.html

La neve si scioglie – Scrive Teodoro Margarita: “...mentre la neve di questi giorni si sta sciogliendo, dopo la campestre, parto per Rovereto. Sono stato invitato dalla Comunità Montana della Vallagarina ad un convegno sulle antiche varietà. Mi accompagna Alice. Domattina, è aperto, ci aspetta il Mart e c'è Antonello da Messina. Il mio pensiero dal convegno in Trentino sarà per la mia terra, la Campania. Oggi, a Napoli, la grande manifestazione contro il biocidio indetta da Un fiume in piena"

No Tav. Diritto alla resistenza – Scrive No Tav: “La criminalizzazione in atto contro il movimento notav è una strategia giocata su più fronti, che nel suo agire in maniera coordinata tra le parti assume molteplici aspetti e rivela la volontà di abbattere una resistenza popolare che da oltre vent’anni si batte, con metodo e condivisione, contro un’opera imposta con la forza. La storia del movimento “notav” è cristallina, così come lo è la sua lotta, fatta da momenti di partecipazione elevatissima che costituiscono la forza reale di una comunità che si è trasformata, in movimento, passo dopo passo... “ - Continua con appuntamento del 7 dicembre 2013 a Bussoleno: http://retedellereti.blogspot.it/2013/11/bussoleno-7-dicembre-2013-no-tav.html

Porto Recanati. Canto e musica. Scrive Veronique Charmant: “Incontro pubblico con Br. Shubamrita il giorno 23 novembre alle 19.00 a Porto Recanati (Mc) presso l'Auditorium, via Dante Alighieri 2. Br. Shubamrita terrà un discorso dal tema “La felicità è una scelta”, farà seguito un breve concerto di canto e musica indiana. Il programma è gratuito e aperto a tutti. Info. laviadicristallo@gmail.com”

Giudaismo satanico e la scuola di Francoforte – Scrive Andrea Fontana: “Nell'articolo che segue gli scopi pianificati dalla Scuola di Francoforte per deviare e degradare la società occidentale secondo un piano a lungo termine di natura giudaico satanica - ”The Frankfurt School were a group of Marxist Jewish intellectuals at Frankfurt University in the 1920-1930's. (They emigrated to NYC after Hitler came to power.) Financed by Jewish millionaire Felix Weill, they were instrumental in the degradation of Western society according to long-term cabalist Jewish plan...” - Continua: http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2013/11/frankfurt-school-satanic-judaism-in.html

Gli scissionisti del pdl ballano– Scrive F.B.: “Ieri sera il premier Enrico Letta ha chiamato Alfano per sapere su quale cifra si sarebbe fermata la conta finale degli scissionisti pdl, chiedendo garanzie al vicepremier: «Angelino, cerca di portare a casa numeri certi e forti. Perché dopo l'otto dicembre Renzi ci farà ballare»....”

Urge cambiare la legislazione UE sui semi – Scrive Loris Asoli: “Questo è un appello urgente a tutti i Difensori della Democrazia alimentare e del seme: A tutte le ORGANIZZAZIONI coinvolte nella battaglia per fermare il sequestro dei diritti degli agricoltori e contro la crescente monopolizzazione dei nostri semi e del nostro cibo, invitiamo ad unirsi in una piattaforma per chiedere un cambiamento radicale della Legislazione Europea sui Semi per assicurare la protezione del diritto degli agricoltori di conservare i semi, la difesa della biodiversità e della democrazia alimentare...” - Continua: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2013/11/rees-marche-e-navdanya-international.html


Ricordatevi che “La Memoria è nel Seme”, ciao, Paolo/Saul

….............................................

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

“I calunniatori sono anche di solito vigliacchi.” (Ippolito Nievo)



Nessun commento:

Posta un commento