Saul Arpino ritorna…


Avete visto quella faccia della foto in vetrina… chi è quello, sono forse io?
Potrei dire di sì ed anche di no…. Sono io per le convenzioni del mondo, non sono io perché l’io non può essere fissato ad un’immagine momentanea e mutevole.
Quell’io che vedete è un attore che recita in una commedia, in un certo senso non ha nome né forma precisa, come tutti gli attori che possono interpretare vari ruoli.
Ma il mio vero “io” non si manifesta solo nei ruoli ma nella sceneggiatura, nei costumi, nelle parti comprimarie, nella musica, nella regia, nelle luci, negli spettatori… eccetera…


Volendo però dargli un nome chiamerò quell’io Saul Arpino. Un nome inventato? Forse sì e forse no.. il nome potrebbe esistere od avrebbe potuto esistere… mio nonno –ad esempio- avrebbe potuto chiamarsi così… poi per motivi banali, di sopravvivenza bruta, prese a chiamarsi Paolo D’Arpini… ed io voglio seguire il suo esempio -ma al contrario- cambio nome e divento Saul Arpino, perlomeno su questo blog.


A proposito di blog… sentivo il desiderio di crearmi un piccolo palcoscenico sul quale recitare alcune parti che non mi sono consentite in altri spazi. Da questo luogo, che forse mi riporta indietro nel tempo, un ritorno ai dinosauri del passato remoto oppure verso un avanti sconosciuto, non so, mi prenderò la libertà di raccontare e mostrare agli accorti lettori alcune segrete immagini dell’essere… di quel che io sono o non sono, descrivibile o indescrivibile…..


Vostro affezionato, Saul Arpino.

lunedì 3 novembre 2014

Il Giornaletto di Saul del 4 novembre 2014 – Rivoluzione d'ottobre, renzie il furbetto, cantico delle api, Italia da salvare? Mistero piramidale d'Egitto, Riciclaggio della Memoria....



Care, cari - Rivoluzione d'ottobre. Anniversario – Scrive NPCI: "Celebriamo il 97° Anniversario della Rivoluzione d’Ottobre (7 novembre 1917 - 25 ottobre del calendario giuliano). La Rivoluzione d’Ottobre e l’ondata della rivoluzione proletaria che essa ha sollevato in tutto il mondo insegnano ai comunisti, agli operai e alle masse popolari che per cambiare il corso delle cose devono anzitutto prendere in mano il governo del paese! La celebrazione dell’anniversario della Rivoluzione d’Ottobre riveste quest’anno una particolare importanza per noi comunisti italiani perché.... - Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2014/11/03/celebriamo-lanniversario-della-rivoluzione-dottobre/

Cina. Anti-droni – Scrive Irib: "La Cina ha sviluppato un sistema di difesa basato su raggi laser in grado di colpire ed abbattere droni fino ad una distanza massima di 1,2 km ed entro 5 secondi dall'individuazione del bersaglio. Lo ha reso noto l'agenzia Xinhua specificando che il laser cinese è in grado di distruggere droni fino alle dimensioni di un aereo di piccole dimensioni che volino entro una quota massima di 500 metri e ad una velocita' di 180 km/h."

Renzie, il furbetto – Scrive Fabrizio Belloni: "...Vediamo un po’. I “media–linguetta” sono stracolmi della confusione che regna nella cosiddetta sinistra. Accantonato Vendola (ha le gatte da pelare a casa sua), nel PD (Partito del Denaro?) si chiacchiera di scissione a sinistra. E si individua Landini (Fiom) a capo della nuova banda di trinariciuti. E Renzi non reagisce, anzi spinge allo scontro. Leopolda docet. Il suo ragionamento (suo?) è chiaro. Eliminiamo le frange estreme (cinque, sette, fino al dieci per cento?), e convergiamo al centro. Italia, paese di moderati apprezzerà. In più ha praterie di voti davanti a sé: gli astensionisti: Renzi è un furbetto....." - Continua: http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2014/11/renzie-il-furbetto-litaliano-medio-e-la.html

Novo Russia. Separatisti in testa – Scrive IRIB: "Il premier dell'autoproclamata repubblica popolare di Donetsk, Alexandr Zakharcenko, è stato eletto presidente con l'81,37% dei voti. Lo riferisce il presidente della commissione elettorale, Roman Liaghin"

Commento di V.Z.: "..bisogna essere davvero stronzi duri e sommamente fetenti per negare che un popolo (nel Donbass, ma avrebbe potuto accadere lo stesso ovunque) abbia esplicitato democraticamente la propria scelta di indipendenza sovrana. Ma, si sa, la politica governativa è un luogo previlegiato per i delinquenti, perlomeno in Europa e negli Usa. Peccato, dal momento che in questo mondo occidentale, così com'è, ci troviamo, e ci tocca conviverci. Fin che dura, naturalmente. Visto che, per fortuna, niente è eterno, nemmeno l'impero euroamericano, che già schricchiola per molte vistose crepe inaggiustabili..."

