Saul Arpino ritorna…


Avete visto quella faccia della foto in vetrina… chi è quello, sono forse io?
Potrei dire di sì ed anche di no…. Sono io per le convenzioni del mondo, non sono io perché l’io non può essere fissato ad un’immagine momentanea e mutevole.
Quell’io che vedete è un attore che recita in una commedia, in un certo senso non ha nome né forma precisa, come tutti gli attori che possono interpretare vari ruoli.
Ma il mio vero “io” non si manifesta solo nei ruoli ma nella sceneggiatura, nei costumi, nelle parti comprimarie, nella musica, nella regia, nelle luci, negli spettatori… eccetera…


Volendo però dargli un nome chiamerò quell’io Saul Arpino. Un nome inventato? Forse sì e forse no.. il nome potrebbe esistere od avrebbe potuto esistere… mio nonno –ad esempio- avrebbe potuto chiamarsi così… poi per motivi banali, di sopravvivenza bruta, prese a chiamarsi Paolo D’Arpini… ed io voglio seguire il suo esempio -ma al contrario- cambio nome e divento Saul Arpino, perlomeno su questo blog.


A proposito di blog… sentivo il desiderio di crearmi un piccolo palcoscenico sul quale recitare alcune parti che non mi sono consentite in altri spazi. Da questo luogo, che forse mi riporta indietro nel tempo, un ritorno ai dinosauri del passato remoto oppure verso un avanti sconosciuto, non so, mi prenderò la libertà di raccontare e mostrare agli accorti lettori alcune segrete immagini dell’essere… di quel che io sono o non sono, descrivibile o indescrivibile…..


Vostro affezionato, Saul Arpino.

mercoledì 30 ottobre 2013

Il Giornaletto di Saul del 31 ottobre 2013 – Ong infide, Ciclo della Vita, il popolo eletto, ordine mondiale e metter ordine, ponte di Messina, Atlantide, chi comanda nel mondo


Cucù...!
Care, cari,

continuo a ricevere richieste di firme per varie petizioni suggerite da amici (e nemici), dette petizioni imbastite da avaaz e change org, etc., sono a volte persino in contrapposizione fra loro. Si chiede talvolta una cosa ed anche il suo contrario in un'altra petizione. Il che fa pensare che lo scopo non sia quello di ottenete risultati a favore di una buona causa, ma semplicemente quello di raggruppare e raccogliere nominativi a fini reconditi... Le persone che cadono in questa trappola di rivolgersi a tali organizzazioni, fantomatiche umaniste ed ecologiste, in realtà collaborano allo spiamento del sistema comunicativo. Va a finire tutto in mano ad Obama... che la sera si diverte a leggere i nomi dei gonzi che hanno firmato. Le persone volenterose vengono così fregate, illudendosi di stare dalla parte del bene. Ultimamente anche a Caterina vari suoi amici e conoscenti hanno inoltrato petizioni a non finire.. ed allora mi sono deciso -su sua specifica richiesta- di recuperare e sottomettervi gli articoli scritti sul tema spinoso (vedi in calce)... Qualcuno, durante discussioni pro e contro fatte su internet, mi hanno obiettato che attraverso le petizioni di queste ONG si raggiunge un gran numero di adesioni e che quindi sono utili... Ma io ho sempre risposto che in questa leggerezza estrema non si ottengono risultati tangibili, perché chi detiene le firme può farne l'uso che crede. Tant'è vero che se si è finiti nella mailing list di queste ONG si ricevono richieste su qualsiasi altra petizione, sia pur con una certa selezione tematica, chi ad esempio ha firmato pro foche riceve la petizione anche pro canguri e chi... - Continua con informazioni riservate:

Ciclo della Vita – Ultimo avviso per i ritardatari. Oggi alle 17 ci troviamo nell'aia di Ugliano, a casa di Lucilla Pavoni, per la celebrazione della Vigilia di Ognissanti. Programma: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2013/08/san-severino-marche-31-ottobre-2013-il.html

Scrivere con speranza – Scrive Margarita Teodoro: “Lo so, forse è stupido, vano. Eppure, nella nostra vita, nel breve tempo che siamo chiamati a vivere, anche un breve articolo, scambiare una emozione di una serata autunnale, aiuta. Forse, siamo qualcosa di più di una foglia al vento, chissà, magari potremmo aspirare ad essere dei platani felici del chiasso degli scolari nel cortile di una scuola.”

