Saul Arpino ritorna…


Avete visto quella faccia della foto in vetrina… chi è quello, sono forse io?
Potrei dire di sì ed anche di no…. Sono io per le convenzioni del mondo, non sono io perché l’io non può essere fissato ad un’immagine momentanea e mutevole.
Quell’io che vedete è un attore che recita in una commedia, in un certo senso non ha nome né forma precisa, come tutti gli attori che possono interpretare vari ruoli.
Ma il mio vero “io” non si manifesta solo nei ruoli ma nella sceneggiatura, nei costumi, nelle parti comprimarie, nella musica, nella regia, nelle luci, negli spettatori… eccetera…


Volendo però dargli un nome chiamerò quell’io Saul Arpino. Un nome inventato? Forse sì e forse no.. il nome potrebbe esistere od avrebbe potuto esistere… mio nonno –ad esempio- avrebbe potuto chiamarsi così… poi per motivi banali, di sopravvivenza bruta, prese a chiamarsi Paolo D’Arpini… ed io voglio seguire il suo esempio -ma al contrario- cambio nome e divento Saul Arpino, perlomeno su questo blog.


A proposito di blog… sentivo il desiderio di crearmi un piccolo palcoscenico sul quale recitare alcune parti che non mi sono consentite in altri spazi. Da questo luogo, che forse mi riporta indietro nel tempo, un ritorno ai dinosauri del passato remoto oppure verso un avanti sconosciuto, non so, mi prenderò la libertà di raccontare e mostrare agli accorti lettori alcune segrete immagini dell’essere… di quel che io sono o non sono, descrivibile o indescrivibile…..


Vostro affezionato, Saul Arpino.

mercoledì 21 dicembre 2016

Il Giornaletto di Saul del 22 dicembre 2016 - Uno senza un due, destino come scelta, Genuino Clandestino, multiculturalismo, sguinzagliati i debunkers di regime, senza alberi non c'è vita...


Risultati immagini per Uno senza un due ramana maharshi

Care, cari, allorché Ramana Maharshi afferma che tutti sono Jnani evidentemente fonda tale affermazione nella coscienza Advaita (non duale) in cui esiste solo l’Uno senza un due, per cui ognuno di noi è considerato la manifestazione di quell’Uno e non può essere altri che Quello. Ramana specifica ulteriormente che nel gioco della Coscienza l’Uno si proietta nel riflesso della mente e si percepisce come separato – questo processo è definito esteriorizzazione- ma allo stesso tempo sempre è in atto la spinta inversa all’interiorizzazione (del consapevole ritorno all’Unità)... - Continua: http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2013/12/ramana-maharshi-la-domanda-finale-con.html

Profezia di Fatima: "La guerra è inevitabile?" - Scrive Padre Nicholas Gruner: "LA GUERRA È INEVITABILE: a meno che la Madonna non venga obbedita, SUBITO! Suor Lucia di Fatima disse: Molte volte la Beata Vergine disse ai miei cugini Francesco e Giacinta, così come a me, che la Russia sarà lo strumento del castigo scelto dal Cielo per punire il mondo intero per i suoi peccati..."

Il destino come scelta – Scrive Simone Sutra: "Nel campo della psicologia transpersonale Dethlefsen occupa una nicchia di prim’ordine, ed è facile capire perchè sfogliando questo suo agilissimo testo, una piccola summa theologica, saremmo tentati a dire, quasi un manualetto da “giovani marmotte” nella sua essenzialità; aspetto che peraltro non va a discapito della completezza e della profondità della trattazione. Evitando le astrusità e le tortuosità verbali e cerebrali di molti autori del settore, Dethlefsen ci guida con grande semplicità e con cristallina trasparenza attraverso temi di grande risonanza per la vita interiore...." - Continua: https://circolovegetarianotreia.wordpress.com/2016/12/21/psicologia-transpersonale-il-destino-come-scelta-recensione/

Commento di Franca Oberti: "...quando una ventina d'anni fa, ho letto questo libro, si è spalancato il portale della mia mente, quello che già i volumi della Paola Giovetti avevano socchiuso. Ho seguitato a leggere tutto quello che è seguito: Malattia & Destino, Aggressione come scelta, Vita dopo vita, ecc... meravigliose intuizioni che tuttora mi aiutano..."

Mondeggi. Resoconto di Genuino Clandestino Nazionale – Scrive Coordinamento: "Ordine del giorno dell'incontro tenuto l'11 dicembre 2016 a Mondeggi : -Mailing list e questione su come GC rilascia comunicati e aderisce ad iniziative promosse da altre realtà - Questione di Fuori Mercato - Esposizione dell’intervento di GC a Bolognola e continuazione del percorso - Incontro nazionale di GC a Bologna..." - Continua: http://retedellereti.blogspot.it/2016/12/mondeggi-resoconto-dellincontro-di.html

La vera ragione dell'attentato di Berlino – Scrive Silvano Doro a commento dell'articolo http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2016/12/la-vera-ragione-dellattentato-di.html -: "Vedi.... La storia e come una serie di onde lunghe ... Magari ci vogliono 50 anni perché passi un'onda ... Sale ....sale ....sale .... Poi ad un certo punto è inevitabile, torna indietro. Ora sta salendo con forza un certo fondamentalismo. Ma non dura in eterno. Poi l'ondata ridiscende portandosi via tutto quello che ha trascinato con sé ... Se osservi la storia , è una serie interminabile di onde ... Ad un certo punto paghi il conto con la storia ...."