Cantico delle Api – Scrive Cantico delle Api: "La nostra vita è direttamente dipendente, infatti, da quel "proletariato invisibile" costituito da piante, insetti, vermi, funghi, muffe, microrganismi, api, ecc…., che però vengono aggrediti e distrutti dalle continue e spropositate immissioni di pesticidi nell’ambiente. L’attuale moria delle api ne è il segnale più evidente ed è un problema dovuto ad un modo di coltivare che è cambiato, soprattutto negli ultimi trent'anni, e che riguarda tutti, per il ruolo fondamentale che le api rappresentano per la nostra stessa sopravvivenza. Ma..." - Continua: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2014/11/il-cantico-delle-api-uno-spettacolo-per.html

Commento di Camplom: "Le farà piacere sapere che perfino un onnivoro (quale scimmiescamente io sono) gode nel nutrire di miele le api che si trovano, di questa stagione, intirizzite sulla soglia di casa e vederle volar poi via rinvigorite. Noi animali, si sa, siamo un misto di crudeltà e dolcezza, entrambe innocenti. È la bellezza della natura...."

Caduto un muro se ne fa un altro – Scrive Vincenzo Mannello: "Mark ‪‎Zuckerberg‬ (nomen omen), il boss di ‪Facebook‬ ha ricordato la "caduta" del ‪‎muro ‬di ‪‎Berlino‬, vorrei fare un'annotazione: perché non denuncia l'esistenza di quello che costeggia l'intera ‪‎Cisgiordania‬ e tiene prigioniero il popolo ‪‎Palestinese‬? Per non parlare del "campo di concentramento" di ‪‎Gaza‬, vero laboratorio di "pulizia etnica" modernizzato da parte degli israeliani. I Muri sono Muri, sempre e dovunque..."

Italia da salvare? - Scrive Filippo Mariani: "Per salvare l'identità dell'Italia pensiamo ad una politica economica a beneficio delle famiglie che oggi debbono lavorare in due per giungere a stento alla fine del mese e, quindi, impossibilitate a mettere al mondo figli, possa essere una chiave per rallentare il declino demografico. Poi necessita una regolamentazione rigida, come fa la Germania, sugli ingressi dei migranti sul nostro Paese. Per troncare il flusso infinito di migranti sulle nostre coste è necessario considerare l’ipotesi inglese e cioè realizzare lungo le coste africane presidi umanitari e sanitari capaci di dare assistenza in luogo, evitando così altri morti nel mare e stroncando una volta per tutte l’enorme business dei boss mafiosi che gestiscono i viaggi verso le nostre coste. Ma per fare tutto questo...." – Continua: http://paolodarpini.blogspot.it/2014/11/come-salvare-litalia-dallislamizzazione.html

Roma. Teatro integrato – Scrive Loredana Piacentino: "Laboratorio di teatro Integrato c/o Grande Cocomero in via dei Marsi, 77 - Roma. Riparte anche quest’anno il teatro-danza sulla disabilità, aperto a tutti, anche ad attori e danzatori non professionisti. Il lavoro intende sollecitare un processo creativo dove poter esplorare limiti e risorse, sia individuali che di gruppo. Info. acttheatreproject@gmail.com"

Egitto. Mistero piramidale – Scrive Tara: "Come sono state costruite le piramidi egizie? In origine l’intera piramide era ricoperta di uno strato calcareo di colore bianco brillante, proveniente dalle colline di Tura, che la faceva risplendere nel raggio di decine di chilometri. Della piramide esistono dati noti o presunti, che tuttavia non forniscono la chiave dell’enigma. Si sa, ad esempio, che servirono dai 20 ai 25 anni per costruire la piramide di Cheope. ..." - Continua: http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2014/11/il-mistero-delle-piramidi-degitto.html

Ulteriore commento alla manifestazione sul Riciclaggio della Memoria https://circolovegetarianotreia.wordpress.com/2014/11/01/treia-resoconto-della-presentazione-di-riciclaggio-della-memoria-31-ottobre-2014/ - scrive Michele Meomartino: "Caro Paolo, due battute sulla presentazione di Riciclaggio della memoria a Treia. Parto dai ringraziamenti per tutti coloro che si sono spesi da un punto di vista organizzativo, in primis tu e Caterina. Sono fatighe non prive di gratificazioni. Discreta anche la partecipazione, soprattutto se si considera il contesto dove la presentazione è avvenuta, cioè in un paese. E poi, i temi che il libro affronta che, pur attuali e urgenti, come l'ecologia, con il mondo sull'orlo di una catastrofe, non scalda gli animi più di tanto. Purtroppo! Ritornando alla serata, belli e interessanti sono stati tutti i momenti che l'hanno contrassegnata. E' stata una festa e un piacere aver partecipato. Ancora grazie...."

Mia rispostina: "Sì, è come dici tu, peccato che questi temi non scaldino più di tanto... Si vede che il declino deve arrivare alle sue estreme conseguenze... è inevitabile toccare il fondo se si vuole risalire!..."

E con ciò anche questo capitolo è concluso... Ciao, Saul/Paolo

....................................

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:


"Il fallimento è l'opportunità per ricominciare in modo più intelligente." (Henry Ford)

Nessun commento:

Posta un commento