Leggere con disperazione – Scrive Doriana Goracci: “...lascio alla cronaca, i fatti. Questo è il mio commento: "Nella notte fra martedì e mercoledì, come annunciato, Israele ha liberato 26 detenuti palestinesi come ''gesto di buona volontà''' per il riavvio dei negoziati di pace, sostenuti dagli Usa. Si tratta di un secondo gruppo di detenuti, dopo i primi già liberati ad agosto. Subito dopo la radio militare israeliana ha annunciato l'autorizzazione da parte del governo alla costruzione di 1.500 nuovi alloggi nella colonia ebraica di Ramat Shlomo, a Gerusalemme Est. Si tratta di una mossa del premier Benyamin Netanyahu per ammorbidire i radicali ebrei dopo la liberazione dei detenuti palestinesi. Per mia fortuna non sono nata in israele...."

Il 70% degli ebrei israeliani crede di appartenere al “popolo eletto” - Scrive Haarez: “The latest survey of the “Beliefs, Observance and Values among Israeli Jews” was conducted in 2009 but the results were released only on Thursday. The study also found that 70 percent of respondents believe the Jews are the “Chosen People,” 65 percent believe the Torah and mitzvot (religious commandments) are God-given..” - Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2013/10/30/israel-jews-the-chosen-people-ready-for-sovereignity-of-the-world/

Autonomia di un popolo – Scrisse Abramo Lincoln: “Un popolo può dirsi veramente libero quando è proprietario della propria moneta”

Commento di Fabia Petri: “Lo disse Lincoln e poi lo ripetè Kennedy... e sapete come sono finiti, fate 2 + 2...”

Tunnel sul Bosforo e ponte di Messina – Scrive Vincenzo Mannello. Appena completato il tunnel sul Bosforo, mentre nello Stretto di Messina transitano solo due traghetti con treni (scassati) e vetusti mezzi navali privati. Nel silenzio dei politici complici e senza alcun segno di pubblica reazione. Per onestà aggiungo che, se a Messina hanno eletto un sindaco (pur rappresentante di una minoranza reale di cittadini) No Ponte, i siciliani ci meritiamo questo (e pure peggio). Fautori e propugnatori sempre e solo del No, non sappiamo dare risposte esaurienti...” - Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2013/10/30/turchia-il-tunnel-sotto-il-bosforo-e-limpossibile-ponte-sullo-stretto-di-messina/

Mio commentino: “Sono stato e tutt’ora sono fra i contrari al ponte di Messina, l’unica cosa che mi spiace è che di fatto stiamo pagando lo stesso l’opera non realizzata. Per via delle penali di non attuazione e delle spese di progettazione, e di questo dobbiamo ringraziare l’ultimo governo del berlusconi, forse in “ringraziamento” alla mafia che aveva consentito la sua elezione?”

Risposta di Vincenzo Mannello: “Ti ringrazio sempre e rispetto la tua opinione. Anche se non so se sia una preclusione dovuta a prescindere per tutte queste opere (Bosforo compreso) oppure mirata per lo Stretto di Messina. In 60 anni di balle su questa opera ne ho ascoltate tantissime da favorevoli e contrari. Fatto sta che quelli che si battono le vesti sono coloro che vengono in Sicilia in aereo o una volta tanto. E non prendono i carissimi ed inquinantissimi traghetti,peraltro scomodissimi e radi. Ingiusto attribuire le "colpe" sul Ponte solo a Berlusconi. Basta dare una occhiata su Internet per accertarsi di quanto scrivo. Quello che non tanto emerge è come i traghetti privati siano in buona quota proprietà di un milionario rosso. Pure invischiato in altri scandali. Ti abbraccio”

Mia replichetta: “..capisco, il malfunzionamento andrebbe guarito, come d'altronde tutti i disservizi della patria Italia. Per un amore ecologista che nutro verso la terra ritengo che le grandi opere siano tutte disastrose per l'habitat. Per altro mi pare che un turismo responsabile e se vuoi anche lento sia di maggior valore. Quando in passato andai in Sicilia, trovai che il viaggio in traghetto fu romantico e piacevole, restando nel treno... Anche sul Bosforo sono stato in passato e l'idea che ci fosse un braccio di mare fra una riva e l'altra non mi è dispiaciuto... forse per sancire geograficamente il confine fra Asia ed Europa. Che vuoi sono un po' all'antica... e sono convinto che la velocità non sempre aiuti a godersi al vita. Un abbraccio affettuoso”

