Saul Arpino ritorna…


Avete visto quella faccia della foto in vetrina… chi è quello, sono forse io?
Potrei dire di sì ed anche di no…. Sono io per le convenzioni del mondo, non sono io perché l’io non può essere fissato ad un’immagine momentanea e mutevole.
Quell’io che vedete è un attore che recita in una commedia, in un certo senso non ha nome né forma precisa, come tutti gli attori che possono interpretare vari ruoli.
Ma il mio vero “io” non si manifesta solo nei ruoli ma nella sceneggiatura, nei costumi, nelle parti comprimarie, nella musica, nella regia, nelle luci, negli spettatori… eccetera…


Volendo però dargli un nome chiamerò quell’io Saul Arpino. Un nome inventato? Forse sì e forse no.. il nome potrebbe esistere od avrebbe potuto esistere… mio nonno –ad esempio- avrebbe potuto chiamarsi così… poi per motivi banali, di sopravvivenza bruta, prese a chiamarsi Paolo D’Arpini… ed io voglio seguire il suo esempio -ma al contrario- cambio nome e divento Saul Arpino, perlomeno su questo blog.


A proposito di blog… sentivo il desiderio di crearmi un piccolo palcoscenico sul quale recitare alcune parti che non mi sono consentite in altri spazi. Da questo luogo, che forse mi riporta indietro nel tempo, un ritorno ai dinosauri del passato remoto oppure verso un avanti sconosciuto, non so, mi prenderò la libertà di raccontare e mostrare agli accorti lettori alcune segrete immagini dell’essere… di quel che io sono o non sono, descrivibile o indescrivibile…..


Vostro affezionato, Saul Arpino.

martedì 8 ottobre 2013

Il Giornaletto di Saul del 9 ottobre 2013 – Carcere comunitario, Agricoltura Contadina, peto al potere, democrazia obbligatoria, OGM in Friuli, Marte senza acqua


Lavoro nei campi in carcere autogestito cooperativistico 

Care, cari,

Sono rimasto basito in seguito alla diatriba sorta fra il presidente Napolitano ed il M5S in merito alla ventilata “riflessione”, suggerita dal presidente al parlamento, su una eventuale amnistia od indulto. Il presidente Napolitano è stato accusato di aver voluto con ciò favorire Silvio Berlusconi. Il vero problema, indipendentemente dalle reali intenzioni di Napolitano, sta nelle infernale situazione carceraria che è causa di degrado, suicidi, corruzione interna agli istituti di pena, nonché di enormi spese di gestione, a carico dello Stato, per il mantenimento delle strutture e della sorveglianza. Faccio presente di aver inviato agli organi competenti, sin dal 2008, una proposta oculata e ragionata per risolvere definitivamente il problema carcerario, anche tenendo conto che quanto suggerito è facilmente attuabile e potrebbe anzi svilupparsi in forme economiche e imprenditoriali utile alla rieducazione dei condannati e restituendo loro dignità ed autonomia. Proposta di carcere comunitario auto-gestito: http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2013/10/carcere-comunitario-autogestito-dai.html

Agricoltura Contadina – Scrive Roberto Schellino: “Ciao a tutti, allora giovedì 10 ottobre 2013 alle ore 11,30 alla sala stampa della Camera presenteremo le nostre LINEE GUIDA - ad ogni Associazione aderente si chiede di divulgare l’informazione sull’incontro ed il testo delle Linee guida. L’incontro sarà trasmesso in diretta streaming sul sito della Camera dei Deputati Ricordo che questo testo non è una conclusione, ma l’inizio di una nuova fase di confronto con i parlamentari e quindi di lavorare ancora, anche da parte nostra, sui contenuti. In calce anche la lettera inviataci da Vandana Shiva...” - Continua: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2013/10/campagna-per-lagricoltura-contadina.html

Commento di Giannozzo Pucci: “Viste le LINEE GUIDA della Campagna che contengono i punti fondamentali anche delle tesi a cui si è lavorato già dal lontano 1997 con la Carta per la Ricostruzione della Campagna Italiana e che ancora prima nei 14 anni precedenti di vita della Fierucola di Firenze sono emersi in tantissime occasioni e dibattiti, sono contento di aderire alla Campagna per l'Agricoltura Contadina a nome della associazione "Centro studi Quaderni d'Ontignano" e sarò a Roma a testimoniare la massima partecipazione.”