Mia rispostina: "Sì, sono "onde di pensiero" – vedi: http://paolodarpini.blogspot.it/2016/07/riflessione-sui-movimenti-positivi-e.html - Di tanto in tanto c'è un apparente  prevalere di un "indirizzo" sull'altro ma infine, com'è postulato nel Taoismo, si torna sempre ad una stabilità, tra alti e bassi, nel corso del tempo..."

Continua la campagna mediatica dei mezzi di infamazione di massa – Scrive Adriano Colafrancesco: "Tutto quel che c'è da sapere sul terrorismo ce lo dice la capa della più importante società al mondo che verifica i video dell'ISIS – al secolo Rita Katz – forse sa qualcosa del fattaccio di Berlino. Sorge spontanea la domanda: Enrico, ma chi katz è rita katz? Direttrice e co-fondatrice, di Site - Searh for International Terrorist Entities - vale a dire il sito di monitoraggio Usa dei jihadisti sul web, fondato insieme a Josh Devon, grazie all’aiuto di diverse agenzie federali statunitensi e gruppi economici privati..." - Continua: http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2016/12/terroristi-tremate-e-arrivata-la.html

USA. L'armageddon democratico – Scrive Vincenzo Zamboni a commento dell'articolo http://paolodarpini.blogspot.it/2016/12/usa-armageddon-democratico-in-arrivo.html -: "...ai grandi elettori repubblicani sono arrivati nell'ultimo mese decine di migliaia di lettere di proteste di minacce, e centinaia di petizioni dei soliti morti di fama per spingerli a non rispettare in spregio alla Costituzione il volere degli elettori americani. Ma le proteste e le minacce non sono state ascoltate e solo due dei 306 grandi elettori di Donald Trump non hanno scelto lui come 45esimo presidente degli Stati Uniti, mentre sei grandi elettori democratici non hanno votato per Hillary Clinton e altri due avrebbero voluto farlo ma le leggi del loro Stato glielo hanno impedito..."

Sguinzagliati i debunkers di regime – Scrive Giorgio Vitali: "... aumentano le emittenti e correlativamente il bisogno/curiosità di conoscenza del vasto pubblico, il quale gradualmente passa dalla visione mediatica di stampo ludico (partite sportive, giochi a premi, azzardo) a quella dei dibattiti politici ed informativi, con conseguenze sempre nefaste per il potere. Ecco nascere la necessità di disporre di un esercito sempre più numeroso, ovviamente a pagamento, di contestatori dei contestatori sul loro proprio terreno: la controinformazione della controinformazione..." - Continua: http://paolodarpini.blogspot.it/2016/12/la-censura-viaggia-sul-web.html

Vecchi furbastri non muoiono mai – Scrive Giorgio Mauri: "Berlusconi sta facendo le prove del "Partito della nazione" per capire se proseguire con Renzi o mandarlo al macero. Come fa ? semplice. Gli scagnozzi (opinionisti famosi) buttano là l'ipotesi che ci sarà una coalizione Renzi Berlusconi. Nel frattempo spara un pò di proiettili contro Salvini e la Meloni, organizzando qualche talk show a uso e consumo. Poi incomincia con i sondaggi. Se vede che vincerà continua, altrimenti cambia strada. L'unica speranza è che Grillo resti vivo, altrimenti il figlio di Casaleggio sarebbe fatto "prigioniero" da Berlusconi in pochissimo tempo (come accaduto a Bossi), e avremmo un governo Berlusconi appoggiato da quei deficienti dei 5 stelle. Perché deve essere chiara una cosa: quei poveri ragazzi vanno dove li porta il vento!"

Terroristi a Berlino. Meno male che c'è Rita... - Scrive Maurizio Blondet: "Le smagliature nella narrativa di cui sono sparsi i crimini della strategia della tensione, non sono goffaggini, non sono sfuggiti; sono voluti, e sono una sorta di “firma”. Il servizio sta dicendo “siamo stati noi”, ai servizi altri. Per esempio, si è appreso che Daesh ha rivendicato la strage di Berlino – come di consueto, attraverso il SITE di Rita Katz. E’ appunto una “firma”. Stato Islamico, AL Qaeda, Bin Laden ai suoi tempi, hanno sempre garantito al SITE l’esclusiva dei loro messaggi." - Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2016/12/21/terroristi-a-berlino-meno-male-che-ce-rita/

