Saul Arpino ritorna…


Avete visto quella faccia della foto in vetrina… chi è quello, sono forse io?
Potrei dire di sì ed anche di no…. Sono io per le convenzioni del mondo, non sono io perché l’io non può essere fissato ad un’immagine momentanea e mutevole.
Quell’io che vedete è un attore che recita in una commedia, in un certo senso non ha nome né forma precisa, come tutti gli attori che possono interpretare vari ruoli.
Ma il mio vero “io” non si manifesta solo nei ruoli ma nella sceneggiatura, nei costumi, nelle parti comprimarie, nella musica, nella regia, nelle luci, negli spettatori… eccetera…


Volendo però dargli un nome chiamerò quell’io Saul Arpino. Un nome inventato? Forse sì e forse no.. il nome potrebbe esistere od avrebbe potuto esistere… mio nonno –ad esempio- avrebbe potuto chiamarsi così… poi per motivi banali, di sopravvivenza bruta, prese a chiamarsi Paolo D’Arpini… ed io voglio seguire il suo esempio -ma al contrario- cambio nome e divento Saul Arpino, perlomeno su questo blog.


A proposito di blog… sentivo il desiderio di crearmi un piccolo palcoscenico sul quale recitare alcune parti che non mi sono consentite in altri spazi. Da questo luogo, che forse mi riporta indietro nel tempo, un ritorno ai dinosauri del passato remoto oppure verso un avanti sconosciuto, non so, mi prenderò la libertà di raccontare e mostrare agli accorti lettori alcune segrete immagini dell’essere… di quel che io sono o non sono, descrivibile o indescrivibile…..


Vostro affezionato, Saul Arpino.

martedì 4 giugno 2013

Il Giornaletto di Saul del 5 giugno 2013 – Basta col napolitano, Castelli Romani in festa, Memento Naturae, maiale non in tavola, riabitare nei vecchi borghi, l’altro mondo…

Sogno verde di Franco Farina

Care, cari,

Bergamo. L'arte è per la gente – Scrive Franco Farina: "Domenica 9 Giugno dalle 9.00 alle 19.00 sono ad esporre a Bergamo in città alta Piazza Vecchia sotto i portici della Biblioteca. Oltre alla presenza della mostra in cui vi sono io e vari artisti, è anche un luogo particolare da vedere e assaporare. E' possibile vederci lì?”

Chiedo le dimissioni del napolitano – Scrive Peppe Sini: “Leggo sui mezzi d'informazione e sul sito web del Quirinale le inammissibili parole di apologia del militarismo da parte del capo dello stato in occasione della festa della Repubblica del 2 giugno 2013, parole che costituiscono l'ennesimo squallido oltraggio a tutte le vittime di tutte le guerre. Chiedo le dimissioni di Giorgio Napolitano da Presidente della Repubblica. So che quando un semplice cittadino avanza una simile richiesta si espone quantomeno al riso degli ignavi. Ma giunge l'ora in cui tacere non è possibile” – Continua: http://retedellereti.blogspot.it/2013/06/peppe-sini-chiedo-le-dimissioni-del.html

Partecipanti al Bilderberg – Scrive Dagospia: “Chi va al Bilderberg diventa presidente del consiglio. Nelle liste di partecipanti, più o meno ufficiose, che si trovano in rete  figurano cinque italiani all'edizione dello scorso anno: il presidente della Telecom e la conduttrice di "Otto e mezzo",  oltre al presidente della Fiat John Elkann, l'ad dell'Enel Fulvio Conti e l'attuale premier in carica, Enrico Letta. All'ultima edizione, dopo che non aveva mancato un appuntamento per diversi anni, non ha invece partecipato Mario Monti, diventato presidente del Consiglio… Il 6 giugno 2013, per il tradizionale meeting annuale, i membri si riuniranno a Watford, nell'Hertfordshire, alle porte di Londra, in un iper-esclusivo hotel, The Grove, con Spa e golf a 18 buche. A spese dei contribuenti, ovviamente”

Mai il maiale in tavola – Scrive Band Franz: “Consiglio, vivamente, a tutti voi una rigidissima astensione dal consumo di carne di maiale nonchè dei suoi derivati come gli insaccati di carne suina, grassi animali ma anche e sopratutto il sangue animale (vedi il sanguinaccio).  Vi spiego, in poche righe, il perché della rigida astensione dal consumo di carne suina, da parte delle popolazioni mediorientali ed orientali, Alcuni gruppi integralisti religiosi e confraternite spiritualiste proibiscono anche solo di toccare la carne suina. Pensate bene: ci sarà pure una ragione, no?….mi rifiuto di pensare a pura follia…. vi racconto ora cosa c’è sotto…..” – Continua: 

