Saul Arpino ritorna…


Avete visto quella faccia della foto in vetrina… chi è quello, sono forse io?
Potrei dire di sì ed anche di no…. Sono io per le convenzioni del mondo, non sono io perché l’io non può essere fissato ad un’immagine momentanea e mutevole.
Quell’io che vedete è un attore che recita in una commedia, in un certo senso non ha nome né forma precisa, come tutti gli attori che possono interpretare vari ruoli.
Ma il mio vero “io” non si manifesta solo nei ruoli ma nella sceneggiatura, nei costumi, nelle parti comprimarie, nella musica, nella regia, nelle luci, negli spettatori… eccetera…


Volendo però dargli un nome chiamerò quell’io Saul Arpino. Un nome inventato? Forse sì e forse no.. il nome potrebbe esistere od avrebbe potuto esistere… mio nonno –ad esempio- avrebbe potuto chiamarsi così… poi per motivi banali, di sopravvivenza bruta, prese a chiamarsi Paolo D’Arpini… ed io voglio seguire il suo esempio -ma al contrario- cambio nome e divento Saul Arpino, perlomeno su questo blog.


A proposito di blog… sentivo il desiderio di crearmi un piccolo palcoscenico sul quale recitare alcune parti che non mi sono consentite in altri spazi. Da questo luogo, che forse mi riporta indietro nel tempo, un ritorno ai dinosauri del passato remoto oppure verso un avanti sconosciuto, non so, mi prenderò la libertà di raccontare e mostrare agli accorti lettori alcune segrete immagini dell’essere… di quel che io sono o non sono, descrivibile o indescrivibile…..


Vostro affezionato, Saul Arpino.

giovedì 29 dicembre 2011

Il Giornaletto di Saul del 30 dicembre 2011 – Rilancio economico ecologico, Cina e Giappone, Giorgio Bocca, Israele, Nisargadatta Maharaj

Preparazione per la passeggiata notturna del 31 dicembre 2011 a Spilamberto.. Prenotare al 333.6023090

Care, cari,

Rilancio economico ecologico – …abbiamo parlato delle disastrose iniziative del monti mario, detto il bancario, per rilanciare l’economia attraverso la vendita di beni pubblici, soprattutto le terre demaniali, etc. stamane giunge la proposta alternativa di Benito Castorina, referente per l’agricoltura della Rete Bioregionale Italiana, per una migliore utilizzazione dei beni pubblici da usare per un rilancio delle attività produttive concretamente utili alla nazione. Egli tra l’altro scrive: “…I pensionati possono salvare l’Italia, utilizzando le loro entrate fisse per la realizzazione di progetti agroindustriali che riportano benessere e rendono appetibile per i giovani il ritorno alle attività agricole, creando nuove forme di comunità, nuovi modelli di aggregazione per restituire al quotidiano i debiti spazi sociali e di relazione…” – Continua: http://retedellereti.blogspot.com/2011/12/benito-castorina-leconomia-riparte-con.html

Cina e Giappone unite contro il dollaro - Scrive Enrico Piovesana: "Giornali e Tg non ne parlano, ma per gli ambienti finanziari globali è la notizia-bomba di queste festività natalizie: la seconda e la terza economia mondiale,” Cina e Giappone, hanno siglato un accordo che prevede l’abbandono del dollaro americano come valuta utilizzata negli scambi commerciali tra le due nazioni asiatiche, consentendo quindi un interscambio direttamente in yen e yuan. Finora, circa il 60 per cento degli scambi commerciali tra Cina e Giappone vengono regolati in dollari. L’intesa, siglata lunedì a Pechino al termine dell’incontro tra il premier cinese Wen Jiabao e il primo ministro giapponese Yoshihiko Noda, è un chiaro segnale di sfiducia delle due potenze economiche asiatiche nei confronti della travagliata area euro-dollaro. Questa mossa viene interpretata dagli economisti come il primo passo concreto del governo di Pechino per far diventare la moneta cinese, lo yuan (o renminbi), una valuta di riserva globale sostitutiva al dollaro. Cosa attualmente non ancora possibile, vista la non completa convertibilità della valuta cinese”

Giorgio Bocca – Scrive Roberto Falvella: “…grande scrittore contemporaneo, grande giornalista, grande italiano. Sottoscrivo ed aggiungo: grande laico, ecc.”