Mia annotazione: “Alla Campagna aderisce anche la Rete Bioregionale Italiana in rappresentanza della quale sarà presente all'incontro il nostro referente per l'agricoltura Benito Castorina”

Democrazia dell'obbligo – Scrive Giuseppe Turrisi: “Una parola che continua ad avere bisogno sempre di un'altra per avere senso compiuto vuol dire che già nasce incompleta e decadente. La democrazia sostanzialmente è molto giovane come concetto politico rispetto ad imperi millenari che esercitavano molti più diritti di quanto ne pretende di esercitare al democrazia. Ciclicamente infatti qualche intellettuale parla di "democrazia malata", il problema è che non è mai stata sana, infatti il divario tra "democrazia ideale" e "democrazia reale" sarà sempre incolmabile, perché utopico è il concetto di uguaglianza che sottende...” - Continua: http://paolodarpini.blogspot.it/2013/10/dol-democrazia-obbligatoria-liberista.html

La poesia sull'Uomo di Rossella – Scrive Marco Bracci: “Complimenti a Rossella per la sua poesia di chiusura del Giornaletto di ieri. In un epoca dove la donna sta salendo alla ribalta (giustamente, siamo nell’epoca di Sofia) e che uomini non uomini stanno combattendo fra chi spinge per dar loro privilegi e chi li vorrebbe al rogo, una semplice riconoscenza delle qualità del duale maschile apre il cuore. Perché si deve sempre stare o da una parte o dall’altra, mi domando, e non invece creare una situazione stabile grazie all’aver attribuito ugual peso ai due piatti delle bilancia, riconoscendo e accettando le qualità di ciò che c’è appunto su ognuno dei due piatti?”

Un vecchio peto al potere – Scrive Daniela: “Guarda che caso cliccando sul mio telefonino ho trovato questa tua mail vecchia ma lungimirante..: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2012/04/29/grillo-grillo-il-peto-al-potere-ovvero-come-far-finta-di-cambiare-tutto-non-cambiando-nulla/

Italiani, duri a cambiare - Scrive Andrea Spurio: "Abbiamo le tasse più alte del pianeta, un debito pubblico superiore a duemila miliardi, la disoccupazione giovanile al 40%. Il sistema sanitario nazionale è al collasso. Siamo tra i paesi Europei che investono meno in istruzione e cultura, quello con la più bassa percentuale di diplomati e laureati ma con la spesa pubblica costantemente in crescita. Facciamo trecento miliardi di evasione fiscale all’anno. Siamo uno dei paesi più corrotti al mondo.... Italiani, si siamo italiani..."

Russia. Il DNA influenzato dal pensiero - Sorprendente scoperta fatta in un laboratorio russo di Garjajeva: “Il DNA umano è un Internet biologico, superiore, sotto molti aspetti, a quello artificiale. La più recente ricerca scientifica russa spiega, direttamente o indirettamente, fenomeni quali la chiaroveggenza, l’intuizione, gli atti spontanei ed a distanza di cura, l’auto-guarigione, le tecniche di affermazione, la luce o aure insolite intorno alle persone (concretamente, dei maestri spirituali), l’influenza della mente sui modelli climatici e molto ancora. Inoltre, ci sono segni di un tipo di medicina completamente nuova nella quale il DNA può essere influenzato e riprogrammato dalle parole e dalle frequenza SENZA sezionare e rimpiazzare geni individuali.”

Roma. Sufi - Scrive Mauro Tiberi: "23 Ottobre Roma ore 21,00 Basilica di San Giorgio al Velabro in via del Velabro (traversa di via di San Teodoro) I Vortici dell'anima. Mauro Tiberi: voce, esraj, Nicola Alesini: strumenti a fiato, Alberto Savini: tabla Santosh Atmanada: danza sufi.  Offerta consigliata.Info. maurotiberi@hotmail.com"

Doveri materni – Scrive Sabine Eck: “A grande richiesta vi parlerò finalmente delle moderne principesse capricciose che a mio avviso sono innanzitutto multicentriche, autoeducative, mutevoli, accanite osservatrici, maestrine in erba, curiosissime e nello specifico interessate al mondo delle relazioni umane. Per semplificare e per comprensione didattica dobbiamo distinguere le derivazioni dalla natura umana da quelle di origine culturale (quindi appresi per educazione). Nella realtà i due aspetti si fertilizzano a vicenda, quindi sono intimamente intrecciati e non sempre divisibili. Sia l’uomo che la donna hanno specifici ed innati “compiti di base” donati da madre natura..” - Continua: http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2013/10/emulazione-nei-comportamenti-femminili.html