Notizie dal mondo cattolico – Scrive Lidia: “E'appena tornato 1 medico di Milano che va personalmente là e conferma la persecuzione dei cattolici nel Pakistan. Sono indietro di 50 anni. Miseria, regime totalitario, vivono nel cemento, la natura è austera, quasi niente verde. Gli ho indirizzato gli Em bioattivati x ossigenare l'aria, igenizzare le scuole e gli ambulatori, le baracche e somministrare la zeolite agli ammalti x debellare molte patologie. La  missione in Brasile si è sollevata benino. I bambini ridono e sono sereni li ma a casa loro è 1 tragedia, scappano, si rifugiano lì e ci sono interventi legali, vengono seguiti da psicologi e pedagogisti, hanno bisogno di aiuto.  In Italia c'erano molti padrini ma quando il missionario anziano di Trento è fuggito di nascosto non si sa dove con la segretaria degli avventisti se ne sono persi molti dall'elenco del pc. L'ex seminarista che ha preso in mano la situazione ha troppi problemi, si è anche ammalato, speriamo ce la faccia. Dicono che l'Africa a breve cadrà in ginocchio, e noi? Dobbiamo aiutare tutti. L'america coi suoi armamenti condannerà il suo popolo alle baracche… Si stanno avverando  tutti i ms. di M.SS.: persecuzioni dei Cristiani. Ci sarà la guerra delle religioni”

Albano ed Ariccia – Scrive Mercato Contadino: “Il Mercato Contadino dei Castelli Romani partecipa, per il secondo anno consecutivo, al Festival Cerealia, per la piena condivisione delle tematiche della cultura del cibo e la diffusione di informazioni sul mondo agricolo dell’area. La presente edizione è dedicato ad un paese a noi molto simile, la Grecia. Il Mercato Contadino dei Castelli Romani avrà  il privilegio di ospitare la Compagnia di danza dell’Ouzeri e l’ambasciatore greco…” – Continua:

Recanati, Camminata spirituale – Scrive Gigliola Rosciani: “Cari amici siete invitati Giovedi  6 giugno alle ore 20,30 - da me- Azienda Agricola AlberocheCammina- contrada S. Pietro 72 Recanati (zona Fontenoce) ad una presentazione del metodo di raja yoga Sahaj Marg, ovvero Cammino Naturale che pratico da alcuni anni.
"Il vero obiettivo della spiritualità è di risvegliare ciò che è ancora assopito dentro di noi, il nostro vero essere interiore - il Sè". Info. girosciani@gmail.com
  
Eventi di Memento Naturae – Scrive Riccardo Oliva: “Adotta simbolicamente un pezzo di spiaggia di "tutti" e ripuliscila "tu" ogni mese recuperando ogni tipo di rifiuto con guanti, buste e rastrelli! Ci auguriamo che chi abita da quelle parti accolga con entusiasmo un appuntamento dove poter essere protagonista per difendere dal degrado il luogo che si ama senza bisogno di "andare a votare", cioè "delegare" qualcun altro! Ora non ci sono scuse! Serve solo la Volontà!” - Segue programma eventi di giugno 2013: http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2013/06/memento-naturae-partecipazione-agli.html

Odio ed amore – Scrive Max Blanco: “Caro Paolo personalmente insisto con il dire che anche l’odio ha una sua dignità. Odiare la distruzione dell’ambiente, l’egoismo e l’egocentrismo sfrenato di troppi esseri umani, la corruzione e il malaffare che hanno distrutto lo stato italiano è cosa buona e giusta. Le religioni hanno usato l’amore per sottomettere le popolazioni promettendogli il paradiso se amavano anche i loro padroni e nemici. Amare e Odiare sono due facce della stessa medaglia che si chiama VITA. L’importante è odiare nel modo giusto e del resto molte forme d’amore sono roba da servi e schiavi. Ad esempio odiare i nemici della biosfera e finalizzare le proprie attività al loro annientamento culturale (come minimo) è cosa buona e giusta come a suo tempo sterminare i nazisti.”