Giorgio Bocca – Fa ancora parlare pro e contro la figura di Giorgio Bocca, da poco scomparsa dalle scene della vita fisica, qui se ne occupa Gianni Donaudi che tra l’atro scrive: “…A suo favore, invece, c'è la sua polemica contro le cattive abitudini delle masse italiote ("tengo famiglia") la passione per trasmissioni cretine, i casi patetici spettacolari come Alfredino,gli innumerevoli "tic" che affliggono molti nostri connazionali da Palermo a Bari, da Napoli a Roma da Torino a Milano) , il non sapere apprezzare le gite in montagna (per la quale Bocca nutriva una quasi sacralità), portandosi le pentole per cucinare gli eterni- Spaghetti e carne e salsiccie alla "brace", inquinando poi i prati, oltrechè con i rifiuti di plastica anche col rischio di pericolosi incendi…” – Continua: http://paolodarpini.blogspot.com/2011/12/un-parere-su-giorgio-bocca-di-gianni.html

Ed ancora Giorgio Bocca – Commento di Gianfranco Paris al parere di Laconico, espresso ieri: “Wikipendia non è la nuova Bibbia, pubblica pezzi di chicchessia, anche di coloro che esercitano la professione della diffamazione per scopi di parte, senza verifica alcuna. Molti addirittura si autolodano. E' certo che in circa 70 anni di coerente antifascismo Bocca si è fatto molti nemici e denigratori. Ed è certo uno di costoro che ha scritto quella cosiddetta biografia di cui parla Leonida Laconico. Chi non capisce questo non ha capito niente della informazione telematica che, appunto per questi limiti, è più dannosa che utile. Ognuno è libero di esprimere le proprie opinioni, ma lo deve fare a viso aperto e assumendosi la responsabilità di quello che scrive in prima persona, non nascondendosi dietro alla sigla Wikipendia, con lo stesso coraggio con cui Giorgio Bocca fu capace di autocritica e con 70 anni di coerenza. E chi legge wikipendia deve essere consapevole di questo, ed operare le necessarie verifiche su testi attendibili e non di parte. Buon Anno a tutti…”

Mia rispostina: “Su wikipedia hai perfettamente ragione.. Strano però che questo personaggio Giorgio Bocca abbia sollevato così tante polemiche..”

E Beppe Grillo - Anticipa Joe Fallisi: “Sì, è proprio vero: ciò che occorre, contro questa Casta onnivora, delinquenziale, mafiosa, inetta e ubiqua (destracentrosinistra) è una RIVOLUZIONE, esattamente come nel 1789. E si tratta di una situazione così TRAGICA, che a dire la verità dev'essere un comico..." – Continua: http://altracalcata-altromondo.blogspot.com/2011/12/divertimento-e-risate-assicurate-salvo.html

Polizia europea - Commento di Claudio Moffa all'articolo pubblicato ieri su Eurogendfor: "PRATICAMENTE NESSUNO NE PARLA, E' VERO. QUALCHE ECCEZIONE, SOLANGE MANFREDI E AL CONVEGNO IL NUOVO LEVIATANO, L'AVV. FORTUNA, DA CUI HO APPRESO PARTICOLARI ALLUCINANTI DI QUESTA STRUTTURA GOLPISTA. Cordiali saluti”

Israele e la baby peccatrice - Scrive Elisabetta Rosaspina: " Gli ebrei ultraortodossi considerano peccaminosi anche i bambini vestiti in maniera troppo colorata. Non succede neanche in Arabia Saudita, neanche in Afghanistan!" - Continua:
http://www.circolovegetarianocalcata.it/2011/12/29/elisabetta-rosaspina-israele-e-la-baby-peccatrice/

Israele e la pulizia etnica – Revocata la residenza di 70.000 palestinesi nella città di Gerusalemme. Prevista marcia pacifica di protesta con adesioni da tutto il mondo il 30 marzo 2012. Informazioni per l’adesione ed articolo esplicativo qui:
http://paolodarpini.blogspot.com/2011/12/stop-ethnic-cleansing-of-jerusalem.html

Milano vegetariana – Scrive Denise Nobili: “Venerdì 13 Gennaio 2012 ore 21.00. Ass. Coscienza e Salute, via Desenzano 8, Milano – 0248712963 MANGIAR SANO E NATURALE E DISINTOSSICAZIONE VEGANIC: QUALI STRATEGIE? Il relatore affronterà gli argomenti correlati, suggerendo consigli pratici e spunti di riflessione. Relatore: Dott. Michele Refoli. Info. info@coscienzasalute.it”

Turismo ecologico – Scrive Econews: “Governo Monti batti un colpo: il Turismo/paesaggio è la principale industria nazionale! Fallito il Governo Berlusconi, evaporati i Partiti, salvata l’Italia dal disastro (buona l’idea un Governo senza deputati) ….. dopo 4 anni di barzellette e bungabunga, ricominciamo a parlare di cose serie. Non le Grandi Opere, ma Turismo, Paesaggio ed Ambiente sono l’uovo di colombo per coniugare Crescita, Economia ed Ecologia”