Commento di Enrico Galoppini: "Ultime novità sull'attentatore al mercatino natalizio di Berlino. A parte l'esilarante particolare dei documenti ("di espulsione") rinvenuti sotto il sedile del camion, che ci ricordano i passaporti che cadono dalle torri gemelle e le carte d'identità dei due fratelli marocchini autori della strage al Charlie Hebdo; a parte questo, dicevo, per il semplice modo col quale questa notizia viene presentata come "vera" - ma senza mostrare alcuno sbalordimento - c'è di che rabbrividire. Si tratterebbe di un immigrato con un "documento d'espulsione" che nessuno - more solito - s'è premurato di espellere..." - Continua in calce al link segnalato

Il multiculturalismo di Kenan Malik – Scrive Marinella Correggia: "La maggior parte dei multi-culturalisti ritiene che le persone dovrebbero essere trattate non in maniera uguale malgrado le differenze ma in maniera differenziata proprio per via di queste ultime. Così va a quel paese l’antico concetto di uguaglianza, fondato sull’idea illuminista di universalismo. «Al posto dei diritti universali arrivano quelli differenziati». E c’è uno «slittamento dall’idea che gli esseri umani siano portatori di cultura a quella che debbano farsi portatori di una determinata cultura»..." - Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2016/12/21/kenan-malik-il-multiculturalismo-e-i-suoi-critici-recensione-di-marinella-correggia/

Le ipotetiche persecuzioni dei cristiani – Scrive Marco Bracci a commento dell'articolo https://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2013/12/persecuzioni-contro-i-cristiani-e-bugie.html?showComment=1482231030468#c8482840305223543178 -: "Riguardo alla diatriba in oggetto, cui hai aggiunto i tuoi commenti sull’esistenza o meno di Gesù 2000 anni fa, consiglio la lettura dl libro fresco di stampa: "LA RIABILITAZIONE DEL CRISTO-DIO", (edizioni Vita Universale) in cui si chiariscono i motivi della manipolazione dei suoi insegnamenti, da cui sono anche derivati i dubbi sulla sua esistenza, e si evidenziano le sue verità"

Roma. Natale e buone azioni – Scrive F.L.M.: "Giovedì 22 Dicembre 2016 ora 17,30 presso l'Ass. AVA in Piazza Asti 5/a Roma, conferenza di Vittorio Panza: "IL VERO DIO IN CRISTO E' PER L'UNITA' TRA GLI UOMINI, LA NATURA E GLI ANIMALI... E IL TEMPO E' PROSSIMO". Dopo la Conferenza ci sarà una cena vegan di beneficenza; il ricavato andrà per gli animali salvati dal macello e che ora vivono in serenità nell'Oasi della Terra di Pace a Castrocielo. Info. 3667182477"

Genova. Natale passato – Scrive Franca Oberti: "Mi resta un po’ di nostalgia, quando parto da Genova e vengo via. Guardo la Lanterna da lontano, poi m’infilo in galleria col cuore in mano. Mi rimane negli occhi quel mare che vedevo, piccina, dalla casa avita. Quei giorni di Festa in compagnia, che ci facevano sospirare. Il Righi, un presepio, alle spalle, tante luci, nastri dorati, palle. E un vento di tramontana che portava un freddo becco. Niente neve, nemmeno ghiaccio, andavamo ai baracconi, in piazza della Vittoria, fino alla Foce a piedi. Aria, sale e vento secco ci facevano compagnia in quei giorni di allegria. Natale genovese, Natale passato, ti ricordo ancora, non ti ho mai dimenticato..."

Senza alberi non c'è vita – Scriveva Peter Boom: "Un grandissimo problema oggi è la sistematica distruzione dei boschi che sono parte integrante e di primaria importanza per il nostro ecosistema bioregionale. Per questo motivo ho scritto un libro intitolato “2020, il nuovo Messìa”, pubblicato nel 1994 che parla proprio della mentalità speculativa che sta distruggendo la Natura, la flora, la fauna, i nostri alberi e … di conseguenza anche noi..." - Continua: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2016/12/gli-alberi-sono-la-vita-del-pianeta-un.html

Estinzione in corso – Scrive OIPA: "...il pianeta rischia di perdere il 70% della fauna selvatica. Uno studio del WWF rivela che la popolazione animale mondiale, tra il 1970 e il 2012, è diminuita del 58% e si prevede che diminuisca ulteriormente del 67% entro il 2020. La distruzione degli habitat naturali, la caccia e l’inquinamento sono tra le cause principale di questa diminuzione..."

Bene, o forse male? Beh, finché c'è vita c'è speranza... Ciao, Paolo/Saul

....................................

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

“La Fede, nella sua espressione migliore, si manifesta come serenità, coraggio, lealtà e servizio. Come una tranquilla fiducia che aiuta l’individuo a sentirsi a proprio agio nell’universo, lo aiuta a trovare un significato profondo nelle cose, un significato che, una volta acquisito, rimane stabile e, in tal modo, rende equanime l’individuo nella buona e nella cattiva sorte, alimentando naturalmente il suo spirito compassionevole.” (Wilfred Cantwell Smith)



Nessun commento:

Posta un commento