“Ordine” (nel senso di “comando” mondiale che si avvicina – Sottopongo a rilettura un interessante articolo di due anni fa: “L'umanità è a un bivio pericoloso. Preparativi di guerra per attaccare l'Iran sono in "uno stato avanzato di preparazione". Sistemi di armi Hi tech tra cui testate nucleari sono completamente schierati. Questa avventura militare è sul tavolo da disegno del Pentagono dal novanta. Prima l'Iraq, poi l'Iran stando a un documento declassificato del comando centrale USA del 1995. L'escalation è parte dell'agenda militare. Mentre l'Iran, è il prossimo obiettivo insieme con la Siria e Libano, questo dispiegamento militare strategico minaccia anche Corea del Nord, Cina e Russia.” - Continua: http://retedellereti.blogspot.it/2011/10/scenari-di-terza-guerra-mondiale.html

Ordine (nel senso di precisazione) nella storia – Scrive Antonio Pantano: “Invito a METTERE ORDINE nei dati storici. Il 30 gennaio 1913 J.P. Morgan (affarista e bankiere - patrimonio 20 volte superiore a TUTTI gli Stati Uniti d'America) morì a Roma, fingendo di acquistare antichità, ma ORGANIZZANDO la prima guerra mondiale (coinvolgendo Vaticano ed Italia, con altri stati), che esplose 17 mesi dopo. Mussolini NON ebbe rapporti col Morgan, ma "usò" un affarista italiano per "trattare in meglio" il debito (tenuto nascosto) con la banca Morgan contratto dai precedenti governanti del regno d'Italia (connivente il re!) con gli USA, per oltre 2 miliardi US$ oro. Debito poi assolto con rateazioni. TUTTO sarà da me dettagliato nel testo, in lunga gestazione, su Domenico Pellegrini Giampietro”

Legge di stabilità. Pochi soldi per l'ambiente – Nella Legge di Stabilità sono previsti fondi per l'ambiente e il territorio. Istituito un fondo di complessivi 90 mln di euro per gli anni 2014-2016 per un piano straordinario di tutela e gestione della risorsa idrica per potenziare la capacità di depurazione dei reflui urbani. "E’ istituito nello stato di previsione del Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare - si legge nella bozza- un apposito Fondo da ripartire, sentita la Conferenza unificata Stato-Regioni, città e autonomie locali, con una dotazione di 10 milioni di euro per l’esercizio 2014..” - Continua: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2013/10/nella-legge-di-stabilita-previsti-soldi.html

Mio commentino: “Per l'ambiente meno di quanto ci costa il quirinale... ovvero 235 milioni di euro più spesucce extra”

Il grano Strampelli – Scrive Gianfranco Paris a commento dell'articolo su Strampelli a Treia - http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2013/10/treia-celebrazione-di-nazareno.html -: “...Strampelli le cose più importanti le fece a Rieti. Fu un grande scienziato che, purtroppo visse durante il fascismo e fu da questo utilizzato per difendersi dalle sanzioni. La sua campagna del grano fu comunque un successo che diminuì la fame della povera gente italiana , specie dei contadini. I suoi grani sono ancora coltivati con successo oggi in Asia per aumentare la produzione...”

Roma. Petizione per diminuire a 30 km orari la velocità in città - Scrive ADP: "Le statistiche ufficiali e gli addetti ai lavori ci informano che: nelle strade della città di Roma si registra oltre il 60% degli incidenti stradali, delle persone morte e di quelle ferite; la causa principale è la velocità; il 15% circa degli abitanti non esce di casa: la paura del traffico è compresa tra i vari motivi; la sicurezza stradale è insufficiente per gli utenti deboli: pedoni, ciclisti e utenti delle due ruote a motore; il rischio di morte per un pedone (per impatto con un veicolo) è del 10% ad una velocità di 30 km/h, del 30% a 40 km/h ed addirittura dell'80% a 50 km/h...." - Continua: http://retedellereti.blogspot.it/2013/10/roma-adp-morire-per-strada-e-la-prassi.html

Regione Lazio. Convegno – Scrive Consorzio Tiberina: “Si svolgerà il 21 novembre, nell’arco dell’intera giornata, un importante incontro ospitato dalla Regione Lazio e co-organizzato dal Consorzio Tiberina, con titolo “New economy: dalla tecnologia alla centralità dell’uomo” e sottotitolo “Un laboratorio di cooperazione sulla regione Tiberina, verso una rigenerazione dell’habitat e del lavoro in aree interne e città...” - Continua: http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2013/10/regione-lazio-21-novembre-2013-new.html

