Saul Arpino ritorna…


Avete visto quella faccia della foto in vetrina… chi è quello, sono forse io?
Potrei dire di sì ed anche di no…. Sono io per le convenzioni del mondo, non sono io perché l’io non può essere fissato ad un’immagine momentanea e mutevole.
Quell’io che vedete è un attore che recita in una commedia, in un certo senso non ha nome né forma precisa, come tutti gli attori che possono interpretare vari ruoli.
Ma il mio vero “io” non si manifesta solo nei ruoli ma nella sceneggiatura, nei costumi, nelle parti comprimarie, nella musica, nella regia, nelle luci, negli spettatori… eccetera…


Volendo però dargli un nome chiamerò quell’io Saul Arpino. Un nome inventato? Forse sì e forse no.. il nome potrebbe esistere od avrebbe potuto esistere… mio nonno –ad esempio- avrebbe potuto chiamarsi così… poi per motivi banali, di sopravvivenza bruta, prese a chiamarsi Paolo D’Arpini… ed io voglio seguire il suo esempio -ma al contrario- cambio nome e divento Saul Arpino, perlomeno su questo blog.


A proposito di blog… sentivo il desiderio di crearmi un piccolo palcoscenico sul quale recitare alcune parti che non mi sono consentite in altri spazi. Da questo luogo, che forse mi riporta indietro nel tempo, un ritorno ai dinosauri del passato remoto oppure verso un avanti sconosciuto, non so, mi prenderò la libertà di raccontare e mostrare agli accorti lettori alcune segrete immagini dell’essere… di quel che io sono o non sono, descrivibile o indescrivibile…..


Vostro affezionato, Saul Arpino.

sabato 27 luglio 2013

Il Giornaletto di Saul del 27 luglio 2013 – Ferrara in musica, Grecia docet, sinistra nonviolenta, le armi di Mauro, poesia a Bacugno, passaggio al Leone, donne turche incinte...

Paolo D'Arpini  e Caterina Regazzi  a Ferrara

Care, cari,

Wowo.. Ieri sera siamo stati, Caterina, Viola ed io, in Piazza Castello a Ferrara, dove si teneva un concerto dal vivo dei Sigur Ros, un complesso alternativo islandese. La sensazione vissuta è stata a metà fra lo stare in mezzo ad un bosco sognante e sul ciglio dell'inferno, a metà fra satana e dio. Un concerto anomalo anche perché non erano previste sedie per il pubblico, i più se ne stavano in piedi ed altri seduti per terra alla meno peggio. Ovviamente io, previdente, mi ero attrezzato con una sediola pieghevole da spiaggia e Caterina con una stuoia. Per cena abbiamo mangiato qualche paninetto vegetariano precedentemente preparato con amore da Caterina. Prima di arrivare alla piazza ho ammirato la bellezza paesana di Ferrara, una città che conserva ancora molto del suo fascino antico. E le sue donne anche, sia quelle giovani che quelle vecchie. Mi sono lasciato sopraffare dalla musica, e dall'andirivieni continuo, dai malandati spettatori portati via in barella dalla croce rossa, dai bambini in carrozzina, dai figuranti, dalle chiacchiere di convenevole... Ferrara, la perla del polesine, patria delle zanzare.. ma lì al concerto non se ne sentiva ronzare nemmeno una, non perché non ce ne fossero.. la musica copriva tutto... Alla fine ho cantato anch'io: Dies Irae ed anche Om Namah Shivaya. All'uscita, andando verso la macchina, abbiamo visto che tutto il centro storico era traboccante di gente, ovunque... sospinta da vitalità bioregionale, a piedi ed in bicicletta, seduta e camminante... (Sigur Ros, tanto per avere un'idea: http://www.youtube.com/watch?v=4L_DQKCDgeM)

Prepariamoci – Scrive Dimitri Deliolanes: “Effetti della crisi greca: mercato immobiliare ko per le tasse e la miseria - Ad Atene appartamenti in centro in vendita per cifre intorno ai 10mila euro, ma non li comprano più nemmeno gli albanesi - le supertasse sugli immobili sono un incubo...”