Mia rispostina: “Caro Max, la natura ci guida.... Però un po' di etica non fa male.. se non ci si lascia prendere la mano. Più che giustificare l'odio direi che le risposte a volte necessitano di una dose di violenza e l'odio è un motore per manifestarla. Una volta espletato quel compito meglio abbandonarlo.. altrimenti ci avvelena l'anima”

Morte e natura – Scrive Pier Luigi Tosi: “"A uno sguardo superficiale potrebbe sembrare che oggi la morte sia scomparsa dai pensieri, dalle preoccupazioni, dai comportamenti dell’uomo contemporaneo: una sorta di estradizione della morte"... intervento per l’incontro collettivo ecologista di sabato 22 giugno presso il teatro Cantieri Cantelli di Vignola. Solo duecento degli ultimi centomila libri pubblicati sono dedicati al concetto di morte. Dove invece la morte è presentata con disgustosa abbondanza e agghiacciante familiarità è nei mezzi di comunicazione di massa…” – Continua:  http://www.aamterranuova.it/Blog/Riconoscersi-in-cio-che-e/Morte-e-natura

Calcata poetica – Scrive Parco Treja: “Sabato 8 giugno – “Ed è subito sera.. ricerca della magica atmosfera favorita dai caldi colori del crepuscolo. Sulla collina di Narce, che quasi tre millenni fa è stata dimora degli antichi Falisci, la lettura di poesie renderà quest’atmosfera ancora più carica di emozioni.Appuntamento alle ore 17,00 in piazza Roma, nel borgo di Calcata (Vt). Info. William Sersanti  Tel. 06 27800984”

Ronciglione vegetariano – Scrive AVA: “AVA organizza una scampagnata per il 14 luglio  a Ronciglione, presso un agriturismo ricco di storia, di bellezze naturali e architettoniche. Lo scopo è passare una giornata insieme, conoscerci meglio, respirare aria buona, stare in contatto con la natura e gli animali. L’incontro  è per le ore 11,00-11,30. Alle ore 13 il pranzo. Dopo pranzo, tavola rotonda con spazio alle esperienze personali vegane animaliste. Nel pomeriggio passeggiata esplorativa nel verde dell’agriturismo. E’ necessaria la prenotazione: tel. 06 7022863 – 333 9633050” 

Basta consumo dei suoli – Scrive WWF: “Contro il consumo di suolo l'imperativo è riutilizzare: aree edificate, terreni incolti, ex cantieri. Riciclare spazi esistenti ma abbandonati per crearne di nuovi, dedicati alla socialità. E c'è una forte domanda di riutilizzo, perlopiù organizzata, che aspira alla riqualificazione degli insediamenti urbani e del territorio e chiede il recupero e il riuso per fini di utilità collettiva e ambientale di aree e manufatti abbandonati, sottoutilizzati e dismessi. Una domanda che rispecchia la consapevolezza della necessità di dare la priorità al contenimento del consumo del suolo e alla conservazione del verde e della biodiversità…..” – Continua: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2013/06/wwf-basta-consumo-dei-suoli.html

Femminilizzazione (finta) dell’Occidente – Scrive Kelebek: “Prendo atto di un fatto molto reale: qualcosa che possiamo chiamare la “femminilizzazione” antropologica dell’Occidente.  Cioè è sempre una condizione di subordinazione. Ma il dominio (distinto dal potere) è più che mai “maschile”, tra virgolette. Nel senso che rispecchia i due elementi primari che il becero borghese dell’Ottocento avrebbe riconosciuto come degni del vero uomo: la violenza e la razionalizzazione. Nessuna società è mai stata tecnica - e quindi razionalmente violenta - come la nostra. Il maschile è quindi posto fuori da sé: è il muro,  il guscio, il custode specializzato nella caccia, nell’omicidio e nella repressione. Sono maschili – in questo senso simbolico – le logiche che programmano i motori che mandano avanti il nostro sistema; come sono maschili i missili, le telecamere, la costruzione della Grande Muraglia di cui vediamo frammenti nel Muro dell’Apartheid in Palestina, in quell’altro immenso muro che tiene i messicani fuori dagli Stati Uniti…”

L’altro mondo – Scrive N. M.: “You are all drenched for it is raining hard. In my world it is always fine weather. There is no night or day, no heat or cold. No worries beset me there, nor regrets. My mind is free of thoughts, for there are no desires to slave for..” – Continua:  http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2013/06/laltro-mondo-di-nisargadatta-maharaj.html

E pure stavolta è fatta! Ciao Saul/Paolo

…………………….

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

"Che ci piaccia o no,
siamo noi la causa di noi stessi.
Nascendo in questo mondo,
cadiamo nell'illusione dei sensi;
crediamo a ciò che appare.
Ignoriamo che siamo ciechi e sordi.
Allora
ci assale la paura
e dimentichiamo che siamo divini,
che possiamo modificare il corso degli eventi,
persino lo Zodiaco."

(Giordano Bruno) 


Nessun commento:

Posta un commento