Vignola. Permacultura – Scrive Loredana: “INCONTRO DI INTRODUZIONE ALLA PERMACULTURA, Vignola 9-10 NOVEMBRE. Iniziativa gratuita, è gradita una spontanea donazione che servirà a rimborsare il viaggio ai docenti presenti. Contattatemi per confermare la vostra presenza. Info. loredanadagruma@libero.it”

Porto Sant'Elpidio – Scrive Oriana Salvucci: “Giovedì 7 novembre 2013. Porto Sant'Elpidio, Teatro delle Api. Ore 21.00, Paolo Crepet: L'autorità perduta”

I simboli di Atlantide - Nella Quarta Razza radice, l'Atlantidea, abbiamo sviluppato il Secondo Raggio di Amore e Saggezza, il Quarto Raggio di Armonia tramite  conflitto ed il Sesto di Devozione che il Maestro chiama "La devozione dei Signori dell'Amore" (Ibd p 263, p 357). In questa Quarta Razza abbiamo sviluppato il plesso solare, la sensibilità psichica e mistica. Nel periodo atlantideo i simboli religiosi sono la Linea Verticale o Colonna, lo Djed o Zed, la Falce o Mezzaluna, il Tau, la Piramide, la Stella a sei punte. Gli antichi miti di Atlantide si basano su una religione semplice in cui i fiori e la frutta sono offerti in sacrificio agli dei, agli Uomini d'Oro cioè uomini dell'Età dell'Oro, chiamati "demoni" o daimones ovvero i Sapienti, i Saggi.” - Continua: http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2013/10/i-simboli-religiosi-della-razza.html

Verona. Vescovo solidale col popolo - Monsignor Giuseppe Zenti, sulle tasse : "Se una azienda deve chiudere per pagare le tasse è bene che non le paghi"! Il Vescovo di Verona lo dice, papale papale (:-D), che gli imprenditori agricoli in difficoltà hanno il diritto di non pagare le tasse. Logicamente, tale principio è estendibile a tutti i cittadini.”

Commento di R.C.: “Difendo anch'io il sacrosanto diritto alla disobbedienza fiscale per tutti coloro che vengono quotidianamente vampirizzati da balzelli tanto esosi quanto iniqui; è di mia personale conoscenza la situazione di molti lavoratori che sgobbano tutti i giorni con l'unica prospettiva di pagare le tasse all'insaziabile socio di maggioranza autoproclamatosi Stato; ma in effetti una rivolta individuale non potrebbe sortire altro effetto che la brutale repressione del "ribelle", che si troverebbe spogliato del poco che ha attraverso i micidiali meccanismi di repressione terroristica escogitati dal sistema. Su questo tema si potrebbero convogliare le legittime esigenze di molti cittadini, ma l'operazione deve essere di massa e non individuale, per ottenere la visibilità necessaria e la potenza antagonista indispensabile”

Tutti i poteri del mondo – Scrive Dean Henderson: ”I quattro cavalieri bancari (Bank of America, JP Morgan Chase, Citigroup e Wells Fargo) possiedono i quattro cavalieri del petrolio (Exxon Mobil, Royal Dutch/Shell, BP Amoco e Chevron Texaco), in tandem con Deutsche Bank, BNP, Barclays e altri vecchi colossi monetari europei. Ma il loro monopolio sull'economia globale non si ferma sull'orlo del pozzo petrolifero. Secondo i 10mila documenti societari depositati alla SEC, i quattro cavalieri bancari sono tra i primi dieci titolari di stock di praticamente ogni società di Fortune 500...” - Continua: http://paolodarpini.blogspot.it/2013/10/i-4-cavalieri-dellapocalisse-monetaria.html

Avete visto che finalmente anche oggi chiudiamo? Ciao, Paolo/Saul

….........................................................

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

“Le persone trascorrono talmente tanto tempo in ambienti chiusi rispetto a quanto abbiano mai fatto prima,che non si rendono conto che noi non siamo "nella natura" noi "siamo natura". Quando dico natura mi riferisco all'universo con la "U" maiuscola Con "the big U" si potrebbe intendere anche,in questo contesto,"il grande te". Più le persone entrano in contatto con la forza della natura,più escono da schemi di pensiero ristretti e provano un amore più profondo” (R. Bandler)



Nessun commento:

Posta un commento