Capita quel che capita – Scrive Sara Laurencigh: “A volte capita che ci si chiede come si fa ad essere o diventare uomini o donne. E qua, purtroppo le immagini che crediamo rappresentino tale meta e che tentiamo di riprodurre man mano si demoliscono sotto i nostri i passi. L' anima parla all'uomo, ed il suo linguaggio gli è spesso incomprensibile. Il suo percorso ha in sè il calore di un abbraccio e la luce del mattino…” – Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2011/12/29/sara-laurencigh-a-volte-capita-che-si-nasca-uomini-o-donne/

Pensione mancata - Scrive Marco Polga: "Nell'anno 1972 ho firmato simbolicamente un contratto con l'INPS: Versando contributi per 35 anni, alla scadenza riceverai una pensione. A - Anno 1995 "dopo 23 anni" di regolare contribuzione" a 12 anni dal traguardo, l'accordo non regge più: devo versare contributi per 40 anni (5 anni in più, costo per il sottoscritto 20% in più). B - Anno 2011, a 12 mesi dal cosiddetto traguardo, ulteriore modifica al contratto INPS: devo versare contributi obbligatori per 42 anni (altri 2 anni in più, altro 7% sempre sui 35 anni). Chiaramente se ve ne siete accorti, non ho conteggiato quanto ho già perso per la prima manovra del 1995 punto A. Dimenticavo, che se "forse" in data 15/01/2015 andrò in pensione (non so se maturerò/percepirò per i 2 anni ulteriori di lavoro in più, e qualche ulteriore finestra), perderò sicuro, almeno il 2% di quanto dovrei ricevere non avendo raggiunto i 62 anni. Oltre a quanto sopra ci sono le tasse aggiunte genericamente a tutti ed a chi come me si è fatto con notevoli sacrifici il regalo di avere una casa, aggiungiamo anche la nuova I.M.U. sulla 1° casa"

Nisargadatta Maharaj - La cosa più rilevante che ho percepito col vecchio Nisarga è stata la sua capacità d'intuizione.. la sua abilità nel trovare la giusta risposta basandosi su un semplice sguardo.. e siccome anche io sono avvezzo a questa tattica.. la corresponsione fu particolarmente significativa... Alla fine uscii soddisfatto di aver avuto le risposte nei miei termini.. con fatti concreti e non con chiacchiere.. I fatti li puoi vedere descritti nella storia. Mi è stato di grande ausilio osservare l'indifferenza con la quale esponeva il suo male.. una bocca sbavante come fosse un fiore... Per comprendere appieno il senso di quell'incontro ho dovuto però aspettare qualche anno.. avvenne nel silenzio della campagna (costal) in Andra Pradesh, seduto per tre mesi davanti alla mia capanna nel villaggio di Jillellamudi, alla presenza della mia Madre Anasuya... Advaita più tremenda dello stesso Nisargadatta. Un viaggiatore mi mise in mano Io sono Quello e così appresi anche l'insegnamento "letterario e formale" di Nisarga.. ed infine compresi tutti i significati dei gesti e delle poche parole. e degli sguardi e.. – Continua: http://bioregionalismo-treia.blogspot.com/2011/12/nisargadatta-maharaj-come-io-lho.html

Così anche per oggi è fatta! Ciao, Saul/Paolo

……….

Pensieri poetici del dopo Giornaletto:

"Quando non può più lottare contro il vento e il mare per seguire la sua rotta, il veliero ha due possibilità: l'andatura di cappa che lo fa andare alla deriva, e la fuga davanti alla tempesta con il mare in poppa. La fuga è spesso, quando si è lontani dalla costa, il solo modo di salvare barca ed equipaggio. E in più permette di scoprire rive sconosciute che spuntano all'orizzonte delle acque tornate calme. Rive sconosciute che saranno per sempre ignorate da coloro che hanno l'illusoria fortuna di poter seguire la rotta dei carghi e delle petroliere, la rotta senza imprevisti imposta dalle compagnie di navigazione" (H. Laborit)

"...La Verità è una terra priva di sentieri... non può essere portata al nostro livello, piuttosto noi dobbiamo salire al suo... non si può portare la cima della montagna in una valle... allo stesso modo non è possibile organizzare un credo, una fede... sono aspetti intimi, non si possono, né si devono organizzare... se lo fate muoiono, si cristallizzano, diventano convinzioni sistematiche, sette... o religioni da imporre forzatamente agli altri... quando create organizzazioni con questi propositi, divengono puntelli, menomazioni, catene, che vi ostacoleranno sino a mutilarvi, vi impediranno di riconoscere la vostra unicità... il vostro unico ed esclusivo modo di procedere verso la Verità... nel preciso istante in cui iniziate a seguire qualcuno cessate di seguire la Verità... intendo determinare un cambiamento specifico nel mondo, e realizzerò questo mio proposito con imperturbabile concentrazione... intendo liberare l'uomo da tutte le gabbie, da tutte le paure... voglio impedire che si creino nuove dottrine o filosofie, e che si fondino nuove religioni o nuove sette..." (Jiddu Krishnamurti)

Nessun commento:

Posta un commento