Povera Italia. Più soldi per le armi – Scrive Mao Valpiana: “A pochi giorni dalla presentazione del Rapporto sulla povertà dell'ISTAT che fotografa un'Italia nella quale 9 milioni e 563 mila cittadini vivono sotto la soglia della povertà (dei quali 5 milioni in povertà assoluta, fra cui 1 milione di bambini), il ministro della difesa Mario Mauro batte cassa e chiede più spese militari. Il Ministro ha denunciato alla Commissione difesa del Parlamento "il continuo depauperamento delle risorse destinate alla difesa" e chiede di ripristinare ragionevoli livelli di spesa per l'esercizio delle Forze Armate" – Continua: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2013/07/italia-sempre-piu-povera-ma-mario-mauro.html

Colpo di Stato d'agosto – Scrive Beppe Grillo: “Il vero obiettivo di questo governo è la distruzione dell'impianto costituzionale per poter cambiare le regole del gioco democratico e assicurare ai partiti il potere e la greppia di Stato. Per cambiare la Costituzione senza impedimenti da parte dell'opposizione in Parlamento e senza il consenso dei cittadini, che ne sono i veri custodi, i partiti vogliono cambiare l'articolo 138, l'architrave. In seguito, sarà istituita una Bicamerale per rivedere la Costituzione con statisti del calibro di Berlusconi (o dei suoi servi, non fa differenza) e di D'Alema e degli altri caporioni del pdmenoelle. Per questo è nato il governo di larghe intese che di tutto si preoccupa tranne che dei problemi del Paese”

Per un governo della sinistra nonviolenta – Scrive Peppe Sini: “Dal 30 luglio p.v. la destra golpista, razzista, fascista, maschilista, mafiosa, corruttrice non potrà più essere guidata nelle istituzioni dal grande stregone che l'ha creata e condotta alla vittoria e al saccheggio per ben due tragiche decadi: con la prevedibile condanna in via definitiva di Berlusconi per i reati a lui ascritti, e con l'interdizione dai pubblici uffici, finisce il secondo funesto ventennio dell'Italia unificata, e fortunatamente stavolta almeno senza le stragi e le macerie della guerra nel nostro paese..” - Continua: http://paolodarpini.blogspot.it/2013/07/lavoriamo-per-un-governo-fondato-sulle.html

Monterubbiano. Letture serali – Scrive Chiccha: “Lo lessi in un giorno e da allora non sono più lo stessa. Forse il mondo si divide in due categorie: chi ha letto “Il Piccolo principe” e chi non l’ha ancora letto. E' un libro magico che risveglia portentose verità che rimangono spesso dormienti nel profondo dell’inconscio dove si rifugiano fino al giorno in cui decidiamo di dare una svolta alla nostra vita... Mercoledì 7 agosto duemila13 ... al tramonto. Fondazione DiVerso inVerso, Largo Giovannetti, 63825 - Monterubbiano (FM). Info. chicca.o@email.it”

Esercito pronto – Scrive Lo sai: “L'Italia sta preparando l'esercito per gestire eventuali sommosse popolari che potrebbero avvenire nei prossimi mesi: è quanto emerge dall'analisi della direttiva ministeriale in merito alla politica militare per l'anno 2013. In caso di disordini potrebbe inoltre essere impiegata la polizia europea”

Bacugno poetica - Scrive Donato De Acutis: “Poesia estemporanea in piazza, sabato 3 Agosto 2013, ore 21,15. Saranno presenti improvvisatori in ottava rima da Lazio, Toscana e Abruzzo. Non mancheranno le ciaramelle e l’organetto per le tradizionali quartine e terzine, la chitarra accompagnerà gli stornelli...” - Continua:

Lerici. Estate con scrittori – Scrive Laura Lepri: “Nella stiva - I libri e gli scrittori dell'estate a Lerici, rassegna curata da Laura Lepri. Il primo ospite sarà Walter Siti, vincitore del Premio Strega di quest'anno, venerdì 2 agosto alle ore 21. Info. comunicazione@lauralepri.it “