Cosa è il Sé? - Scrive Roberto a commento dell'articolo sulla realizzazione del Sé
http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2013/10/spiritualita-laica-nella-realizzazione.html -: “Caro Paolo. Durante il mio lungo soggiorno in India ho avuto molto a che fare con l'ego e con l'io ma mai con il se che tra l'altro non so neppure come si traduce in inglese. Ti sarei grato se tu volessi aiutarmi a eliminare questa mia lacuna. Dimmi se dico bene SIAMO UN TUTT'UNO MA OGNUNO SI COSTRUISCE UN SE' CHE PERCEPISCE SE STESSO E IL MONDO IN MODO DIVERSO”

Mia rispostina: “Sé, Self in inglese, è lo spirito che tutto compenetra, nell'advaita si definisce Brahman od Atman o Paramatmam. Preciso: allorché si parla del Sé già siamo in uno stato di dualità. Come dice Lao Tzu: il Tao che può esser detto non è il vero tao. Dal punto di vista concettuale, quindi  con una descrizione all'interno della mente duale, il Sé rappresenta l'assoluta consapevolezza non consapevole di sé, ovvero l'Assoluto uno senza secondo. Il sé individuale (anima) è il riflesso nella mente di quella consapevolezza. E qui si chiede cosa è la mente? E' quel potere di riflessione che consente al Sé di manifestarsi nelle infinite forme (Maya o Shakti. - Tempo spazio energia). Siccome il riflesso delle immagini manifestate ha come substrato il Sé, si può dire -come diceva Shankaracharya- che il mondo è irreale se visto come separato dal Sé, ma diviene reale se visto come il Sé. Il realizzato non è quindi una persona ma è il Sé, Come un qualsiasi personaggio del sogno al momento del risveglio smette di esistere in quanto "individuo del sogno" e si risveglia come il soggetto sognatore. La similitudine è imperfetta... come detto sopra.... Realizzazione quindi non è altro che risvegliarsi alla propria vera natura, essendo sempre stati quel Sé”

Pescara. Donne dantesche in mostra – Scrive Casa di Dante: “Mostra “Dante e le donne del Paradiso” Aurum, Sala D'Annunzio. 3 novembre – 1 dicembre 2013 Si inaugura la XXXIV mostra della Fondazione Casa di Dante in Abruzzo. La mostra è dedicata alle “donne del Paradiso”, presentazione domenica 3 novembre 2013 alle ore 10 nella sala consiliare del comune di Pescara, a cura di Umberto Russo e di Giorgio di Genova. Seguirà il taglio del nastro presso il palazzo espositivo dell'Aurum di Pescara. Le donne del paradiso sono state interpretate da otto artisti di fama nazionale ed internazionale: Edi Brancolini, Franco Cilia, Giulio De Mitri, Danilo Fusi, Impero Nigiani, Romano Notari, Teresa Noto e Luminita Taranu”

Roma. Libraria matriarcale – Scrive Maura Sassara: “Gentile Paolo D'Arpini, volevo ringraziarla per il suo interessamento e il suo sostegno al nostro progetto Matriarché. L'amico comune Paolo Merlini, nostro autore, mi ha informato della pubblicazione della notizia sul suo Giornaletto. Il libro Matriarché è in fase di impaginazione e presto sarà stampato. Faremo un primo incontro sul tema al Salone dell'Editoria Sociale, a Roma il 1 novembre alle 14.30 con gli interventi di Genevieve Vaughan e Marco Deriu. Mi farebbe piacere conoscerla in quell'occasione e spero possa partecipare”

Mia rispostina: “Grazie per l'invito, se verrà Stefano Panzarasa sarà come se venissi io...”

