Saul Arpino ritorna…


Avete visto quella faccia della foto in vetrina… chi è quello, sono forse io?
Potrei dire di sì ed anche di no…. Sono io per le convenzioni del mondo, non sono io perché l’io non può essere fissato ad un’immagine momentanea e mutevole.
Quell’io che vedete è un attore che recita in una commedia, in un certo senso non ha nome né forma precisa, come tutti gli attori che possono interpretare vari ruoli.
Ma il mio vero “io” non si manifesta solo nei ruoli ma nella sceneggiatura, nei costumi, nelle parti comprimarie, nella musica, nella regia, nelle luci, negli spettatori… eccetera…


Volendo però dargli un nome chiamerò quell’io Saul Arpino. Un nome inventato? Forse sì e forse no.. il nome potrebbe esistere od avrebbe potuto esistere… mio nonno –ad esempio- avrebbe potuto chiamarsi così… poi per motivi banali, di sopravvivenza bruta, prese a chiamarsi Paolo D’Arpini… ed io voglio seguire il suo esempio -ma al contrario- cambio nome e divento Saul Arpino, perlomeno su questo blog.


A proposito di blog… sentivo il desiderio di crearmi un piccolo palcoscenico sul quale recitare alcune parti che non mi sono consentite in altri spazi. Da questo luogo, che forse mi riporta indietro nel tempo, un ritorno ai dinosauri del passato remoto oppure verso un avanti sconosciuto, non so, mi prenderò la libertà di raccontare e mostrare agli accorti lettori alcune segrete immagini dell’essere… di quel che io sono o non sono, descrivibile o indescrivibile…..


Vostro affezionato, Saul Arpino.

giovedì 8 dicembre 2016

Il Giornaletto di Saul del 9 dicembre 2016 – La Fierucola di Passo Treia is over, buddismo e fisica quantistica...



Sagrato di Passo Treia - 8 dicembre 2016 - Foto di Luciana Montecchiesi

Care, cari, la Fierucola delle eccellenze bioregionali di Passo Treia is over. Il mio intervento alla tavola rotonda, come ultimo relatore. è stato sincretico e sintetico. Ho detto: “questo vuole essere un ultimo avviso...  Al mio via... “Tutti alla buvette, per il brindisi finale” e con ciò ci siamo precipitati al tavolo dei vini ed abbiamo fatto un brindisi. Mi hanno costretto a bere un mezzo dito di vino cotto... non ho potuto rifiutare! Ringrazio tutti i partecipanti e tutti coloro che -a vario titolo hanno reso possibile la riuscita di questa bella manifestazione, all'insegna dei saperi locali.

Buddismo e fisica quantistica - Generalmente, le scuole filosofiche principali che fanno capo al buddismo sono considerate due: Mahayana e Theravada. Madhyamak ("quella che si trova al centro" o "la via di mezzo") appartiene alla scuola di pensiero Madhyamaka ed è stata sviluppata da Nagarjuna nel Secondo secolo. Nonostante il numero sbalorditivo di sottili differenze interpretative emerse nelle filosofie di Nagarjuna nel corso degli anni, l'idea che le unisce tutte è quella di vuoto... - Continua: http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2015/12/la-fisica-quantistica-e-vicina-al.html

Fine della trasmissione, ciao, Paolo/Saul

…..............................

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

"Coloro in cui lo spirito d'indagine sul Sé è sempre vigile, illuminano il mondo. Illuminano tutti coloro che vengono in contatto con essi, disperdono i fantasmi creati da una mente ignorante e realizzano la falsità dei piaceri sensoriali e dei loro oggetti." (Yogavasishtha)



Nessun commento:

Posta un commento