Passaggio al Leone – Scrive Nazarena Marchegiani: “"Se la Luna è regnante nel Granchio, il Sole è Re incontrastato nel Leone. Nella logica zodiacale, dunque, dal materno (lunare) si passa al paterno (solare) le due istanze che daranno vita al modello femminile e a quello maschile. La fase infantile ‘Leone’ in astro psicologia corrisponde alla fase edipica ma anche al processo di identificazione con il genitore dello stesso sesso. Per cui è una fase molto importante e delicata in quanto l’identità inizia a lavorare per creare se stessa. E’ un periodo in cui l’ego è alle … stelle!..” - Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2013/07/26/passaggio-dal-tiepido-e-femminile-cancro-al-focoso-e-maschile-leone/

Manzoni ci fa un baffo – Scrive Vincenzo Mannello: “Mi è preso quasi un colpo, ieri, vedendo Skytg24. Un deputato grillino, di cui mi è sfuggito il nome, si riferiva a qualcuno chiamandolo "l'Innominato". Non ho capito granché su quanto dicesse ed a chi si riferisse. Ho potuto notare, però, dai pochi secondi successivi, che una coltre di paurosa omertà era calata, fulmineamente, su quel luogo sacro ed austero denominato Camera dei Deputati. Una brava signora, seduta un poco più in alto degli altri, su una poltrona rossa, credo non sapesse cosa obiettare alle parole del coraggioso cittadino con aureola a 5 stelle. Questi continuava imperterrito a dire... l'Innominato, l'Innominato...., ma nell'aula sembrava si parlasse di Riina nella Palermo degli anni '70. Silenzi angosciati, qualche successivo brusio di disapprovazione. Come sarà finita ? Sky,per non sbagliare,ha tagliato subito il servizio. I giornali, quasi certamente, non sveleranno il mistero. Chi è l'Innominato del 2013? Mi aspetto che il cittadino deputato lo chiarisca al colto ed all'inclita. Peraltro una certa impunità parlamentare lo dovrebbe incoraggiare. Si riferisce a "qualcuno" identificabile oppure resterà uno dei misteri italici, di manzoniana memoria ?...”

Turchia. Donne incinte nascoste – Scrive Doriana Goracci: “La Direzione degli affari religiosi (Dynet) guidata dal Gran Mufti, ha cercato di calmare la polemica.. Tuttavia, ha aggiunto, le donne incinte dovrebbero stare più attente a come si vestono, tutte le donne dovrebbero”, in particolare ”non indossando vestiti che mostrino le pance e il fondoschiena”. Centinaia di donne, incinte o meno, sono scese in piazza in diverse città della Turchia ieri sera per protestare contro le dichiarazioni del teologo islamico Omer Tugrul Inancer, che sulla tv pubblica Trt1 ha affermato che non solo è “immorale” ma anche “antiestetico” vedere donne in stato di gravidanza esporsi allo sguardo del pubblico...” - Continua: http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2013/07/turchia-donne-fate-figli-ma-non.html

E così vi saluto, Paolo/Saul
…...........................................

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

"Quando poniamo molta fiducia o aspettative in una persona, il rischio di una delusione è grande. Le persone non esistono in questo mondo per soddisfare le nostre aspettative così come noi non siamo qui per soddisfare le loro. Dobbiamo bastare …. dobbiamo bastare a noi stessi sempre e quando vogliamo stare con qualcuno dobbiamo essere consapevoli che stiamo insieme perché ci piace, lo vogliamo e stiamo bene, giammai perché abbiamo bisogno di qualcuno..." o perché questo qualcuno si debba conformare pedissequamente ai nostri valori, alle nostre abitudini, piegare ai nostri desideri e bisogni.”

(Mario Quintana) 

1 commento:

  1. Mi piacciono i Sigur ros... bravi bravi!!!
    Credo siano stati anche abbastanza suggestivi a Ferrara... Saranno a Roma, ma si faranno pagare 30 euri!
    :-)

    RispondiElimina