Bottiglione Italia – Scrive Ulrico Reali: “Lo stato dell’Italia: tante emergenze + non avere gli strumenti necessari per gestire un Paese e quindi essere incapaci di Crescita.... Ci vuol altro che il casino italiano per avere la Crescita! Un cugino mi chiede di descrivergli in immagine la realtà italiana. Gli propongo: la società italiana è un bottiglione con bocca tanto grande che ci butti dentro l’acqua senza imbuto..” - Continua: http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2013/10/casino-italia-lirrealta-sociale.html

Giornaletto – Scrive Giorgio Vitali: “MOLTI SONO GLI STIMOLI CHE QUESTA EMISSIONE ARPINATE CI DA (riferita a quella di ieri ndr). TRA L'ALTRO, IL RICORDO DI AL CAPONE (ricordo un famoso fumetto di Jacovitti, il grande, che disegnava Al CAPONE con una "grande capa" e tre cappelli in testa) E' QUANTO MAI PERTINENTE. Intanto occorre distinguere Berlusconi dai BerlusCloni, coloro che, forse d'accordo, l'hanno tradito. Poi bisogna ricordare la bauscità di Berlusca, che non lo ha mai mollato. E lo ha reso facile preda di comici da strapazzo. Infine, quel suo atteggiarsi a FINE DICITORE stile anni 20, coi capelli (falsi) pseudotirati e schiacciati sul capo con una pseudo-brillantina.... roba da MEDIASET. Eppoi... mi consenta! Il grande LEO LONGANESI si chiedeva e CI CHIEDEVA: “Ci salveranno le vecchie zie?”

Mio commentino: “..disse il desso: «Io sono un delinquente onesto. Non ho mai fatto politica» ( Al Capone, Tribunale di Chicago – 17 ottobre 1931)”

Friuli. Chi ferma gli OGM? - Scrive Giuseppe Altieri: “L'Impossibile "esistenza" degli OGM. Nonostante un decreto interministeriale che ne vieta la coltivazione in Italia per altri 18 mesi a partire da Agosto 2013, in Friluli coltivano Mais OGM e nessuno ha provveduto alla sua distruzione... come è stato possibile tutto ciò in un paese civile regolato dalle Leggi di Stato?..” - Continua: http://retedellereti.blogspot.it/2013/10/friuli-e-gli-ogm-proibiti-che-invece-ci.html

Verona. Plastica nel lago – Scrive Salmaso: “Anche i laghi subalpini, come gli oceani sono minacciati dalla plastica. Lo testimonia la scoperta, nel lago di Garda, di microplastiche che potrebbero già essere entrate nella catena alimentare di molte specie del lago, compresi gli invertebrati. Pubblicata sulla rivista «Current Biology», la scoperta si deve al gruppo coordinato da Christian Laforsch dell’università tedesca di Bayreuth. I ricercatori hanno scelto il Lago di Garda come punto di partenza per indagare la presenza di particelle di plastica nell’acqua dolce e si aspettavano un minore inquinamento data la posizione subalpina di questo lago. Invece, con sorpresa, è stato scoperto che il numero di particelle di microplastica trovato nei campioni dei sedimenti, prelevati da due spiagge del lago di Garda, è simile a quello presente nei sedimenti marini.”

Marte senza acqua – Scrive Ennio La Malfa: “Una nuova teoria per spiegare perché Marte non ha più un'atmosfera consistente come la nostra. Dalle foto trasmesse dalla sonda Curiosity si sono viste pietre conficcate nei presunti letti di fiumi non appartenenti alla tipologia geologica dell'area controllata. La conclusione ovvia è che sono state trasportate, come per i nostri ciottoli di fiume, da regioni più lontane e geologiche diverse e rimaste incastrate più a valle negli anfratti dei corsi d'acqua. Quindi Marte aveva un'atmosfera, acqua, vegetazione e qualche forma di via. Ma cosa può essere accaduto? Perché Marte si è trasformato in un pianeta inospitale?...” - Continua: http://www.aamterranuova.it/Blog/Riconoscersi-in-cio-che-e/Perche-Marte-si-e-trasformato-in-un-pianeta-inospitale

All'ora ciao, Paolo/Saul

…............

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

"I usually say the aim of life is to be happy. Our existence is based on hope. Our life is rooted in the opportunity to be happy, not necessarily wealthy, but happy within our own minds. If we only indulge in sensory pleasure, we’ll be little different from animals. In fact, we have this marvellous brain and intelligence; we must learn to use it." (Dalai Lama)

…..................

L'ISTINTO DI VITA
C'INVITA
ALL'AMOR!
AVE, AVE, AVE,
O PRIAPO!

(Georgius Vitalicus)

Nessun commento:

Posta un commento